<div style="background-color: none transparent;"><a href="http://www.agenparl.it" title="Agenparl News Widget">Agenparl News Widget</a></div>
[§_DATA_§]
 [§_EDIZIONE_§]
 
[§_RUBRICHE_§]
 Edizioni precedenti
 Informazioni
 Contattaci
 Home page
 





DIRETTORE RESPONSABILE
Piero Gasparini
e-mail: direzione


REDAZIONE:
e-mail: redazione
Via San Carlo,5
Gardone V.T. (BS)
Tel. 030 8913473
Fax 030 8911591


SEGRETERIA:
e-mail: segreteria


GRAFICA:
ACV – AGENZIA GIORNALISTICA E PUBBLICITARIA
e-mail: grafica




PUBBLICITÀ:
La raccolta è affidata alla ACVPG
Via San Carlo, 5
Gardone V.T. (BS)
Tel. 030 8913473
Fax 030 8911591 –
E-mail: A.C.V.



BASKET BRESCIA LEONESSA
SITO UFFICIALE

14 Dicembre 2017
DOMENICA LA GIORNATA BIANCOBLU

Alla presenza del Sindaco Emilio Del Bono, si è svolta nel Palazzo dei Giudici di Palazzo della Loggia, la presentazione della giornata Biancoblu, dedicata ai tifosi della Leonessa che si terrà domenica prossima al PalaGeorge di Montichiari in occasione della partita contro i campioni d’Italia dell’Umana Reyer Venezia.
La conferenza stampa è stata anche un'occasione per tracciare il bilancio di un 2017 eccezionale.
Oltre ai risultati sportivi, è stato sottolineato il prossimo completamento dei lavori del Pala Leonessa che dalla prossima stagione sarà la nuova casa della Germani.
Da oggi 14 dicembre, ci sarà anche il via a "regalati un sogno", la campagna abbonamenti per il girone di ritorno, con la possibilità di assistere alle partite casalinghe di Brescia, a prezzi vantaggiosi.

Questo il programma degli appuntamenti per la Giornata Biancoblu:

ore 19.30 – aperitivo per tutti i tifosi della Leonessa presso la Fan Zone, allestita nel piazzale esterno al PalaGeorge.
ore 19.45 – apertura dei cancelli. Tutti i tifosi riceveranno un omaggio da parte di A2A Energia, che sarà utile per realizzare una coreografia all’inizio della partita.
ore 20.15 – tutti gli sponsor e i partner del Basket Brescia Leonessa faranno un brindisi natalizio presso Gate 1, l’Area Hospitality del PalaGeorge.
all’intervallo della partita ci sarà uno spettacolo a sorpresa offerto da A2A Energia.
al termine della gara, spazio all’intrattenimento musicale curato dai DJ del Circus, con la partecipazione di tutti i giocatori del Basket Brescia Leonessa.



11 Dicembre 2017
SERIE INTERROTTA

Si ferma ad un passo dalla decima vittoria consecutiva lo straordinario cammino della Germani.
Un passo, come uno è stato il punto che ha fatto la differenza, per un 78-79 che lascia l'amaro in bocca.
Sassari è una grande squadra, a inizio stagione, era difficile pronosticarla alle spalle di Brescia, per questo, è giusto dire che perdere partite come queste, non deve togliere certezze ma far aumentare la consapevolezza di esserci.
Diana si aspettava la solita partenza sprint degli avversari e così è stato ma sul finire del primo quarto, il divario era solo di tre punti.
Un Dario Hunt in versione trascinatore e spacca canestri si dimostra grande acquisto, mentre Sassari rende la partita bella ed equilibrata, grazie agli ottimi Jones, Bamforth e Hatcher. L'ultimo periodo, sembra consegnare alla Leonessa la decima gioia ma sul 76-70 la gara vive un episodio decisivo: Moss commette il quinto fallo, protesta e spinge gli arbitri a fischiare un fallo tecnico.
re tiri liberi realizzati e una bomba di Hatcher cambiano l'inerzia del match che verrà deciso da un libero di Bamforth.
Smaltita la delusione, la Germani Basket Brescia ha potuto guardare con interesse le partite di Milano, Avellino e Venezia (prossima avversaria domenica a Montichiari), le cui sconfitte hanno lasciato inalterato il distacco di 4 punti sul secondo posto.
Queste le parole di Andrea Diana a fine gara:
“La sconfitta ci lascia amareggiati, soprattutto per come è arrivata. Sapevamo che Sassari sarebbe partita forte e avremmo dovuto avere un approccio più duro. Dopo lo sforzo per recuperare ci siamo compattati e abbiamo eseguito il nostro piano partita, andando a prendere un vantaggio meritato, costruito con una difesa dura. Nel finale però abbiamo pagato dazio sugli ultimi possessi, dove non abbiamo fatto una buon esecuzione a livello offensivo, abbassando le nostre percentuali. Complimenti comunque a Sassari, che si è fatta trovare pronta sui possessi decisivi. Restiamo convinti del lavoro che stiamo facendo, anche se stasera siamo stati meno precisi rispetto ad altre partite, non sfruttando in pieno la nostra capacità di muovere il pallone in attacco. Il tecnico a Moss? È un errore grave, che sicuramente ci ha condizionato. L’ultimo possesso? Mi fido della nostra difesa, ero convinto che loro potessero non segnare ma alla fine sono stati bravi a prendere il fallo dentro l’area”.

GERMANI BASKET BRESCIA-BANCO DI SARDEGNA SASSARI 78-79 (18-21, 41-43, 62-57)
Germani Basket Brescia: Moore 7 (2/4, 1/2), Hunt 17 (6/10), L. Vitali 10 (2/3, 2/7), Landry 11 (2/9, 2/6), Dalla Longa ne, Veronesi ne, Fall ne, M. Vitali 13 (2/6, 2/4), Moss 7 (2/3, 1/2), Sacchetti 8 (0/3, 2/2), Bushati 5 (1/1, 1/2). All: Diana
Banco di Sardegna Sassari: Spissu 3 (1/2 da tre), Bamforth 21 (3/6, 3/6), Planinic 5 (2/2), Devecchi (0/1, 0/1), Randolph 2 (1/2, 0/1), Pierre 4 (1/2, 0/2), Jones 15 (7/10), Stipcevic, Hatcher 19 (2/5, 5/7), Polonara 10 (2/5, 5/7), Picarelli ne, Tavernari ne. All: Pasquini
Arbitri: Paternicò, Vicino e Perciavalle
Note: Tiri da 2: Brescia 17/39 (44%), Sassari 17/31 (55%) – Tiri da 3: Brescia 11/25 (44%), Sassari 11/25 (44%) – Tiri liberi: Brescia 11/16 (69%), Sassari 12/15 (80%) – Rimbalzi: Brescia 30 (21 RD, 9 RO), Sassari 35 (27 RD, 8 RO)


05 Dicembre 2017
BRESCIA VINCE ANCORA

Il sogno della Germani continua !
In una gara tiratissima, Moss e compagni hanno dato dimostrazione non solo di forza e qualità tecniche ma anche di una maturità e serenità proprie delle grandi squadre.
Non era facile affrontare Cantù, compagine che vive alcuni problemi societari ma che il bravo Coach Marco Sodini è sempre riuscito a proteggere, lasciando fuori dal parquet, preoccupazioni e ansie.
C'era molta attesa anche per vedere l'ex di turno Burns che pur ben giocando, nulla ha potuto contro i suoi vecchi compagni.
L'incontro ha visto Brescia condurre a lungo.
Nei primi tre quarti, la mossa di Diana di giocare senza lunghi, sorprende i canturini e scatena Marcus Landry ( in estate vicinissimo al trasferimento alla Red October), saranno 26 i punti dell'americano a fine gara.
I locali non demordono e punto su punto, dopo aver a lungo sfiorato il sorpasso, lo ottengono a novanta secondi dalla fine.
La Leonessa è degna del suo nome e Luca Vitali da due e Landry (nella foto) da tre, rimettono le cose a posto, prima dei due tiri liberi finali di Sacchetti che sigillano la nona vittoria consecutiva.
Nove perle che determinano anche la prima mini fuga stagionale, quattro sono ora i punti di vantaggio sulle inseguitrici Venezia, Avellino e Milano.
A fine gara grandi abbracci tra i ragazzi in canotta blu ma ora testa subito alla difficile partita con la Dinamo Sassari, sabato prossimo alle 19,15 al PalaGeorge.

RED OCTOBER CANTÙ-GERMANI BASKET BRESCIA 84-88 (21-28, 40-50, 62-66)
Red October Cantù: Smith 9 (0/4, 3/6), Culpepper 25 (3/6, 5/11), Pappalardo ne, Cournooh 1 (0/2, 0/3), Parrillo (0/1, 0/1), Tassone ne, Crosariol 13 (6/7), Maspero ne, Raucci ne, Chappell 17 (7/10, 1/5), Burns 15 (6/10, 1/4), Thomas 4 (2/3, 0/1). All: Sodini
Germani Basket Brescia: Moore 8 (3/5, 0/1), Hunt 8 (4/7), L. Vitali 14 (1/1, 3/5), Landry 26 (5/11, 5/11), Dalla Longa ne, Veronesi ne, Fall ne, M. Vitali 10 (2/5, 2/7), Moss 11 (4/5, 1/3), Sacchetti 6 (1/1, 1/4), Bushati 5 (1/1, 1/4). All: Diana
Arbitri: Seghetti, Bettini e Nicolini
Note: Tiri da 2: Cantù 24/43 (56%), Brescia 20/37 (54%) – Tiri da 3: Cantù 10/31 (32%), Brescia 13/33 (39%) – Tiri liberi: Cantù 6/10 (60%), Brescia 9/15 (60%) – Rimbalzi: Cantù 33 (23 RD, 10 RO), Brescia 48 (32 RD, 16 RO)



27 Novembe 2017
UN PO' DI BRESCIA VINCE SEMPRE

Week-end senza partite ufficiali per la Germani che per gli impegni della nazionale ha osservato un turno di riposo.
Due protagonisti del fino ad ora immacolato cammino bresciano hanno però dato il loto importante contributo all'Italbasket.
Luca Vitali e Sacchetti sono stati convocati dal CT azzurro Meo Sacchetti (padre di Brian).
Il Play della Leonessa è stato impiegato sia contro la Romania sia contro la Croazia.
Brian invece ha indossato la canotta azzurra solo nella vittoriosa trasferta di Spalato.
Due partite dai due volti, contro i gialli Rumeni, un'Italia non brillantissima ha comunque portato a casa i due punti, la vera impresa è stata espugnare il caldo parquet Croato.
Nazionale quindi a punteggio pieno per questa prima fase di qualificazione ai mondiali di basket.
C'era molta Brescia tra le fila italiane, oltre ai due citati giocatori, anche Burns, uno che la maglia Germani l'ha tolta da poco e uno che c'è sempre la speranza che prima o poi la possa indossare, il logratese Aradori.
Ora è già tempo di rituffarsi nel clima campionato, ad attendere la truppa di Diana ci sarà la difficile trasferta a Cantù, lunedi 4 dicembre alle 20,45.

CROAZIA-ITALIA 64-80 (23-15, 9-20, 15-25, 17-20)
Croazia: Mavra 2 (0/2, 0/3), Kruslin 12 (171, 3/5), Katic 8 (2/4, 1/4), Sobin 4 (2/2), Mustapic (0/1), Planinic 20 (5/10), Bilan (0/2, 0/1), Bosnjak (0/1 da tre), Barac 4 (0/1, 1/2), Ramljak 2 (1/1), Bozic 2 (1/3), Sakic 10 (3/7, 0/4). All: Skelin
Italia: Della Valle 25 (3/6, 5/8), Fontecchio ne, Aradori 5 (1/1, 1/3), Gentile 12 (5/10, 0/3), Biligha 4 (2/2), Vitali 3 (0/3, 1/5), Filloy 6 (0/2, 2/3), Crosariol (0/1), Abass 13 (2/2, 3/4), Burns 8 (4/6), Polonara 2 (1/2), Sacchetti 2 (1/1, 0/2). All: Sacchetti
Arbitri: Bulto (Spagna), Yilmaz (Turchia), Anastopoulos (Grecia)
Note: Tiri da 2: Croazia 15/34 (44%), Italia 19/36 (53%) – Tiri da 3: Croazia 5/20 (25%), Italia 12/28 (43%) – Tiri liberi: Croazia 19/25 (76%), Italia 6/8 (75%) – Rimbalzi: Croazia 37 (22 RD, 15 RO), Italia 32
(20 RD, 12 RO)

ITALIA-ROMANIA 75-70 (26-15, 42-28, 59-43)
Italia: Della Valle 16 (3/5, 2/7), Fontecchio 3 (1/2 da tre), Aradori 16 (3/8, 2/6), Gentile 12 (5/9, 0/2), Biligha 4 (1/1), Vitali 7 (2/5, 1/4), Filloy 6 (0/2, 2/3), Crosariol 4 (2/3), Abass 5 (1/3, 1/2), Burns (0/2, 0/1), Polonara 2 (1/2), Iannuzzi ne. All. Sacchetti
Romania: Watson 14 (5/8, 1/5), Mandache 3 (1/4, 0/3), Orbeanu 8 (1/1, 2/3), Uta, Paliciuc 7 (2/4, 1/4), Moldoveanu 10 (2/4, 2/3), Nicolescu, Virna ne, Cate 16 (6/7), Torok 4 (1/5, 0/1), Kuti 6 (3/7, 0/2), Darwiche 2 (0/3, 0/1). All. Markovski
Arbitri: Maestre (Francia), Bijedic (Bosnia ed Erzegovina) e Nikolic (Serbia)
Note: Tiri da 2: Italia 18/40 (45%), Romania 21/43 (49%) – Tiri da 3: Italia 9/27 (33%), Romania 6/22 (27%)- Tiri liberi: Italia 12/12 (100%), Romania 10/16 (63%) – Rimbalzi: Italia 40 (29 RD, 11 RO), Romania 38 (29 RD, 9 RO)


20 Novembe 2017
L'OTTAVA SINFONIA

Altro giro, altra vittoria e come scritto sulle magliette celebrative indossate a fine gara: il sogno continua.
La Germani non solo ha ottenuto l'ottava vittoria su otto partite disputate ma ha travolto un'avversaria con la quale aveva raccolto solo delusioni negli incontri passati.
Ormai i ragazzi d Diana che ogni settimana "costringono" ad aggiornare il libro dei record, fanno riscrivere anche quello dei tabù sfatati.
Il match ha visto la Leonessa prendere subito il comando del gioco, un Lee Moore finalmente al top, ha incanalato l'incontro verso il binario giusto, l'ingresso di David Moss ha dato il via all'opera di demolizione della malcapitata Capo d'Orlando.
Il capitano ha così festeggiato le 300 presenze in serie A, al banchetto hanno partecipato i suoi compagni, capaci di andare a tutti a canestro.
Una menzione speciale la merita Veronesi, gussaghese DOC che all'esordio assoluto ha realizzato ben 8 punti.
Raggiante e giustamente orgoglioso a fine incontro Coach Diana ha dichiarato:
“Abbiamo disputato una partita molto solida, giocando con aggressività e grande continuità. Sono molto soddisfatto dell’approccio che abbiamo avuto, disputando un tipo di gara che fino a questo momento non avevamo ancora fatto. Abbiamo pressato a tutto campo e aggredito gli avversari, utilizzando ampie rotazioni e distribuendo il minutaggio in tutti i giocatori. Finiamo questo primo ciclo di partite con grande soddisfazione e con grande merito: il nostro obiettivo era quello di partire forte e ci siamo riusciti, grazie all’apporto dei giocatori che erano qui anche lo scorso anno e con l’ottimo contributo dei nuovi. Sappiamo che siamo ancora all’inizio, ora inizieremo a guardare il secondo ciclo di partite con la consapevolezza che stanno per arrivare gare molto dure”.

Per la Germani ora è tempo di rifiatare e recuperare energie, la pausa per l'impegno della nazionale (Luca Vitali e Sacchetti tra i convocati) cade a fagiolo.

GERMANI BASKET BRESCIA-BETALAND CAPO D’ORLANDO 87-53 (20-11, 44-21, 64-31) Germani Basket Brescia: Moore 13 (4/6), Hunt 11 (5/9), L. Vitali 3 (1/2 da tre), Landry 8 (0/6, 2/3), Veronesi 8 (2/3 da tre), Fall 6 (3/4), Traini 5 (2/4, 0/2), M. Vitali 5 (1/4, 1/6), Moss 13 (5/7, 1/2), Sacchetti 3 (0/2, 1/2), Bushati 12 (3/4, 2/3). All: Diana
Betaland Capo d’Orlando: Alibegovic 3 (1/2 da tre), Ihring 5 (1/1, 1/1), Atsur 4 (1/1, 0/6), Kulboka 17 (1/3, 4/10), Laganà (0/1 da tre), Delas 8 (3/7), Edwards 4 (2/2, 0/4), Wojchiekovski 10 (4/13, 0/2), Carlo Stella ne, Ikovlev 2 (1/5, 0/3), Donda ne. All: Di Carlo
Arbitri: Biggi, Di Francesco e Belfiore
Note: Tiri da 2: Brescia 23/46 (50%), Capo d’Orlando 13/32 (41%) – Tiri da 3: Brescia 10/23 (43%), Capo d’Orlando 6/29 (21%) – Tiri liberi: Brescia 11/17 (65%), Capo d’Orlando 9/17 (53%) – Rimbalzi: Brescia 42 (32 RD, 10 RO), Capo d’Orlando 39 (26 RD, 13 RO)


13 Novembe 2017
LA SETTIMA MERAVIGLIA

Stanno finendo gli aggettivi per definire quello che sta facendo la Germani basket Brescia.
All'interno di uno dei templi della pallacanestro italiana, quel Pala Dozza, tana della Virtus Bologna, i ragazzi di Diana conquistano una vittoria della quale si parlerà a lungo negli anni.
In una prova corale di altissimo livello, con ben quattro giocatori in doppia cifra, a decidere il match a due secondi dalla fine è stato uno dei protagonisti più in ombra della serata: Luca Vitali.
Dimostrazione ancora una volta che in questa squadra non c'è solo un leader ma un gruppo granitico che sa prendersi onori e oneri in qualsiasi momento e dall'inizio della stagione, ognuno di questi momenti è stato di gloria.
la partita vede Bologna partire col piglio giusto, sospinta dal suo caldo pubblico.
Brescia resta comunque in partita e grazie ad Hunt va al riposo lungo con un + 4 che può essere tradotto anche con la parola: equilibrio.
Il terzo quarto pare mettere l'incontro sui binari di casa, i fratelli Gentile, Lafayette e Aradori portano la Virtus avanti di 10.
La Leonessa però torna degna del suo nome e inizia a ruggire.
Landry e Michele Vitali si scatenano e trascinano la squadra alla rimonta.
Il finale è entusiasmante, giocato punto a punto, fino alla zampata di Luca Vitali che ammutolisce i felsinei e fa impazzire di gioia gli oltre 200 Irriducibili scesi in Emilia.
Moss e compagni saranno attesi ora dall'insidioso match contro Capo d'Orlando dell'ex Alibegovic.
Appuntamento a domenica 19 alle ore 12, al Pala George.

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA-GERMANI BASKET BRESCIA 74-76 (16-22, 41-45, 61-52)
Virtus Segafredo Bologna: A. Gentile 13 (5/12, 1/5), Umeh 6 (2/4 da tre), Pajola ne, Petrovic ne, Ndoja 3 (1/4 da tre), Lafayette 14 (1/4, 4/8), Aradori 15 (2/5, 3/7), S. Gentile 10 (3/6, 1/3), Berti ne, Lawson 6 (3/3, 0/3), Slaughter 6 (3/4). All: Ramagli
Germani Basket Brescia: Moore (0/2), Hunt 15 (6/10), L. Vitali 9 (1/7, 1/2), Landry 16 (4/7, 2/6), Fall 2 (1/1), Traini ne, M. Vitali 14 (2/3, 3/6), Moss 4 (1/3, 0/4), Sacchetti 10 (4/4, 0/1), Bushati 6 (0/1, 2/3). All: Diana
Arbitri: Mazzoni, Paglialunga e Calbucci
Note: Tiri da 2: Bologna 17/34 (50%), Brescia 19/38 (50%) – Tiri da 3: Bologna 12/34 (35%), Brescia 8/22 (36%) – Tiri liberi: Bologna 4/9 (44%), Brescia 14/19 (74%) – Rimbalzi: Bologna 35 (25 RD, 10 RO), Brescia 35 (27 RD, 8 RO)




07 Novembe 2017
MEZZOGIORNO DI GLORIA

6 nella storia !
Record per la Leonessa che battendo domenica all'ora di pranzo il fanalino di coda Reggio Emilia, conquista la sesta vittoria consecutiva e la vetta solitaria in classifica.
Non è stata la miglior partita ma per spegnere una modesta Grissin Bon è bastata una Germani meno continua del solito ma ugualmente solida e determinata a raggiungere l'obiettivo.
Nel consueto PalaGeorge caldo e gremito, i locali soffrono un po' la giornata di vena di Della Valle e Wright e la situazione falli di Moss.
La fase difensiva dei ragazzi di Diana è però formidabile, tenere per l'ennesima volta sotto i 70 punti l'avversario di turno ne è la dimostrazione e questo consente il lusso di qualche imprecisione di troppo sotto canestro.
Quando poi le bombe di Michele Vitali, l'energia di Hunt e il silenzioso dominio di Sacchetti creano il break e l'allungo giusto, non ce n'è per nessuno.
Alla fine gioia incontenibile per tutti, grazie a questa squadra che sta riscrivendo il libro dei record di un'intera città .

GERMANI BASKET BRESCIA-GRISSIN BON REGGIO EMILIA 79-68 (27-15, 43-34, 58-49)
Germani Basket Brescia: Moore 6 (3/6, 0/1), Hunt 14 (6/8), L. Vitali 8 (2/2, 0/1), Landry 15 (2/6, 1/2), Mensah ne, Fall 4 (2/3), M. Vitali 13 (1/1, 3/4), Moss 9 (2/5, 1/1), Sacchetti 5 (1/2, 1/1), Bushati 5 (1/1, 1/3). All: Diana
Grissin Bon Reggio Emilia: Mussini 4 (1/3 da tre), Wright 21 (8/12, 1/2), Bonacini 8 (0/1 da tre), Candi (0/1 da tre), Della Valle 18 (5/7, 1/4), Reynolds 13 (6/12), Markoishvili 10 (2/2, 2/6), Cipolla ne, Sanè (0/1 da tre), De Vico 2 (1/3, 0/3). All: Menetti
Arbitri: Paternicò, Vicino e Quarta
Note: Tiri da 2: Brescia 20/34 (59%), Reggio Emilia 22/36 (61%) – Tiri da 3: Brescia 7/13 (54%), Reggio Emilia 5/21 (24%) – Tiri liberi: Brescia 18/25 (72%), Reggio Emilia 9/11 (82%) – Rimbalzi: Brescia 23 (20 RD, 3 RO), Reggio Emilia 29 (18 RD, 11 RO)



30 Ottobre 2017
UN BRINDISI DI GIOIA

La Brescia del basket continua a sognare.
Grazie alla quinta vittoria consecutiva la Germani resta in testa alla classifica , appaiata ai campioni d'Italia della Reyer Venezia.
La Leonessa partiva col favore dei pronostici ma in A1 è risaputo che ribaltare il fattore campo non è cosa semplice; basta chiedere alla corazzata ed ex capolista AJ Milano letteralmente annichilita a Sassari.
La Germani, scesa in campo con Michele Vitali in quintetto base al posto di Moss, parte bene e prende subito le redini del match ma la svolta è l'ingresso in campo del capitano.
Il fuoriclasse di Chicago domina a canestro (20 punti) e in difesa, coadiuvato da Landry e Luca Vitali confeziona tre quarti di alto livello.
I locali, spronati da un pubblico caldo e nervoso per l'andamento della partita, si rifanno sotto nell'ultimo quarto.
Il punto di forza dei ragazzi di Diana è stato il Self control, non trovando più agevolemente la retina hanno soffocato ogni via realizzativa degli avversari.
Negli ultimi minuti sono state ben quattro le stoppate effettuate da Moss, L.Vitali e Hunt (2).
Per la Leonessa Basket Brescia ora appuntamento a domenica alle 12.30 al PalaGeorge, avversaria di turno , l'insidiosa Reggio Emilia.

HAPPY CASA BRINDISI-GERMANI BASKET BRESCIA 69-78 (20-23, 40-47, 61-63)

Happy Casa Brindisi: Suggs 8 (1/3, 2/6), Barber 3 (1/3, 0/2), Tepic 8 (2/4, 1/2), Oleka 5 ne, Mesicek 15 (2/3, 3/5), Cardillo (0/2 da tre), Sirakov ne, Donzelli, Cavanesi ne, Giuri 5 (1/5, 1/6), Lalanne 13 (5/10, 0/1), Randle 17 (8/14). All: Dell’Agnello
Germani Basket Brescia: Moore 5 (0/7, 1/2), Hunt 7 (3/4), L. Vitali 12 (1/4, 3/6), Landry 15 (6/10, 1/5), Fall 2 (1/1), Traini ne, M. Vitali 9 (2/5, 1/3), Moss 20 (6/11, 2/2), Sacchetti 6 (1/4 da tre), Bushati 2 (1/1, 0/2). All: Diana
Arbitri: Biggi, Sardella e Borgo
Note: Tiri da 2: Brindisi 20/42 (48%), Brescia 20/43 (47%) – Tiri da 3: Brindisi 7/24 (29%), Brescia 9/24 (38%) – Tiri liberi: Brindisi 8/11 (73%), Brescia 11/18 (61%) – Rimbalzi: Brindisi 43 (31 RD, 12 RO), Brescia 34 (25 RD, 9 RO)



24 Ottobre 2017
POKER !

S A L U T A T E L A C A P O L I S T A , cantavano così ieri gli "Irriducibili", pazzi di gioia per la quarta vittoria su quattro della Germani. Nel posticipo di campionato, i bresciani dominano la temibile Openjobmetis Varese con una prestazione al quale il +6 finale non rende pieno merito. I locali, sospinti da un PalaGeorge per l'ennesima volta esaurito e sotto gli occhi di Sacchetti tecnico della nazionale e di Antonello Riva, danno dimostrazione di forza e maturità, disinnescando i trappoloni tattici di Coach Caja.
Non hanno avuto effetto i blocchi anti pick and roll per limitare l'asse Luca Vitali- Hunt, a fine gara di gran lunga i migliori in campo oltre che best scorer di giornata. L'incontro, sempre saldamente in controllo bresciano, ha confermato la sensazione che quest'anno la qualità maggiore della Leonessa sia quella di non dare mai punti di riferimento agli avversari.
In una serata nella quale Moore e Landry (ottimo a rimbalzo) . limitati da guai fisici non brillano come ci avevano abituati, ci pensano i vari Bushati, Fall e il ritrovato Moss a trascinare la truppa.
Alla fine tutti in piedi ad applaudire una squadra che non smette più di stupire.

GERMANI BASKET BRESCIA-OPENJOBMETIS VARESE 73-67 (17-13, 45-27, 62-44)
Germani Basket Brescia: Moore 2 (1/2, 0/3), Hunt 19 (8/11), L. Vitali 14 (1/2, 4/7), Landry 6 (2/8, 0/3), Veronesi ne, Fall, Traini 2 (0/1), M. Vitali 9 (1/4, 2/7), Moss 12 (4/8, 1/2), Sacchetti (0/2 da tre), Bushati 9 (3/3, 1/3). All: Diana
Openjobmetis Varese: Avramovic 2 (0/2, 0/2), Pelle 3 (1/1), Bergamaschi ne, Natali 5 (1/1, 1/4), Parravicini ne, Okoye 13 (5/8, 1/9), Tambone 5 (1/3, 0/2), Cain 4 (2/3), Ferrero 4 (1/4 da tre), Wells 4 (2/5, 0/1), Waller 15 (2/6, 3/7), Hollis 12 (3/5, 2/2). All: Caja
Arbitri: Filippini, Aronne e Ranaudo
Note: Tiri da 2: Brescia 20/39 (51%), Varese 17/34 (50%) – Tiri da 3: Brescia 8/27 (30%), Varese 8/31 (26%) – Tiri liberi: Brescia 9/13 (69%), Varese 9/10 (90%) – Rimbalzi: Brescia 35 (21 RD, 14 RO), Varese 39 (24 RD, 15 RO)



15 Ottobre 2017
UNA GERMANI DA SOGNO

Continua il momento magico della Leonessa, capace di espugnare il palazzetto dei vice campioni d'Italia di Trento.
Serviva una partita perfetta per i ragazzi di Diana e così è stato.
La qualità migliore di Moss e compagni pare quella di saper fare la cosa giusta al momento giusto.
Contro avversari che in attacco concedono, le bocche di fuoco bresciane si sono dimostrate micidiali (vedi Avellino), mentre con squadre che fanno dell'intensità e dei punteggi alti il loro punto di forza, la difesa della Germani ha eretto muri invalicabili, annichilendo sia Pesaro che Trento.
L'incontro di sabato ha visto Brescia prendere subito il comando della situazione, con Hunt e Michele Vitali vere e proprie spine nel fianco dei trentini.
Vitali Jr, dopo la travagliata stagione scorsa, sta dimostrando che il sogno di tornare in nazionale con queste prestazioni non potrà che avverarsi.
Al rientro dall'intervallo lungo, Trento cerca di rimettere la partita sui binari di casa ma il suo scatto d'orgoglio s'infrange con la voglia di vincere di un gruppo granitico che nessuno sa dove possa arrivare ma ci si augura molto, molto lontano.
Il finale di gara vede Landry e Sacchetti mettere il sigillo all'impresa, dando il loro decisivo contributo ad una serata fino a quel momento non delle migliori.
L'ennesima dimostrazione che la rosa allestita quest'anno può sopperire ad assenze e cali di forma.

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO-GERMANI BASKET BRESCIA 56-66 (10-15, 23-28, 42-47)
Dolomiti Energia Trentino: Franke, Sutton 4 (2/5, 0/5), Silins 5 (1/1, 1/5), Baldi Rossi 5 (1/4, 1/4), Forray 16 (5/10, 1/4), Flaccadori 4 (2/3, 0/2), Gutierrez (0/5, 0/1), Conti ne, Gomes 3 (1/3 da tre), Behanan 13 (5/11), Lechthaler ne, Shields 6 (2/3, 0/3). All: Buscaglia
Germani Basket Brescia: Moore 3 (1/5, 0/1), Hunt 17 (8/13), L. Vitali 2 (1/4, 0/2), Landry 11 (3/6, 1/5), Veronesi ne, Fall 2 (1/1), Traini (0/1, 0/1), M. Vitali 16 (4/4, 2/4), Moss 4 (2/4, 0/2), Sacchetti 11 (2/2, 1/3), Bushati (0/1 da tre). All: Diana
Arbitri: Sabetta, Caiazza e Calbucci
Note: Tiri da 2: Trento 18/42 (43%), Brescia 22/40 (55%) – Tiri da 3: Trento 4/27 (15%), Brescia 4/19 (21%) – Tiri liberi: Trento 8/10 (80%), Brescia 10/15 (67%) – Rimbalzi: Trento 42 (19 RD, 13 RO), Brescia 38 (32 RD, 6 RO)



09 Ottobre 2017
INCONTENIBILI!

Non ci poteva essere miglior esordio davanti al proprio pubblico per la Germani.
Un PalaGeorge pieno come un uovo ha salutato i proprio beniamini che hanno ricambiato tanto affetto con una prestazione monstre.
Il +21 finale è forse un po' esagerato per la dinamica della gara, equilibrata e combattuta punto fino al terzo quarto.
La vittoria dei Diana's boys è però ineccepibile.
Considerato poi il valore dell'avversario, quella Sidigas Avellino annoverata tra le candidate allo scudetto, la soddisfazione dell'ambiente bresciano è più che giustificata. L'incontro vede gli ospiti partire forte, al quinto minuto, l'8 su 9 dei verdi accende un campanello d'allarme per la Leonessa che si ricompatta e reagisce canestro su canestro, aggrappandosi ad un Michele Vitali strepitoso e ad un Hunt dominante sotto le plance.
Il capolavoro bresciano si concretizza nella parte finale del match, un parziale di 18 a 0, spegne definitivamente gli irpini e regala il primo posto a Moss e compagni. A proposito di Moss, determinante il suo rientro, è sotto gli occhi di tutti quanto la sua presenza dia solidità fisica e mentale all'intero gruppo.
Ma ora è già tempo concentrarsi per il prossimo, difficilissimo impegno, sabato 14 alle ore 19 contro i vicecampioni d'Italia a Trento.
Per continuare a sognare...

GERMANI BASKET BRESCIA-SIDIGAS AVELLINO 96-75 (20-26, 49-44, 70-64)
Germani Basket Brescia: Moore 16 (5/7, 1/1), Hunt 19 (8/10), L. Vitali 8 (4/6), Landry 16 (8/13, 0/4), Veronesi ne, Fall 2 (1/2), Traini (0/1), M. Vitali 19 (2/5, 4/5), Moss 5 (1/1, 1/2), Sacchetti 5 (2/5, 0/1), Bushati 6 (2/4 da tre). All: Diana
Sidigas Avellino: Zerini 5 (1/2, 0/1), Wells 14 (2/3, 2/4), Fitipaldo 10 (1/1, 2/5), Mavric ne, Leunen 16 (2/4, 4/5), Scrubb 3 (0/1, 1/3), Filloy 2 (0/2, 0/4), D’Ercole, Rich 18 (6/9, 2/5), Fesenko 5 (2/3), Ndyaye 2 (1/4), Parlato ne. All: Sacripanti
Arbitri: Martolini, Baldini e Boninsegna
Note: Tiri da 2: Brescia 31/50 (62%), Avellino 15/29 (52%) – Tiri da 3: Brescia 8/17 (47%), Avellino 11/27 (41%) – Tiri liberi: Brescia 10/15 (67%), Avellino 12/16 (75%) – Rimbalzi: Brescia 25 (19 RD, 6 RO), Avellino 28 (21 RD, 7 RO)


02 Ottobre 2017
BUONA LA PRIMA

Parte male, soffre, sbaglia ma sul filo di lana vince e nello sport il risultato è quello che conta.
La Germani, scesa in quel di Pesaro con obiettivo i 2 punti, torna a casa con quella vittoria che un anno fa le era meritatamente sfuggita.
Priva di Moss (dovrebbe rientrare nel gruppo martedì) e con Landry affaticato dal viaggio lampo negli USA per dare l'estremo saluto al caro nonno, Diana opta per l'inedito quintetto iniziale, formato dai fratelli Vitali, Hunt, Lee Moore (nella foto) e Sacchetti.
Inizio gara problematico per la Leonessa, tanti errori e Pesaro più grintosa e brillante.
La discontinuità di rendimento, non fa però mai uscire dalla partita i bresciani, grazie a Moore e Sacchetti che fanno sempre la cosa giusta al momento giusto.
La situazione falli di Hunt e Michele Vitali pare compromettere l'incontro, con i locali sempre avanti di una manciata di punti e rotazioni limitate per noi.
A questo punto però, torna in scena Landry che coadiuvato dall'ottimo Moore, da il via alla rimonta, regalando il primo sorriso di una stagione che doveva ed è partita col piede giusto.

VICTORIA LIBERTAS PESARO-GERMANI BASKET BRESCIA 70-73 (26-17, 40-36, 55-52)
Victoria Libertas Pesaro: Omogbo 10 (4/7), Ceron 18 (2/5, 4/12), Crescenzi ne, Mika 7 (3/6), Moore 20 (2/7. 5/10), Bocconcelli, Solazzi ne, Ancellotti 2 (1/4), Bertone 5 (1/2, 1/2), Monaldi 6 (0/4, 1/2), Serpilli 2 (1/2), Morgillo ne. All: Leka
Germani Basket Brescia: Moore 17 (5/10, 0/1), Hunt 6 (3/8), L. Vitali 11 (0/1, 3/7), Landry 16 (3/7, 3/8), Veronesi ne, Fall, Traini 2, M. Vitali 8 (2/7, 1/2), Sacchetti 11 (0/1, 2/5), Bushati 2 (0/2 da tre). All: Diana
Arbitri: Lo Guzzo, Vicino e Morelli
Note: Tiri da 2: Pesaro 14/37 (38%), Brescia 13/34 (38%) – Tiri da 3: Pesaro 11/30 (37%), Brescia 9/25 (36%) – Tiri liberi: Pesaro 9/15 (60%), Brescia 20/23 (87%) – Rimbalzi: Pesaro 40 (25 RD, 15 RO), Brescia 41 (26 RD, 15 RO)


25 Settembre 2017
PRECAMPIONATO FINITO

Adesso si fa sul serio.
Non che fino ad ora gli impegni siano stati sottovalutati ma con l'ultima partita di pre-season , coincisa con la vittoria nella finale 3/4 posto del trofeo Ferrari, il periodo dove le vittorie e sconfitte contano ma non sono così determinanti, è finito.
La Germani ha onorato il trofeo, conquistando il gradino più basso del podio e si tuffa ora nel clima campionato.
il 1 ottobre a Pesaro, l'esordio di Diana e c., per quello che nelle aspettative di molti, dovrà essere l'anno della consacrazione e senza nascondersi troppo, anche dei play off.
La trasferta nelle Marche, vedrà salire sul pullman anche capitan Moss, il quale però difficilmente sarà della partita.
Per l'esordio stagionale non mancherà il supporto degli Irriducibili, i fantastici supporter bresciani, stanno organizzando il viaggio verso l'Adriatico, già due gli autobus prenotati, per informazioni, scrivere un sms o whatsapp al numero 3331319966.

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA-GERMANI BASKET BRESCIA 74-87 (20-15, 38-41, 61-63)
Virtus Segafredo Bologna: A. Gentile 19, Jurkatamm ne, Umeh 9, Petrovic ne, Ndoja 10, Rosselli 4, Lafayette 4, Aradori 12, S. Gentile 8, Berti ne, Lawson 4, Slaughter 4. All: Ramagli Germani Basket Brescia: Moore 12, Hunt 19, L. Vitali 4, Landry 21, Mastellari, Thioune ne, Veronesi ne, Fall 4, Traini 7, M. Vitali 11, Sacchetti 9, Bushati. All: Diana
Arbitri: Saraceni, Terranova e Tallon

La finale è stata vinta nettamente da Varese, questo il tabellino:

Openjobmetis Varese – Stelmet Zielona Gora 93-62 (25-19, 52-33, 76-48)
Varese: Avramovic 5 (1/4, 1/3), Pelle 10 (5/7), Bergamaschi, Natali 2 (0/3, 0/2), Okoye 15 (4/5, 2/4), Tambone 15 (3/3, 3/4), Cain 8 (4/4), Bryan ne, Ferrero 12 (1/3, 3/5), Wells 7 (2/4, 1/2),Waller 6 (1/2, 1/4), Hollis 13 (5/8, 1/1). Allenatore: Caja.
Zielona Gora: Florence 6 (2/4, 0/4), Taylor ne, Moore 5 (0/1, 1/3), Matczak 8 (1/2, 2/5), Mokros 3 (0/2, 1/4), Savovic 10 (4/7), Dragicevic 12 (5/7), Zamojski 6 (3/6, 0/3), Hrycaniuk 4 (2/7), Koszarek 8 (1/3, 2/2). Allenatore: Gronek.

22 Settembre 2017
"TROFEO FERRARI" GRANDI FIRME

Sarà un week end di grande basket al PalaGeorge di Montichiari.
L'edizione del trofeo Ferrari vedrà sfidarsi l’OPENJOBMETIS VARESE, una delle formazioni storiche della nostra Serie A, la VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA di Pietro Aradori, tornata con grandi ambizioni in A1 e lo STELMET ZIELONA GORA , campione di Polonia tra le cui fila militano :James Florence, Phil Taylor, Armani Moore e Lucasz Koszarek.
Oltre ovviamente alla Germani Brescia che riabbraccerà il suo pubblico, a pochi giorni dall'esordio in campionato del 1 ottobre.
Tutti coloro che vorranno prendere parte all’appuntamento potranno farlo acquistando i biglietti per le gare di venerdì 22 (il biglietto vale per entrambe le gare), per quelle di sabato 23 o, in alternativa, il mini-abbonamento per tutte le gare del Trofeo. Questi i link per poter comprare i tagliandi:
MINI-ABBONAMENTO PER LE DUE GIORNATE DI GARE: http://www.vivaticket.it/ita/event/trofeo-ferrari-22-23-09-2017/100954
PARTITE DEL 22 SETTEMBRE: http://www.vivaticket.it/ita/event/trofeo-ferrari-22-09-2017/100955
PARTITE DEL 23 SETTEMBRE: http://www.vivaticket.it/ita/event/trofeo-ferrari-23-09-2017/100956
I tagliandi saranno acquistabili anche presso i botteghini del PalaGeorge, che venerdì che sabato saranno aperti a partire dalle ore 16. I cancelli dell’impianto di Montichiari saranno aperti a partire dalle ore 17.

18 Settembre 2017
PRIMI ACUTI

Non saranno ancora quelle vittorie che fanno classifica ma come si suol dire: vincere aiuta a vincere.
Ben venga quindi la conquista del Trofeo Sant'Ambrogio disputatosi a Reggio Calabria.
La Germani ha affrontato in semifinale Capo D'Orlando, un incontro equilibrato che ha visto Brescia soffrire i primi due quarti ma uscire alla distanza.
Trascinati da un Sacchetti sempre più convincente, hanno conquistato la finale con un perentorio 85-76.
Al termine del match, queste le dichiarazioni di Coach Diana:
“Partite come queste sono test utili, perché permettono di capire tante cose.
Abbiamo concesso ai nostri avversari 26 punti nel primo quarto e 25 negli ultimi due, a testimonianza della forte reazione che la squadra ha avuto dopo un primo tempo in cui è stata troppo passiva. Aspettavamo la partita senza aggredirla e questo ha fatto prendere fiducia a una squadra di qualità come Capo d’Orlando. Nel secondo tempo abbiamo alzato la nostra intensità, facendo abbassare ai nostri avversari le percentuali di tiro e aumentando il nostro tasso di fiducia, un fattore che ci ha permesso di giocare bene anche in attacco. Queste partite servono proprio per capire che l’approccio è importante e che bisogna alzare la continuità sui 40’.
In finale la Leonessa ha affrontato la Pallacanestro Cantù.
Nonostante un timido inizio (su questo ci sarà da lavorare), la Germani prende presto le misure agli avversari.
Le bombe di Michele Vitali e Lee Moore fanno il resto, scavando un solco incolmabile tra le contendenti e consegnando il trofeo e un pieno di fiducia e ottimismo alla squadra della soddisfatta presidentessa Bragaglio.

Il tabellino della finale:

GERMANI BASKET BRESCIA-PALLACANESTRO CANTÙ 91-74 (15-19, 40-29, 71-61)
Germani Basket Brescia: Moore 24, Hunt 17, L. Vitali 8, Mastellari 3, Veronesi, Fall, Traini 4, M. Vitali 19, Sacchetti 9, Bushati 7. All: Diana
Pallacanestro Cantù: Smith 13, Culpepper 18, Parrillo 12, Tassone 4, Crosariol 2, Maspero 4, Raucci 5, Chappell 13, Vai 3, Thomas ne. All: Bolshakov
Arbitri: Micino di Potenza e Nocera di Catanzaro

07 Settembre 2017
PROSSIMI APPUNTAMENTI

Dopo la settimana di ritiro a Ponte di Legno, fatta di eventi ma soprattutto di tanta fatica, la Germani è tornata in città. Numerosi sono gli appuntamenti sportivi che vedranno Brescia impegnata e che serviranno ad oliare e rodare meccanismi di gioco e schemi. Nel prossimo week end, la Germani sarà tra le partecipanti alla nona edizione del Trofeo Lombardia, in programma al PalaBanco di Desio, al quale parteciperanno anche Varese, Cantù e Cremona. Sabato 9 settembre alle ore 19 sfiderà l’Openjobmetis Varese, mentre le finali sono in programma domenica 10 settembre: alle ore 15 quella per il 3/4 posto, alle ore 20 quella per l’assegnazione del Trofeo. Venerdì 15 settembre i Diana's boys saranno in Calabria, per l'edizione numero 45 del trofeo Sant'Ambrogio, avversari la Betaland Capo d'Orlando e il giorno successivo la Pallacanestro Cantù, due test con pari categoria che daranno indicazioni importanti. Il 22 e il 23 settembre, infine, scoccherà l’ora della seconda edizione del Trofeo Roberto Ferrari, con la prima uscita di fronte al pubblico del PalaGeorge di Montichiari. Il prestigioso appuntamento, quest’anno si svolgerà sotto forma di quadrangolare, al quale prenderanno parte Virtus Segafredo Bologna, Pallacanestro Varese e i campioni di Polonia dello Stelmet Zielona Gora. Venerdì 22, giorno delle semifinali, Brescia sfiderà proprio i polacchi alle 20.45, in un match che sarà preceduto dalla sfida tra Bologna e Varese, in programma alle ore 18.30. Sabato 23 sarà il giorno delle finali: alle 18.30 quella per il 3/4 posto, mentre alle 20.45 inizierà la gara per il 1/2 posto. La stagione ufficiale del Basket Brescia Leonessa inizierà sul parquet dell’Adriatic Arena di Pesaro il 1° ottobre, mentre l’esordio in campionato al PalaGeorge di Montichiari sarà domenica 8 ottobre contro la Sidigas Avellino.

29 Agosto 2017
LA LEONESSA A PONTE DI LEGNO

Dopo l'indolore sconfitta nell'amichevole contro Cremona (87-69), con tutte le attenuanti del caso, assenze e carichi di lavoro, per il secondo anno, la Germani ha raggiunto la località della Valle Camonica, dove resterà fino a domenica 3 settembre.
A ospitare i giocatori e i membri dello staff tecnico della Germani è il CFP Zanardelli che garantisce anche l’utilizzo della palestra per gli allenamenti.
Numerosi gli eventi collegati alla presenza di Moss e compagni.
Il primo di questi appuntamenti è venerdì 1 settembre, giorno in cui si svolgerà la manifestazione denominata ‘InPresa’: si tratta una gara di arrampicata sportiva su parete artificiale , in programma presso la Palestra di arrampicata artificiale del CFP Zanardelli a partire dalle ore 12. I giocatori della Germani saranno presenti in qualità di testimonial in occasione della finale, il cui inizio è fissato per le ore 20.
Sabato 2 settembre scoccherà l’ora del One Camp, un mini camp di pallacanestro organizzato presso la palestra del CFP Zanardelli e il Palazzetto dello Sport di Ponte di Legno. Alle attività del camp, che inizieranno alle ore 14 e che proseguiranno anche nella mattina di domenica 3 settembre, parteciperanno circa 20 giovani che si sono iscritti nelle ultime settimane.
Sempre sabato 2 settembre è in programma la Festa in Piazza, organizzata e promossa dalla Pro Loco di Ponte di Legno. Alla manifestazione, che si svolgerà in Piazza XXVII Settembre e inizierà intorno alle ore 21, prenderanno parte i giocatori e i membri dello staff tecnico del Basket Brescia Leonessa, che saliranno sul palco e poi saranno a disposizione di tutti i tifosi e degli appassionati presenti per scattare foto e firmare autografi.
Il ritiro di Ponte di Legno, infine, sarà l’occasione per presentare le iniziative che saranno realizzate presso l’Area Hospitality del PalaGeorge in occasione delle partite casalinghe della Germani Basket Brescia durante la stagione sportiva 2017-2018. Le attività dell’Area Hospitality nell’impianto di Montichiari, infatti, saranno gestite proprio dal CFP Zanardelli, che realizzerà dei veri e propri eventi culinari in occasione dei 15 appuntamenti previsti nel corso del campionato.
Tutti gli eventi che saranno organizzati in occasione del ritiro del Basket Brescia Leonessa sono state promossi con il patrocinio del Consorzio Adamello Ski Pontedilegno-Tonale, del Comune di Ponte di Legno, del Comune di Temù e della Pro Loco di Ponte di Legno.

25 Agosto 2017
PRONTI AL DEBUTTO

Pronti, partenza, via !
Sono stati giorni di fatica e sudore per i ragazzi della Germani che al Polivalente di Via Collebeato hanno iniziato la preparazione.
Al gruppo, inizialmente incompleto, si stanno aggregando i giocatori che erano in permesso .
Il primo è stato il centro titolare e volto nuovo del rooster Dario Hunt, entusiasta e voglioso di riscattare l'annata sfortunata in Francia.
Si è rivisto anche il beniamino degli Irriducibili Marcus Landry.
L' MVP della scorsa stagione è tornato carico dagli States .
Sembrava finita la sua avventura a Brescia.
Cantu' pareva ormai essersi aggiudicata le prestazioni del miglior realizzatore del 2016/17 ma una controproposta importante e le pressioni della famiglia (perfettamente ambientata in città ) sono state decisive.
Landry ha detto di avere un solo obiettivo per il prossimo campionato: i play off.
Musica per le orecchie di società e tifoseria.
Nei giorni a venire anche Bushati e Capitan Moss si metteranno a disposizione di Andrea Diana.
Intanto la Germani si allena per il debutto domani (sabato 26 alle 18.30) a Carisolo con la pari categoria Vanoli Cremona.
L'ingresso alla partita sarà gratuito ma con raccolta fondi, durante un pasta pasty post gara e conseguente serata danzante, destinata alla Pro loco di Visso, paese nelle Marche colpito dal terremoto.

18 Agosto 2017
SI RIPARTE !

Pronti, partenza, via !
La mitica frase che da ragazzini si usava prima di ogni sfida calza a pennello per la giornata odierna.
La Germani basket 2017/18 effettuerà oggi il primo allenamento stagionale al Polivalente di via Collebeato.
Visite mediche e primi test atletici saranno a porte chiuse, il pubblico potrà però incontrare tecnici e giocatori alle 19 sempre nella rinnovata palestra cittadina.
I ranghi non saranno al completo, Bushati e Luca Vitali stanno smaltendo le fatiche con le rispettive nazionali.
Landry, Moss, e Hunt raggiungeranno il gruppo più avanti.
Abili e arruolati Lee Moore, Michele Vitali, Sacchetti, Traini e Fall con aggregati, per la preparazione, i giovani Veronesi, Mastellari, Bellandi, Mensah , Thioune e Dalla Longa.
La Germani resterà in città fino al 27 agosto , giorno in cui si trasferira' a Ponte di Legno per il ritiro.

15 Agosto 2017
VITALI: NIENTE EUROPEO

Ha lasciato tutti un po' sorpresi l'esclusione di Luca Vitali dai 12 che disputeranno gli Europei di basket.
La notizia è arrivata lunedì poco dopo la mezzanotte ed è stata motivata dal CT Ettore Messina con i dubbi sulle capacità di adattamento di Luca a terzo play.
Detto che il coach ha il diritto e il dovere oltre che l'onore e onere di fare le scelte, spiace vedere escluso sul filo di lana il giocatore della Germani.
Protagonista di una stagione eccezionale, con record di assist e prestazioni sempre notevoli, pareva ad un passo dal coronare il sogno di rivestire l'azzurro in una competizione ufficiale.
Molto professionali e pacate le reazioni del ragazzo.
Da persona intelligente qual è, ha accettato la decisione dell'allenatore senza polemiche, anzi, con la voglia di riprovarci .
Chissà che il post europeo non lo veda indossare nuovamente la canotta azzurra, magari grazie ad altri assist sfornati a Brian Sacchetti, figlio di Meo, nuovo selezionatore italiano del dopo Messina.
Ora per Vitali è tempo di riposare un po' .
Praticamente l'estate l'ha passata in ritiro e un po' di relax, non potrà che giovare a lui e alla Leonessa che non vede l'ora di riabbracciare uno dei suoi Big.

10 Agosto 2017
TRAINI ALLA GERMANI

Dopo un casting durato qualche settimana, anche la casella del play che dovrà dare il cambio al titolare Luca Vitali è stata occupata.
Come già ufficiosamente anticipato ,sarà Andrea Traini a far tirare il fiato all'azzurro.
Classe 1991, di Loreto, torna a calcare i parquet della massima categoria italiana del basket, dopo alcuni anni in A2.
Il giocatore è stato una delle promesse del basket italiano ma alcuni infortuni ne hanno frenato la carriera .
I problemi fisici lo hanno relegato per alcune stagioni nella seconda serie , precisamente a Napoli, Recanati e Udine.
Ora una grande occasione per il 26enne, una seconda chance per rientrare nel giro che conta.
La Presidentessa Bragaglio ha dichiarato che la squadra adesso è completa.
Capitolo Burns: il (per ora) giocatore americano, ha ottime possibilità di entrare nei 12 che con la nazionale giocheranno gli europei in Isreale.
Il raggiungimento dello status di Italiano , innesterebbe una vera e propria asta alla quale la Leonessa non intende partecipare.
Il tesoretto risparmiato (circa 200000 dollari oltre al visto se non dovesse essere naturalizzato ), permetterà a Santoro, in caso di necessità, di ricorrere al mercato estero, proprio come la scorsa stagione si fece con Burns.



01 Agosto 2017
IL CALENDARIO UFFICIALE DELLA STAGIONE 2017/18

E' stato diramato il calendario della nuova stagione del campionato di serie A1 di basket.
La Germani esordirà in trasferta a Pesaro il 1 ottobre, un déja vu dello scorso anno, così come la chiusura della regular season con Torino al penultimo e Pistoia all'ultimo turno .
I ragazzi di Diana inaugureranno il loro cammino al Palageorge di Montichiari affrontando la rinnovata Sidigas Avellino.
Il derby casalingo con l'Olimpia Milano sarà il 22 aprile e in quell'occasione si celebrerà la "giornata biancoblu".
Il campionato si fermerà il 26 novembre per lasciare spazio alle gare di qualificazione al Mondiale del 2019.
Nel mese di febbraio saranno due le settimane di pausa: il 18 febbraio in occasione della Final Eight di Coppa Italia (in programma dal 15 al 18) e il 25 per gli impegni della nazionale.




30 Luglio 2017
HUNT-GERMANI, FUMATA BIANCA

La rosa della Leonessa si arricchisce di un altro petalo, è finalmente arrivata l'ufficialità dell'acquisto di Dario Hunt.
Il forte americano è il nono giocatore contrattualizzato.
Proveniente dal campionato francese, già conosce i parquet italiani, avendo militato nelle file di Capo D'Orlando (2014/15) e Caserta (2015/16). Il 28enne di Colorado Springs ha firmato un accordo annuale.
Hunt va a riempire quella casella di centro titolare che a lungo era stata accostata a Cusin (Milano) e Watt (Venezia) ma non è sicuramente un ripiego , era infatti stato lungamente corteggiato da Diana anche la scorsa stagione.
Il coach bresciano ha espresso grande soddisfazione per il nuovo arrivato.
I suoi 206 cm per 110 kg di peso, daranno atletismo e fisicità al rooster.
Diana ha parlato anche del tallone d'Achille del cestista, tanto devastante a rimbalzo e abile nel pick and roll , tanto modeste le percentuali nei liberi (30% in Italia, 42% oltralpe), dicendosi non preoccupato e pronto a studiare allenamenti specifici per curare questo mal di lunetta.




24 Luglio 2017
VACANZE... MA NON PER TUTTI

Mentre la maggior parte dei suoi compagni è in giro per spiagge e mari a ricaricare le batterie per la prossima stagione, c'è chi quest'anno, di vacanze ne ha fatte poche.
Parliamo di Luca Vitali, colonna della Germani passata e futura.
Il play-maker della Leonessa, è da alcuni giorni in ritiro a Folgaria con la nazionale italiana.
Un ottimo motivo quindi per saltare le ferie, un obiettivo cercato e raggiunto con grande determinazione da Luca che ha suon di assist e prestazioni, ha convinto coach Messina a ridargli quella maglia azzurra tanto agognata.
L'Ital-basket che annovera tra le sue fila anche l'ex Brescia Burns, nel week end si trasferirà a Trento per la Trentino cup, dove affronterà la Bielorussia sabato 29 luglio e il giorno dopo Ucraina o Paesi Bassi.
Gli occhi dei tifosi bresciani saranno puntati su Vitali ma molta attenzione anche per il centro Cusin.
Il giocatore, a lungo inseguito dal DG Santoro, sembrava irraggiungibile in sede di mercato ma pare che nuovi spiragli si siano aperti.
Chissà che Luca, al ritorno dagli Europei, non abbia in lui un nuovo compagno di club oltre che un amico e spalla in nazionale.



14 Luglio 2017
TOGETHER

La terza fase della campagna abbonamenti della Germani, denominata "TOGETHER- NEL SEGNO DELLA LEONESSA", procede spedita.
L'ottimo lavoro fatto in sede di mercato, con le conferme di tutti i top-player e l'acquisto di giocatori che hanno rinforzato notevolmente la squadra, ha dato un'ulteriore spinta ad un ambiente già carico di per se.
Abbondantemente superata la quota 1000 tessere, memori delle esperienze passate, per evitare code o sold-out, i tifosi più caldi e avveduti, hanno deciso di sottoscrivere l'abbonamento, una soluzione comoda ed anche conveniente economicamente.
Abbonarsi, significa garantirsi il posto prescelto per 14 gare casalinghe ( tutte al PalaGeorge di Montichiari), esclusa la sfida all'Olimpia Milano, per la quale sarà promossa la giornata biancoblu, dove gli aficionados avranno diritto di prelazione dei tagliandi.

Queste le modalità per legarsi alla Leonessa nella stagione 2017/18:

ON LINE
Attraverso il circuito Vivaticket.it, cliccando in particolare sul seguente link: http://www.vivaticket.it/ita/event/together-abbonamento-2017-2018-brescia/97457

VENDITA DIRETTA
Presso il Centro Sportivo San Filippo nelle seguenti date:
MERCOLEDÌ 26 LUGLIO – DALLE 17 ALLE 20





Dario Bettinsoli




04 Luglio 2017
SACCHETTI E FALL UFFICIALI

I loro nomi circolavano ormai da tempo, mancavano solo i crismi dell'ufficialità: Bryan Sacchetti e Aka Fall sono due nuovi giocatori della Germani.
Conosciamoli meglio , Sacchetti (nella foto) ha 31anni, figlio di quel Meo,(132 partite in Nazionale e l’oro europeo a Nantes nel 1983), negli ultimi anni è stato protagonista con la maglia della Dinamo Sassari, in A vanta oltre 300 presenze, nel 2016/17 ha disputato 32 gare, 5.1 punti e 4.3 rimbalzi, 2 cap anche con la canotta azzurra della nazionale per lui.
Difenderà i colori bresciani per 2 anni.
Abdel ‘Aka’ Fall, classe 1991, ala-centro che nell’ultima stagione ha indossato prima la maglia della Fiat Torino in Serie A e poi quella dell’Apu Gsa Udine in Serie A2. Senegalese di nascita, Fall è a tutti gli effetti italiano, poiché è cresciuto cestisticamente nel nostro Paese.
I suoi 202 centimetri saranno preziosissimi sotto canestro.
Per completare la rosa della Leonessa, mancano ora solo due petali.
Un play-maker che dia il cambio a Luca Vitali e un centro titolare che faccia fare il salto di qualità.
I nomi che circolano sono D'Ercole e Watt ma il buon lavoro fatto fino ad ora da Santoro, consente a Brescia di poter scegliere bene e con calma.



Dario Bettinsoli



28 Giugno 2017
E' ITAL-BRESCIA

Ha vestito l'azzurro della Germani per un'intera annata, guadagnandosi stima, apprezzamento e un rinnovo contrattuale che lo legherà alla Leonessa per altri 2 anni più opzione sul terzo, parliamo di Luca Vitali.
Il playmaker di San Giorgio di Piano tingerà ancor di più la sua carriera del colore del cielo, grazie alla meritatissima convocazione in nazionale, canotta che ha messo per la prima volta nel lontano 2006.
Una soddisfazione per il giocatore ma anche una grande gioia per Brescia che non dava giocatori all'Italia dai tempi di Solfrini e Ario Costa.
Vitali si radunerà con gli altri azzurri il 21 luglio e fino al 29 sarà a Folgaria per preparare la Trentino basket cup, dove affronteranno la Bielorussia il 30.
La manifestazione trentina servirà al coach Ettore Messina per valutare il gruppo a disposizione in ottica europei, per i quali servirà una scrematura, dato che saranno 12 i convocabili per la kermesse.
Agguerrita la concorrenza per il ruolo di play, oltre al nostro , ci saranno anche Hackett, Filloy e Cinciarini ma Luca è determinato a giocarsi fino in fondo le proprie chance.
Tra i convocati ma al momento solo come riserva, Christian Burns che se utilizzato acquisirebbe lo status di italiano, eventualità che cambierebbe prospettive di mercato sue e di Brescia.
Nel frattempo, mancano pochi dettagli al rinnovo di Michele Vitali e sembrano ormai ad un passo gli acquisti di Bryan Sacchetti e dell'italo-senegalese Abdel Fall.



Dario Bettinsoli



23 Giugno 2017
IL PROGETTO CONVINCE

Abbiamo scritto più volte delle ottime intenzioni e della bontà di un progetto solido, duraturo e ambizioso che vede protagonista la Leonessa.
Un palazzetto moderno e omologato per le coppe europee che verrà consegnato presumibilmente ad aprile 2018, la riconferma del Direttore Generale Santoro e dei suoi uomini che tanto bene hanno fatto la scorsa stagione e ovviamente, il prolungamento contrattuale con Diana e Magro, rispettivamente allenatore e vice sono tutti tasselli fondamentali del percorso Germani.
In campo però ci vanno i giocatori e sempre nel solco della continuità, sono arrivati importanti sì per quanto riguarda i big che hanno sposato con accordi pluriennali, la causa bresciana.
Oltre ai già certi di rimanere David Moss e Franko Bushati , il primo a firmare è stato il play Luca Vitali, per lui un biennale con opzione per il terzo anno, il regista, in odore di europei con la nazionale, si è detto entusiasta del poter mettere radici in un contesto che pare disegnato apposta per lui.
Dopo un lungo tira e molla, arrivato anche l'assenso del giocatore più richiesto , per lui c'erano sirene italiane ma soprattutto turche, parliamo del'MVP del campionato Markus Landry.
L'ala di Milwaukee, capocannoniere con quasi 20 punti di media a partita, ha trovato la sua dimensione a Brescia e si è detto convinto che la squadra potrà fare grandi cose.
Ultimo giocatore ad aver siglato un accordo è Lee Moore, l'americano continuerà il suo percorso di crescita nella nostra città.
Pare molto vicina anche l'intesa con Michele Vitali, ormai recuperato dall'infortunio allo scafoide, il più giovane dei fratelli, garantirebbe rotazioni di qualità a Diana.
Una fase di stallo riguarda Burns, l'italo-americano, se convocato da Messina per uno dei prossimi impegni dell'Italbasket, diventerebbe automaticamente giocatore italiano, liberando un posto per poter tesserare un USA e questo accelerebbe la sua riconferma.
Capitolo giocatori nuovi, forte l'interesse per Antonutti ex capitano di Pistoia (nella foto) e Giuri che sarebbe il cambio ideale di Luca Vitali.
Sembrano ormai lontani invece i sogni Cusin e Aradori ma il mercato non dorme mai e il basket Brescia ci ha insegnato che a volte i sogni si realizzano.



Dario Bettinsoli



19 Giugno 2017
IL SOGNO DI LEE MOORE

Arrivato in Italia lo scorso 25 agosto, direttamente dagli UTEP Miners, la società sportiva dell'University of Texas at El Paso, dopo aver precedentemente militato nel Wallace State Community College, superando i 18 punti di media, i 7 rimbalzi e i 3.5 assist a partita nei 36 match disputati tra il 2013 e il 2015.
Parliamo di Lee Moore che grazie a queste prestazioni e numeri si guadagnò un periodo di prova alla corte della Leonessa basket Brescia.
Il 22enne di Kennesaw, 193cm di energia e talento, ha subito attirato le attenzioni di Diana e del suo staff.
Da li al metterlo sotto contratto il passo è stato breve, l'11 settembre, l' americano si è legato alla Germani per una stagione, con opzione di prolungamento per quella successiva.
Un campionato oltre le aspettative, con 26,6 minuti di media giocati, nelle 28 presenze, impreziositi da 13 punti a incontro e buonissime percentuali, gli sono valsi il premio come terzo rookie dell'anno.
Scontata la riconferma, Moore idolo del pubblico e apprezzato da tutto l'ambiente, ha però suscitato interesse anche dall'altra parte dell'oceano.
Da alcuni giorni è infatti impegnato in un camp dei Boston Celtics, sognando una chiamata per il prossimo draft.
Sarebbe una perdita non da poco per il rooster bresciano ma come non augurare un futuro nell'olimpo del basket ad un ragazzo che a soli 21 anni ha lasciato tutto per mettersi in gioco in Europa, lontano da affetti e famiglia?
Buona fortuna Lee, se sarà NBA, Brescia tiferà per te se tornerai, siamo sicuri che il treno non tarderà a ripassare, la stoffa e la testa giusta, ci sono tutte.



Dario Bettinsoli



13 Giugno 2017
FIDUCIA E FUTURO

Sono iniziate le selezioni dei giovano nati nel 2005 e 2006 che sognano di indossare la maglia del Basket Brescia Leonessa.
Gli allenamenti, presso la palestra di via del Verrocchio 30, serviranno per completare le rose della stagione agonistica 2017/18 e a dar man forte agli istruttori, interverranno anche alcuni giocatori della prima squadra, per dimostrare quanto sia forte la voglia della società di creare una sinergia totale tra grandi e piccoli.
Il prossimo appuntamento per le giovani promesse è :
MERCOLEDÌ 14 GIUGNO
dalle 17.00 alle 18.30 per i nati nel 2005
dalle 18.30 alle 20 per i nati nel 2006
Questo il link per maggiori informazioni: http://youth.basketbrescialeonessa.it/istruzioni-leva-2005-2006/
Tra i giovani cestisti che si presenteranno in palestra, siamo certi ci saranno molti dei ragazzini che hanno frequentato il Palageorge durante il campionato della Germani.
Contribuendo a far diventare il palazzetto di Montichiari il sesto più affollato della seria A1, con un indice di riempimento pari all'88,3%.
I dati, diffusi dalla Legabasket, testimoniano quanto sia ormai radicato e diffuso l'amore per questo sport nei bresciani e non.
In attesa del temine dei lavori nel futuro PalaLeonessa (ex EIB), la società è al lavoro per migliorare l'afflusso e il confort dell'impianto monteclarense, il primo passo sarà quello di assegnare posti numerati anche in curva e successivamente aumentare la capienza degli altri settori.



Dario Bettinsoli



07 Giugno 2017
TEMPO DI RICONFERME

Come largamente annunciato, dopo aver definito il rinnovo di Sandro Santoro, ecco la firma del braccio e della mente che hanno guidato la Germani nella stagione passata. Andrea Diana e Alessandro Magro saranno ancora al timone della nave Leonessa, condotta in acque sicure, attraverso una stagione che ha vissuto tanti momenti si e qualche momento no ma che ha visto i due toscani, sempre saldamente al comando.
La riconferma del duo non è mai stata in discussione, la società, soddisfatta dell'ottimo lavoro svolto, ha costantemente supportato lo staff tecnico, anche nella fase iniziale del campionato, quando l'ambientamento nella categoria superiore, aveva fatto registrare qualche passaggio a vuoto.
Prese le redini, Diana e Magro hanno avuto e regalato grandi soddisfazioni alla pallacanestro bresciana.
Qualche sirena, soprattutto da Torino, per i due pare ci sia stata ma il progetto Germani, ha spazzato via ogni ipotesi di cambiamento.
Santoro, in accordo con la proprietà, ha provveduto anche ad altre riconferme nell'organigramma societario.
Fara' ancora parte della famiglia Germani Nicola Tolomei, Direttore dell’Area Marketing per le prossime due stagioni. Tolomei, classe 1963, nel corso della sua carriera ha lavorato per la Federbasket per quattro anni.
Per un altro biennio hanno legato al team la loro preziosa professionalità anche Alessandro Pediconi per quanto riguarda la gestione della comunicazione e Alberto Mattanza che ricoprirà il ruolo di Responsabile commerciale, coadiuvato da Emma Cotelli e Simona Bonardi, assistenti all'ufficio Marketing.
In attesa di completare il rooster, la Leonessa Basket Brescia ha così sistemato pedine altrettanto importanti del suo scacchiere.



Dario Bettinsoli


01 Giugno 2017
LANDRY SI O LANDRY NO ?

Una era la priorità della Germani in questo periodo, trovare l'accordo col Direttore Sandro Santoro, obiettivo raggiunto con grande soddisfazione di entrambe le parti, il manager di Mesagne ha siglato un triennale e continuerà nel progetto Basket Brescia.
I segnali che ci sarebbe stata la fumata bianca erano molti ma ora che ci sono le firme e tutto ha i crismi dell'ufficialità, si può passare alla fase due, i rinnovi dei big.
Markus Landry, MVP della stagione oltre che capocannoniere del campionato, ha sempre dichiarato il suo amore per la nostra città.
La stagione eccezionale che ha disputato l'ha però messo al centro di varie trattative e trattenerlo non sarà facile.
L'assalto più deciso è stato quello di Cantù, una proposta economica molto importante aveva fatto propendere per il si il campione americano ma al momento di chiudere tutto si è bloccato. Il dubbio che si voglia scatenare un'asta attorno al giocatore c'è, anche Venezia infatti ha sondato il terreno e si vocifera che pure l'Olimpia Milano, al momento sotto 1-3 nella semifinale play-off con Trento, voglia ripartire da lui per il 2017/18.
Brescia, dal canto suo, per bocca della Presidentessa Graziella Bragaglio, ha detto che non farà il passo più lungo della gamba, fatta la sua comunque più che ottima offerta a Landry, aspetta una risposta, togliendosi da ogni giochetto al rialzo ma facendo leva anche sull'indiscussa leadership che il ragazzo avrebbe in squadra oltre che essere il beniamino di un ambiente come pochi in Italia.
Una cosa è certa, l'ostentata tranquillità della Leonessa fa pensare che un piano B ci sia e che non sia un ripiego.
Una curiosità, ieri a Milano si sono svolte le premiazioni dei calciatori di serie B. cosa c'entra con il basket?
Presto detto, a fare un'inattesa comparsata tra i premiati, per accompagnare un amico, anche Pietro Aradori, cestista di Lograto, punto di forza (in uscita) di Reggio Emila e della nazionale. Uno dei primi a salutarlo è stato il rappresentante delle rondinelle Andrea Caracciolo.
Chissà che dopo l'impresa della salvezza, l'Airone non faccia venir voglia ad Aradori di tornare da queste parti per cercare di essere profeta in Patria...



Dario Bettinsoli


26 Maggio 2017
PILLOLE DI BASKET

Tempo di vacanze per tifosi e atleti ma si sa, la passione non si riposa mai e neppure gli addetti ai lavori, alle prese con l'allestimento di squadre, raduni e ritiri.
Anche la Germani Basket Brescia non fugge da questa consolidata usanza.
Mentre i giocatori hanno raggiunto le loro zone di origine e si godono un meritato break, tutti tranne Moss ancora in città per la riabilitazione dopo l'intervento al menisco, la coppia Bragaglio-Bonetti sta definendo il rinnovo del D.G. Santoro, appetito da varie società ( Torino in primis) ma deciso a continuare il suo proficuo lavoro all'ombra del Cidneo. Il passo successivo sarà quello di confermare e prolungare il contratto di Andrea Diana , per lui si parla di un anno più un secondo in caso di raggiungimento di obiettivi prestabiliti.
Quali saranno questi obiettivi? innanzitutto la salvezza ma la stagione appena finita ha dimostrato che non manca molto per ambire a qualcosa di più. Sicuri di restare a difendere i colori della Leonessa, per ora sono Moss e Bushati, si lavora per tenere i fratelli Vitali che hanno già dichiarato che la loro priorità è Brescia e Landry, anch'esso molto propenso a metter radici in città.
Capitolo Moore, il giovane americano, pare aver destato interesse oltroceano, lui sogna una chiamata dall'NBA ma il suo processo di maturazione, consiglierebbe una stagione italiana in più, stupirebbe se non restasse.
l'italo-americano Burns, richiesto da Reggio Emilia, se verrà convocato in nazionale da Ettore Messina aumenterà esponenzialmente le sue chance di riconferma.
Alla voce arrivi, ancora nessuna novità ma solo rumors, uno di questi dice di un sondaggio per Cusin , centro di 211cm in forza ad Avellino, sarebbe un grande colpo.
In attesa di news Michal Michalak, il polacco, ingaggiato per l'ultima gara con Pistoia, ha ben impressionato e potrebbe tornare utile alla causa, chi vivrà vedrà.
Per ora, di ufficiale è che dopo il raduno previsto per dopo Ferragosto, la Germani 2017/18 effettuerà un ritiro ai primi di settembre a Ponte di Legno.



Dario Bettinsoli


20 Maggio 2017
DAVID MOSS OPERATO AL GINOCCHIO

Dopo vari tentativi per evitare l'intervento chirurgico, lo staff medico della Germani, in accordo col giocatore ha deciso di risolvere l'annoso problema al ginocchio, con una operazione.
Nei giorni scorsi, il capitano della Leonessa si è recato all'ospedale " Carlo Poma" di Mantova, dove in anestesia locale, è stata effettuata la pulizia del menisco. Perfettamente riuscita l'artoscopia, il fuoriclasse di Chicago ha già iniziato la rieducazione, dividendosi tra la piscina del San Filippo e il Poliambulatorio Oberdan, gestito da Graziella Bragaglio e da Bonetti.
Da sempre sofferente alle articolazioni, Moss aveva subito una distorsione nella trasferta di Capo D'Orlando, stringendo i denti è riuscito a portare in salvo la squadra, dando sempre un grande contributo ma a Pistoia ha dovuto alzare bandiera bianca e da qui la decisione di andare sotto i ferri. Il quasi 34enne americano, sarà disponibile per l'inizio della nuova stagione, pronto a lottare su ogni contesa come suo solito ne sono testimoni le statistiche che lo danno come terzo miglior recupera palloni del campionato.
In attesa delle prime sirene di mercato, una cosa è certa, a portare i galloni di capitano e leader del Basket bresciano, sarà ancora lui, il numero 34 !



Dario Bettinsoli



15 Maggio 2017
PARTITA LA CAMPAGNA ABBONAMENTI 2017/18

Con ancora ben impresse negli occhi le gesta degli atleti della Germani e nelle orecchie i cori dei suoi splendidi tifosi, si può dire sia già partita la nuova stagione per il basket a Brescia.
Oltre 600 tifosi hanno infatti rinnovato o acquistato un abbonamento per il prossimo campionato, una dimostrazione di fiducia ed entusiasmo che non ha lasciato indifferente nessuno, a partire da Graziella Bragaglio.
Le dichiarazioni della Presidentessa, sono state chiare, attesa a breve la firma del General Manager Santoro, si farà un bilancio sul budget a disposizione per allestire un rooster capace di centrare quei play-off, quest'anno soltanto sfiorati.
Una volta stabiliti i mezzi economici a disposizione, partiranno ufficialmente i colloqui coi giocatori, molti big hanno già manifestato la volontà di sposare la causa bresciana ma si sa, finchè i contratti non sono firmati, meglio andare acuti.
Una certezza però c'è, quella di rivedere con la canotta numero 70, un uomo simbolo della Leonessa, Franko "Cobra" Bushati continuerà ad essere un indiscusso idolo degli Irriducibili. Dall'alto delle sue 179 presenze, l'italo-albanese incarna da cinque campionati, lo spirito si una società che con cuore e cervello vuole crescere sempre più.

Le date per sottoscrivere l'abbonamento per la leonessa Basket Brescia, che anche la prossima stagione giocherà al palaGeorge di Montichiari, sono:

LUNEDÌ 15 MAGGIO – DALLE 17.30 ALLE 20
presso il Centro Sportivo San Filippo
MERCOLEDÌ 17 MAGGIO – DALLE 16 ALLE 20
presso Live Arena (Via Beato L. Pavoni, 24 – Castenedolo – Brescia)
SABATO 20 MAGGIO – DALLE 9 alle 12
presso il Centro Sportivo San Filippo



Dario Bettinsoli



10 Maggio 2017
I RECORD DELLA GERMANI

Tempo di analisi e bilanci in casa Leonessa.
Al termine di una stagione ad alto tasso di emozioni, ora che il raziocinio torna a prendere il posto dell'adrenalina, molti sono i dati e i giudizi degli addetti ai lavori che incoronano la squadra cittadina come squadra sorpresa del 2016/17.
Innanzitutto a vestire la canotta bresciana è il capocannoniere del campionato Markus Landry, molti suoi punti frutto di un altro recordman, Luca Vitali infatti è l'assoluto Re degli assist, con tanto di primato nazionale (18) raggiunto in ben due occasioni.
Landry è anche stato votato MVP della stagione e il suo connazionale Lee Moore è arrivato terzo nella speciale classifica di miglior giovane.
Aggiungiamo a questi splendidi traguardi anche quello di aver ottenuto il secondo miglior piazzamento di squadra di tutti i tempi in serie A e aver centrato, da neopromossa, le finali di Coppa Italia.
Un capitale di primati che non va disperso e dal quale ripartire, grazie alla società e ai supporters che rappresentano a loro volta, un vanto per tutto il movimento.
I tifosi bresciani hanno dimostrato anche a Pistoia il loro amore e la loro gratitudine verso i giocatori, attendendoli fuori dallo spogliatoio e acclamandoli a lungo, gettandosi alle spalle il -24 sul groppone al suono della quarta sirena.
Ognuno ha fatto la sua parte, ora compito della dirigenza non smantellare questo gruppo e rinforzarlo dove serve.



Dario Bettinsoli



08 Maggio 2017
GAME OVER

L'inappellabile verdetto del campo ha detto che la Germani Basket Brescia, ha concluso il suo cammino.
La sconfitta contro la Flexx Pistoia ha chiuso ogni discorso play-off, non senza qualche rammarico, visto la concomitante sconfitta di Brindisi che, in caso di vittoria al PalaCarrara, avrebbe regalato l'ottavo posto alla Leonessa.
La partita, vede Diana dover rinunciare in un colpo solo a David Moss, capitano e anima della squadra, a Lee Moore, probabilmente il giovane più forte del campionato e al lungodegente Michele Vitali che fino a quando era in salute, è stato tra i migliori sesti uomo in assoluto.
Queste assenza non devono essere alibi ma sicuramente hanno condizionato il finale di stagione di Brescia che resta comunque una delle squadre rivelazione del 2016/17.
La speranza è che già a partire dalla prossima regular season, i buchi nel rooster vengano colmati con innesti ad hoc, per raggiungere grandi traguardi solo sfiorati ma non così distanti.
Uno di questi potrebbe essere Michalak che a pochi giorno dal suo sbarco in Italia, è stato , per cause di forza maggiore, catapultato in campo, ed ha subito fatto intravedere ottime qualità.
La prestazione del nazionale polacco, autore di 13 punti, lascia ben sperare per il futuro e se il buongiorno si vede dal matttino, questo 23enne, una mano potrebbe proprio darcela. Adesso, serve metabolizzare questa amara debacle ma senza dimenticare da dove si arrivava, un'assenza dalla serie A1, lunga 28 anni, cancellata da una società che avrà pur fatto qualche errore ma ha raggiunto tutti gli obiettivi primari che s'era prefissata.
Quindi, fiducia e su la testa popolo del basket bresciano, un lungo applauso e un cinque alto a tutta la Germani Basket Brescia !

THE FLEXX PISTOIA-GERMANI BASKET BRESCIA 86-62 (22-17, 45-35, 62-45)
The Flexx Pistoia: Petteway 25 (5/9, 5/8), Okereafor, Antonutti 17 (5/7, 2/4), Solazzi, Lombardi 4 (2/6), Crosariol 8 (3/6), Magro 9 (4/4), Jenkins 6 (0/3, 2/4), Moore 11 (5/6, 0/3), Boothe 6 (3/9, 0/2). All: Esposito
Germani Basket Brescia: Moore ne, Berggren 5 (2/2), L. Vitali 9 (2/10, 2/6), Landry 13 (2/10, 2/6), Laganà 2 (1/2, 0/2), Bolis, Zanetti (0/1 da tre), Nyonse, Burns 11 (3/9, 0/2), Michalak 13 (3/7, 2/2), M. Vitali ne, Bushati 9 (2/4, 0/3). All: Diana
Arbitri: Begnis, Aronne e Grigioni
Note: Tiri da 2: Pistoia 27/49 (55%), Brescia 13/36 (36%) – Tiri da 3: Pistoia 9/21 (43%), Brescia 5/18 (28%) – Tiri liberi: Pistoia 5/5 (100%), Brescia 21/30 (70%) – Rimbalzi: Pistoia 37 (29 RD, 8 RO), Brescia 35 (25 RD, 10 RO)



Dario Bettinsoli



04 Maggio 2017
UN NUOVO GIOCATORE PER LA LEONESSA

"Fino alla fine forza leonessa", questo è il coro più gettonato dagli Irriducibili del PalaGeorge ma anche la società ha deciso, coi fatti, di provarci fino all'ultimo a raggiungere i play-off.
I regolamenti permettono di tesserare giocatori stranieri (comunitari) anche in questa fase finale della stagione e il D.G. Santoro ha colto la balla al balzo, arricchendo il rooster bresciano con l'innesto di Michal Michalak, 23enne polacco, proveniente dal Pge Turow.
L'acquisto si è oltremodo reso necessario per l'infortunio al menisco di David Moss.
Il capitano ha chiuso in anticipo la stagione per curare il ginocchio e tornare più forte di prima per il nastro di partenza del prossimo campionato.
Michalak, 197 centimetri, ala piccola, avrà poche ore per inserirsi negli schemi di Diana ma sarà un'arma in più per cercare l'impresa di espugnare Pistoia e regalarsi un sogno. Il Basket Brescia ha anche ufficializzato che venerdì verrà presentata la campagna abbonamenti 2017/18 che inizierà la prossima settimana.
Ma ora concentrazione massima su Pistoia, dove, per l'ennesima volta, i giocatori della Germani non saranno soli, già due pullman di tifosi sono stati riempiti.
FINO ALLA FINE FORZA LEONESSA !




Dario Bettinsoli



03 Maggio 2017
L'ORGOGLIO DI DIANA

Sono tanti i motivi di soddisfazione per un allenatore che in due annate ha portato la sua squadra nella massima serie del basket nazionale, ha centrato una final-eight di coppa Italia, una salvezza quasi mai in discussione e si trova a disputare l'ultima gara di campionato che potrebbe anche far entrare il sodalizio bresciano nei play-off scudetto.
Sembra passata un'eternità da quando, ad inizio stagione, alcune sconfitte consecutive, avevano destato scetticismo e fatto addirittura parlare di esonero.
Grande merito va alla triade Bonetti-Bragaglio-Santoro che ha difeso e supportato il coach fin da subito, permettendogli di portare la nave in acque limpide e sicure.
L'obiettivo ora è il rinnovo di Diana e del suo staff, per continuare un lavoro che pare solo all'inizio.
Da parte sua, il quarantaduenne livornese, ha sempre fatto da parafulmine alla squadra, usando bastone e carota ma difendendola ogni volta che ce n'è stato bisogno, rassicurando spogliatoio e tifosi.
Anche dopo la disastrosa trasferta di Trento (meno quaranta il passivo) ha avuto parole di fiducia e conforto per i propri ragazzi, gettando le basi per la bella vittoria interna contro Torino.
Al termine dell'ultima battaglia casalinga vinta, ha avuto parole al miele per tutti i suoi giocatori, sottolineandone lo spessore umano oltre che tecnico di un gruppo che non molla mai.
Se le imprese si costruiscono nello spogliatoio e nella testa dei protagonisti ancora prima che sul parquet e nelle gambe dei cestisti, beh, a Brescia c'è lo stratega giusto !




Dario Bettinsoli



01 Maggio 2017
FINO ALLA FINE

I tifosi del basket bresciano, da quelli più soft a quelli più caldi, volevano, pretendevano una reazione della loro squadra dopo la batosta di Trento e l'hanno ottenuta.
I ragazzi di Diana, avevano numerosi motivi per provare a disputare la partita che hanno fatto, oltre al già citato riscatto post debacle di settimana scorsa, c'era da mantenere accesa la fievole speranza play-off e c'era da salutare (forse) un pubblico meraviglioso che anche domenica ha gremito il PalaGeorge, realizzando una magnifica coreografia. Il forse tra parentesi è perchè i risultati di giornata, permetteranno di dare un senso alla prossima trasferta di Pistoia, vincere in Toscana, significherebbe poter andare a vedere se dagli altri campi, arriveranno i risultati sperati che regalerebbero alla Germani l'ottavo posto e l'accesso alla post-season. La partita contro Torino, squadra già fuori da ogni obiettivo di classifica ma con un rooster pieno di ottimi giocatori, ha visto Brescia partire forte, dando subito un segnale inequivocabile agli avversari.
L'acciaccato Capitan Moss, schierato a sorpresa nonostante i guai al ginocchio che lo attanagliano da tempo, resiste nemmeno un minuto ma il suo carisma e spirito, hanno aiutato anche dalla panchina, dalla quale sono arrivati punti decisivi da Burns e Bushati.
Alla fine saranno ben 6 i giocatori locali in doppia cifra, con un Moore eccezionale negli ultimi minuti.
Ora che si avvicina la resa dei conti, viene da cantare il mantra degli " Irriducibili":
Fino alla fine, forza Leonessa.

GERMANI BASKET BRESCIA-FIAT TORINO 96-89 (35-17, 54-43, 73-62)
Germani Basket Brescia: Moore 18 (4/7, 0/3), Berggren 16 (8/9), L. Vitali 13 (2/3, 2/4), Landry 14 (1/3, 4/7), Laganà (0/2 da tre), Bolis ne, Zanetti ne, Nyonse ne, Burns 17 (3/4, 3/6), M. Vitali ne, Moss, Bushati 18 (3/5, 3/8). All: Diana
Fiat Torino: Wilson 25 (6/8, 2/6), Harvey 9 (3/4, 1/7), White 11 (5/7, 0/1), Parente, Alibegovic 8 (1/3, 2/4), Poeta 14 (3/6, 2/5), Cuccarolo ne, Okeke 1 (0/2 da tre), Mazzola 7 (2/3, 1/2). All: Vitucci
Arbitri: Sahin, Paglialunga e Belfiore
Note: Tiri da 2: Brescia 21/31 (68%), Torino 27/39 (69%) – Tiri da 3: Brescia 12/30 (40%), Torino 8/27 (30%) – Tiri liberi: Brescia 18/23 (78%), Torino 11/12 (92%) – Rimbalzi: Brescia 30 (22 RD, 8 RO), Torino 26 (19 RD, 7 RO)




Dario Bettinsoli



27 Aprile 2017
PICCOLI CAMPIONI CRESCONO

Nell'universo basket Brescia, non si vive di sola prima squadra.
La società della Leonessa, sta curando attentamente anche il settore giovanile, nella speranza di crescere qualche piccolo campione che possa ricalcare le orme degli attuali protagonisti del campionato di serie A.
In quest'ottica la partecipazione alla Easter Cup-Moabit, torneo internazionale disputato a Berlino.
Una splendida esperienza tecnica e umana che ha fruttato pure un primo e un terzo posto, rispettivamente con gli under 11 e gli under 13.
Gli aquilotti della Germani, formazione tra le più giovani della competizione, erano gli unici rappresentanti italiani ed hanno catturato presto le simpatie di pubblico e addetti ai lavori.
Soddisfazioni anche in campo nazionale, gli under16 eccellenza L&L di Coach Alberti, hanno raggiunto l'accesso agli interzona e dal 19 maggio saranno impegnati a Rieti.
Grandi gioie anche dai singoli, Naoni e Rodella hanno ben figurato con la rappresentativa Lombarda al torneo delle regioni, mentre Nicola Bellandi a marzo si è vestito di azzurro, chiamato al raduno della Under 18 a Tirrenia.
Una menzione la meritano anche Filippo Copeta, Pierferdinando Fendi e Giovanni Santi, convocati per il trofeo dell province.
Un movimento di costante crescita quello della Germani Basket Brescia che dalle proprie basi vuol costruirsi un futuro sempre più solido.




Dario Bettinsoli



24 Aprile 2017
TROPPA ENERGIA

La Germani Basket Brescia, non riesce a battere la Dolomiti Energia Trento e si può dire che chiude con due giornate d'anticipo la sua comunque positiva stagione.
Non sarà infatti sufficiente battere Torino e Pistoia per agguantare l'ottava piazza che avrebbe significato play-off.
Non era purtroppo pretattica quella che dava incerta la presenza di David Moss tra gli ospiti.
Il fuoriclasse di Chicago non recupera dal problema al ginocchio e lascia il suo posto, nel quintetto base, a Franko Bushati.
Brescia parte bene, grazie alla buona vena realizzativa di Berggren e chiude il primo quarto nella scia dei padroni di casa, 21-20.
I guai iniziano però fin dal secondo quarto, da li in poi, Trento costruisce una vittoria netta e meritata, dominando a rimbalzo e al tiro.
L'incontro termina poi virtualmente al 30esimo, quando un tecnico fischiato a Landry, priva la Leonessa del miglior realizzatore suo e del campionato.
Al termine sono ben 40 i punti di distacco tra le due compagini, un punteggio severo ed esagerato, come forse un pò esagerati sono i fischi e i cori dei tifosi ospiti contro i propri beniamini.
Del resto è stato detto e ridetto che una squadra con una rosa forte ma ristretta come quella a disposizione di Diana, non può concedere agli avversari due pedine come Moss e Michele Vitali.
A proposito, sono confortanti le parole di Mauro Ferrari A.D. dell'azienda Germani, title sponsor di Brescia.
L'imprenditore, giàproiettato alla prossima stagione, ha dichiarato che pur senza fare il passo più lungo della gamba, si sta già lavorando per completare e rinforzare un rooster che i play off li possa davvero raggiungere nel 2017/18. Del resto, dopo l'arrivo del Polivalente di via Collebeato, sede e quartier generale della squadra, l'avvio dei lavori al nuovo Eib, sarebbe un "delitto" non continuare in questo solco di sana e ambiziosa programmazione.

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO-GERMANI BASKET BRESCIA 99-59 (21-20, 44-35, 78-45)
Dolomiti Energia Trentino: Sutton 19 (5/9, 1/4), Craft 11 (4/8, 1/2), Moraschini 2 (1/2, 0/1), Forray 13 (0/1, 4/4), Conti (0/1), Flaccadori 12 (3/7, 1/5), Gomes 18 (1/3, 4/7), Hogue 12 (6/9), Lechthaler (0/1), Shields 12 (6/11, 0/2). All: Buscaglia
Germani Basket Brescia: Moore 8 (1/4, 0/3), Berggren 17 (8/11, 0/1), L. Vitali 4 (1/1, 0/2), Landry 17 (1/7, 5/8), Laganà (0/1 da tre), Bolis, Zanetti ne, Nyonse ne, Burns 10 (4/6, 0/2), Moss ne, Bushati 3 (1/3, 0/6). All: Diana
Arbitri: Mattioli, Borgioni e Quarta
Note: Tiri da 2: Trentino 26/52 (50%), Brescia 16/32 (50%) – Tiri da 3: Trentino 11/25 (44%), Brescia 5/25 (20%) – Tiri liberi: Trentino 14/21 (67%), Brescia 12/17 (71%) – Rimbalzi: Trentino 47 (28 RD, 19 RO), Brescia 32 (23 RD, 9 RO)



Dario Bettinsoli



18 Aprile 2017
TRA SOGNI E MERCATO

Mancano ancora tre partite per capire se la stagione della Germani Brescia verrà archiviata come ottima o straordinaria.
In ogni caso si cade in piedi, però, dopo aver centrato con largo anticipo il traguardo salvezza, vedere a pochi passi lo striscione con scritto Play-off e non oltrepassarlo, un pò dispiacerebbe.
Non ci saranno critiche o processi in caso di non raggiungimento del post-season ma i ragazzi di Diana ci hanno talmente bene abituati che il pensiero di provarci è costante.
Gli Irriducibili, i fantastici tifosi della Leonessa, ci credono più di tutti e la trasferta organizzata di Trento, sta ottenendo numerose adesioni.
In questi giorni, un altro tema però è piuttosto ricorrente in casa Brescia: il mercato.
Attendendo l'imminente firma del Direttore Santoro, che si legherà ai colori bresciani per almeno altre due stagioni, aumentando il suo potere decisionale, tiene banco la voce che da Bologna, sponda Virtus, possa partire l'attacco ad alcuni gioielli di casa.
Il regolamento consente alle squadre di A2 di rinforzarsi in previsione degli spareggi promozione.
I Felsinei, per tentare la promozione nella categoria superiore, pare abbiano messo gli occhi su Luca Vitali, prodotto del loro settore giovanile e Franko Bushati che anche da quelle parti è molto stimato.
Vincere e mantenere vive le speranze di allungare la stagione allontanerebbe ogni tentazione di trasloco ma i rumors ci sono.
Non sorprende che gli addetti ai lavori abbiano posato gli occhi sui giocatori della Germani, oltre ai due già citati, il miglior realizzatore della A1 Markus Landry fa gola a molti, pare anche dalla vicina Milano..
Un altro ragazzo che si è messo in luce ed ha attirato l'attenzione di vari team è Lee Moore, candidato ad essere eletto miglior giovane del campionato, ha recentemente dichiarato che a Brescia si trova benissimo e lascerebbe la nostra città e l'Italia, solo per una chiamata dall'NBA.
Per ora tante chiacchiere ma sicuramente i telefonini del trio Bragaglio-Bonetti-Santoro tra un pò saranno roventi.



Dario Bettinsoli



18 Aprile 2017
I PLAY-OFF SI ALLONTANANO

Serviva battere la Reyer Umana Venezia per mantenere vivo il sogno play-off della Germani Brescia ma l'impresa è stata solo sfiorata.
La Diana's band scesa in campo col consueto quintetto Moss, Landry, Moore, Berggren e Luca Vitali partiva bene e grazie all'aggressività difensiva e alla precisione al tiro, nei primi due quarti, riusciva a trovare anche un vantaggio di +14, trascinata da un Landry strepitoso.
Venezia, seconda forza del campionato e finalista della champions league del basket, riusciva però ad alzare le percentuali da tre, assottigliando lo svantaggio, fino al 37-33 dell'intervallo lungo.
Complice un pò di stanchezza e alcune decisioni arbitrali molto discutibili, la Leonessa in un amen si trovava sotto di 13, colpita più volte da Haynes, Bramos e Ortner.
Partita finita? Certo che no, un Landry dalla mano caldissima, coadiuvato da Lee Moore capace di 10 punti in 3 minuti, riportavano Brescia sopra di un punto.
La bolgia del Palageorge, probabilmente uno dei palazzetti più corretti e caldi d'Italia, sembrava dare la spinta decisiva per l'impresa ma alcuni fischi arbitrali avversi e la classe dei giocatori veneti, ricacciavano indietro i locali, affidando alla l'ultima fievole speranza per agganciare il treno play-off.

GERMANI BASKET BRESCIA-UMANA REYER VENEZIA 79-84 (21-10, 37-33, 52-65)
Germani Basket Brescia: Moore 10 (2/4, 1/3), Berggren 8 (4/5), L. Vitali 9 (1/3, 1/5), Landry 32 (9/14, 3/4), Laganà 3 (0/1, 1/3), Bolis ne, Zanetti ne, Nyonse ne, Burns 5 (2/6), Moss 10 (2/2, 1/3), Bushati 2 (1/2, 0/3). All: Diana
Umana Reyer Venezia: Haynes 8 (1/3, 2/4), Ejim 24 (6/8, 2/5), Peric 3 (0/5, 1/4), Stone (0/1, 0/2), Bramos 12 (0/3, 4/9), Tonut 10 (1/4, 1/2), Visconti ne, Filloy 12 (0/2, 3/6), Ress, Ortner 6 (3/5), Viggiano 5 (1/1 da tre), McGee 4 (1/1). All: De Raffaele
Arbitri: Martolini, Sardella e Ranaudo
Note: Tiri da 2: Brescia 21/37 (57%), Venezia 12/32 (38%) – Tiri da 3: Brescia 7/21 (33%), Venezia 14/33 (42%) – Tiri liberi: Brescia 16/22 (73%), Venezia 18/20 (90%) – Rimbalzi: Brescia 31 (26 RD, 5 RO), Venezia 36 (27 RD, 9 RO)


Dario Bettinsoli



10 Aprile 2017
OBIETTIVO RAGGIUNTO

Mancava solo il verdetto inappellabile della matematica per certificare la salvezza della Germani e domenica sera, grazie alla splendida vittoria a Cremona, sono volati i tappi di champagne...pardon, di Franciacorta.
Erano in fresca da parecchio quelle bottiglie, pronte per brindare un grande risultato, frutto della programmazione e competenza che hanno ripagato gli sforzi della società e degli atleti bresciani. Una partita molto sentita, un derby che ha visto la Leonessa usare un'arma che durante la stagione a volte ha sparato a salve ma nel momento clou, ha demolito gli avversari : il tiro da tre. Sono ben sette i giocatori di Coach Diana che hanno a referto almeno una bomba, con un fantastico Luca Vitali capace di realizzare un 5/8 che, condito dalla solita dose di assist, lo fa insieme a Moore, il vero mattatore del match.
Brescia ha tenuto un vantaggio costante sui padroni di casa, sempre più inguaiati a fondo classifica, e che soltanto nel secondo quarto hanno messo il naso avanti di quattro lunghezze ma un provvidenziale time out, ha rimesso sul parquet una Leonessa determinata e grintosa che non ha lasciato scampo ai cremonesi.
Una nota di merito va anche a Marco Laganà, in molti avevano storto il naso sulle sue prestazioni, finalmente il giovane play ha sfoderato tutto il suo talento, ritagliandosi minutaggio e lampi di classe fin qui ancora inespressi.
Missione salvezza raggiunta, è già ora di riporre i calici per Moss e compagni, sabato è attesa al PalaGeorge l'agguerrita Venezia, desiderosa di vendicare la sconfitta in coppa Italia, inflittagli dalla Germani a Rimini, ma avverato il sogno salvezza, ce n'è pronto un altro: quell'ottavo posto distante due punti e che significherebbe play-off.

VANOLI CREMONA-GERMANI BASKET BRESCIA 80-86 (21-24, 38-41, 56-57)
Vanoli Cremona: Johnson-Odom 18 (4/5, 2/7), Mian 2 (0/2, 0/4), Gaspardo 14 (4/5, 1/1), Harris 7 (2/4, 0/1), Carlino 7 (1/2, 1/5), Wojciechowski 5 (1/2, 1/2), Biligha 11 (5/7, 0/1), Turner 2 (1/2, 0/4), Thomas 14 (7/11, 0/1), Ibarra ne. All: Lepore
Germani Basket Brescia: Moore 17 (4/6, 3/5), Berggren 6 (3/4), L. Vitali 19 (5/8 da tre), Landry 19 (6/8, 1/6), Laganà 7 (0/1, 2/4), Bolis ne, Zanetti ne, Burns 5 (1/5, 1/1), Moss 9 (3/8, 1/5), Bushati 4 (1/2 da tre). All: Diana
Arbitri: Lo Guzzo, Mazzoni e Borgioni
Note: Tiri da 2: Cremona 25/40 (62%), Brescia 17/32 (53%) – Tiri da 3: Cremona 5/26 (19%), Brescia 14/31 (45%) – Tiri liberi: Cremona 15/18 (83%), Brescia 10/14 (71%) – Rimbalzi: Cremona 34 (21 RD, 13 RO), Brescia 36 (26 RD, 10 RO)



Dario Bettinsoli



06 Aprile 2017
GERMANI SCONFITTA IN AMICHEVOLE

La Leonessa Brescia era chiamata mercoledì ad affrontare, in un test amichevole, la Virtus Bologna.
La partita, intitolata alla memoria di Roberto Ferrari, fratello di Mauro, amministratore delegato della Germani, sponsor principale dei bresciani.
Nonostante il risultato negativo, coach Diana può trarre buone indicazioni dalla prestazione dei suoi ragazzi.
Sul parquet dell'impianto di Castel San Pietro, la capolista del girone Est della A2, ha presentato il suo miglior quintetto, lasciando in panchina l'ex Davide Bruttini.
Brescia ha lasciato a casa i tre USA Moore, Moss e Burns, oltre al lungodegente Michele Vitali.
Spazio quindi a Laganà che ha messo a referto un importante minutaggio oltre che top scorer con 17 punti, a Morse, l'americano che per le quote non può essere tesserato e nell'ultimo quarto, largo anche ai giovani Zanetti, Vertova, Bolis, Bellandi e Elhadje .
Testa e gambe ora sulla decisiva trasferta di Cremona, uno spartiacque decisivo per il finale di stagione.
Violare il palazzetto della Vanoli, significherebbe alimentare il sogno play-off, tornare a mani vuote, rischia di togliere sapore e pathos alle ultime gare di campionato.

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA-GERMANI BASKET BRESCIA 71-54 (21-18, 36-29, 53-47)
Virtus Segafredo Bologna: Spissu 10, Umeh 5, Spizzichini 10, Ndoja 7, Rosselli 7, Michelori 2, Oxilia 7, Penna 8, Lawson 13, Bruttini 2. All: Ramagli
Germani Basket Brescia: Elhadje, Moore ne, Berggren 2, Vitali 8, Landry 11, Laganà 17, Bolis 7, Vertova, Zanetti, Bellandi, Morse 3, Burns ne, Moss ne, Bushati 6. All: Diana Arbitri: Vicino, Tirozzi e Tallon


Dario Bettinsoli



05 Aprile 2017
PARTITI I LAVORI PER L’EIB

Un’attesa di 28 anni per ritrovare la massima serie del basket nazionale, una stagione sorprendente, un pubblico tra i più calorosi e corretti d’Italia, un ambiente che inizia a far gola a giocatori e addetti ai lavori che non guardano più a Brescia come ad una piazza minore.
Cosa si può volere di più?
Una casa tutta tua !
Detto e quasi fatto, quasi ma solo perché i lavori per dare alla città e alla squadra un impianto all’altezza di aspettative e ambizioni, richiede dei tempi tecnici ma ormai il dado è tratto.
Senza nulla togliere al piccolo e ribollente San Filippo che ospitò gli incontri casalinghi fino a prima dei play-off vincenti dello scorso e al bellissimo PalaGeorge di Montichiari che ogni match registra il pienone, la tana della Leonessa è sempre stata il mitico EIB.
Il ciambellone che vide le gesta della prima era d’oro della pallacanestro nostrana dopo anni di inutilizzo sta riprendendo vita.
Da non molto sono partiti i lavori di ristrutturazione, la durata dei quali per contratto dovrebbe essere di 430 giorni ma che si punta a ridurre ad un anno circa.
La speranza è di vedere nel PalaLeonessa, questo il nome che prenderà il nuovo tempio del basket cittadino, una Germani protagonista già nella seconda parte della stagione 2017/18.
Una splendida notizia questa perché ormai è risaputo che la programmazione e la continuità passano dall’avere a disposizione strutture confortevoli, spaziose e moderne.
Il nuovo palazzetto sarà omologato per le competizioni europee, potrà ospitare 5100 spettatori, con parcheggi e viabilità ben collaudata vista la vicinanza del PalaFiera.
E’ partito il conto alla rovescia per inaugurare il nascente Tempio della pallacanestro e d’ora in poi, quando si passerà dalle parti di via Caprera, sarà impossibile non gettare uno sguardo, ad una cantiere che fa già sognare.


Dario Bettinsoli



04 Aprile 2017
Vanoli Cremona-Germani Basket Brescia, tagliandi in vendita al San Filippo

Germani Basket Brescia comunica che, seguendo le indicazioni della Questura, la Vanoli Cremona ha affidato alla Leonessa la vendita per i tifosi bresciani di 150 tagliandi (120 di curva e 30 di tribuna, per i quali non è prevista alcuna riduzione) per la prossima gara di campionato, in programma domenica 9 aprile alle ore 18.15 presso il PalaRadi di Cremona.
La vendita diretta dei tagliandi avverrà nei nuovi uffici del Basket Brescia presso il Centro Sportivo San Filippo (via Luigi Bazoli, 10) nei seguenti giorni:
– MARTEDÌ 4 APRILE, DALLE ORE 14 ALLE ORE 20
– MERCOLEDÌ 5 APRILE, DALLE ORE 14 ALLE ORE 20
In caso di biglietti rimasti invenduti è prevista la vendita diretta anche in questa ulteriore data:
– VENERDÌ 7 APRILE, DALLE ORE 14 ALLE ORE 20
Ogni persona interessata potrà acquistare un numero massimo di 4 tagliandi.




Dario Bettinsoli

03 Aprile 2017
Germani Basket Brescia e Virtus Segafredo Bologna mercoledì in amichevole a Castel San Pietro

Germani Basket Brescia e Virtus Segafredo Bologna si sfideranno in una gara amichevole mercoledì 5 aprile alle ore 18 presso il Palasport di Castel San Pietro Terme, l’impianto intitolato alla memoria di Roberto Ferrari, tragicamente scomparso in un incidente stradale.

Figlio di Fausto Ferrari, titolare di Fap Investments, e fratello di Mauro Ferrari, amministratore delegato di Germani Trasporti Spa, title sponsor della Leonessa, Roberto Ferrari è la persona alla quale è intitolato il Trofeo che la Leonessa ha promosso a partire dal settembre scorso, quando in occasione della prima edizione aveva affrontato l’Hapoel Gerusalemme di Simone Pianigiani al PalaGeorge di Montichiari.

L’evento di mercoledì prossimo è organizzato in collaborazione con Asd Home, la società che gestisce l’impianto di Castel San Pietro, e Asd Pallacanestro CSPT 2010, la società che gestisce tutto il settore giovanile, per un totale di circa 300 ragazzi e ragazze.

L’ingresso è gratuito, l’accesso all’impianto sarà consentito a partire dalle ore 17.



Alessandro Pediconi
Addetto Stampa
Basket Brescia Leonessa
030 312271
347 3324613
ufficiostampa@basketbrescialeonessa.it



03 Aprile 2017
LA LEONESSA TORNA A RUGGIRE

Un boato assordante, un urlo liberatorio, forte quanto la delusione e frustrazione delle quattro sconfitte consecutive, ha fatto esplodere il PalaGeorge,, quando, a otto secondi dalla fine, la bomba di Landry, ha riportato a più 2 la Germani.
Il canestro del fuoriclasse americano, ha messo il sigillo su una vittoria che, Bonetti dixit, significa salvezza al 99,9%.
Sarebbe stata festa piena se Cremona non avesse sconfitto, in una gara spareggio, Pesaro, risucchiandola in ultima posizione.
Proprio Cremona sarà la prossima avversaria di Brescia, un derby, dopo l'affermazione contro Caserta, da affrontare con più serenità ma con la consapevolezza che l'ultimo treno play-off passa proprio dalla città del torrone.
Tornando all'incontro giocato domenica, i ragazzi di Coach Diana, non hanno brillato, soprattutto ad inizio partita, trovandosi subito ad inseguire, patendo oltremodo, la fisicità avversaria. Un po' alla volta, graffio dopo graffio, la Leonessa è tornata a galla, dando così ragione alla scelta di preservare Moss e Moore a Reggio Emilia, per averli al top sul parquet di casa.
Una menzione va data anche al pubblico, in un rooster dalla poche rotazioni, spesso, il calore dei tifosi bresciani ha fatto la differenza. Una spinta e una correttezza senza eguali, tanto è vero che un campione navigato come il capitano David Moss, ha iniziato ad applaudire il suo popolo, a pochi centesimi dalla sirena, con Caserta in lunetta per due tiri liberi.
A Brescia, quest'anno, succedono anche queste cose e anche da qui si deve ripartire, per non smettere di sognare.




Dario Bettinsoli



03 Aprile 2017
Con le unghie e con i denti, la Leonessa Brescia conquista il successo con Caserta

Con le unghie e con i denti, la Leonessa torna al successo battendo 64-62 una coriacea Caserta, interrompendo la striscia di quattro sconfitte consecutive e compiendo un bel balzo avanti sulla strada che porta alla salvezza, ormai a un passo. Contro la Pasta Reggia, Brescia gioca un match di pura sofferenza, riuscendo a gioire solo sulla linea del traguardo grazie a una magia di Marcus Landry, autore della tripla decisiva. Dalle difficoltà del primo tempo all’emozionante rimonta, culminata con la vittoria finale, la costante è stato il tifo del PalaGeorge, che ha dato una spinta in più ai propri beniamini. 22 punti di Landry (15 nell’ultimo quarto), 14 di capitan Moss, fondamentali per conquistare un successo entusiasmante dopo un periodo complicato. Ora testa alla prossima sfida, che si disputerà domenica 9 aprile alle ore 18.15 a Cremona.

LA PARTITA - Partenza da incubo per la Germani, incapace di realizzare punti nei primi 6′ del match. Per fortuna dei padroni di casa, anche gli ospiti faticano a trovare il canestro e sul 4-0 a favore dei bianconeri le squadre restano ben 4′ senza segnare. Gaddefors mette la tripla e un fallo antisportivo fischiato a Berggren consente agli ospiti di guadagnare 8 punti di vantaggio. Dopo 6' in bianco, Brescia riesce a sbloccarsi grazie ai canestri di Moss e Landry, ma continua a perdere molti palloni e a commettere troppi errori al tiro, permettendo alla Pasta Reggia di chiudere il primo quarto avanti di 9 punti sul 6-15. Nel secondo periodo le redini della partita restano nelle mani della Juve, anche se Landry con la tripla permette alla Germani di riacquistare un po’ di fiducia e accorciare le distanze, pur con grande fatica (16-22). Il pubblico entra in partita, la Leonessa lotta in campo e riesce ad avvicinarsi agli avversari, senza però riuscire ad agguantarli. E così all’intervallo sono sempre i campani a condurre la gara, chiudendo il primo tempo sul punteggio di 23-28.

La Leonessa rientra in campo carica, Moss realizza 5 punti importanti e grazie al canestro di Moore torna momentaneamente sul -1 (30-31), raggiungendo poi il pareggio con un canestro di Bushati (37-37). Caserta non esce dalla partita ma la Germani ormai è sul pezzo, anche se il terzo quarto si chiude con la Pasta Reggia in vantaggio di 2 punti (42-44). All’inizio dell’ultimo periodo Brescia riesce a superare gli avversari e portarsi per la prima volta in vantaggio (46-44) ma è un fuoco di paglia, perché un parziale di 7-0 permette ai campani di allungare di nuovo sul 46-51. La situazione si complica con il quinto fallo di Burns ma la Germani, pur a un passo dal baratro, non molla di un centimetro, andando sempre a cercare le situazioni di vantaggio sotto il canestro avversario. E quando nei minuti finali si accende Marcus Landry, la partita cambia volto: l’ala statunitense (15 punti nell’ultimo periodo) punisce sistematicamente la difesa avversaria dal post basso e al 39′ pareggia il match a quota 61. Berisha (top scorer del suoi con 21 punti) sbaglia la tripla e a 6" dalla sirena finale Landry (su splendido assist di Luca Vitali) realizza la tripla che porta la Leonessa al comando sul 64-61. Caserta conquista due liberi all’ultimo respiro, Giuri segna il primo e sbaglia appositamente il secondo: il rimbalzo decisivo, però, è della Leonessa, che trasforma la sofferenza del pubblico del PalaGeorge nell’incontenibile gioia dell’11/ma vittoria stagionale, che interrompe la striscia di sconfitte consecutive, alleggerisce gli animi di tutti e, soprattutto, vale una bella fetta di salvezza.

ANDREA DIANA - "Sono orgoglioso dei miei ragazzi e dei nostri tifosi. C’è chi ha giocato sul dolore e chi sulla fatica ma ancora una volta abbiamo dimostrato che siamo uniti. Nel momento di difficoltà, poi, ci siamo compattati e abbiamo fatto squadra ed è stato questo che ci ha permesso di vincere. I nostri tifosi non hanno mollato mai e ci hanno sempre sostenuto: il loro calore ci ha dato una spinta in più, loro ci hanno aiutato ad arrivare dove non siamo riusciti noi. Sono contento, è stata una vittoria importante per la classifica che ci proietta a una sfida altrettanto importante, quella di domenica prossima contro Cremona. La lotta per un posto ai playoff? Rifatemi la stessa domanda fra 15 giorni dopo la sfida con Venezia".

GERMANI BASKET BRESCIA-PASTA REGGIA CASERTA 64-62 (6-15, 23-28, 42-44)
Germani Basket Brescia: Moore 7 (3/5, 0/3), Berggren 6 (2/3), L. Vitali (0/2 da tre), Landry 22 (4/10, 3/7), Laganà, Bolis ne, Nyonse ne, Burns 10 (2/2, 2/3), Moss 14 (2/7, 2/3), Bushati 5 (2/2, 0/4). All: Diana
Pasta Reggia Caserta: Berisha 21 (0/1, 5/8), Iavazzi ne, Diawara 2 (1/4, 0/2), Cinciarini 15 (3/3, 1/5), Ventrone (0/1), Putney 4 (2/5, 0/2), Gaddefors 7 (2/3, 1/2), Giuri 4 (0/4, 1/6), Bostic ne, Cefarelli ne, Watt 7 (1/5), Johnson 2 (1/1). All: Dell’Agnello
Arbitri: Biggi, Rossi e Bettini
Note: Tiri da 2: Brescia 15/29 (52%), Caserta 10/27 (37%) – Tiri da 3: Brescia 7/22 (32%), Caserta 8/25 (32%) – Tiri liberi: Brescia 13/18 (72%), Caserta 18/22 (82%) – Rimbalzi: Brescia 29 (26 RD, 3 RO), Caserta 34 (23 RD, 13 RO)



Alessandro Pediconi
Addetto Stampa
Basket Brescia Leonessa
030 312271
347 3324613
ufficiostampa@basketbrescialeonessa.it

31 Marzo 2017
BRESCIA, DIANA E BERGGREN AVVISANO CASERTA: "IL DESIDERIO DI TORNARE A VINCERE È GRANDE"

"Abbiamo un grande desiderio di tornare a vincere, sapendo di poter sempre contare sul sostegno del nostro pubblico": è questo il messaggio che è emerso dalla conferenza stampa di presentazione della 25/ma partita di campionato tra Germani Basket Brescia e Pasta Reggia Caserta, in programma domenica prossima alle 18.15 al PalaGeorge di Montichiari La conferenza stampa si è tenuta presso la sede di Avicola Monteverde [1], main sponsor della Leonessa per la stagione 2016-2017 e match sponsor della sfida di domenica prossima, alla presenza di coach ANDREA DIANA, del pivot statunitense JARED BERGGREN e di FRANCESCO CRESCENTI, direttore generale dell’azienda di Rovato.

"Contro Caserta vogliamo essere aggressivi, sarà importante avere un buon approccio - spiega Andrea Diana -. Affronteremo una squadra molto fisica che con la partenza di Sosa ha perso un grande terminale offensivo ma al tempo stesso ha acquisito una grande aggressività difensiva, incassando di media 67 punti rispetto agli 86 di prima. Mi aspetto una partita molto dura dal punto di vista fisico e sono sicuro che dove non riusciremo ad arrivare con le nostre forze potremo contare sulla spinta del nostro caloroso pubblico".

"Cercheremo di giocare una grande partita in difesa e tornare sui livelli su cui viaggiavamo fino a poche partite fa - prosegue il coach della Leonessa -. Caserta attacca molto bene il ferro e ha giocatori forti in penetrazione, ma nel roster ci sono tiratori di tutto rispetto come Berisha, Cinciarini e Giuri che vanno tenuti in grande considerazione. In questo momento i migliori della Juve sono Watt e Putney, anche perché sono aumentati i palloni a loro disposizione, e tra i giocatori a cui fare attenzione aggiungerei anche l’esperto Diawara, che nella gara d’andata non c’era. Le voci di mercato? La Pasta Reggia ha giocatori che vivono la pallacanestro con grande agonismo, finché saranno a Caserta daranno tutti il 100%".

"Michele Vitali sarà out, Moore resta in forte dubbio - conclude l’allenatore toscano -. Qualcuno giocherà sul dolore, qualcun altro che ha speso tanto durante la stagione giocherà sulla fatica. Dove non arriverremo noi ci penseranno i nostri tifosi, mi aspetto una grande spinta da parte loro. Il nostro pubblico è cresciuto molto in questa stagione, dal punto di vista numerico ma anche e soprattutto come maturità. Sono riusciti a capire che la squadra sta vivendo un momento delicato e che ha sempre cercato di dare il massimo: mercoledì scorso arrivare al Polivalente e vedere lo striscione che ci hanno dedicato non ha fatto altro che aumentare la voglia che è dentro di noi di finire questo campionato nel migliore dei modi".

"Veniamo da un periodo difficile, le ultime settimane sono state molto dure per via dei tanti infortuni che abbiamo avuto - spiega Jared Berggren, pivot della Germani Basket Brescia -. Questa settimana ci siamo allenati meglio rispetto a quelle precedenti. Abbiamo voglia di tornare a vincere, sarebbe importante farlo soprattutto perché giochiamo davanti al nostro pubblico. Caserta è una buona squadra, che è vicina a noi in classifica. Watt è un grande giocatore ed è molto importante nell’economia della sua squadra, che spesso gioca per lui. Bisogna fare un duro lavoro tutti insieme su di lui ed evitare che possa fare canestri facili".

"È un periodo difficile, stiamo lavorando sodo per chiudere al meglio la stagione - prosegue il centro statunitense -. Nelle prossime sei settimane abbiamo la possibilità di fare tante buone cose e finire il campionato nel modo migliore. I nostri tifosi? Sono i migliori d’Italia! Ci incoraggiano anche nei momenti difficili, il loro attaccamento è davvero forte. Ci stanno vicini non solo quando vinciamo, ma anche nei periodi più duri. Sono sicuro che domenica potrermo trarre energia positiva da loro, con il loro calore ci possono aiutare a conquistare la vittoria".

Alessandro Pediconi
Addetto Stampa
Basket Brescia Leonessa


28 Marzo 2017
ALTRO VIAGGIO A VUOTO PER LA GERMANI

Leonessa, dica 33 ! Sembra una battuta ma c’è poco da ridere dopo il 103-70, un -33 punti che è anche il peggior passivo stagionale per la Germani. Una squadra che sta attraversando un momento difficile, sopratutto dal punto di vista fisico. Una volta si organizzavano le partite tra scapoli e ammogliati, se si potesse, in questo periodo, al Polivalente di Collebeato ci starebbe bene un: sani Vs infortunati e visto i nomi degli acciaccati, l’esito non sarebbe così scontato. I ragazzi di Diana, giunti a Reggio Emilia, privi di Moss, Michele Vitali, Moore e con Bushati a mezzo servizio, hanno fatto il possibile ma nulla hanno potuto contro una squadra già forte di per se. Aradori (applauditissimo bresciano di Lograto e sogno di mercato, si spera non impossibile per la Presidentessa Bragaglio) e compagn, fin dall’inizio, hanno portato l’incontro dalla loro parte, costringendo gli ospiti alla quarta battuta d’arresto consecutiva. Non rimane che aggrapparsi alle poche note positive di una partita probabilmente già segnata ancora prima della palla a 2. Bene i primi punti in serie A per Bolis, per gli esordi di Vertova (1 punto) e Nyonse. Il ritorno in testa alla classifica dei marcatori di Landry, peccato però la sua espulsione per doppio fallo antisportivo e ritorno a percentuali di tiro che gli competono di Burns. Per il resto, tutto da rifare e pagina da voltare velocemente, in vista del delicato match con Caserta, con la concreta speranza di recuperare qualche infortunato e tornare a muovere la classifica.

GRISSIN BON REGGIO EMILIA-GERMANI BASKET BRESCIA 103-70 (36-17, 52-35, 82-51)
Grissin Bon Reggio Emilia: Aradori 10 (2/7, 2/6), Needham 11 (4/4, 1/3), Polonara 11 (1/2, 3/4), Reynolds 13 (6/9), Della Valle 19 (3/3, 4/10), De Nicolao 13 (1/1, 3/4), Strautins 10 (1/1, 2/4), Kaukenas 12 (1/3, 2/2), Cervi 4 (1/2), Gentile (0/1, 0/1), Williams ne. All: Menetti
Germani Basket Brescia: Moore ne, Berggren 14 (7/12), L. Vitali 9 (2/5), Landry 19 (3/9, 2/4), Laganà (0/4, 0/1), Bolis 2 (1/3, 0/1), Nyonse, Vertova 1, Burns 22 (4/9, 2/3), Bushati 3 (1/2, 0/4). All: Diana
Arbitri: Lanzarini, Bartoli e Grigioni
Note: Tiri da 2: Reggio Emilia 20/33 (61%), Brescia 18/44 (41%) – Tiri da 3: Reggio Emilia 17/34 (50%), Brescia 4/13 (31%) – Tiri liberi: Reggio Emilia 12/16 (75%), Brescia 22/29 (76%) – Rimbalzi: Reggio Emilia 32 (25 RD, 7 RO), Brescia 36 (23 RD, 13 RO)





28 Marzo 2017
TROPPO CORTA PER POTER INCIDERE, LA GERMANI BRESCIA AFFONDA A REGGIO EMILIA

Non c’è scampo per la Germani Basket Brescia sul campo della Grissin Bon Reggio Emilia, capace di capitalizzare al meglio le tante assenze con cui la Leonessa si è presentata al PalaBigi. Senza Michele Vitali, Moss e Moore, Brescia non poteva far nulla di fronte a una squadra lunga e peraltro particolarmente ispirata, capace di giocare a ritmi altissimi per oltre 15′ (9/14 nel tiro da tre) e di chiudere la gara dopo appena 10′. Un dato a cui va sommata l’espulsione di Landry al 28′ (doppio antisportivo). In Emilia, dunque, la quarta sconfitta consecutiva per la Leonessa matura con il punteggio di 103-70: a chi legge la scelta di valutare i 40′ di questa sera o di restare vicino a chi è sceso in campo di fronte a tante difficoltà, che non hanno comunque fermato i caldi tifosi bresciani, che la loro partita non la perdono mai, neanche quando sono costretti a presentarsi in 50 data la capienza del settore ospiti del PalaBigi.

LA PARTITA - C’è Laganà nello starting five della Germani, che fronteggia il quintetto tutto italiano della Grissin Bon. L’inizio di Reggio è roba da far tremare i polsi: gli emiliani partono con un 4/4 nelle triple, confermando la felice tradizione dalla distanza di chi recentemente affronta la Leonessa, e conquistano 10 punti di vantaggio (14-4) dopo appena 3′ di gioco. Landry (8 punti consecutivi) prova colmare un po’ il gap ma la Germani non è in grado di arginare i tiri dall’arco dei reggiani (11 tentativi da tre e solo 5 da due punti al 7′), che si portano rapidamente sul +16 sul 31-15, chiudendo il primo quarto addirittura sul 36-17. Il secondo quarto scivola via sulla falsa riga del primo, con la Grissin Bon a pressare a tutto campo e la Germani a fare fatica. Landry si innervosisce di fronte a qualche mancato fischio arbitrale e la sostanza del match non cambia, tanto che a metà quarto il vantaggio dei biancorossi è di 20 punti (44-24). Con il giovane Bolis costantemente in campo, Landry si dimostra un vero leone (19 punti all’intervallo) e Brescia lotta con le unghie e con i denti, ma il divario alla fine del primo tempo resta davvero molto ampio sul 52-35.

Antisportivo a Vitali, tecnico a Bushati e la Germani dopo 3′ della ripresa si trova già a bonus esaurito, rendendo di fatto più facile il compito della Grissin Bon di gestire i ritmi del match, volando sul 67-41. E nonostante un match facile da controllare e di fatto segnato nel punteggio gli arbitri decidono di metterci del loro, attribuendo a Landry un secondo antisportivo tanto frettoloso quanto ingeneroso che lo costringe a uscire dal campo definitivamente. Il sipario del match si abbassa definitivamente: giusto il tempo di annotare il 103-70 finale del match, registrare l’alta percentuale al tiro da tre dei padroni di casa (17/34, pari al 50%), i primi due punti in Serie A di Alessio Bolis e di Pietro Vertova e poi provare a guardare avanti, con la speranza di poter recuperare gli infortunati e riprendere un cammino che da un mese si è bruscamente interrotto.

ANDREA DIANA - "È una brutta sconfitta, maturata contro una squadra che aveva un’intensità diversa rispetto alla nostra. Noi dovevamo fare una partita differente e provare a restare di più a contatto. Siamo stati corti e troppo spesso abbiamo pensato troppo all'operato degli arbitri, perdendo concentrazione. Questi sono i momenti in cui è importante mantenere l’equilibrio, la gara con Caserta sarà fondamentale per raggiungere il nostro obiettivo primario della salvezza. Ora ci aspetta una settimana dura di lavoro per ritornare a un livello competitivo, non è certo la brutta partita di questa sera che può togliere meriti alla nostra squadra. Noi non siamo appagati, posso metterci la mano sul fuoco: abbiamo grandi motivazioni di squadra e personali e grande voglia di finire bene il campionato. Sono convinto che domenica prossima faremo una grande partita".

GRISSIN BON REGGIO EMILIA-GERMANI BASKET BRESCIA 103-70 (36-17, 52-35, 82-51)
Grissin Bon Reggio Emilia: Aradori 10 (2/7, 2/6), Needham 11 (4/4, 1/3), Polonara 11 (1/2, 3/4), Reynolds 13 (6/9), Della Valle 19 (3/3, 4/10), De Nicolao 13 (1/1, 3/4), Strautins 10 (1/1, 2/4), Kaukenas 12 (1/3, 2/2), Cervi 4 (1/2), Gentile (0/1, 0/1), Williams ne. All: Menetti
Germani Basket Brescia: Moore ne, Berggren 14 (7/12), L. Vitali 9 (2/5), Landry 19 (3/9, 2/4), Laganà (0/4, 0/1), Bolis 2 (1/3, 0/1), Nyonse, Vertova 1, Burns 22 (4/9, 2/3), Bushati 3 (1/2, 0/4). All: Diana
Arbitri: Lanzarini, Bartoli e Grigioni
Note: Tiri da 2: Reggio Emilia 20/33 (61%), Brescia 18/44 (41%) – Tiri da 3: Reggio Emilia 17/34 (50%), Brescia 4/13 (31%) – Tiri liberi: Reggio Emilia 12/16 (75%), Brescia 22/29 (76%) – Rimbalzi: Reggio Emilia 32 (25 RD, 7 RO), Brescia 36 (23 RD, 13 RO)




27 Marzo 2017
GERMANI BRESCIA IN TRASFERTA A REGGIO EMILIA, È L'OCCASIONE GIUSTA PER INVERTIRE LA ROTTA?

Può una squadra reduce da tre sconfitte consecutive andare su un campo caldo come il PalaBigi di Reggio Emilia con il cuore leggero e senza avere niente da perdere? Nonostante gli stop maturati contro Capo d’Orlando, Brindisi e Varese, sarà questo l’atteggiamento con il quale la Germani Basket Brescia dovrà affrontare il posticipo della 24/ma giornata di campionato, da disputare sul parquet dei vicecampioni d’Italia della Grissin Bon. Per una Leonessa ancora una volta incerottata (Michele Vitali out e altri 2-3 giocatori a forte rischio forfait) la voglia di invertire la rotta dovrà essere superiore a tutti i problemi con cui la squadra sta convivendo nelle ultime settimane, dando un segno della volontà di finire al meglio la regular season e raccogliere i frutti di quanto seminato fino a oggi.

GLI AVVERSARI - La Grissin Bon che scenderà in campo nel posticipo della 24/ma giornata di campionato sarà molto diversa da quella che a fine novembre giocò al PalaGeorge. La squadra che allora si presentò a Montichiari veniva da sette vittorie consecutive (record societario) e con il vento in poppa, quella di oggi ha conquistato tre soli successi nelle ultime dieci gare. Anche il cammino casalingo è stato pesantemente condizionato nell’ultimo periodo, visto che i biancorossi hanno perso quattro delle ultime cinque gare disputate al PalaBigi, ottenendo la vittoria solo contro Brindisi.

Il roster degli emiliani è diverso da quello affrontato da Brescia quattro mesi fa: dato l’addio a Delroy James e Sava Lesic, la Pallacanestro Reggiana ha rafforzato il proprio reparto lunghi con l’arrivo di Jalen Reynolds e Jawad Williams, che contro Brescia sarà out per un problema alla caviglia. In più è tornato Rimantas Kaukenas, che ha ripreso le scarpe momentaneamente appese al chiodo ed è tornato a dare il proprio contributo alla causa dei biancorossi, con i quali aveva giocato nelle ultime tre stagioni.

L’ossatura di Reggio Emilia è tutta incentrata sul nucleo degli italiani, che rappresentano il vero valore aggiunto della squadra di Max Menetti. Pietro Aradori (16.6 punti di media a gara) e Amedeo Della Valle (15.8) sono i migliori marcatori della squadra, che sotto canestro può contare sulla solidità di Riccardo Cervi e Achille Polonara, mentre in cabina di regia sono Andrea De Nicolao e Derek Needham a dettare i ritmi. Tornato in campo dopo un lungo periodo di stop, Stefano Gentile può diventare l’arma in più dell’attacco emiliano, mentre i giovani Strautins (classe 1998), Bonacini (1999) e Lever (1998) restano sempre in rampa di lancio, dando ulteriori conferme sull’importante tradizione del settore giovanile biancorosso.

I PRECEDENTI - Pallacanestro Reggiana e Basket Brescia si sono sfidate complessivamente 9 volte, con un bottino favorevole ai lombardi di 5 successi a 4. Bilancio in parità per quanto riguarda le gare disputate al PalaBigi, con le squadre capaci di vincere 2 partite ciascuna.

Nella gara d’andata, disputata il 27 novembre scorso al PalaGeorge, la Germani conquistò il successo e interruppe una striscia di sette vittorie consecutive degli emiliani. Il punteggio finale fu di 93-88, con 25 punti di Landry e 22 di Burns da una parte e 25 di Della Valle e 23 di Aradori dall’altra.

GLI ARBITRI - Grissin Bon Reggio Emilia-Germani Basket Brescia sarà arbitrata da Saverio Lanzarini, Mark Bartoli e Valerio Grigioni.

INFO E MEDIA - Grissin Bon Reggio Emilia-Germani Basket Brescia si gioca lunedì 27 marzo alle ore 20.45 al PalaBigi di Reggio Emilia (Via Guasco, 2). La telecronaca del match andrà in onda su Sky Sport 2 HD (canale 202 della piattaforma Sky) mentre la radiocronaca integrale sarà sulle frequenze di Radio Bresciasette (94.800 e 95.100 FM nella zona di Brescia) e in streaming sul sito www.radiobresciasette.it. La replica integrale della partita verrà trasmessa martedì 28 marzo alle ore 21.10 su Teletutto 2 (ch. 87 del digitale terrestre) e mercoledì 29 marzo alle ore 23.30 su Teletutto (ch. 12).



21 Marzo 2017
LA LEONESSA CADE ANCORA

Continua il momento no per la Germani, quella con Varese è stata la terza sconfitta consecutiva, quarta nelle ultime cinque gare. Gli ospiti, in grandissima condizione fisica e mentale, hanno meritatamente espugnato il PalaGeorge 78-87, calando un poker di vittorie che tanto profumano di salvezza. Un Maynor inarrestabile ma soprattutto un Dominique Johnson sontuoso dall’arco, hanno sbriciolato la tattica dei ragazzi di Coach Diana. E’ evidente che la crisi di Moss (comunque sempre tra i più positivi) e compagni, sia in maggior parte causata dall’impossibilità di effettuare allenamenti regolari durante la settimana, davvero troppi gli acciaccati per un rooster già di suo risicato.
Addio sogni di play-off? La voglia di rientrare in partita, recuperando fino a meno 3 dopo che un devastante meno 17 sembrava aver anticipatamente scritto la parola fine al match, farebbe propendere per il no.
Il realismo però è doveroso e soltanto un’ impresa clamorosa regalerebbe ad una città che anche ieri ha dimostrato di amare (oltre 4000 spettatori) questa squadra, la soddisfazione del post-season.
Se così non fosse, non resterebbe comunque che applaudire un gruppo che ha ampiamente centrato l’obiettivo di salvare la categoria. Teniamoci quindi stretti i segnali positivi di ieri, una tifoseria tra le più calde, corrette ed appassionate d’Italia, un Franko Bushati alla miglior performance realizzativa in carriera in serie A e una forza nervosa d’insieme che è un valore dal quale ripartire per un finale di stagione da onorare, gettando le basi per un futuro da Leonessa.

GERMANI BASKET BRESCIA-OPENJOBMETIS VARESE: 78-87
Germani Basket Brescia: Moore 15, Berggren 2, L. Vitali 12, Landry 12, Laganà, Bolis ne, Zanetti ne, Burns 9, Moss 17, Bushati 11. Coach: Andrea Diana.
Openjobmetis Varese: Johnson 30, Anosike 9, Maynor 18, Avramovic ne, Pelle 6, Bulleri, De Vita ne, Cavaliero 3, Kangur 9, Canavesi ne, Ferrero 3, Eyenga 9. Coach: Attilio Caja.
Arbitri: Sahin – Martolini – Belfiore
Parziali: 23-21; 11-21; 20-25; 24-20. Progressivi: 23-21; 34-42; 54-67; 78-87.
Note – T3: 12/30 Brescia, 18/35 Varese; T2: 14/31 Brescia, 13/26 Varese; TL: 14/19 Brescia, 7/12 Varese. Rimbalzi: 33 Brescia (Burns 9), 39 Varese (Anosike 9); Assist: 18 Brescia (L. Vitali 6), 17 Varese (Maynor 6).

Classifica: Milano 40 punti; Avellino, Venezia 30; Capo d'Orlando 28; Trento 26; Sassari, Reggio Emilia 24; Brindisi, Torino 22; Brescia, Pistoia, Cantu' 20; Caserta, Varese 18; Pesaro 14; Cremona 12.


20 Marzo 2017
ALTRO SCIVOLONE CASALINGO, LA GERMANI BASKET BRESCIA LASCIA I DUE PUNTI A VARESE

Altra brutta serata per la Germani Basket Brescia, che esce nuovamente sconfitta di fronte al proprio pubblico per mano dell’Openjobmetis Varese con il risultato di 78-87. Brescia parte bene ma nel corso della partita non riesce quasi mai a tenere il passo dell’avversaria, capace di arrivare ad amministrare anche 17 punti di vantaggio. Il finale all’arrembaggio illude i tifosi ma la Leonessa non riesce a portare a termine la tanto sperata rimonta, complici i 30 punti di uno scatenato Johnson e il 51% da tre punti degli avversari che vanifica i canestri del capitano David Moss (17 punti), Moore (15) e del miglior Bushati della stagione. Ora a Brescia non resta che concentrarsi sulla prossima sfida che si giocherà sul campo della Grissin Bon Reggio Emilia lunedì 27 marzo alle ore 20.45.

LA PARTITA – Buon inizio per la Germani, che con le triple di Moss e Moore si porta subito al comando delle operazioni. Le squadre faticano in attacco, poi Maynor prende in mano la situazione e piazza tre bombe in meno di 5′. Moore (9 punti al 10′) e Burns rispondono presente ma Brescia la paga dazio al tiro da tre dell’Openjobmetis, che realizza un prezioso 6/8. Il primo quarto è appannaggio dei padroni di casa, che grazie a un canestro da tre di Moss chiudono i primi 10′ sul 23-21. Nel secondo quarto la Germani soffre le pene dell’inferno tanto a rimbalzo quanto in attacco e Varese ne approfitta per portarsi avanti nel punteggio. L’intensità difensiva della squadra di coach Caja mette in difficoltà gli uomini di Diana, costretto a chiamare time out per cambiare l’inerzia del match, completamente a favore dell’OJM. Il botta e risposta dalla distanza fra Eyenga e Vitali accende la gara e sulla sirena del secondo quarto il canestro di Johnson chiude il parziale di 21-11 a favore degli ospiti, che arrivano al 20’con 8 punti da gestire (massimo vantaggio della partita) sul 34-42.

La partita riprende nel segno di Varese che realizza subito 5 punti e dilata il proprio vantaggio. Landry trova il suo primo canestro su azione, il PalaGeorge diventa una bolgia ma Maynor riparte da dove si era fermato e con i suoi canestri (4/6 dalla lunga distanza) permette a Varese di consolidare il vantaggio. E quando Johnson sale in cattedra l’OJM arriva al massimo vantaggio di +17. Una piccola pausa (problemi al cronometro) aiuta Brescia nel momento più difficile e le triple di Burns e Bushati riaccendono la Leonessa, che al termine del terzo quarto resta sotto di 13 punti (54-67). In avvio del quarto periodo la Leonessa ritrova l’entusiasmo e con il sostegno del suo caloroso pubblico recupera 8 punti, arrivando sul -5 (62-67). L’Openjobmetis perde lucidità, permettendo ai padroni di casa di proseguire la propria rincorsa fino al -3 (66-69), con Landry che sbaglia la tripla del pareggio. Nel finale punto a punto Varese ritrova la lucidità, segnando tre triple consecutive che le permettono di riprendere il largo. E quando Luca Vitali sbaglia la bomba del -1 i giochi sono fatti: l’OJM taglia per prima lo striscione del traguardo, costringendo la Germani alla terza sconfitta consecutiva, maturata con il punteggio di 78-87.

ANDREA DIANA – "Non riusciamo ad avere la dovuta continuità per tutti i 40′, complici i problemi fisici con cui conviviamo in questo periodo. La nostra è stata una prestazione a sprazzi, durante la partita viviamo di continui up and down. Abbiamo affrontato una squadra che ha una fisicità importante, prendendo un parziale pesante nel terzo quarto, anche se nel finale abbiamo avuto una grande reazione e siamo arrivati a competere per la vittoria. La classifica? Ora dobbiamo guardare solo a noi stessi, cercando di finire il campionato nel migliore dei modi. In questo momento siamo questi, abbiamo speso tanto a livello di energia nel corso della stagione: dobbiamo tirare fuori tutto quello che abbiamo e andare avanti pensando di partita in partita".

GERMANI BASKET BRESCIA-OPENJOBMETIS VARESE 78-87 (23-21, 34-42, 54-67)
Germani Basket Brescia: Moore 15 (4/6, 2/3), Berggren 2 (1/4), L. Vitali 12 (1/5, 2/7), Landry 12 (1/3, 1/5), Laganà (0/1), Bolis ne, Zanetti ne, Burns 9 (3/5, 1/4), Moss 17 (3/5, 3/6), Bushati 11 (1/2, 3/5). All: Diana
Openjobmetis Varese: Johnson 30 (3/4, 8/14), Anosike 9 (4/6), Maynor 18 (0/2, 5/9), Avramovic ne, Pelle 6 (2/3), Bulleri (0/1, 0/3), De Vita ne, Cavaliero 3 (1/3 da tre), Kangur 9 (3/4, 1/3), Canavesi ne, Ferrero 3 (0/1, 1/1), Eyenga 9 (1/5, 2/2). All: Caja
Arbitri: Sahin, Martolini e Belfiore
Note: Tiri da 2: Brescia 14/31 (45%), Varese 13/26 (50%) – Tiri da 3: Brescia 12/30 (40%), Varese 18/35 (510%) – Tiri liberi: Brescia 14/19 (74%), Varese 7/12 (58%) – Rimbalzi: Brescia 33 (24 RD, 9 RO), Varese 39 (28 RD, 11 RO)



14 Marzo 2017
MODIFICHE AL CALENDARIO, CAMBIA L’ORARIO DELLA GARA CON REGGIO EMILIA

Cambia l’orario della gara della 24/ma giornata di campionato, che la Germani Basket Brescia disputerà sul campo della Grissin Bon Reggio Emilia. Per esigenze televisive, infatti, la Legabasket Serie A ha disposto che la partita del PalaBigi si giochi lunedì 27 marzo alle ore 20.45, con diretta televisiva sugli schermi di Sky Sport 2 HD (canale 202 della piattaforma Sky).

A seguito dei provvedimenti diramati dalla Legabasket, ecco il riepilogo delle prossime due gare della Leonessa:
23/ma giornata

GERMANI BASKET BRESCIA-OPENJOBMETIS VARESE
DOMENICA 19 MARZO – ORE 20.45
PalaGeorge di Montichiari
Qui il link per l’acquisto dei tagliandi > http://www.vivaticket.it/ita/event/germani-basket-brescia-vs-openjobmetis-varese/90305
Diretta TV su Rai Sport HD (ch. 57 del digitale terrestre)

24/ma giornata

GRISSIN BON REGGIO EMILIA-GERMANI BASKET BRESCIA
LUNEDÌ 27 MARZO – ORE 20.45
PalaBigi di Reggio Emilia
Diretta TV su Sky Sport 2 HD (ch. 202 della piattaforma Sky)



13 Marzo 2017
L’ENEL LASCIA BRESCIA AL BUIO

Un Brindisi amaro quello cha ha dovuto ingoiare la Germani Basket Brescia, al cospetto di un avversario alla portata ma in uno stato di forma migliore. L’Enel Brindisi arrivata a Montichiari con tutti gli effettivi a disposizione, tranne l’acciaccato Donzelli, ha potuto far valere la sua freschezza e una panchina lunga, mentre la Leonessa oltre al degente Michele Vitali, aveva tra le sue fila Burns e Bushati non al 100% e Laganà che nei 4 minuti in campo ha mostrato buone cose ma pure si è gravato di tre falli evitabili. Il General Manager Santoro al termine della partita ha riconosciuto i meriti degli avversari senza polemizzare su un arbitraggio che ha fatto imbestialire i 5000 del PalaGeorge. Coach Diana non ha rilasciato dichiarazioni dopo l’allontanamento subito al secondo, discutibile fallo tecnico chiamato alla panchina. Tornando al parquet, gli ospiti hanno sempre condotto il punteggio, anche se la Germani, trascinata da un ottimo Moore è rimasta in partita fino alla fine. I Brindisini però hanno sempre ricacciato indietro i tentativi di rimonta bresciani. Maggiori artefici della vittoria dell’Enel, Goss, M,Baye e Scott, veri e propri cecchini da tre punti. Ora è tempo di leccarsi le ferite per la Leonessa e recuperare giocatori ed energie per il prossimo delicato incontro con l’OpenJob Varese, domenica 12 ancora in casa.


GERMANI BASKET BRESCIA-ENEL BRINDISI 81-91 (21-23, 40-42, 64-66)
Germani Basket Brescia: Moore 22 (8/10, 1/4), Berggren 10 (4/5), L. Vitali 5 (0/1, 1/2), Landry 10 (5/9, 0/6), Laganà 3 (1/1 da tre), Bolis ne, Burns 10 (5/9, 0/1), Moss 18 (2/9, 4/5), Bushati 3 (0/1, 1/3). All: Diana
Enel Brindisi: Agbelese (0/1), Scott 17 (1/4, 4/6), Carter 12 (4/4, 0/1), Goss 25 (4/4, 4/9), Mesicek 2 (1/2), Cardillo (0/2 da tre), Invidia ne, Donzelli ne, M’Baye 21 (6/8, 3/5), Joseph 8 (1/1, 2/5), Sgobba ne, Spanghero 6 (2/4 da tre). All: Sacchetti
Arbitri: Begnis, Sardella e Boninsegna
Note: Tiri da 2: Brescia 24/44 (55%), Brindisi 17/24 (71%) – Tiri da 3: Brescia 8/22 (36%), Brindisi 15/32 (47%) – Tiri liberi: Brescia 9/17 (53%), Brindisi 12/17 (71%) – Rimbalzi: Brescia 28 (18 RD, 10 RO), Brindisi 31 (26 RD, 5 RO)



10 Marzo 2017
C'è Brindisi per una Leonessa Brescia in difficoltà: "È il momento di stringere i denti"

"Viviamo un momento di grande difficoltà, per ottenere un risultato positivo contro Brindisi ci sarà bisogno di un extrasforzo da parte di tutti". La Germani si appresta ad affrontare l’Enel Brindisi al termine di una settimana travagliata dal punto di vista fisico, nella quale solo sei giocatori sono riusciti a lavorare con la necessaria continuità. Un particolare che rende più complicato l’approccio alla gara, in programma al PalaGeorge di Montichiari sabato 11 marzo alle ore 20.30.

L’anticipo della 22/ma giornata è stata presentato nel corso di una conferenza che si è svolta presso la sede di Amica Natura, Top Sponsor della Leonessa, alla quale hanno partecipato il general manager Sandro Santoro, il coach Andrea Diana, l’ala della Germani Christian Burns e l’Ing. Renato Bonaglia, amministratore delegato di Amica Natura.

"Sapevamo che questo sarebbe stato un anno difficile, da neopromossi bisogna essere sempre lungimiranti e pronti ad affrontare ogni tipo di insidie - spiega Sandro Santoro, general manager della Leonessa -. Abbiamo appena vissuto la settimana peggiore da molti mesi a questa parte. Oggi più che mai dobbiamo essere dei combattenti e mostrare lo spirito che abbiamo avuto in questi mesi. Il fatto di aver recentemente allungato il roster con Laganà dimostra che se si è lungimiranti a volte si può fare fronte a episodi negativi come l’infortunio di Michele Vitali".

"Mancano ancora 9 partite alla fine della regular season, un numero di competizioni enorme - conclude il dirigente della Germani -. L’entusiasmo è qualcosa che ci piace cavalcare ma mai come ora dobbiamo stare con i piedi ben piantati per terra. Questo è il momento di stringere i denti. Quello che riusciremo a fare da qui alla fine della stagione dipenderà da molti fattori, a cominciare dal fatto che i nostri giocatori godano di buona salute. Non era facile ieri, non è facile oggi e non sarà facile domani: questo è un messaggio che va metabolizzato dalla nostra tifoseria, una delle più belle sorprese di questo campionato. Oggi abbiamo bisogno di ancora più calore, vogliamo che i nostri supporters diventino ancora più di impatto".

"In questo momento deve essere molto forte in noi il senso di emergenza - afferma coach Andrea Diana -. C’è bisogno che ognuno di noi faccia un extrasforzo: i sei giocatori che hanno lavorato durante la settimana e i tre che questa settimana non si sono allenati. A me piace sempre pensare che la partita sia frutto del lavoro quotidiano che la squadra fa durante la settimana, ma questa volta è diverso. Sabato sera servirà un grande sforzo da parte di tutti, anche da parte del nostro pubblico, che ci può dare ancora più calore e spinta".

"Brindisi è una squadra diversa rispetto a quella che abbiamo affrontato nella gara d’andata - prosegue il coach della Leonessa -. In quella circostanza non c’era Nic Moore, un giocatore che ha preso la leadership del gruppo e che durante le partite gestisce gran parte dei possessi della squadra. Assieme a Goss e Scott, Moore è uno dei terminali da tenere in considerazione, così come bisognerà fare molta attenzione agli isolamenti di M’Baye".

"Mi aspetto da parte nostra una grande spinta emotiva, anche chi non è in perfette condizioni scalpita di poter aiutare la squadra - conclude Diana -. Quello che mi piace molto del mio gruppo è il grado di coinvolgimento: c’è grande attaccamento e grande ambizione, personale e di squadra, e questa è una chiave importante, che fa sì che i risultati che abbiamo raggiunto non siano un caso. Laganà? Lui è arrivato a Brescia per dare una mano al gruppo e alzare il livello qualitativo degli allenamenti. Sono sicuro che farà del suo meglio e che darà il suo contributo, anche se dovrà affrettare il suo inserimento in squadra".

"Lottare in campo sarà senza dubbio la chiave della partita di sabato sera - spiega Christian Burns, ala statunitense della Germani -. Viviamo una situazione particolare ma abbiamo voglia di cogliere l’opportunità di creare un piccolo spazio tra noi e Brindisi e fare un passo in avanti nella battaglia per i playoff, che coinvolge tante squadre. Fisicamente non sono al 100%, da qui alla partita effettuerò dei nuovi test per verificare le mie condizioni. In ogni caso sabato sera sarò in campo per dare il mio contributo".

"Questa è una stagione importante per noi, grazie anche all’eccellente sinergia con la società - spiega Renato Bonaglia, amministratore delegato di Amica Natura -. Con l’ 'Operazione Moss' abbiamo raggiunto il nostro target e contiamo di distribuire oltre 500 maglie del capitano della Leonessa. L’avventura di Rimini, inoltre, è andata molto bene (Amica Natura era uno degli sponsor presenti allo stand della Leonessa, ndr) da tutti i punti di vista, a partire dal coinvolgimento mediatico. Anche i tifosi hanno dato il loro contributo, mostrando anche in quella circostanza l’entusiasmo che vediamo in ogni partita al PalaGeorge".



10 Marzo 2017
Modifiche al calendario, Brescia-Varese si giocherà alle ore 20.45

La Legabasket Serie A ha disposto lo spostamento della prossima partita di campionato per motivi legati alla programmazione televisiva.
La partita della 23/ma giornata contro l'Openjobmetis Varese sarà disputata domenica 19 marzo alle ore 20.45 e andrà in diretta televisiva sugli schermi di Rai Sport HD, canale 57 del digitale terrestre.
Questo il riepilogo del provvedimento disposto dalla Legabasket:
23/ma giornata
GERMANI BASKET BRESCIA-OPENJOBMETIS VARESE
DOMENICA 19 MARZO - ORE 20.45
PalaGeorge di Montichiari
Diretta tv su Rai Sport HD



08 Marzo 2017
MICHELE VITALI OUT

Quella di Capo D’Orlando è stata una sconfitta dolorosa per la classifica, per il morale ma soprattutto per il fisico di alcuni giocatori.
Neanche il tempo di tornare a Brescia e c’è stato subito un gran da fare per lo staff medico della Leonessa.
Il caso più preoccupante è quello di Michele Vitali, sottopostosi agli esami radiologici che hanno fortunatamente escluso fratture allo scafoide, la guardia non sarà sicuramente disponibile per il delicato incontro di sabato sera con Brindisi.
Un edema al polso destro lo costringerà ad indossare un tutore per alcuni giorni, toccherà poi al Dottor Moretti, coadiuvato dai fisioterapisti Bracchi, Giacomini e Cancelli , tentare il miracolo di rimetterlo in campo per la partita con Varese .
Un altro dei protagonisti che ha dovuto marcare visita negli ultimi allenamenti è Franko Bushati.
Un problema muscolare alla schiena ha fatto precauzionalmente prediligere per lui solo massaggi e ozonoterapia, la sua presenza non è comunque in dubbio per il prossimo match.
Lavoro di scarico per smaltire piccoli acciacchi anche per Moore, Burns e Luca Vitali, tutti comunque pienamente recuperabili per Coach Diana. Continua anche il lavoro di rimessa in condizione e di ambientamento del neo acquisto Laganà, il suo rapido mandare a memoria schemi e meccanismi sarà fondamentale per lui e per la Germani.



06 Marzo 2017
RICOMINCIAMO DA CAPO

Alzi la mano chi, ad inizio stagione, avrebbe pensato di sentire parlare di spareggio play-off per una partita della Leonessa.
Eppure, classifica alla mano, proprio di questo si trattava l'incontro tra Betaland Capo D'Orlando e Germani Basket Brescia.
Per questo motivo la sconfitta, vista la concomitante battuta d'arresto di Cremona, pur indolore per gli obiettivi di inizio campionato, lascia un po' di amaro in bocca. Un incontro non spettacolare, un punteggio basso che denota la non gran giornata delle bocche di fuoco di entrambe le squadre e del buon lavoro dei difensori.
I ragazzi di Diana partono forte e sembrano poter vendicare la sconfitta dell'andata ma in apertura del secondo quarto e nel terzo, dilapidano il buon inizio.
Inutile il tentativo di rientrare in partita, nonostante i soliti punti di Landry che pur meno letale del solito, il suo contributo sempre lo dà, è mancata forse un po' di brillantezza e precisione in Moss e Burns per fare il colpaccio in Sicilia.
Un po' di stanchezza è più che giustificata del resto per gente che ha tirato la carretta fino ad ora e ben venga, in quest'ottica, l'inserimento di Laganà.
Il Play ex Viola Reggio Calabria ha calcato il parquet per pochi secondi ma importantissimo sarà il suo contributo nelle rotazioni future.
Smaltita l'amarezza, è ora però di pensare al prossimo incontro che vedrà opposta la Leonessa a Brindisi, sabato sera alle 20.30 al PalaGeorge di Montichiari.

BETALAND CAPO D’ORLANDO-GERMANI BASKET BRESCIA 71-67 (17-24, 35-35, 54-49)
Betaland Capo d’Orlando: Zanatta ne, Galipò ne, Tepic 6 (0/3, 1/2), Iannuzzi 5 (1/5), Laquintana 4 (2/4, 0/2), Nicevic ne, Delas 14 (5/9), Diener 14 (1/1, 4/9), Donda ne, Ivanovic 8 (1/1, 2/5), Archie 14 (5/9, 1/3), Stojanovic 6 (1/6, 1/3). All: Di Carlo
Germani Basket Brescia: Moore 7 (1/2, 1/1), Berggren 6 (3/4), L. Vitali 13 (2/3, 3/6), Landry 19 (6/11, 1/7), Laganà, Bolis ne, Burns 8 (3/11), M. Vitali 10 (2/3, 2/5), Moss 4 (2/8, 0/2), Bushati (0/1 da tre). All: Diana
Arbitri: Seghetti, Attard e Quarta
Note: Tiri da 2: Capo d’Orlando 16/38 (42%), Brescia 19/42 (45%) – Tiri da 3: Capo d’Orlando 9/24 (38%), Brescia 7/22 (32%) – Tiri liberi: Capo d’Orlando 12/16 (75%), Brescia 8/11 (73%) – Rimbalzi: Capo d’Orlando 39 (26 RD, 13 RO), Brescia 39 (27 RD, 12 RO)

CLASSIFICA:
Squadra V P Punti
EA7 Emporio Armani Milano   18 3 36
Umana Reyer Venezia   13 8 26
Sidigas Avellino   13 8 26
Dolomiti Energia Trentino   12 9 24
Banco di Sardegna Sassari   12 9 24
Betaland Capo d'Orlando   12 9 24
Grissin Bon Reggio Emilia   11 9 22
Germani Basket Brescia   10 11 20
The Flexx Pistoia   10 11 20
Enel Brindisi   10 11 20
Fiat Torino   10 11 20
Pasta Reggia Caserta     9 12 18
Mia Cantù     7 13 14
Openjobmetis Varese     7 14 14
Consultinvest Pesaro     7 14 14
Vanoli Cremona    6 15 12



03 Marzo 2017
La Germani Brescia punta l’Orlandina: "Vincere sarebbe un grande passo in avanti"

"Domenica giocheremo su un campo molto caldo, cerchiamo una vittoria che ci dia ulteriore consapevolezza delle nostre qualità". Queste le parole che Andrea Diana, coach della Leonessa, utilizza per presentare la gara che vedrà la Germani in trasferta sul campo della Betaland Capo d’Orlando nell’anticipo domenicale della 21/ma giornata di campionato, in programma alle ore 12.

La partita del PalaFantozzi è stata presentata nel corso di una conferenza alla quale, assieme ad ANDREA DIANA, ha partecipato il playmaker della Leonessa LUCA VITALI e che è stata anche l’occasione per presentare alla stampa MARCO LAGANÀ, ultimo arrivato in casa Germani.

"Capo d’Orlando è una squadra che ha dimostrato di possedere un buon sistema di gioco e che in casa ha ottenuto otto vittorie e solamente due sconfitte - spiega l’allenatore della Leonessa -. Si tratta di un team che ha grande qualità, come dimostrato dal fatto che sono primi nella percentuale di tiri liberi a segno. Per vincere dovremo fare la nostra migliore partita, la chiave dovrà essere la nostra intensità difensiva".

"Una vittoria in Sicilia ci darebbe ulteriore consapevolezza delle nostre qualità e per la classifica sarebbe sicuramente un grande passo in avanti - continua il coach toscano -. Credo che quella di domenica prossima sarà una bella partita perché si affrontano due squadre che stanno sorprendendo in positivo e che in questo momento dimostrano grande continuità. L’arrivo di Marco Laganà? È un ulteriore aiuto che ci è stato dato dalla società per fare in modo che la squadra renda al meglio. Oltre a essere preparato tecnicamente, si tratta di un ragazzo che è umile e motivato. Per ora ha fatto solo due allenamenti con noi ed è ancora un po’ fuori dal contesto, però è disponibile per la gara di domenica".

"La vittoria di domenica scorsa è stata bellissima ma ora siamo concentrati su questa partita - le parole di Luca Vitali, playmaker della Germani Basket Brescia -. Ci aspetta una gara difficile contro una squadra che sta facendo un ottimo campionato. Per portare a casa i due punti dovremo fare grande attenzione ai dettagli, limitando al massimo gli errori e facendo tesoro dell’esperienza dell’andata".

"Sono contento che Marco sia entrato in squadra, è un ragazzo che ha entusiasmo, voglia di fare e di aiutare la squadra - prosegue il play della Leonessa -. È arrivato in un ambiente molto bello e questa sarà sicuramente un’esperienza positiva per la sua carriera: ha avuto infortuni che per un ragazzo giovane possono essere condizionanti, per lui è arrivata l'ora avere un po’ di fortuna. Il suo arrivo è una cosa che serve a tutti noi , che abbiamo ottenuto grandi risultati anche in momenti di grande emergenza. È una bella opportunità per noi e per lui, che può lavorare in un ambiente sereno".

"Ho sensazioni molto positive, vengo da due situazioni abbastanza difficili ed essere qui è una bellissima opportunità per me - afferma Marco Laganà, neoacquisto della Leonessa -. Sono tutti molto disponibili ed aperti, l’ambiente familiare mi potrà aiutare e spero a mia volta di poter dare un contributo alla squadra per raggiungere i propri obiettivi . Il pubblico è molto caloroso, in molti mi hanno già scritto attraverso i social: colgo l’occasione per ringraziarli, non vedo l’ora di giocare davanti a loro".

"Venivo di due infortuni abbastanza gravi e avevo bisogno di certe condizioni per poter recuperare al meglio - conclude il play reggino -. Brescia per me rappresenta una grande occasione e sono davvero contento di essere qui. Luca è un giocatore di grande esperienza che sta facendo un grande campionato. Spero di potergli rubare qualche trucco in allenamento, so che da lui posso imparare tantissimo".

Alessandro Pediconi
Addetto Stampa
Basket Brescia Leonessa
030 312271
347 3324613
ufficiostampa@basketbrescialeonessa.it



“UN’ARMA IN PIU’ PER LA GERMANI”

Un appunto si poteva muovere alla società presediuta dalla coppia (nello sport e nella vita) Bragaglio-Bonetti quello di aver messo a disposizione di Coach Diana una rosa che per vari motivi aveva perso qualche petalo che non era stato rimpiazzato. Gli addii di alcuni protagonisti della scorsa stagione sono stati prontamente sostituiti da Moore, Landry, Michele e Luca Vitali e Bergreen, giocatori che hanno dato competitività e compattezza per affrontare la nuova categoria. Ma durante il girone d’andata il rooster bresciano ha visto prima Cittadini prendere la via di Trieste, con Burns a prenderne il posto sotto le plance e poi i dolorosi commiati di Passera e Bruttini restati però senza sostituti.Il Direttore Santoro ha però rimediato , regalando a Diana e al suo staff una pedina in più, per consentire rotazioni e gestioni migliori. A vestire la maglia della Leonessa, il play maker Marco Laganà (1993), 197cm ex cantù e Reggio Calabria.Un giocatore che permetterà di preservare le forze e il talento cristallino di Luca Vitali, talento e punto di riferimento per il gioco bresciano.Laganà, reduce da due stagioni tribolate per problemi fisici, viene a Brescia con motivazioni eccezionali, consapevole che questo possa essere il treno giusto per una carriera e potenzialità non ancora pienamente espresse.Il neo acquisto sarà disponibile fin dalla trasferta di Capo D’Orlando, domenica ore 12 (diretta su skysport 2 Hd).Intanto, sul portale vivaticket.it, è aperta la prevendita per il match casalingo che sabato 11 alle 20,30,vedrà Moss e compagni affrontare Brindisi al PalaGeorge di Montichiari.