<div style="background-color: none transparent;"><a href="http://www.agenparl.it" title="Agenparl News Widget">Agenparl News Widget</a></div>
[§_DATA_§]
 [§_EDIZIONE_§]
 
[§_RUBRICHE_§]
 Edizioni precedenti
 Informazioni
 Contattaci
 Home page
 





DIRETTORE RESPONSABILE
Piero Gasparini
e-mail: direzione


REDAZIONE:
e-mail: redazione
Via San Carlo,5
Gardone V.T. (BS)
Tel. 030 8913473
Fax 030 8911591


SEGRETERIA:
e-mail: segreteria


GRAFICA:
ACV – AGENZIA GIORNALISTICA E PUBBLICITARIA
e-mail: grafica




PUBBLICITÀ:
La raccolta è affidata alla ACVPG
Via San Carlo, 5
Gardone V.T. (BS)
Tel. 030 8913473
Fax 030 8911591 –
E-mail: A.C.V.



BRESCIA CALCIO
SITO UFFICIALE



Campionato di Calcio Serie “B”
Sabato 2 Dicembre 2017
Stadio “Rigamonti” di Brescia

BRESCIA 2 – SALERNITANA 0

UNA VITTORIA (?) SCACCIACRISI

Mister Marino soddisfatto dopo l'importante vittoria contro la Salernitana. Queste le sue parole nel post gara: "Ritrovare la vittoria è stato importantissimo, sono contento perché si sa i punti danno serenità. Per tutta la gara abbiamo rischiato poco e i ragazzi hanno sempre cercato di fare la partita. Dopo il vantaggio abbiamo avuto un atteggiamento diverso rispetto alle gare precedenti. Mi ha fatto molto piacere l'abbraccio della squadra dopo il gol. E' stata una liberazione per tutti"

Marcatori: 50’ aut. Vitale (S), 80’ Caracciolo (B)

BRESCIA: Minelli; Gastaldello, Lancini, Coppolaro, Cancellotti, Bisoli, Martinelli, Furlan; Dall’Oglio (75’ Machin), Torregrossa, Caracciolo (Cap.)(85’ Ferrante)
A disposizione: Pelagotti, Andrenacci, Machin, Bandini, Lancini N., Bagadur, Ndoj, Longhi, Cortesi.
Allenatore: Pasquale MARINO.

SALERNITANA: Radunovic, Pucino, Vitale, Mantovani (76’ Sprocati), Signorelli, Rizzo (61’ Ricci), Minala, Gatto, Schiavi, Bocalon, Rossi (55’ Rodriguez).
A disposizione: Adamonis, Kiyine, Tuia, Odjer, Di Roberto, Asmah, Perico, Civirelli, Popescu.
Allenatore: Alberto BOLLINI.

Arbitro: Sig. Lorenzo ILLUZZI della sezione di Molfetta.
Assistenti Sig. Francesco FIORE di Barletta e Sig. Paolo FORMATO di Benevento.
IV ufficiale Sig. Pierantonio PIEROTTI di Legnano.

Ammoniti: Pucino (S), Machin (B), Torregorssa (B)
Espulsi: nessuno.

Recupero: 2'p.t.-3' s.t.
Angoli: 4-6
Note: 5.144 abbonati – 1.998 paganti ( HYPERLINK http://www.bresciacalcio.it www.bresciacalcio.it)




























































Sabato 18 Novembre 2017
Stadio "Rigamonti" di Brescia
BRESCIA 1 - SPEZIA 1

CAMPIONATO SERIE B ConTe.it 2017/2018 - 15^ Giornata

BRESCIA-SPEZIA 1-1

Marcatori: 72’ Caracciolo (B), 78’ Ammari (S)

BRESCIA: Minelli; Gastaldello, Somma (37’ Coppolaro), Lancini, Cancellotti, Bisoli, Machin (86’ Di Santantonio), Martinelli (27’ Dall’Oglio), Furlan; Longhi, Caracciolo (Cap.) A disposizione: Pelagotti, Andrenacci, Ferrante, Lancini N., Bagadur, Rivas, Torregrossa, Cortesi.
Allenatore: Pasquale MARINO.
SPEZIA: Manfredini, Lopez, Capelli, Giani, Bolzoni (60’ Maggiore), Gilardino, Pessina, De Col, Vignali (72’ Ammari), Mastinu, Granoche(60’ Marilungo).
A disposizione: Saloni, Ceccaroni, Forte, Soleri, Augello, Calabresi, Okereke, Maggiore, Masi, Giuliani.
Allenatore: Fabio GALLO.
Arbitro: Sig. Antonio DI MARTINO della sezione di Teramo .
Assistenti Sig. Vincenzo SORICARO di Barletta e Sig. Valerio VECCHI di Lamezia Terme.
IV ufficiale Sig. Nicolò CIPRIANI di Empoli.
Ammoniti: Giani (S), Dall’Oglio (B), Cacellotti (B), De Col (S), Marilungo (S)
Espulsi: Dall’Oglio.
Recupero: 3'p.t.-2' s.t
Angoli: 4-1
Note: 5.114 abbonati - 1.598 paganti


Sabato 4 Novembre 2017
Stadio "Rigamonti" di Brescia
BRESCIA 1 – VENEZIA 2

UN DISASTRO VOLUTO

Nel primo tempo, un tempo mai visto così, il Venezia spreca letteralmente 6 (= sei) assolutamente facili palle da gol quasi tutte dalla piccola area. Fosse stato un 4/5 a 0 per il Venezia nulla da dire . Colpevole una difesa assolutamente colabrodo. Ma il gol del Venezia non è arrivato e dunque… Arriva il secondo tempo. Il Brescia sembra tenere, anzi … di più. Uno strepitoso gol di Caracciolo di tacco al quarantesimo o giù di lì fa sollevare il Rigamonti di gioia, ma non c’è il tempo di applaudire ed ecco incredibilmente l’uno-due degli uomini di Pippo Inzaghi nel giro di nemmeno due minuti. Una cosa assurda. Non ci sono parole per ipotizzare una giustifica. A cinque minuti dal termine in vantaggio si fanno barricate ad ogni metro ed invece… Delusione immensa e come sempre stabilire meriti e demeriti è un puro gioco di parole. Abbiamo perso quando pensavamo di vincere ed ora o mai più bisogna correre ai ripari. Il tteno dlele possibilità e delle fortune non passa mai due volte ed il nostro caro Brescia questo sembra non averlo capito. Ma ad ogni costo e comunque: Forza Brescia!

CAMPIONATO SERIE B ConTe.it 2017/2018 - 13^ Giornata
Stadio Rigamonti

BRESCIA- VENEZIA 1 - 2
Marcatori: 84' Caracciolo (B). 87' Pinato (V), 89' Falzerano (V)
BRESCIA: Minelli; Gastaldello, Somma, Lancini, Cancellotti, Bisoli, Machin (84' Rivas), Martinelli, Furlan; Ferrante (65' Torregrossa), Caracciolo (Cap.)
A disposizione: Pelagotti, Andrenacci, Dembelè, Coppolaro, Ndoj, Rinaldi, Longhi, Bagadur, Bandini, Di Santantonio, Cortesi.
Allenatore: Pasquale MARINO.
VENEZIA: Audero, Andelkovic (85' Mlakar) , Domizzi (Cap.), Bentivoglio, Moreo (79' Moreo), Modolo, Pinato, Marsura (74' Geijo), Falzerano, Garofalo, Zampano.
A disposizione: Vicario, Gori, Bruscagin, Stulac, Zigoni, Siciu, Mlakar, Fabris, Cernuto, Signori, Del Grosso.
Allenatore: Filippo INZAGHI.
Arbitro: Sig. Niccolò BARONI di Firenze
Assistenti Sig. Marco CITRO di Battipaglia e Sig. Domenico ROCCA di Vibo Valentia.
IV ufficiale Sig. Davide ANDREINI di Forlì.
Ammoniti: Gastaldello (B), Geijo (V)
Espulsi: nessuno.
Recupero: 1'p.t.-4' s.t
Angoli: 6-5










Lunedì 23 Ottobre 2017
Stadio "Rigamonti" di Brescia
BRESCIA 2 – BARI 1

MA CHE FATICA!

Ce l’abbiamo fatta a portare a casa i tre punti. Ma che sofferenza. Sofferenza pura. Il Brescia riesce a vincere con il Bari ed è una vittoria scaccia crisi dopo tre sconfitte consecutive. Anche se la vittoria è meritata non posso non ricordare che il gol della vittoria, il gol della partita è un vero e proprio “gollonzo” un gol regalato dal Bari a Furlan ed alle Rondinelle. Che dire? Portiamo a casa i tre punti ed è questo che conta ed anche noi respiriamo. Non sapevamo più cosa pensare. Via Boscaglia, arriva Marino ma una sconfitta dopo l’altra segnano nuvoloni minacciosi. Fortunatamente, davvero fortunatamente seppur alla fine con merito torniamo a gioire ed ora speriamo proprio che se esiste una cura “Marino” questa cura si veda. Una serata stranissima quella vissuta al “Rigamonti” da noi (io e altri) irriducibili bresciani doc seppur d’età avanzata. Abbiamo (ho) applaudito ad un bel gol di Caracciolo, abbiamo tremato per tutto il resto della partita. Tutto è possibile ovviamente in questo Campionato e speriamo proprio che questo suia davvero l’inizio di un percorso lineare e sicuro e fiducioso. Il Brescia ha fatto comunque una buona partita e speriamo che questa vittoria sia di buon auspicio per il prossimo e non prossimo futuro. Il Brescia ha meritato di vincere ma deve migliorare aspetti importanti della sua tecnica e della sua predisposizione di squadra. Il Bari è vero che ha regalato il gol ma anche noi abbiamo regalato il gol del primo tempo. Ci vuole un pizzico in più di mestiere dai nostri giocatori. Fatto positivo è che Caracciolo è ancora e comunque il migliore. Si soffre troppo! Ma sabato a Pescara vinciamo! D’accordo? (p.g.)

CAMPIONATO SERIE B ConTe.it 2017/2018
- 11^ Giornata - Stadio Rigamonti

BRESCIA- BARI 2 - 1

Marcatori: 17'Caracciolo (BR), 33' Galano (BA), 53' Aut. Capradossi (BR)

BRESCIA: Minelli; Gastaldello, Somma, Lancini, Cancellotti, Bisoli, Machin (64' Dall'Oglio), Martinelli, Furlan (91' Torregrossa); Ferrante (73'Longhi), Caracciolo (Cap.) A disposizione: Pelagotti, Andrenacci, Dembelè, Coppolaro, Ndoj, Rinaldi, Cattaneo, Bagadur, Bandini, Di Santantonio, Rivas.
Allenatore: Pasquale MARINO.
BARI: Micai, Basha (49' Petriccione), Galano, Cassani, Improta, Marrone (46' Capradossi), Cissè, Iocolano (75' Brienza), Fiamozzi, Busellato, Gyomber.
A disposizione: De Lucia, Conti, Kozak, Brienza, Anderson, Salzano, Tello, Floro Flores, Morleo, Miguel.
Allenatore: Fabio GROSSO.
Arbitro: Sig. PINZANI di Empoli.
Assistenti: Sig. GROSSI di Frosinone e Sig. IMPERIALE di Genoa
IV Ufficiale: Sig. AMABILE di Vicenza.
Ammoniti: Capradossi (BA), Gastaldello (BR), Busellato (BA), Caracciolo (BR)
Espulsi: nessuno.
Recupero: 2'p.t.-3' s.t





Campionato di Calcio Serie “B”
Stadio “Rigamonti” di Brescia
BRESCIA 0 – NOVARA 1

LA MUSICA È LA STESSA

Cambia l’allenatore ma (almeno per ora) non cambia la musica: il Brescia è battuto al Rigamonti.
Non certo per il valore di un Novara strano, difensivo ed inconcludente quanto per demerito assoluto delle Rondinelle che non hanno grinta, hanno poco gioco, sanno poco mantenere la posizione, non pungono in attacco e lasciano molto a desiderare in difesa. Il Novara parte forte dando l’impressione di voler decisamente attaccare e tenere le redini della partita ma poi si scioglie ed il primo tempo diventa di una nullità e di una noia pressoché assolute. Il secondo tempo lasca sperare qualcosa di meglio per il Brescia ma la monotonia e l’inconcludenza la fanno da padrone. Entra Caracciolo e la speranza sembra riaccendersi, il Brescia sposta un attimo il baricentro in avanti ma… il Novara segna facendo passare il pallone sotto le gambe di Minelli. Poi Ferrante fa la frittata di farsi espellere e nonostante qualche minuto di orgoglio il nostro povero Brescia si prende, forse per la prima volta in questo Campionato, i fischi di uno stadio deluso ed amareggiato.
Boscaglia è stato cacciato, Marino è arrivato in tempo reale: non possiamo certo dare responsabilità a questo o a quello. Sta però di fatto che, con una classifica così, è già ora di preoccuparsi? Ma no! Forza Brescia. (p.g.)

CAMPIONATO SERIE B ConTe.it 2017/2018 - 9^ Giornata
Stadio Rigamonti

BRESCIA- NOVARA 0-1

Marcatori: 68' Di Mariano (N)

BRESCIA: Minelli; Gastaldello (Cap.), Somma; Lancini, Longhi, Bisoli, Machin (81' Rivas), Martinelli (72' Ndoj), Furlan; Ferrante, Rinaldi (56' Caracciolo)
A disposizione: Pelagotti, Andrenacci, Dembelè, Cattaneo, Bagadur, Dall'Oglio, Bandini, Di Santantonio, Rivas, Cancellotti.
Allenatore: Pasquale Marino.
NOVARA: Montipò, Mantovani, Chiosa (72' Troest), Sciaudone (78' Casarini), Di Mariano, Da Cruz, Orlandi, Moscati, Chajia (74' Dickmann), Calderoni, Golubovic.. A disposizione: Farelli, Benedettini, Del Fabro, Macheda, Schiavi, Armeno, Ronaldo.
Allenatore: Eugenio Corini.
Arbitro: Sig. Marco PICCININI della Sezione di Forlì.
Assistenti Sig. Marco CHIOCCHI di Foligno e Sig. Orlando PAGNOTTA di Nocera Inferiore.
IV ufficiale Sig. Stefano LORENZIN di Castelfranco Veneto.
Ammoniti: 46' Sciaudone (N), 51' Lancini (B). 90'+2 Orlandi (N)
Espulsi: 75' Ferrante (B) per somma di ammonizioni.
Recupero: 0'p.t.-5' s.t
Angoli: 1-3
N








Campionato di Calcio Serie “B” Sabato 30 Settembre 2017
Stadio “Rigamonti” di Brescia

BRESCIA 2 – PERUGIA 1
BENE BENE DAVVERO BENE

Il Brescia batte in rimonta la momentanea capolista nel corso di una partita tutto sommato decisamente buona, anche se altalenante nei contenuti. I ragazzi ben giocano, corrono, fanno pregevolezze e commettono anche errori. Ma l’umanità pallonara è una giusta dose di umiltà se si vuole migliorare ed andare lontano… in Serie A. Rimangono le manchevolezze di sempre, specialmente all’attacco. Produciamo gioco ma non finalizziamo a sufficienza. Sembriamo anche dominare la gara ma siamo anche degli spreconi. La difesa sembra decisamente più in forma ma ogni tanto .. va nel pallone. E così capita che quasi all’improvviso veniamo puniti. Così il Perugia all’inizio del secondo tempo ci castiga. Sembriamo non reagire e non reagiamo, ma poi arrivano 25 minuti di eccellenza con la regia magistrale dell’Airone, di Antonio Caracciolo che segna e fa segnare. E così sembra riproporre la musichetta scontata che ripete che il Brescia è “caracciolodipendente” o no? Alla fine che importa. Oggi abbiamo vinto e bene, ci solleviamo altrettanto bene in classifica e martedì nel recupero con la Ternana .. se giochiamo come gran parte d’oggi portiamo a casa il sesto risultato utile consecutivo. Forza Brescia! (p.g.)
Campionato SerieB ConTe.it 2017/2018
- 7^Giornata

BRESCIA-PERUGIA 2-1

Marcatori: 49' Han (P), 66' Caracciolo (B), 80' Bisoli (B)

BRESCIA : Minelli; Meccariello, Lancini, Somma (Cap.); Cancellotti (67' Cattaneo) , Ndoj (54'Martinelli), Machin, Bisoli, Furlan; Ferrante (60' Caracciolo), Rinaldi
A disposizione: Pelagotti, Bagadur, Rivas, Di Santantonio.
Allenatore: Boscaglia.

PERUGIA : Rosati, Zanon, Pajac, Monaco, Di Carmine, Buonaiuto (59' Terrani), Volta (Cap.), Colombatto (72' Emmanuello), Han (73' Falco), Bianco, Bandinelli.
A disposizione: Santopadre, Nocchi, Casale, Mustacchio, Belmonte, Del Prete, Frick.
Allenatore: Giunti.

Arbitro: Sig. Livio MARINELLI di Tivoli.
Assistenti Sig. Giuseppe OPROMOLLA di Salerno e Sig. Pasquale CAPALDO di Napoli.
IV Ufficiale Sig. Andrea CAPONE di Palermo.
Ammoniti: Lancini (B), Somma (B), Martinelli (B), Volta (P)
Espulsi: nessuno.
Angoli: 4- 10
Recupero: 0'p.t.- 3's.t.
note: 5.114 abbonati - 2.197 paganti





CAMPIONATO SERIE B ConTe.it 2017/2018
6^ Giornata - Stadio Rigamonti
Sabato 23 Settembre 2017

BRESCIA- FOGGIA 2-2
“PARI E PATTA”


Marcatori: 38' Caracciolo (B), 47' Floriano (F), 64' Chiricò (F), 71' Bisoli (B)

BRESCIA (3-5-2): Minelli; Meccariello, Gastaldello, Somma; Cancellotti, Bisoli, Machin (78' Rivas), Ndoj (75' Martinelli), Furlan; Rinaldi (66' Ferrante), Caracciolo (Cap.).
A disposizione: Pelagotti, Bagadur, Dall'Oglio, Bandini.
Allenatore: Roberto Boscaglia.

FOGGIA (4-3-3): Guarna; Loiacono, Camporese, Agnelli (57' Gerbo), Martinelli, Nicastro ( 46' Chiricò), Rubin; Vacca, Agazzi; Floriano (69' Calderini), Mazzeo.
A disposizione: Pelizzoli, Figliomeni, Beretta, Deli, Fedele, Ramè , Coletti, Fedato, Celli.
Allenatore:Giovanni Stroppa.

Arbitro: Sig. Luigi NASCA di Bari
Assistenti Sig. Giovanni COLELLA di Crotone e Sig. Niccolò PAGLIARDINI di Arezzo.
IV Ufficiale Sig. Luca ZUFFERLI di Udine

Ammoniti: Vacca (F), Cancellotti (B), Nodj (B), Rivas (B)
Espulsi: nessuno.

Recupero: 1'p.t.- s.t
Angoli: 9-4

https://twitter.com/BresciaOfficial
www.bresciacalcio.com

BRESCIA-FOGGIA 2-2: PARI E PATTA AL 'RIGAMONTI'

Che la prestazione di Carpi non fosse episodica se lo aspettavano in molti. Il buon pari di Brescia ne è stata una piacevole conferma. Il Foggia chiude con 4 punti il duplice impegno lontano dallo Zaccheria, e lo fa nel migliore dei modi. A Brescia il Foggia sfiora anche l’impresa, dopo essere andato sotto per un gol del solito Caracciolo. Ancora una volta la sterzata è stata azionata dalla premiata ditta Floriano-Chiricò, in gol nel ribaltone rossonero, che solo il pari di Bisoli a ridosso della mezz’ora, ha reso monco. Poco male. Perché il Brescia ha ancora una volta dimostrato le sue qualità, e nel gioco e negli interpreti, il che dà prestigio al risultato ottenuto dalla squadra di Stroppa.
Anche se la classifica direbbe un’altra cosa, la gara di Brescia pretende una chiave di lettura diversa. E malcela difficoltà maggiori rispetto a quella di Carpi. Perché se la formazione di Calabro la buttava molto sul fisico, e sull’estremizzazione della fase difensiva, il Brescia gioca, propone. Per tutto il primo tempo regna un certo equilibrio, anche se il Foggia solo in avvio detiene il dicastero del possesso palla. Il Brescia lascia correre, il tempo di prendere le misure. Il tempo che Bisoli si desti e cominci a far capire un po’ di cose: il Brescia infatti comincia a mulinare gioco, prediligendo il settore destro, dove la spinta propulsiva di Cancellotti non conosce sosta, e il figlio d’arte si appoggia, sia in sovrapposizione, che negli attacchi centrali. Le azioni migliori il Brescia le costruisce tutte da quella parte, ivi compresa quella che porta alla genesi del gol di Caracciolo, giunto sugli sviluppi di un angolo al 39’. L’Airone – con la gentile collaborazione di un distratto Martinelli – si riscatta dopo l’erroraccio sotto porta al 6’, sempre su invito di Bisoli, nell’unica occasione in cui il Brescia era riuscito a prendere alle spalle la retroguardia dei satanelli.
Il Foggia c’è e non c’è. Vacca si accende a intermittenza, anche per il giallo beccato in avvio, mentre Agazzi fa una fatica a trovare le contromisure a Bisoli. Non che le cose vadano meglio sul versante opposto: il solo cuore di Agnelli non può bastare. Nicastro prosegue l’involuzione di Carpi. Alla fine, a salvarsi parzialmente sono i soli Mazzeo – belle ma vane le sue sponde – e l’intraprendente Floriano, cui però mancano le occasioni buone per potersi scatenare in velocità.
SECONDO TEMPO – Stroppa si affida al copia e incolla di Carpi, ovvero si affida di nuovo a Chiricò per uno spento Nicastro. E la squadra si adegua al modus operandi del suo tecnico. Se al Cabassi Martinelli la sbloccò al 4’, al ‘Rigamonti’ Floriano impiega due minuti per inventarsi il gol del pari, con una stupenda serpentina in area, conclusa con un chirurgico destro all’angolino. Ed è un’altra partita. Il Brescia accusa il colpo, e si scolla un po’, pur trovando di consueto gli spazi per far male. Anche il Foggia, però, è vivo. Stroppa si affida a Gerbo per Agnelli, ed è una scelta azzeccata: l’ex interista combina con Chiricò, dando inizio alla meravigliosa azione che conduce al gol del folletto brindisino. In diciotto minuti il Foggia è nuovamente avanti. Durerà poco, purtroppo. Perché il Brescia sa arrivare in porta con più qualità e convinzione rispetto al Carpi, e perché alla lunga il Foggia accusa l’usura del triplo impegno in sette giorni, problema sconosciuto ai padroni di casa, per via della sospensione della gara di martedì a Terni. Ed ecco che Bisoli chiude la sua grande giornata timbrando il cartellino. Il Brescia ci crede e spinge molto, sempre sulle corsie per poi rifornire l’ariete Caracciolo, che a metà ripresa cambia partner offensivo, ritrovandosi Ferrante al posto di Rinaldi. Il neoentrato sciuperà una colossale occasione, dopo un erroraccio di Martinelli. Il Foggia arretra, ma le occasioni le avrebbe comunque, perché progressivamente anche i bresciani si allungano. E alla lunga devono dire grazie a Chiricò, che non si accorge dell’uscita kamikaze (ma efficace) di Minelli, che ne blocca un clamoroso uno contro uno mentre tutto il resto della squadra era riversata nella trequarti rossonera. Finisce 2-2, pari buono quanto giusto.
“Potrebbe interessarti: http://www.foggiatoday.it/sport/brescia-foggia-2-2.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/FoggiaToday






Campionato SerieB ConTe.it 2017/2018 - 4^Giornata
BRESCIA-PRO VERCELLI 0-0
Stadio Rigamonti di Brescia


UN’OCCASIONE SPRECATA

PRIMO TEMPO
15,00 – Partiti!
2′ – Parte forte il Brescia: tiro di Furlan, deviazione di Ferrante e palla che termina fuori di poco!
8′ – Punizione per la Pro, tiro di Firenze che termina tra le braccia di Minelli
10′ – Pericolosissimo il Brescia! Cross di Cancellotti, stacca di testa Ferrante che però non inquadra la porta
11′ – PALO DELLA PRO! Cross di Germano, Firenze ci arriva con il sinistro ma la palla sbatte clamorosamente sul palo!
12′ – Ancora Pro pericolosa. Cross dalla destra di Ghiglione, va Morra in rovesciata e il pallone termina sul fondo.
15′ – Altra occasione per Morra! L’attaccante lanciato a rete elude la marcatura e va al tiro con il mancino da buona posizione, pallone deviato in corner dal portiere!
19′ – Altra grande occasione per la Pro! Cross basso di Ghiglione, la difesa respinge solo parzialmente e Castiglia, tutto solo in mezzo all’area, incespica sul pallone senza riuscire a concludere!
27′ – Tiro dalla distanza di Ndoj, palla ampiamente a lato.
31′ – Altro tiro da fuori di Ndoj, questa volta rasoterra, ma il pallone termina nuovamente fuori.
35′ – Gran palla di Rovini in fascia per Morra, che rientra e prova a giro con il mancino, palla fuori di molto.
40′ – Marcone! Cross dalla destra di Cancellotti, stacca di testa Rinaldi in area: si supera Marcone che respinge la sfera
45′ – Un minuto di recupero
46′ – Pro ad un soffio dal vantaggio! Cross di Mammarella per l’inserimento perfetto di Germano, che si coordina e conclude, ma Minelli si fa trovare pronto in uscita e respinge il pallone.
15,48 – Termine del primo tempo.

SECONDO TEMPO
16,05 – Al via la seconda frazione di gara.
49′ – Ammonito Germano
52′ – Primo cambio per il Brescia: fuori Rinaldi, dentro Caracciolo
58′ – Sugli sviluppi di un corner, Germano si coordina da fuori area, ma il suo tiro rasoterra viene respinto dalla difesa
59′ – Doppio cambio. Nella Pro fuori Rovini e dentro Vajushi, nel Brescia Bisoli rileva Martinelli
62′ – Cross di Machin per la testa di Caracciolo, palla che termina tra le braccia di Marcone.
65′ – Ammonito Vives
69′ – Tiro di Machin da buona posizione, palla che termina tra le braccia di Marcone.
71′ – Nella Pro fuori Germano, dentro Rocca.
74′ – Altro tiro di Morra, parata comoda per Minelli.
75′ – Ultimo cambio per il Brescia: fuori Cancellotti, dentro Rivas.
77′ – Ultima sostituzione anche per la Pro, con Pugliese che rileva Vives.
78′ – Si vede in avanti il Brescia: tiro-cross del neo-entrato Rivas, smanaccia Marcone allontanando la sfera.
82′ – Grande occasione per Morra, che si ritrova il pallone tra i piedi in mezzo all’area ma manca il pallone al momento della conclusione.
84′ – Ci prova Machin con un potente destro, palla fuori.
88′ – Ammonito Marcone per perdita di tempo.
89′ – Tiro al volo di Mammarella da ottima posizione, palla fuori
90′ – Ci prova ancora Firenze, pallone che esce non di molto.
91′ – Annullato un gol al Brescia per fuorigioco.
94′ – Ammonito Ndoj
16,58 – Termine della partita.

Campionato SerieB ConTe.it 2017/2018 - 4^Giornata

BRESCIA-PRO VERCELLI 0-0
BRESCIA (3-5-2): Minelli; Meccariello, Gastaldello (Cap.), Somma; Cancellotti (75' Rivas), Ndoj, Machin, Martinelli (60' Bisoli) Furlan; Ferrante, Rinaldi (52' Caracciolo)
A disposizione: Pelagotti, Dall'Oglio, Bandini, Lancini.
Allenatore: Boscaglia.

PRO VERCELLI (3-5-2): Marcone; Mammarella, Vives (76' Pugliese), Morra, Castiglia, Rovini (60' Vajushi), Legati, Ghiglione, Firenze, Bergamelli, Germano (70' Rocca).
A disposizione: Nobile, Berra, Raicevic,Konate, Bifulco, Barlocco, Gilardi, Pugliese, Polidori, Bruno.
Allenatore: Grassedonia

Arbitro: Sig. Antonio DI MARTINO di Teramo.
Assistenti Sig. Gianluca SECHI di Sassari e Sig. Alessandro CIPRESSA di Lecce.
IV Ufficiale Sig. Lorenzo MAGGIONI di Lecco.

Ammoniti: Germano (P), Vives (P), Marcone (P), Ndoj (B)
Espulsi: nessuno.

Angoli: 7- 4
Recupero: 1'p.t.- 5's.t.
note: 4.645 abbonati - 1.656 paganti




Campionato di Calcio Serie “B”
Sabato 2 Settembre 2017
Stadio “Rigamonti” di Brescia

BRESCIA 0 – PALERMO 0

Un buon Brescia per la sua “prima” al Rigamonti. Una difesa ben organizzata e sicura che ha dato fiducia ad un centro campo non esattamente puntuale al suo dovere e ad un attacco però spesso più sfortunato che bravo. Un Brescia che “ai punti” avrebbe ampiamente vinto ma che alla fin delle finite deve necessariamente accontentarsi di un punticino che, come si suol dire, muove la classifica. Una partita seguita da 5000 mila spettatori in una serata piuttosto freddina ma che ha visto spesso scaldarsi il cuore del tifoso bresciano pronto a incoraggiare i propri ragazzi in un sicuro buon Campionato. La nuova dirigenza, la nuova Società, il nuovo patron hanno fatto la loro ottima parte. Il “parco” giocatori si è ampliato di numeri e di qualità. Spetterà ora partita dopo partita al Mister inquadrare un gioco che non deve risultare a vuoto in fase di perfezionamento che tradotto in estrema sintesi può anche significare che è necessario far entrare la palla in rete. Contro il Palermo (per la verità molto rimaneggiato) il Brescia ha avuto però ben tre nitidissime palle gol in area di rigore, due delle quali direi che sono state sprecate. Ma ragionare e giudicare dalla Tribuna stampa è sempre facile. In questa prima fase del Campionato gli sforzi di Società e giocatori vanno aiutati. E mi pare che anche i ragazzi ( o meno) della Curva Nord stiano dando il loro pieno appoggio. Il clima pallonaro bresciano (non quello meteorologico) è indirizzato sulla giusta via e l’arcobaleno di fine partita è stato un ottimo segnale di forte incoraggiamento. Forza Brescia, la Valtrompia è tutta con te. (p.g.) Campionato SerieB ConTe.it 2017/2018 - 2^Giornata

BRESCIA (3-5-2): Minelli; Gastaldello, Meccariello; Coppolaro (68'Lancini E.), Dall'Oglio (66' Martinelli), Machin, Di Santantonio, Furlan; Caracciolo (Cap.), Cortesi ( 77' Ferrante). A disposizione: Pelagotti, Semprini, Cattaneo, Somma, Dembelè, Ferrante.
Allenatore: Boscaglia.

PALERMO (3-4-1-2): Pomini, Szyminski, Bellusci, Dawidowicz, Gnahoré, Murawski, Morganella, Rolando (89' Accardi), Embalo (74' Fiordilino), Coronado, La Gumina (58' Rispoli). A disposizione: Belladonna, Maniero, Gallo, Fiordilino, Santoro.
Allenatore: Tedino .

Arbitro: Sig. RAPUANO di Rimini .
Assistenti Sig.SORICARO di Barletta e ROSSI di Rovigo .
IV Ufficiale Sig.SERRA di Torino.

Ammoniti: Furlan (B), Martinelli (B)
Espulsi: nessuno.

Angoli: 1 - 3
Recupero 1'p.t.- 5's.t.
note: 5.081 paganti



Campionato di Calcio Serie “B”
Sabato 6 Maggio 2017

BRESCIA 1 – LATINA 1

UN (QUASI) SUICIDIO PALLONARO

Esiste un certo Caracciolo che non tocca palla per 90 minuti ed esiste poi un san (col rispetto per i Santi con la lettera maiuscola) Caracciolo che all’ultimo secondo dell’ultimo minuto di recupero segna un gol strepitoso. Ed è quanto meno un punticino di speranza. Ma la lotta è ancora terribilmente dura, nonostante e pur tenendo conto dei risultati delle altre pericolanti. Mancano due partite alla fine del Campionato ed il Brescia continua a rischiare grosso. Doveva essere, quella contro il Latina al “Rigamonti” la partita da vincere assolutamente e comunque, invece così non è andata la faccenda. Troppi giocatori impacciati, troppi, davvero troppi, gli erroracci ed il nostro Brescia è destinato, con noi, a soffrire. Il Latina è già retrocesso matematicamente, ma ha giocato una partita davvero interessante, puntuale in difesa e con continui pericolosissimi attacchi e… sprechi. Alla fine almeno tre palle gol buttate al vento o alle ortiche come volete, dai suoi attaccanti. E per tutti, ma oggi per il nostro Brescia, vale la vecchia regola che le partite si vincono sul “campo” e non sulla “carta” il giorno prima.




































Campionato di Calcio Serie “B”
Sabato 25 Aprile 2017

BRESCIA 2 - TERNANA 1

SPERIAMO CHE BASTI IL CUORE

Una vittoria col cuore, con la mente, con le gambe: è stata proprio tutto questa bella affascinante partita del nostro Brescia. Una partita vinta meritatamente, tre punti importantissimi per la salvezza. E bravi i nostri ragazzi con la sfortuna nel sacco, ma con la voglia di brescianità alle stelle. Non abbiamo giocato benissimo, ma si è vista meravigliosamente bene la voglia di giocare, la voglia di dare uno scossone importante a questa classifica fattasi via via assai penosa. Ora non siamo certo fuori dalle melme, ma esserbe al di sopra significa affrontare le prossime gare con qualche soddisfazione in tasca e con qualche ottimismo in più. La Ternana potrebbe forse recriminare due gol annullati per fuorigioco, ma non ha potuto farlo di fronte all’evidenza. Il Brescia può recriminare il terzo gol sfuggito in una paio di occasioni clamorose e non per colpa nostra. Ma tant’è. Vittoria doveva essere ed al Rigamonti vittoria è stata. Ed ora avanti, caro giovane e vecchio Brescia. (p.g.)

Marcatori: 3’ Crociata (B), 8’Defendi (T), 62’ Bisoli (B)

BRESCIA (4-3- 1-2): Minelli; Unteresee, Calabresi, Romagna (62’ Lancini), Coly ; Martinelli (54’ Dall’Oglio), Bisoli, Pinzi (Cap.)(80’Sbrissa); Ferrante, Crociata, Ferrante, Camara
A disposizione: Arcari, Camara, Ndoj, Mauri, Mangraviti, Torregrossa.

Allenatore: Cagni.

TERNANA (4-3- 3):Aresti, Zanon, Meccariello, Contini (85’ La Gumina), Diakité, Ledesma, Petriccione, Defendi (14’ Di Noia), Palombi, Monachello (63’ Pettinari), Falletti.
A disposizione: Di Gennaro, Rossi, Valjent, Masi, Coppola, Di Noia, Acquafresca.
Allenatore: Liverani.

Arbitro Sig.Antonio DI MARTINO di Teramo.
Assistenti Sig. Andrea TARDINO di Milano e Sig. Alfonso Claudio LANZA di Nichelino.
IV ufficiale Sig. Daniel AMABILE di Vicenza.

Ammoniti: Zanon (T), Dall’Oglio (B)
Espulsi: nessuno.

Angoli: 4-3
Recupero: 2’p.t.- 3’s.t.

note: 5.249 - 2.887 paganti






Campionato di Calcio Serie “B”
Sabato 22 Aprile 2017

ASCOLI 0 – BRESCIA 0

UN PASSO VERSO LA SALVEZZA?

L’allenatore delle Rondinelle Gigi Cagni (nella foto) in sala stampa, al termine della partita: "Sono soddisfatto, dopo la gara di oggi sono ancor più convinto di questa squadra e della salvezza. I ragazzi non hanno sbagliato l’aspetto mentale e questo mi è piaciuto, certo potevamo sfruttare meglio alcune situazioni ma ci può stare…Fondamentale è non aver subito gol. Le occasioni ci sono state purtroppo non le abbiamo sfruttate. Tra l’altro nel finale il Brescia era più in palla e poteva spingere di più. E’ ovvio che se non vinci le gare del Rigamonti è giusto retrocedere. I risultati delle altre non mi interessano. Mi interessa la crescita della squadra che c’è stata dal primo giorno che sono arrivato. Continuate a dire che sono un difensivista ma non è vero. Giochiamo sempre con due punte più una mezza punta quando è possibile considerando le assenze. Certo la fase difensiva in questo momento di difficoltà è importante, ma non ci risparmiamo certo in attacco quando ne abbiamo l’occasione”. (p.g.)

CAMPIONATO SERIE B ConTe.it 2016.17

Le formazioni di Ascoli . Brescia
37^ giornata

ASCOLI (4-2-3-1): Lanni; Almici, Gigliotti, Mengoni, Mignanelli; Bianchi (67' Addae), Cassata; Orsolini (63' Bentivegna), Giorgi (78' Cacia), Gatto; Favilli.
A disposizione: Ragni, Augustyn, Carpani, Perez, Lazzari, Mogos.
Allenatore: Aglietti

BRESCIA (3-5-1-1): Minelli; Calabresi, Romagna, Blanchard; Untersee, Bisoli, Mauri (70' Ndoj), Martinelli, Coly; Crociata (52' Pinzi); Ferrante.
A disposizione: Arcari, Lancini, Prce, Sbrissa, Dall'Oglio, Camara, Vassallo.
Allenatore: Cagni

Arbitro: Sig. Federico La Penna di Roma 1

Ammoniti: Coly (B), Blanchard (B), Bisoli (B), Pinzi (B), Calabresi (B).
Espulsi: Nessuno
Recupero: 1' p.t; 4' s.t.








Campionato di Calcio Serie “B”
Stadio “Rigamonti” di Brescia
Domenica 9 Aprile 2017

BRESCIA 1 – SPAL 3

INIZIO O FINE?

L’inizio della fine?
Poveri noi. Poveri ragazzi. Povero pallone bresciano. Quel che non doveva accadere c’è. Siamo (in classifica) sul baratro della retrocessione in Serie C o Lega Pro come la vogliamo chiamare. I numeri non ci condannano ancora, la speranza di una remota salvezza c’è ancora, ma quel che non c’è da quattordici giornate è una vittoria, in casa o fuori casa. Non c’è allenatore che tenga. Brocchi o Cagni non sta facendo la differenza. I ragazzi invece sono quel che sono, la squadra è lì da vedere. A Gennaio qualcuno se n’è andato e nessun rinforzo è arrivato. Io non faccio colpa assolutamente a nessuno, perché è troppo facile attribuire colpe o responsabilità stando seduti in tribuna squadra a godersi uno spettacolo pallonaro pur soffrendo magari più degli stessi giocatori o della Società. È però un dato di fatto che il 2017 non ha ancora portato la benché minima novità, neanche nel gioco spesso e volentieri. Quel che va detto è che i ragazzi sembrano impegnati, dimostrano una certa dose di generosità, ma allora il problema è sostanziale. Manca la qualità, manca la tecnica, complessivamente. All’attacco non tiriamo quasi mai nella porta avversaria mentre gli altri perforano la nostra difesa da sempre con buona facilità e grazie ai nostri errori. Ogni partita ha certamente la sua storia. Non si poteva (guardando quella odierna contro la Spal) ipotizzare di vincere contro una squadra che in questo momento sarebbe promessa in Serie A provenendo lo scorso Campionato dalla Serie inferiore! Abbiamo perso tre ad uno, siamo andati in svantaggio, abbiamo pareggiato poi siamo scomparsi dal campo. Ora mancano 7 partite alla fine, qualche volta fa abbiamo suonato (inutilmente) l’attacco delle 10 storiche Giornate della Leonessa. Ed ora non ci resta che piangere? No per il pallone no! Però caro Brescia a Pasquetta, sempre qui al Rigamonti, contro il Benevento, ci dai il segno della laica risurrezione, la Pasqua essendo allora trascorsa. Al proposito Buone festività pasquali a tutti noi e tutti voi (p.g.)

CAMPIONATO SERIE B ConTe.it 2016/17 - 35^ Giornata
Stadio Rigamonti

Brescia-Spal 2-3

Marcatori: 15’ Mora (S), 26’ Ferrante (B), 45’+2 Antenucci (S), 68’Mora (S)
BRESCIA (4-3-3-): Arcari; Calabresi, Romagna, Blanchard (69’Camara), Lancini ; Bisoli, Pinzi (46’Untersee), Martinelli; Crociata, Ferrante (57’Torregrossa), Caracciolo (Cap.),
A disposizione: Minelli, Coly, Prce, Ndoj, Bonazzoli, Mauri.
Allenatore: Cagni.

SPAL (4-4-2): Meret, Vicari, Giani (Cap.), Cremonesi, Schiattarella (76’Schiavon), Lazzari (82’Ghiglione), Mora, Castagnetti (59’Arini), Costa, Zigoni, Antenucci.
Adisposzione: Marchegiani, Gasparetto, Silvestri, Finotto, Del Grosso, Costantini.
Allenatore: Semplici.

Arbitro Sig. Daniele CHIFFI di Padova.
Ammoniti: Zigoni (S), Martinelli (B), Arini (S)
Espulsi:nessuno

Angoli:13-5
Recupero: 5’p.t.- 5’s.t.




Campionato di Calcio Serie “B”

BRESCIA 2 – ENTELLA 2
Stadio “Rigamonti” di Brescia
Sabato 1 Aprile 2017

UN TERZO BRODINO CORROBORANTE

Il buon Brescia ha rischiato il più classico dei “pesce d’aprile”: giocar bene e perdere. Fino al 96° il “pesce” era, infatti, perfettamente riuscito. Non fosse stato per la seconda “papera” di Iacopucci (portiere dell’Entella) su due tiri in porta del Brescia diventati due gol. In occasione del primo gol del Brescia (a pareggio dello 0 –1 fino a quel momento) Iacopucci va per farfalle, in occasione del secondo gol del Brescia (a pareggio del 1 – 2 fino a quel momento) si lascia di fatti sfuggire la palla in una mischia seppur confusa. Ma il primo “pesce” lo aveva imbandito però il nostro portiere Minelli apparso decisamente non in vena: si fa, infatti, trovare impreparato, non in posizione da un tiro di Moscati che è apparso assolutamente prendibile. Ma tant’è! Insomma riassumo i fatti per chi legge e magari a questo punto conosce solo il risultato del pareggio 2 a 2. Il Brescia comincia bene, gioca bene ma l’Entella dopo 15 minuti va in vantaggio. Il Brescia accusa il colpo e non sa reagire. Secondo tempo: fuori Mauri (che sembrava essersi resuscitato, ma era un abbaglio) e dentro Crociata che rende vivace l’offensiva e le Rondinelle pareggiano i conti con Ferrante. Poi il Brescia domina in lungo ed in largo ma… all’unica occasione per l’Entella, gli ospiti vanno in vantaggio di nuovo. Il Brescia questa volta reagisce bene e gioca bene ma, dopo che Cagni ha fatto tutte e tre le sostituzioni ammesse, Untersee si fa seriamente male ed il Brescia gioca gli ultimi dieci minuti in dieci ma continua ad attaccare generosamente ma senza sfondare. Solo al 96° (dopo che l’arbitro nega un rigore assolutamente evidente e le immagini lo confermano) il nostro Brescia gode del suo attimo di fortuna, ringrazia comunque Iacopucci e muove il suo terzo punticino di seguito per la nuova era dell’allenatore Cagni. Il Brescia non vince da tredici partite. Ed ora via alla seconda delle “dieci” giornate della Leonessa. Da qui alla fine del Campionato mancano, infatti, oramai nove partite. La prossima sfida è, di fatto, una diretta sfida per la salvezza: andiamo Martedì 4 a Cesena. Forza Brescia! Tutto (non è perduto) e tantomeno l’onore. (p.g.)

CAMPIONATO SERIE B
ConTe.it 2016/17 - 33^ Giornata

Brescia-Virtus Entella 2-2

Marcatori: 18’ Moscati (E), 53’ Ferrante (B), 73’ Caputo (E), 93' Caracciolo (B)

BRESCIA (4-3-3): Minelli; Unteresee, Blanchard, Romagna, Lancini (78’Torregrossa) ; Bisoli, Mauri (46’ Crociata), Martinelli; Ferrante (74'Camara), Caracciolo (Cap.), Coly.
A disposizione: Arcari, Pinzi, Modic, Prce, Calabresi, Ndoj.
Allenatore: Cagni.

VIRTUS ENTELLA (4-3-3): Iacobucci, Belli, Benedetti, Pellizzer, Filippini, Moscati, Palermo (46’ Sini), Troiano, Ammari (82’Pecorini), Caputo, Catellani (62’Diaw).
A disposzione: Paroni, ceccarelli, Tremolada, Ba, Zaniolo, Ardizzone.
Allenatore: Breda.

Arbitro Sig. Marco PICCININI di Folrì
Assistenti: Sig. Matteo BOTTEGONI di Terni e Sig. Giuseppe BORZOMI’ di Torino
IV Ufficiale Riccardo PANARESE di Lecce

Ammoniti: Filippini (E), Benedetti (E).
Espulsi: nessuno.

Angoli: 7-1
Recupero: 1’p.t.- 3’s.t.
Note: 5.249 abbonati – 1.518 paganti





























VICENZA 1 - BRESCIA 1
Domenica 26 Marzo 2017

UN BRODINO PIU' SOSTANZIOSO

( https://www.vicenzareport.it/2017/03/vicenza-brescia-diretta-web/)

Le formazioni:

Vicenza: Amelia; Zaccardo, Adejo, Esposito, Pucino; Orlando, Urso, Gucher, Vita; Bellomo; De Luca. A disposizione: Vigorito, Bogdan, Bianchi, Zivkov, Doumbia, Signori, Giacomelli, Cernigoi, Ebagua. Allenatore: P. Bisoli

Brescia: Minelli; Untersee, Romagna, Blanchard, Lancini; D. Bisoli, Mauri, Martinelli; Ferrante, Caracciolo, Camara. A disposizione: Arcari, Coly, Prce, Fontanesi, Crociata, Pinzi, Sbrissa, Bonazzoli, Torregrossa. Allenatore: Cagni

In tempo reale:

Le squadre stanno per entrare in campo…

Vicenza in campo nella tradizionale tenuta biancorossa, Brescia in blu scuro. Bella scenografia dei tifosi sulle tribune, per uno stadio pieno a metà…

Partita iniziata!

1’ Primo calcio d’angolo per il Vicenza, che è partito subito in attacco con decisione

2’ Anche il Brescia si fa vedere avanti. E’ Caracciolo a rendersi pericoloso di testa deviando un calcio di punizione battuto da Untersee e concesso per un fallo di Adejo

3’ Rovesciamento di fronte e i biancorossi mandano De Luca a far paura ai bresciani nella loro area, ma non ne esce niente…

6’ Buona occasione per De Luca, solo davanti al portiere, ma l’arbitro fischia il fuorigioco

8’ Ancora De Luca a tu per tu con Minelli, ma è di nuovo in fuorigioco

10’ Buona manovra del Vicenza, che porta solo ad un calcio d’angolo ma dimostra che la squadra sta giocando con lucidità. Fino ad ora infatti solo i biancorossi hanno costruito azioni pericolose…

13’ Pucino ammonito per aver steso Bisoli (il figlio, giocatore del Brescia, naturalmente)

14’ GOL DEL BRESCIA. E’ Blanchard a deviare di testa il calcio di punizione concesso per l’atterramento di Bisoli, mandando la palla all’angolino in alto alla sinistra del portiere. Quasi una beffa…

16’ Ammonito Romagna, nel Brescia, per un fallo duro su Vita

17’ Conclusione pericolosa di Vita che, con un rasoterra, cerca l’angolo basso. Il portiere bresciano ci arriva

18’ Brescia momentaneamente in 10. Caracciolo risente di una botta ricevuta…

19’ Caracciolo è rientrato, ma merita segnalare una certa irrequietezza dei non pochissimi tifosi bresciani, che dalla loro curva hanno già lanciato un paio di grossi e rumorosi petardi

24’ GOL DEL VICENZA. Pareggia Pucino appoggiando da due passi in rete il pallone dopo un calcio d’angolo…

29’ Continua ad attaccare il Vicenza. La partita è decisamente vivace e divertente

34’ In questa fase è il Brewscia ad attaccare. E’ Caracciolo che so presenta dalle parti di Amelia ma viene neutralizzato

36’ Ottima iniziativa di Bellomo, che scambia con Vita ed entra in area. La sua posizione è molto angolata e non può che mettere al centro, ma nessun biancorosso è pronto a raccogliere il suggerimento prezioso, che taglia tutta l’area bresciana…

40’ Ottimo intervento difensivo di Adejo, sempre attento ed efficace

44’ Due minuti di recupero, mentre il Brescia si rende pericoloso con martinelli che in tuffo cerca di deviare un pallone un po’ troppo difficile. E’ solo calcio d’angolo

Finisce il primo tempo, sul punteggio di parità, 1-1. Nella prima frazione di gioco comunque si è visto più Vicenza che Brescia…

Tornano in campo le squadre per disputare il secondo tempo. Nessun cambiamento nelle formazioni di entrambe

Secondo tempo

E’ il Vicenza a battere il calcio d’avvio della ripresa

3’ Vicenza vicino al raddoppio grazie Gucher che da quasi 30 metri fa partire un bolide diretto all’angolo sinistro della porta breiana. Molto bravo anche Minelli a deviare

5’ Ci riprova Vita, anche lui con un tiro rasoterra dalla distanza, fuori di poco, ed è stato deviato da un difensore bresciano

9, Bella azione del Vicenza, condotta da Orlando che alla fine passa a Urso che calcia a rete. Il pallone è deviato e ne esce solo un calcio d’angolo

14’ Vita un po’ egoista, fa tutto da solo al limite dell’area e tira, ma non ha difficoltà a Parare il portiere bresciano. C’era un paio di biancorossi vicini però, poteva valer la penna passare anziché tirare

16 ‘ Brescia in avanti, con Martinelli che tira rasoterra cercando l’angolo. Palla fuori non di molto

17’ Cambio nel Vicenza, esce Vita ed entra Ebagua

18’ Brivido per il Vicenza, caraccilo lascia partire da buona distanza un rasoterra insidiosissimo, una rasoiata che supera Amelia ed esce di un soffio…

19’ Brescia ancora pericoloso, stavolta con Bisoli, sul quale chiude bene Esposito

20’ Ammonito Lancini, nel Brescia, per un brutto intervento su Orlando

24’ Secondo cambio nel Vicenza. Entra Signori ed esce Orlando, che ha disputato una buona partita

25’ Ammonito Urso per un fallo su Martinelli

29’ Occasione per il Vicenza: sugli sviluppi di un calcio d’angolo Esposito colpisce di testa ma il pallone esce di poco

30′ Ebagua pericoloso, con un tiro al quale si oppone Minelli molto bene…

33’ Un po’ velleitario il tentativo di Ebagua, che cerca il numero, in rovesciata , in area avversaria. La palla è fuori

34’ Ammonito Ebagua per uno strattone a Lancini. Era diffidato, quindi dovrà saltare il prossimo turno

35’ Nel Brescia entra Bonazzoli al posto di Ferrante

36’ Bel tiro di Signori, che dal limite dell’area cerca l’angolo opposto in alto. Sbaglia di poco…

38’ Resta una decina di minuti (recupero compreso) per vincere questa partita, che ha visto comunque il Vicenza prevalere, avendo costruito più occasioni da gol rispetto al Brescia

40’ Tiro di Marinelli, un rasoterra che esce di poco

41’ Entrato da qualche minuto, il bresciano Bonazzoli viene espulso per un fallaccio su Bellomo

Finale di partita al Menti sotto una pioggia scrosciante.

42’ Terzo cambio nel Vicenza, entra Cernigoi al posto di Bellomo.

44’ Grande occasione biancorossa. E’ De Luca, tutto solo al centro dell’area avversaria, pescato da Gucher, che manda fuori.

Quattro minuti di recupero.

48’ Pucino importante in finale perché ferma una pericolosa incursione di Bisoli. Intanto il Brescia sostituisce Martinelli con Prce.

E’ finita. E’ pareggio per 1-1 dunque… Un risultato che soddisfa poco entrambe le squadre, ma deve recriminare soprattutto il Vicenza che ha avuto più occasioni ed ha fatto vedere un gioco migliore.

https://www.vicenzareport.it/2017/03/vicenza-brescia-diretta-web/)



Campionato di Calcio Serie “B”
STADIO “RIGAMONTI” DI BRESCIA
Sabato 18 Marzo 2017
BRESCIA 1 – SPEZIA 1

UN BRODINO SUPERLISCIO

Allenatore (Brocchi) che se ne va, gioco che non viene o quasi. Certo, è cambiato l’allenatore, perché quando una squadra non va bisogna, volenti o nolenti, prendersela con qualcuno e spesso ci si azzecca. Ma per sessanta minuti di questa stranissima partita (Brescia – Spezia) anche l’arrivo in panchina di Cagni non produce alcun effetto. Allora sono proprio i nostri giocatorini che non hanno testa e gambe, testa soprattutto. Ed è così che lo Spezia dopo pochi minuti già cerca e trova il gol (Minelli forse poteva fare molto di meglio) e poi via via per tutto il primo tempo potrebbe tranquillamente e meritatamente anche dilagare. Così è anche fino alla metà del secondo tempo quando il Brescia ringrazia non si sa bene chi per un gol subito (sarebbe stato il secondo) ma non assegnato allo Spezia. E poi un deludente Mauri (nella fotografia) trova improvvisamente e stranamente il gol del pareggio. Succede l’inimmaginabile.

Negli ultimi dieci minuti di gioco è il nostro Brescia a sfiorare clamorosamente per ben due nitide volte il gol della vittoria. Ma il gioco pallonaro ci ha abituato a questo ed al peggio di questo ed è così che un pareggio, come un brodino, può andar bene al Brescia per smuovere la sua terrificante classifica dalla melma del fondo. Ma non può andar bene al Brescia dalla prossima partita in poi perché i fantasmi della retrocessione sono a portata di punti. Ma alla fine so che il Brescia troverà le sue giornate di risalita. Forza Brescia! (p.g.)

CAMPIONATO SERIE B ConTe.it 2016.17 - 31^ Giornata

Brescia-Spezia 1-1

Marcatori: 4’ Sciaudone (S), 75’ Mauri (B)

BRESCIA (4-3- 3-): Minelli; Untersee, Romagna, Prce, Lancini; Bisoli, Mauri; Martinelli (73’Torregrossa), Bonazzoli

(46’Ferrante), Caracciolo (Cap.), Sbrissa (57’Camara).

A disposizione: Arcari, Dall’Oglio, Crociata, Ndoj, Modic, Fontanesi.

Allenatore: Cagni

SPEZIA (4-3- 3): Chichizola, Vignali, Valentini, Terzi (Cap.), Migliore, Sciaudone (67’Pulzetti), Errasti, Djokovic,

Piccolo, Fabbrini (63’Baez), Granoche (81’Giannetti).

A disposizione: Valentini, De Col, Ceccaroni, Datkovic, Maggiore, Mastinu.

Allenatore: Di Carlo

Arbitro Sig. Daniele MARTINELLI di Roma 2

Ammoniti: Terzi (S), Sciaudone (S), Fabbrini (S), Prce (B)

Espulsi: Nessuno
Angoli: 1-5
Recupero: 0’p.t.- 3’s.t.
Note: 5.249 abbonati – 1.770 paganti









































30^ giornata – Sabato 11 Marzo 2017
SALERNITANA 2 - BRESCIA 0

SCENDE IL BUIO PESTO

Marcatori: 56' Coda (S), 85' Donnarumma (S)

SALERNITANA (4-3-3): Gomis; Perico, Tuia, Bernardini, Vitale; Minala, Ronaldo ( 44'st Bittante), Zito; Rosina (19'st Della Rocca), Coda, Sprocati ( 30'st Donnarumma).
A disposizione: Terracciano, Luiz Felipe, Schiavi, Grillo, Garofalo, Joao Silva.
Allenatore: Bollini

BRESCIA (3-5-2): Minelli; Calabresi (62' Bonazzoli), Romagna, Blanchard; Untersee, Dall’Oglio, Martinelli, Ndoj (78' Sbrissa), Coly; Caracciolo, Torregrossa (71' Ferrante).
A disposizione: Arcari, Lancini, Crociata, Prce, Mauri, Modic
Allenatore: Brocchi

Arbitro: Sig. Marco SERRA di Torino

Ammoniti: Calabresi (B), Coly (B), Martinelli (B), Ndoj (B); Ronaldo (S)
Espulsi: Blanchard (B)
Recupero 1' p.t. e 4' s.t.






CAMPIONATO SERIE B ConTe.it 2016.17 - 29^ Giornata
Stadio “Rigamonti” di Brescia
Domenica 5 Marzo 2016

BRESCIA 0 - HELLAS VERONA 1

TRIBOLDI: "PIENA FIDUCIA IN QUESTO STAFF"

BRESCIA (4-3-3): Minelli; Untersee (75’Torregrossa), Romagna, Blanchard, Prce; Sbrissa, Martinelli, Dall’Oglio (67’Pinzi), Camara,Caracciolo (Cap.), Mauri (58’ Bonazzoli).
A disposizione: Arcari, Lancini, Crociata, Calabresi, Ferrante, Ndoj.
Allenatore: Brocchi

HELLAS VERONA (4-4-2): Nicolas, Ferrari, Bianchetti, Caracciolo Ant., Souprayen, Romulo, Zaccagni (67’Fossati), Zuculini B., Fares (62’ Zuculini F.), Pazzini (Cap.)(82’ Cappelluzzo), Bessa
A disposizione: Coppola, Boldor, Ganz, Luppi, Gomez, Siligardi.
Allenatore: Pecchia

Arbitro Sig. Gianluca AURELIANO di Bologna
Ammoniti: Bianchetti (V), Zuculini B (V), Cappelluzzi (V)
Espulsi: nessuno
Marcatori: 34’ Zaccagni (V)

Angoli: 4-4
Recupero: 0’p.t.- 5’s.t.
Note: 5.249 abbonati- 4.138 paganti

TRIBOLDI: "Piena fiducia in questo staff"

A prendere parola al termine della gara contro l'Hellas Verona è stato il Presidente biancazzurro Alessandro Triboldi (nella fotografia):

"Ad inizio stagione ci siamo affidati ad uno staff di professionisti e la fiducia in loro rimane intatta. Purtroppo questo è un periodo in cui i risultati non arrivano, nonostante nelle ultime gare ho visto una squadra che comunque ha messo in campo grande determinazione.
Anche oggi abbiamo affrontato una squadra con ben altre ambizioni e anche altre disponibilità economiche rispetto a noi. Però nonostante ciò abbiamo tenuto testa ad una grande squadra e anche i ragazzi in campo hanno dato il massimo.
Nell'arco della stagione possono capitare dei momenti di difficoltà, ma la Società continua ad avere fiducia in questo staff tecnico e nei giocatori e sono sicuro che presto ci tireremo fuori da questa situazione." (www.bresciacalcio.it)








Campionato di Calcio di Serie”B”
Venerdì 24 febbraio 2017
Stadio “Rigamonti” di Brescia

BRESCIA 4 – CITTADELLA 1

UN BEL RISULTATO BUGIARDO

Intendiamoci bene… il nostro caro Brescia stava scivolando paurosamente verso la zona paurosa della retrocessione. Quindi una vittoria ci voleva e vittoria è stata. L’ultima vittoria del Brescia è stata proprio due mesi fa, il 24 Dicembre scorso. Poi sostanziale negatività e pessimismo. E allora perché non sono contento? Perché il Brescia ha ben giocato solo 20 minuti del primo tempo e soprattutto ha patito gli attacchi di un Cittadella ridotto in 10 uomini fin dall’undicesimo del primo tempo. Ha proprio patito perché il Cittadella (già sull’1 a 4 alla fine del primo tempo) ha sbagliato almeno cinque palle gol, alcune le ha sbagliate, altre sono state bloccate da un rinato Minelli. Il nostro portiere, insieme al grande Caracciolo, è risultato il migliore e quando un portiere è il migliore voi capite chi ha attaccato di più anche se non avete visto la partita. In realtà non so dove finiscono i meriti del Brescia o dove comincino i demeriti del Cittadella, ma il discorso non cambia. La nostra difesa è una difesa da brividi. Stavolta non abbiamo preso gol, perché gli “altri” li han sbagliati. Un Cittadella irriconoscibile per molti aspetti, una squadra di alta classifica ma che non ha capitalizzato tutte quelle incredibili occasioni. Torniamo a noi. Non mi esalto perché capite che non possiamo continuare ad essere la peggiore difesa del Campionato. E Mister Brocchi (che in sala stampa non si è presentato) dovrà davvero ben riflettere per incontrare lunedì della prossima settimana un forte Bari e soprattutto un gran Verona Domenica 5 Marzo al Rigamonti. Auguri a tutti nella speranza che questo poker di gol a nostro favore sia una sana medicina che cominci a dar guarigione al povero ma grande nostro Brescia. Bravi ragazzi! (p.g.)

CAMPIONATO SERIE B CONTE.IT2016.17 - 27^ GIORNATA

BRESCIA-CITTADELLA 4-1

Marcatori: 9’Caracciolo (B), 23’ Strizzolo (C), 28’ Blanchard (B), 36’ Coly (B), 42’ Dall’Oglio (B)

BRESCIA (4-3-3): Minelli; Untersee, Romagna, Blanchard, Coly;, Pinzi (78’Modic), Martinelli (68’Sbrissa), Dall’Oglio, Camara,Caracciolo (Cap.), Bonazzoli (70’ Mauri).
A disposizione: Serraiocco, Prce, Calabresi, Ferrante, Torregrossa.
Allenatore: Brocchi

CITTADELLA (4-4-2): Alfonso, Salvi, Pascali, Scaglia, Martin, Valzania, Iori (Cap.), Pasa, Chiaretti (19’Pedrelli), Strizzolo (60’Vido), Arrighini ( 46’ Schenetti).
A disposizione: Varnier, Bartolomei, Pelagatti, Paolucci, Iunco.
Allenatore: Venturato.

Arbitro Sig.Ivano PEZZUTO di Lecce

Ammoniti: Valzania (C),
Espulsi: 11’Martin (C)

Angoli: 5-5
Recupero: 2’p.t.- 3’s.t.
Note: 5.249 abbonati- 1.129 paganti

BROCCHI: "MERITO VA AI RAGAZZI. OGGI CONTAVANO SOLAMENTE I 3 PUNTI"

"Voglio che i ragazzi si prendano i giusti meriti perchè alla fine sono loro gli artefici di questa vittoria fondamentale - le parole di mister Brocchi al termine della gara contro il Cittadella - Oggi contavano solamente i tre punti. Venivamo da un periodo difficile, anche se in settimana i ragazzi hanno sempre dato il 100% dimostrando sempre grande impegno e sacrificio. Siamo stati bravi a sfruttare la superiorità numerica e a chiudere il primo tempo con un netto vantaggio. Non mi è piaciuto l'atteggiamento che abbiamo avuto nella ripresa, perchè nonostante il 4-1 e l'uomo in più abbiamo fatto fatica a giocare e a tenere in mano il pallino del gioco.
I tre punti di oggi sono un passo in più verso l'obiettivo salvezza che ci siamo prefissati fin dall'inizio. Ora dobbiamo recuperare le energie perchè fra 3 giorni ci aspetta una gara impegnativa sul campo del Bari, una squadra costruita per stare nella parti alte della classifica e servirà una prova di grande carattere e determinazione". (www.bresciacalcio.it)

















CAMPIONATO DI CALCIO SERIE “B”
STADIO “RIGAMONTI” DI BRESCIA / SABATO 11 FEBBRAIO 2017

BRESCIA 1 – PISA 1


UN BRODINO PISANO

Ci sarebbe voluta una vittoria scacciacrisi dopo tre sconfitte consecutive. Così ovviamente non è stato, ed il nostro caro Brescia invece proprio non ne vuol sapere di usare la testa giusta al momento giusto. Dopo il Girone di Andata durante il quale abbiamo visto i play off ora stiamo a distanza molto ravvicinata dai play out. Insomma prima guardavamo coraggiosamente in avanti, ora guardiamo guardinghi il retro. Crisi, non crisi… è obbligatorio retoricamente parlarne, come parlare di meriti e demeriti dell’allenatore. Ma certo è che noi possiamo andare solo alla stadio e soffrire (si fa per dire con rispetto parlando) per un Brescia a questo punto, giovane ed inesperto nonostante gli esperti in squadra. La partita con il Pisa di Gattuso è di quelle un poco strane. Gioco guardingo, arbitro che combina la sua, inesistenti nella sostanza i nostri tiri in porta, passaggi quasi sempre sbagliati o fuori posto, attacco che conferma la su dipendenza totale da Caracciolo, difesa che si perforare serenamente ad ogni affondo dell’avversario. Passa in vantaggio al Rigamonti il Pisa su un calcio di rigore non dico inesistente ma generoso generosissimo. Il Brescia ha il merito di pareggiare, anzi Caracciolo pareggia al suo primo tiro in porta, al suo primo tiro in assoluto, al primo pallone giocabile che gli viene posto. Un gol per la verità strepitoso come solo l’“Airone” sa fare. Poi, nel secondo tempo, il Brescia prova a suonar la carica ma è solo una prova, anzi si è notata una buona generosità da parte delle Rondinelle ma nulla più. E ringraziamo ampiamente, non finiamo di ringraziare “San” Michele Arcari il nostro portierone che supera se stesso con parate da scuola di calcio una, due e tre volte. Ora andiamo a Carpi e poi Bari… Verona ecc ecc…. Poveri noi! O no? Forza Brescia (p.g.)

CAMPIONATO SERIE B CONTE.IT2016.17 - 25^ GIORNATA

BRESCIA-PISA 1-1

Marcatori: 21’ rig. Mannini (P), 30’Caracciolo (B)

BRESCIA (4-3-1-2): Arcari; Untersee, Calabresi, Blanchard, Coly, Martinelli, Pinzi, Ndoj (67’Sbrissa); Bonazzoli (80’Camara), Crociata (72’Mauri), Caracciolo
A disposizione: Minelli, Prce, Ferrante, Romagna, Vassallo, Modic.
Allenatore: Brocchi

PISA (4-4-2): Ujkani, Longhi, Landre (31’ Del Fabbro), Crescenzi, Mannini (Cap.), Peralta, Angiulli, Di Tacchio, Gatto (58’Golubovic), Manaj (66’ Cani), Masucci.
A disposizione: Cardelli, Birindelli, Lazzari, Zonta, Favale, Zammarini.
Allenatore: Gattuso.

Arbitro Sig. Lorenzo ILLUZZI di Molfetta

Ammoniti: Caracciolo (B), Masucci (P), Ndoj (B), Cani (P), Peralta (P)
Espulsi: Nessuno

Angoli: 7-2
Recupero: 3’p.t.- 5’s.t.
Note: 5.249 abbonati – 1.485 paganti

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI AL TERMINE DELLA GARA CONTRO IL PISA.

BROCCHI. "Dopo le ultime 3 gare credo che oggi abbiamo fatto un piccolo passo in avanti, dimostrando che la squadra c'è, è viva e lotta fino all'ultimo.
Abbiamo messo in campo carattere e determinazione, è stata una gara combattuta anche perchè abbiamo trovato un Pisa che si è dimostrato un avversario ostico, difficile da affrontare. E' vero abbiamo rischiato qualcosa ma se vuoi vincere le partite è normale concedersi qualche rischio in più.
Di fronte poi avevamo una squadra che chiudeva bene gli spazi e ripartiva in contropiede, è stato bravo Michele che ha compiuto alcuni grandi interventi.
Ora testa al Carpi, sappiamo che sarà un'altra battaglia, su un campo difficile e dobbiamo farci trovare pronti."

ARCARI. "Venivamo da tre sconfitte consecutive ed era importante dare un segnale. Credo che oggi abbiamo fatto un passo in avanti, come risultato ma anche come prestazione.
Purtoppo il pareggio non è servito a molto a livello di classifica ma conta per dare morale e convinzione a questa squadra dopo qualche risultato negativo.
Personalmente sono contento della prestazione, volevo riscattare l'errore di sabato scorso a Perugia che purtroppo ci è costato caro. Ma il ruolo del portiere è così, è un ruolo delicato e al minimo errore rischi di compromettere il risultato e magari anche una buona prestazione."

CROCIATA. "Credo che la squadra oggi abbia giocato una buona gara, abbiamo cercato di giocare palla e mantenere sempre il pallino del gioco. Non era facile perchè il Pisa si è chiuso bene, faceva densità in mezzo al campo ed era difficile trovare spiragli.





















Campionato di Calcio Serie “B”
Stadio “Rigamonti” di Brescia
Sabato 21 Gennaio 2017

BRESCIA 0 – AVELLINO 2

NON MERITATA… MA COLPEVOLE

Parlo della sconfitta casalinga del Brescia. Vista nell’insieme della partita la sconfitta probabilmente non ci sta, ma vince “chi butta pallone dentro rete” - una più dell’avversario possibilmente - come ricordava sempre il grande Zeman. Ed allora il Brescia ha perso. Sarà pure una sconfitta non meritata, ma colpevole senz’altro. E dunque… Le Rondinelle non hanno volato per i primi 30 minuti. Dire “volato” è un eufemismo. Le Rondinelle non sono state in campo per mezzora. E qui sta la colpevolezza. La colpevolezza sta nell’aver subito il gol al 12° (del primo tempo) per uno svarione difensivo. La colpevolezza sta nel non avere avuto gli attaccanti pronti all’uso. La colpevolezza sta nel non avere reagito per niente al gol subito. La colpevolezza sta nell’arbitro (quattro pesi e quattro misure) che ha ridotto ingiustamente a 10 il numero dei giocatori bresciani. Detto questo nel secondo tempo il Brescia ha dominato, è stato sfortunato, ma non ha segnato: e dunque i 3 punti in palio vanno all’Avellino che è stata una squadra inesistente. O meglio ha svolto senza infamia e senza lode il suo bel compitino fuori casa. Il solo Ardemagni (capoclassse) ha spadroneggiato e non a caso anche al 95° ha infilato il nostro buon Arcari per la seconda volta. Ogni tanto ritorna il Brescia bifaccia o bifronte, come dir si voglia. Eppure il Girone di ritorno (prima di scendere in campo) sembrava dovesse cominciare sotto ottimi auspici e invece… Ora siamo sostanzialmente agganciati alla melma della bassa classifica ed andiamo ad affrontare – fuori casa - di seguito due squadre d’alta classifica, dopo avere perso contro una squadra come l’Avellino che in trasferta in questo Campionato non aveva mai vinto. Non ci resta che piangere? No, assolutamente. Non ci resta che stare che sperare che i piccoli ragazzi del Brescia diventino grandi magari con l’aiuto dei “grandi” Caracciolo e Mauri appena arrivato, però sicuramente non con il Caracciolo ed il Mauri di questa brutta giornata di Campionato, ma bella seppur fredda giornata d’inverno. Forza Brescia! (p.g.)





































CAMPIONATO DI CALCIO SERIE B
TRAPANI 0 – BRESCIA 0

ll Trapani chiude l'anno con un pari: contro il Brescia

I granata non vanno oltre lo 0-0 di Antonio Ingrassia— 30 Dicembre 2016
TRAPANI. I granata pareggiano ancora una partita che avrebbero dovuto vincere a tutti i costi. La squadra di Calori ha perduto una grande occasione contro un Brescia evanescente che ha giocato di rimessa senza però essere mai pericoloso.

Il Trapani ha giocato con grande determinazione e ha avuto le sue buone occasioni per far sua l’intera posta in palio ma come accade da sempre, nessuno è riuscito a mettere la palla nel sacco. Granata sicuramente da rivedere soprattutto con i rinforzi che si spera arriveranno a portare forza e morale a questo gruppo che ha mostrato ancora una volta i propri limiti.

Per la cronaca il Trapani nella gara da ultima spiaggia si presenta in maglia nera con Nizzetto, Barillà e Canotto sin dal primo minuto con gli altri otto undicesimi che sono stati sconfitti sabato scorso a Cesena. Calori schiera il 3-5-2. I granata appaiono abbastanza intraprendenti e si presentano al 14’ con una battuta ravvicinata di Barillà il cui tiro viene ribattuto da una mano del portiere bresciano Minelli.

Al 25’ Trapani vicino al gol con Fazio che opera un pallonetto sul portiere in uscita, con la porta vuota Petkovic sulla linea cerca di battere di testa ma Fontanesi riesce a liberare. Al 31’ la reazione del Brescia con Coly che davanti a Farelli mette sul fondo.

La gara non è sicuramente bella. Al 40’ il difensore bresciano Somma si fa male e sembra un infortunio abbastanza grave per lui che ha avuto diversi problemi al ginocchio. Il giocatore esce in barella. Il trainer ospite Brocchi si dispera. L’allenatore non ha un difensore puro in panchina e il trainer delle rondinelle inserisce Sbrissa. L’arbitro Minelli di Varese concede solo un minuto di recupero.

Nella ripresa al 60’ il granata Canotto va giù in area ma l’arbitro lascia correre. Al 62’ il Trapani contesta per un fuorigioco fischiato su Canotto che aveva messo in rete. La decisone del direttore di gara appare alquanto dubbia. Il copione è sempre lo stesso con il Trapani a cercare il gol ma il Brescia si salva per il rotto della cuffia. Al 71’ Petkovic deve lasciare il campo per infortunio e viene sostituito da De Cenco.

Al 77’ Balasa sostituisce Canotto abbastanza stanco. Il Brescia continua a difendersi. All’84’ ille rondinelle rimangono in dieci per l’espulsione di Martinelli che prende il secondo giallo dopo un fallo su Coronado. Calori all’ 88’ effettua l’ultimo cambio con Maquin per Rizzato. Sono quattro i minuti di recupero con il Trapani in avanti a cercare il gol ma non cambia nulla ed è un altro pari per i granata. (www.giornaledisicilia.it)



Campionato di Calcio Serie “B”
Stadio “Rigamonti” di Brescia
Sabato 24 Dicembre 2016

BRESCIA 2 – PRO VERCELLI 1

SOFFRENDO DI GIOIA

È proprio vero che la gioia (e non solo quella pallonara) si gusta meglio quando si è pre-gustata la sofferenza. E non per scomodare il Leopardi ma è altrettanto vero che la gioia non è altro che la mancanza della sofferenza. Usciamo dalla metafora e diciamo pari pari che il nostro Brescia oggi ci ha fatto soffrire come il solito ma ci ha fatto anche gioire quasi come al solito. Un bel salto in classifica con questi tre punti casalinghi contro la Pro Vercelli. Un bel salto di morale per andare la prossima settimana a Trapani a chiudere il girone d’andata magari con una vittoria. In ogni modo a metà della salvezza ci siamo quando siamo alla metà del Campionato, più o meno. Una partita cominciata bene con uno strepitoso gol del redivivo Caracciolo.






LATINA 1 - BRESCIA 1
Sabato 17 Dicembre 2016

UN INUTILE PAREGGIO

CAMPIONATO SERIE B ConTe.it 2016.17 - 19^ giornata
Latina-Brescia 1-1

Marcatori: 70' Bisoli (B), 83' rig. Boakye (L)

LATINA (3-4-3): Pinsoglio; Brosco, Dellafiore, Garcia; Nica (46' Boakye), Bandinelli (87' Regolanti), Mariga, Bruscagin; Gilberto (66' Rolando), Scaglia; Paponi. A disposizione: Tinti, Crisciulo, Maciuccia, D'Urso, Corvia, Amadio.
Allenatore: Vivarini

BRESCIA (4-3-1-2): Minelli; Untersee, Somma, Calabresi, Coly; Bisoli, Pinzi, Dall'Oglio (56' Sbrissa); Ndoj (87' Camara); Bonazzoli, Caracciolo (71' Torregrossa). A disposizione: Arcari, Rosso, Morosini, Vassallo, Modic, Fontanesi.
Allenatore: Brocchi

Arbitro Sig. Riccardo ROS di Pordenone

Ammoniti: Caracciolo (B), Brosco (L), Dall'Oglio (B), Gilberto (L), Bandinelli (L).
Espulsi: Nessuno

Recupero: 1' p.t.; 3' s.t.





BROCCHI: "Dispiace non aver vinto. Ci è mancato solo il gol"
Pubblicato Domenica, 11 Dicembre 2016

"C'è ramarrico per non aver finalizzato le occasioni create. La squadra ha disputato una buona gara, alla fine ci è mancato solo il gol."

La sintesi della gara contro il Novara nelle parole di mister Brocchi.

"E' stato importante non subire gol. Abbiamo lavorato molto sulla fase difensiva e aver mantenuto la porta inviolata è un segnale sicuramente positivo.
Abbiamo tenuto in mano il pallino del gioco, creando anche tanto in fase offensiva. Purtroppo ci è mancata un po' di lucidità sotto porta per finalizzare quanto creato.
Il Novara è una squadra costruita per stare nelle zone alte della classifica, oggi ha giocato di rimessa cercando di metterci in difficoltà sulle ripartenze.

Il rigore su Calabresi? Dalla panchina mi sembrava netto, si è vista chiaramente la trattenuta della maglia. Dispiace sia andata così ma ripartiamo comunque dalla prestazione di questa sera per trovare continuità anche lontano dal Rigamonti."
CAMPIONATO SERIE B ConTe.it2016.17 - 18^ Giornata

Brescia-Novara 0-0

BRESCIA (4-3-1-2): Minelli; Untersee, Somma, Calabresi, Coly; Bisoli, Pinzi, Martinelli (85'Ndoj), Morosini (76' Dall'Oglio), Bonazzoli (62'Torregrossa), Caracciolo
A disposizione: Arcari, Lancini, Camara, Crociata, Rosso, Fontanesi.
Allenatore: Brocchi

NOVARA (4-3-3): Da Costa, Troest, Calderoni, Scognamiglio, Mantovani, Faragò, Casarini, Viola (86' Kupisz), Sansone (68' Badje), Galabinov (86' Lukanovic), Dickmann.
A disposizione: Benedettini, Di Mariano, Armeno, Adorjan, Selasi, Koch.
Allenatore: Boscaglia.

Arbitro Sig.Rosario ABISSO di Palermo
Assistenti Sig. Marco ZAPPATORE di Taranto e Sig. INTAGLIATA di Siracusa.
IV ufficiale Sig. Luca DETTA di Mantova.

Ammoniti: Bisoli (B), Morosini (B), Martinelli (B), Badje (N), Dall'Oglio (B)
Espulsi: Nessuno

Angoli: 5-4
Recupero: 2'p.t.- 3's.t.
Note: 5.249 abbonati-1.374 paganti








TERNANA 1 - BRESCIA 0
Sabato 3 Dicembre 2016

"FUORI CASA NON VA"

BROCCHI: "DOVEVAMO CONCRETIZZARE LE TANTE OCCASIONI CREATE"

"Abbiamo creato diverse occasioni da gol, colpendo addirittura due pali nei primi 15 minuti di gioco e non è cosa da poco. Dovevamo essere più concreti sotto porta, finalizzare le azioni da gol che abbiamo creato. Purtroppo quando la palla non la butti dentro rischi di essere punito come è successo oggi".
La sintesi della gara contro la Ternana nelle parole di mister Brocchi a fine gara.
"Abbiamo iniziato bene la gara, con grande coraggio e determinazione. Siamo stati pericolosi fin da subito con le occasioni dei due legni colpiti da Rosso e Camara. Quello che non mi spiego sono i primi 10 minuti della ripresa, quando abbiamo subito gol. Siamo rientrati in campo contratti, non riuscivamo a gestire la palla e abbiamo commesso alcuni errori di troppo.
Una volta sotto di un gol ci siamo riversati in avanti, creando ancora diverse occasioni per pareggiare ma purtroppo il risultato è rimasto invariato e alla fine quei 10 minuti di sbandamento ad inizio ripresa ci sono costati caro".

Ternana-Brescia 1-0

CAMPIONATO Serie B ConTe.it 2016.17 - 17^ giornata
Ternana-Brescia 1-0

Marcatori: 53' Palombi (T)

TERNANA (4-3-1-2): Aresti; Zanon, Valjent, Masi, Germoni; Defendi, Palumbo (90' Bacinovic), Di Noia; Falletti; Avenatti (81' Surraco), Palombi (75' Sernicola).
A disposizione: Di Gennaro, Della Giovanna, Meccariello, Contini, Battista, Di Livio.
Allenatore: Carbone

BRESCIA (4-3-3): Minelli; Untersee, Somma, Bubnjic (50' Lancini), Coly; Sbrissa (59' Morosini), Martinelli, Bisoli; Rosso, Caracciolo, Camara (73' Bonozzali).
A disposizione: Arcari, Fontanesi, Modic, Crociata, Ndoj, Vassallo
Allenatore: Brocchi.

Arbitro Sig. Marco Piccinini di Forli
Ammoniti: Masi (T), Palumbo (T), Zanon (T), Lancini (B), Defendi (T), Bonazzoli (B), Caracciolo (B).
Espulsi: Nessuno








CAMPIONATO SERIE B ConTe.it2016.17 - 16^ Giornata
Brescia-Ascoli 1-0
Marcatori: 61' Bisoli (B)

Il post-gara: le parole di Bisoli e Rosso

Pubblicato Sabato, 26 Novembre 2016

Le parole dei protagonisti nel post-gara di Brescia-Ascoli.
Dimitri Bisoli, autore del gol vittoria che ha permesso alle rondinelle di conquistare una vittoria fondamentale.
"Sono contento per il gol ma in particolare per la vittoria, perchè ci ha permesso di riscattarci dopo due sconfitte nelle utime due gare.
Siamo scesi in campo con la voglia e la mentalità giusta, convinti di voler portare a casa i tre punti e così è stato.
Personalmente sono contento fin qui della mia stagione, anche se la strada è ancora lunga, c'è ancora tanto da lavorare. Grazie al mister e al suo staff sono cresciuto molto. Ora serve ritrovare un po' di continuità di risultati."

Simone Rosso, uscito tra gli appluasi dopo una grande prestazione di corsa, tecnica e tanto sacrificio.
"E' stato importante rietrovare i tre punti. Dopo due sconfitte era necessario rialzarsi e cambaire marcia. Oggi abbiamo disputato una grande gara, fatta di cuore, grinta e determinazione. E' importante mantenre continuità anche in trasferta, dove ultimamente siamo andati in difficoltà.
Gli appluasi? Fa sempre piacere, perchè ti gratificano e ti stimolano a fare ancora meglio."

BROCCHI: "Contento per come abbiamo affrontato questa gara"

Pubblicato Sabato, 26 Novembre 2016

"Quella di oggi è una vittoria fondamentale. Sono contento per come la squadra ha affrontato la gara. Abbiamo messo in campo grande grinta e determinazione, come mi aspettavo."

Le parole di mister Brocchi dopo la vittoria di oggi contro l'Ascoli.

"Senza una vera punta di ruolo avevamo preparato la gara in questo modo, cercando molto gli esterni Rosso e Camara. Nel primo tempo abbiamo fatto fatica, mentre nella ripresa abbiamo accelerato, alzando il nostro baricentro e siamo stati maggiormente incisivi.

Sono felice per giocatori che magari hanno giocato meno fin qui ma che hanno sempre dimostrato anche in settimana grande spirito di sacrificio e abnegazione. Questo ragazzi sanno che ognuno è importante per questa squadra e questo gruppo e anche oggi l'hanno dimostrato.

Vieri? Era in Italia, è il mio migliore amico. Sono felice che sia venuto a trovarmi e che abbia potuto festeggiare con noi questa importante vittoria. Spero possa tornare al più presto al Rigamonti."

BRESCIA (4-3-1-2): Minelli; Untersee, Somma, Bubnjic, Coly; Bisoli, Pinzi, Martinelli, Morosini (88' Ndoj), Camara (69' Bonazzoli), Rosso (81' Lancini).
A disposizione: Arcari, Crociata, Rossi, Modic, Mangraviti, Fontanesi.
Allenatore: Brocchi

ASCOLI (4-3-3): Lanni, Pecorini, Augustyn, Mengoni, Felicioli, Carpani (68' Gatto), Addae, Cassata, Giorgi, Perez (68' Favilli), Cacia.
A disposizione: Ragni, Paolini, Jaadi, Orsolini, Gigliotti, De Angelis, Mignanelli.
Allenatore: Aglietti.

Arbitro Sig. Riccardo PINZANI di Empoli
Assistenti Sig. Marco CITRO di Battipaglia e Sig. Manuel ROBILOTTA di Sala Consilina.
IV ufficiale Sig. Lorenzo MAGGIONI di Lecco

Ammoniti: Camara (B), Pinzi (B), Untersee (B), Carpani (A), Morosini (B), Giorgi (A)
Espulsi: Nessuno

Angoli: 8-1
Recupero: 1'p.t.- 5's.t.










CAMPIONATO SERIE B 2016.17 - 15^ Giornata
Sabato 20 Novembre 2016
BENEVENTO 4 – BRESCIA 0


BROCCHI: "GARA CONDIZIONATA DAGLI EPISODI"

"Inevitabilmente gli episodi hanno condizionato la gara."

Il commento di mister Brocchi (nella foto) al termine della gara contro il Benevento:
"Abbiamo sicuramente commesso degli errori nella fase difensiva, dove c'è ancora tanto da lavorare ed è quello che faremo in settimana. Abbiamo cercato di tenere in piedi la gara fino alla fine nonostante la doppia inferiorità numerica, ma dopo il gol del raddoppio siamo crollati.
Da lunedì penseremo alla prossima gara contro l'Ascoli, avremo fuori ancora diversi giocatori per squalifica, qualcuno per infortunio ma sono valutazioni che faremo in settimana.
Bonazzoli? Anche se dovesse rientrare non potrebbe sicuramente essere al top della condizione. Sono diverse settimane che è out per un problema muscolare e anche lui sarà da valutare durante la settimana".

CAMPIONATO Serie B ConTe.it 2016.17 - 15^ giornata
Benevento-Brescia 4-0

Marcatori: Chibsah al 34' p.t.; Falco al 33' s.t., Puscas al 44' s.t., aut. di Calabresi al 47' s.t.

BENEVENTO (4-2-3-1): Cragno; Venuti, Lucioni, Padella, Lopez; Chibsah, De Falco (17' s.t. Buzzegoli); Jakimovski (29' s.t. Puscas), Ciciretti, Falco (36' s.t. Del Pinto); Ceravolo. Allenatore: Baroni.
A disposizione: Gori, Pezzi, Gyamfi, Camporese, Pajac, Bagadur

BRESCIA (4-3-1-2): Minelli; Untersee, Calabresi, Somma, Rossi (42' s.t. Camara); Bisoli, Pinzi, Sbrissa; Crociata (1' s.t. Fontanesi); Torregrossa, Caracciolo (14' s.t. Morosini). All.: Brocchi. (A disp.: Arcari, Baronio, Modic, Ndoj, Rosso, Vassallo).

Arbitro: Sig. Francesco Paolo SAIA di Palermo

Ammoniti: Crociata (Bre), Sbrissa (Bre), Caracciolo (Bre), Jakimovski (Ben), Ceravolo (Ben).
Espulsi: Sbrissa (Bre), Torregrossa (Bre). (www-bresciacalcio.it)








CAMPIONATO SERIE B 2016.17 - 14^ Giornata
Sabato 12 Novembre 2016
SPAL 3 – BRESCIA 2


ABBIAMO DATO TUTTO

CAMPIONATO SERIE B 2016.17 - 14^ giornata

BROCCHI: "UNA SCONFITTA CHE NON MERITIAMO. OGGI ABBIAMO DATO TUTTO"

"Un risultato che lascia sicuramente l'amaro in bocca perché siamo usciti sconfitti da questa sfida ma a testa alta. Oggi i ragazzi hanno dato tutto, hanno messo in campo la grinta e la determinazione giusta ma alla fine non è bastato. Le parole di mister Brocchi (nella foto) al termine della gara contro la Spal: "Abbiamo commesso qualche errore, ma abbiamo giocato sicuramente una buona gara contro una squadra ottima, in salute e che sta ottenendo grandi risultati. Avevamo qualche giocatore non al meglio della condizione, che ha stretto i denti ma nonostante ciò siamo riusciti a mettere in grossa difficoltà la Spal, andando due volte in vantaggio e creando diverse occasioni pericolose, anche in inferiorità numerica. Dispiace perchè usciamo sconfitti ma con la consapevolezza di aver dato tutto che più di così non potevamo fare”.

CAMPIONATO SERIE B ConTe.it 2016.17 - 14^ giornata

Spal-Brescia 3-2

Marcatori: 7' Bisoli (B), 31' Finotto (S), 34' rig. Caracciolo (B), 44' Antenucci (S), 85' Finotto (S)

SPAL (5-3-2): Branduani; Lazzari, Gasparetto, Vicari, Giani, Beghetto (86' Del Grosso); Arini (69' Mora), Castagnetti (78' Zigoni), Schiattarella; Antenucci, Finotto. A disposizione: Marchegiani, Silvestri, Spighi, Grassi, Bonifazi, Ghiglione.
Allenatore: Semplici

BRESCIA (3-5-2): Minelli (59' Arcari); Fontanesi (77' Camara), Lancini, Bubnjic; Sbrissa, Bisoli, Pinzi, Martinelli, Rossi; Caracciolo, Torregrossa (52' Calabresi). A disposizione: Rosso, Crociata, Ndoj, Vassallo, Modic, Baronio.
Allenatore: Brocchi.

Arbitro: Sig. Niccolò BARONI di Firenze.
Assistenti Sig. Marco ZAPPATORE di Taranto e Sig. Luigi LANOTTE di Barletta.
IV ufficiale Sig. Alessandro PIETROPAOLO di Modena.

Ammoniti: Rossi (B); Antenucci (S), Giani (S), Caracciolo (B), Pinzi (B), Schiattarella (S), Finotto (S).
Espulsi: Lancini (B), Martinelli (B)

Angoli: 10-5
Recupero: 1' p.t. e 3' s.t. (www-bresciacalcio.it)








CAMPIONATO SERIE B 2016.17 - 13^ Giornata
BRESCIA 3 – CESENA 2


COMPLIMENTI AL BRESCIA

BROCCHI: "COMPLIMENTI AI RAGAZZI. IMPORTANTE RISCATTARE LA SCONFITTA DI CHIAVARI"

"Una vittoria importante, sofferta ma che vale molto. Venivano dalla brutta sconfitta di Chiavari ed era importante dare un segnale, riscattare una brutta prestazione e devo fare i complimenti ai ragazzi perchè oggi hanno dato tutto conquistando tre punti fondamentali".
Il messaggio di mister Brocchi (nella fotografia) è stato chiaro: riscattare la sconfitta di Chiavari, dovevamo vincere e abbiamo vinto.
"Siamo partiti bene, abbiamo messo in pratica quello che abbiamo provato in settimana e ci siamo portati sul 2 a 0 meritatamente. Nella ripresa era normale aspettarsi una reazione da parte del Cesena. Forse abbiamo accusato un po' di stanchezza, ci siamo allungati e abbiamo subito il pareggio loro.
Nel finale poi abbiamo trovato il grande gol di Martinelli che ci ha regalato tre punti importantissimi".

CAMPIONATO SERIE B ConTe.it2016.17 - 13^ Giornata

Brescia-Cesena 3-2

Marcatori: 12' Torregrossa (B), 19'Torregrossa (B), 66' Ciano (C), 75' Ciano (C), 84' Martinelli (B)
BRESCIA (4-3-1-2): Minelli; Untersee, Calabresi, Somma, Coly (36'Rossi), Bisoli, Pinzi, Martinelli; Ndoj (75'Rosso), Torregrossa, Caracciolo (Cap.)(72'Sbrissa)
A disposizione: Arcari, Lancini, Crociata, Vassallo, Modic, Fontanesi.
Allenatore: Brocchi

CESENA (4-3-3): Agazzi, Balzano, Perticone, Ligi, Falasco, Cinelli (61' Laribi), Cascione (Cap.), Kone, Garritano (61'Dalmonte), Djuric (82' Rodriguez), Ciano.
A disposizione: Agliardi, Filippini, Rigione, Capelli, Di Roberto, Wolski
Allenatore: Camplone

Arbitro Sig. Davide GHERSINI di Genova
Assistenti Sig. Matteo BOTTEGONI di Terni e Sig. Pasqaule CANGIANO di Napoli.
IV ufficiale Sig.Manuel VOLPI di Arezzo.

Ammoniti: Martinelli (B), Cascione (C), Djuric (C), Untersee (B), Rodriguez (C)
Espulsi: Nessuno

Angoli: 4-10
Recupero: 1'p.t.- 4's.t.
Note: 5.249 abbonati. 2.068 paganti (dal sito www.bresciacalcio.it)







Sabato 29 ottobre 2016
ENTELLA 4 - BRESCIA 0


POVERE RONDINELLE

LE PAROLE DI MISTER BROCCHI, CAPITAN CARACCIOLO E GIAMPIERO PINZI NEL POST-GARA DI ENTELLA-BRESCIA

BROCCHI. "Oggi non ci sono scuse. L'Entella ha giocato meglio, è scesa in campo con l'atteggiamento giusto e ha meritato la vittoria. Noi abbiamo fatto fatica a contrastarli, a trovare le misure e gli equilibri giusti, senza riuscire di fatto a contrastarli.
Certo la gara di martedì contro il Vicenza, su un campo pesante ci ha tolto parecchie energie, è inutile nasconderlo. Ma non ci sono alibi, oggi i complimento vanno tutti ai nostri avversari."

CARACCIOLO. "Da capitano mi prendo le mie responsabilità per non essere riuscito a guidare la squadra. Siamo scesi in campo con un atteggiamento sbagliato, pensando più alle individualità che a giocare da squadra.
Oggi c'è poco da commentare, si può perdere una partita ma non in questo modo, il Brescia non è questo e lo abbiamo dimostrato già in altre occasioni. Oggi chiediamo scusa ai nostri tifosi per questa brutta prestazione, dobbiamo rialzare subito la testa e riscattarci già nella gara di venerdì contro il Cesena."

PINZI. "Una giornata no sott tutti i punti di vista. Un Brescia che non è mai entrato in partita, Entella superiore in tutto e che ha meritato la vittoria. Questa volta le tre partite ravvicinate si sono fatte sentire. Senza trovare scuse ma la gara col Vicenza ci ha tolto parecchie energie e oggi non eravamo al massimo per affrontare un avversario molto forte come l'Entella.
Chiudiamo pagina e da lunedì penseremo al Cesena, con la convinzione e la voglia di riscattarci e tornare a vedere un Brescia aggressivo."


Entella 4 – Brescia 0

Marcatori: 10' Ammari (E), 46' Caputo (E), 65' Caputo (E), 87' Tremolada (E).

ENTELLA (4-3-1-2): Iacobucci; Iacoponi, Ceccarelli, Pellizzer, Keita; Belli (57' Sini), Troiano, Moscati; Ammari (59' Tremolada) Masucci (69' Costa Ferreira), Caputo.
Allenatore: Breda
A disposizione: Paroni, Gerli, Benedetti, Di Paola, Cutolo, Beretta.

BRESCIA (4-3-1-2): Minelli; Untersee, Calabresi, Somma, Coly; Sbrissa (46' Rosso), Pinzi, Martinelli; Crociata (61' Camara), Torregrossa (46' Vassallo), Caracciolo.
Allenatore: Brocchi
A disposizione: Arcari, Lancini, Fontanesi, Rossi, Ndoj, Modic

Arbitro Sig. Juan Luca SACCHI di Macerata

Ammoniti: Sbrissa (B), Untersee (B), Pinzi (B), Belli (E)
Espulsi: Nessuno

Angoli: 3-6
Recupero: 0' p.t. + 2' s.t. (www.bresciacalcio.it)









Stadio “Rigamonti” di Brescia
Martedì 25 ottobre 2016
BRESCIA 2 – VICENZA 1


OTTIMO QUESTO BRESCIA

Un primo tempo da principianti del pallone, un secondo tempo da meraviglia del calcio e non solo per la vittoria. Una vittoria commovente, nel secondo tempo in effetti molte le conclusioni di questo Brescia giovane e spesso inesperto, ma un Brescia bello. Una squadra che può fare qualsiasi cosa, una squadra che può commettere qualsiasi errore. Fantastici i ragazzi, fantastico il pubblico sotto la pioggia. Un Brescia a due facce: un Brescia di ragazzi che prendendo il gol si disarma, una squadra di mentalità crescente ed aggressiva che ha permesso alle Rondinelle di prendere tre punti decisamente importanti perché ti fan capire che la squadra c’è e può davvero giocare un ruolo in questo Campionato. Una vittoria del gioco contro (forse) una sconfitta (quella del Vicenza) spesso del non gioco. Appuntamento a sabato prossimo “fuori casa” contro l’Entella a Chiavari - ma con la convinzione di esserci, di saperci confrontare con tutti senza patemi, anche se i patemi d’animo e di pallone si fan vedere e… come! Ma vincere così è commovente davvero, vincere dimostrando sempre di essere in campo per dare tutto il possibile. È questo che la Società vuole. È questo che noi tutti vogliamo. E se combineremo qualche … marachella, dimostreremo anche di saper rimediare, come stasera contro uno strano Vicenza. (p.g.)

CAMPIONATO SERIE B ConTe.it2016.17 - 11^ Giornata

Brescia-Vicenza 2-1

Marcatori: 8'Pucino (V), 86' Vassallo (B), 88' Pinzi (B)

BRESCIA (4-3-1-2): Minelli; Untersee, Calabresi, Bubnjic, Coly, Bisoli, Pinzi, Sbrissa (55' Martinelli); Morosini (70' Bonazzoli), Torregrossa (82'Vassallo), Caracciolo
A disposizione: Arcari, Somma, Lancini, Crociata, Ndoj, Fontanesi.
Allenatore: Brocchi

VICENZA (4-3-3): Benussi, Pucino, Adejo, Esposito, D'Elia (46' Zaccardo), Rizzo, Urso, Signori, Vita, Bellomo (61'Siega), Raicevic (77' Cernigoi).
A disposizione: Vigorito, Bodgan, Galano, Renny, Di Piazza, Zivkov.
Allenatore: Bisoli.

Arbitro Sig. Antonio DI MARTINO di Teramo
Assistenti Sig. Marco CHIOCCHI di Foligno e Sig. Enrico CALIARI di Legnago.
IV ufficiale Sig. Pierantonio PEROTTI di Legnano.

Ammoniti: Bisoli (B), Signori (V), Raicevic (V), Morosini (B), Pinzi (B), Martinelli (B), Bubnjic (B)
Espulsi: Nessuno

Angoli: 9-1
Recupero: 0'p.t.- 4's.t.
Note: 5.249 abbonati - 1.591 paganti






CAMPIONATO DI CALCIO SERIE “B”
STADIO “RIGAMONTI” DI BRESCIA
SABATO 15 OTTOBRE 2016


BRESCIA 1 – SALERNITANA 1

ANCORA UN PAREGGIO

Mi aspettavo, non solo io credo, un Brescia spumeggiante sicuro di sé e vincente… Non è andata così. Ho visto un Brescia pieno di errori a centrocampo ed in difesa ed un Brescia spuntato in attacco. Non ho visto un bel Brescia. I ragazzi si son dati da fare come sempre, si muovono in campo, sembrano proprio dare quanto possono. E allora? Stavolta (almeno nel primo tempo) la formazione messa in campo da Mister Brocchi non sembrava proprio intonata alle esigenze ed in effetti il gol della Salernitana è arrivato, anche se grazie in effetti ad un erroraccio di Coly. Intendiamoci, la Salernitana ha ben meritato il vantaggio. I secondi quarantacinque minuti sono risultati meglio impostati per le rondinelle, anche se pure in questo caso il gol del pareggio è arrivato su un batti e ribatti da mischia per opera di Bisoli. Che dire? Una partita strana che non t’aspetti, ma il calcio è fatto così, non è pura razionalità, anzi spesso non è nemmeno razionalità. Quel che conta è almeno un pareggio e la continuità di rendimento del Brescia, anche se oggettivamente i pareggi mi sembrano un poco troppi. È vero che in questo inizio di Campionato abbiamo già affrontato le squadre più blasonate e maggiormente pretendenti al passaggio di Categoria e le abbiamo ben affrontate, però ora sarebbe anche ora di dare un segno tangibile all’esistenza pallonara di questo Brescia. Non dimentico certo che la classifica è ottima, che la squadra ha come finalità di salvarsi, ma insomma quando si può vincere… si vinca. Siete d’accordo? Se volete fatemelo sapere, scrivendo una mail a redazione@valtrompiaset.it così pubblicheremo qui sulla pagina Facebook del VALTROMPIASETILGIORNALEDELLAVALTROMPIA le vostre riflessioni scritte. Se in ogni caso volete seguirmi verificate l’apposita rubrica on line LA VALTROMPIA CON IL BRESCIA sul sito del VALTROMPIASET all’indirizzo www.valtrompiaset.it (p.g.)

CAMPIONATO SERIE B ConTe.it2016.17 - 9^ Giornata

Brescia-Salernitana 1-1

Marcatori: 41' Improta (S), 80' Bisoli (B)

BRESCIA (3-4-1-2): Minelli; Untersee, Somma (46'Crociata), Bubnjic, Calabresi, Ndoj (67° Sbrissa); Bisoli, Coly; Morosini, Torregrossa, Caracciolo (71° Vassallo)
A disposizione: Arcari, Lancini, Camara, Rosso, Bertoli.
Allenatore: Brocchi

SALERNITANA (3-5-2): Terracino, Perico, Bernardini, Luiz Felipe, Vitale, Improta, Busellato (88° Ronaldo), Della Rocca, Zito (69° Odjer), Rosina, Coda (77° Joao Pedro).
A disposizione: Illadis, Donnarumma, Mantovani, Tuia, Caccavallo, Laverone.
Allenatore: Sonnino

Arbitro Sig. Fabrizio MARINI di Roma 1
Assistenti Sig. Damiano MARGANI di Latina e Sig. CECCONI di Empoli.
IV ufficiale Sig. Davide CURTI di Milano.

Ammoniti: Caracciolo (B), Bubnjic (B), Busellato (S), Zito (S), Ndoj (B), Perico (S), Untersee (B), Ronaldo (S)
Espulsi: Nessuno

Angoli: 3-3
Recupero: 2'p.t.- 3's.t.
Note: 5.249 abbonati – 1.933 paganti






























CAMPIONATO DI CALCIO SERIE B 2016.17
8^ GIORNATA – DOMENICA 9 OTTOBRE 2016

HELLAS VERONA - BRESCIA 2-2

UNA PRESTAZIONE STRAORDINARIA
"BROCCHI: "PRESTAZIONE STRAORDINARIA. COMPLIMENTI AI RAGAZZI"


"Sono orgoglioso di allenare questi ragazzi. Oggi i complimenti se li meritano tutti perchè hanno disputato una gara straordinaria”.
Una prestazione di carattere, determinazione e tenacia quella messa in campo oggi dal Brescia, passato per ben due volte in vantaggio al Bentegodi e fermato sul pareggio dalla doppietta di Gianpaolo Pazzini.
Mister Brocchi (nella fotografia, ndr) ha solo parole di elogio per i nostri ragazzi.
“Affrontavamo la squadra più forte del Campionato ed è stato bello vedere il coraggio e l'entusiasmo con il quale i ragazzi hanno affrontato questa gara. Ho dovuto modificare qualcosa nell'assetto tattico iniziale anche perchè mi mancava un terzino destro di ruolo. Avevamo Untersee che è rientrato solo ieri dagli impegni della Nazionale e non sapevamo se aveva i 90 minuti nelle gambe. Poi abbiamo preparato la partita con alcuni accorgimenti tattici per bloccare le loro fonti di gioco e devo dire che anche in questi la squadra ha seguito molto bene le indicazioni, con i nostri avversari che hanno fatto fatica a trovare le loro geometrie".

HELLAS VERONA-BRESCIA 2-2

Marcatori: 21' Caracciolo (B) (nella fotografia ndr), 52' Pazzini (V), 55' Torregrossa (B), 72' rig.Pazzini (V)

HELLAS VERONA (4-3-3): Nicolas, Romulo, Bianchetti, Fossati, Luppi (46' Juanito), Caracciolo, Souprayen, Bessa, Siligardi (90' Zaccagni), Valoti (46'Ganz), Pazzini (Cap.)
A disposizione: Coppola, Boldor, Troianiello, Cherubin, Zuculini, Fares.
Allenatore: Pecchia

BRESCIA (3-4-1-2): Minelli; Untersee, Lancini, Bubnjic, Calabresi; Bisoli, Pinzi, Coly, Crociata (62'Rosso), Caracciolo (Cap.), Torregrossa (62'Camara)
A disposizione: Arcari, Rossi, Said, Strada, Vassallo, Ndoj, Martinelli M.
Allenatore: Brocchi
Arbitro Sig. Gianluca AURELIANO di Bologna.
Assistenti Sig. Lorenzo GORI di Arezzo e Sig. Pasquale CANGIANO di Napoli.
IV ufficiale Sig. Francesco GUCCINI di Albano Laziale.

Ammoniti: Torregrossa (B), Calabresi (B), Pazzini (V), Pinzi (B), Bubnjic (B), Fossati (V)
Espulsi: Nessuno (www.bresciacalcio.it)









CAMPIONATO DI CALCIO SERIE “B”
Venerdì 30 Settembre 2016
Stadio “Rigamonti” di Brescia

BRESCIA 1 – BARI 1

UN FANTASTICO PAREGGIO

Cari amici dico “fantastico” perché i nostri ragazzi hanno dato ampia prova di maturità dopo lo strepitoso successo in esterna a Cittadella. E dico anche “fantastico” perché ancora una volta questa si è dimostrata una squadra di ragazzi che in campo dimostrano di andarci col cuore e con la mente facendo anche divertire il pubblico. È così che piace il Brescia, non tanto per il punto guadagnato contro un ottimo Bari quanto perché li ho visti quasi sempre sulla palla, azione dopo azione fino a consumarsi di crampi. E bravi, continuate così. È così che vogliamo il Brescia. Per il risultato poi mettiamoci anche il rammarico di essere andati in vantaggio e di esserci fatti riprendere peraltro con uno splendido gol. Il pareggio è più che giusto, ma ragazzi miei, che bella partita! Occasioni a più non posso da una parte e dall’altra, azioni a ripetizione e certo, anche sbagli: passaggi imprecisi e cross buttati alle ortiche. Ma non importa quando c’è la grinta e la continua voglia di vincere, di non lasciare un centimetro all’avversario. Caracciolo che segna e fa la sua ampia parte da leader della squadra, ma tutti, proprio tutti meritano un "fantastico" voto in pagella, se la pagella ci fosse. Domenica prossima siamo a Verona, senza commenti, ma con serenità e con la certezza di ben giocare. Brescia… e vai! (p.g.)
BROCCHI: "BUON PAREGGIO CONTRO UN'OTTIMA SQUADRA"

"Credo che oggi abbiamo disputato una buona gara e alla fine il pareggio è il risultato più giusto".
Con queste parole mister Brocchi (nella fotografia) analizza il match contro il Bari.
"Abbiamo fatto un altro passo in avanti nel nostro percorso di crescita. Dopo l'ottima prova di Cittadella oggi abbiamo ottenuto un buon punto contro un'ottima squadra, composta da tanto giocatori di qualità che possono risolvere la gara in qualsiasi momento.
Sapevamo di affrontare una grande squadra, come detto con ottime individualità e che alla fine secondo me sarà una delle pretendenti per la promozione nella massima serie.
Anche per questo reputo il pareggio di oggi un ottimo risultato, ottenuto dopo una gara combattuta dove siamo stati bravi ad andare in vantaggio con Andrea e poi abbiamo subito il gol del pari con un bel tiro di Brienza. Credo che alla fine sia un pareggio giusto per quanto visto in campo". Marcatori: 53' Caracciolo (BR), 62' Brienza (BA)

LE FORMAZIONI

BRESCIA (4-3-1-2): Minelli; Untersee, Somma, Bubnjic, Coly; Bisoli, Pinzi, Ndoj (57'Camara); Morosini (86' Rosso), Bonazzoli, Caracciolo (76' Torregrossa)
A disposizione: Arcari, Lancini, Crociata, Calabresi, Vassallo, Modic.
Allenatore: Brocchi

BARI (4-3-3): Ichazo, Sabelli, Capradossi, Tonucci, Cassani, Valiani, Fedele, Martinho (66' Boateng), Brienza, Fedato (79' Castrovilli), De Luca.
A disposizione: Micai, Daprelà, Romizi, Basha, Doumbia, Furlan, Ivan.
Allenatore: Stellone

Arbitro Sig. Fabrizio PASQUA di Tivoli.
Assistenti Sig. Edoardo RASPOLLINI di Livorno e Sig. BACCINI di Conegliano.
IV ufficiale Sig. Antonio GIUA di Pisa.

Ammoniti: Coly (BS), Untersee (BS), Fedele (BA), Pinzi (BS), Tonucci (BA), Torregrossa (BS)
Espulsi: Nessuno

Angoli: 3-6
Recupero: 0'p.t.- 7's.t.
note: 5.249 abbonati - 3.595 paganti (dal sito www.bresciacalcio.it)
































CAMPIONATO SERIE B 2016 - 17
6^ Giornata - Sabato 24 Settembre 2016 – Ore 15

CITTADELLA - BRESCIA 0-3

UN MERAVIGLIOSO BRESCIA


Un meraviglioso Brescia ferma la fuga del Cittadella capolista (che perde l'imbattibilità dopo cinque vittorie consecutive) espugnando per 0-3 il Tombolato. Per 22' in campo c'è una squadra sola, quella di Brocchi, che dopo aver sciupato due ghiotte occasioni con Torregrossa e Morosini e un rigore (procurato - fallo di Pelagatti - e calciato dallo stesso Torregrossa addosso ad Alfonso), inevitabilmente passa (22'). Il gol lo firma Bonazzoli con un preciso sinistro in diagonale su lancio di Morosini. Il Cittadella si sveglia, manca il pari con Chiaretti (palo) e al 39' viene punito ancora. Il raddoppio lo realizza Morosini con un preciso colpo di testa su cross dalla destra di Bisoli. Il Brescia non si chiude e, dopo un'altra occasione per parte (Litteri e Bonazzoli), cala (63') il tris. Morosini ruba palla sulla trequarti a Salvi, s'invola solitario verso la porta e deposita in rete dopo aver saltato anche Alfonso in uscita. Il Cittadella ha una reazione d'orgoglio ma non riesce, con Paolucci, neppure a realizzare il gol della bandiera.
LE FORMAZIONI

CITTADELLA 4-3-1-2): Alfonso; Salvi, Scaglia, Pelagatti, Martin; Lora (46' Bartolomei), Iori, Schenetti (46' Paolucci); Chiaretti; Litteri, Strizzolo (63' Arrighini).
A disposizione: Paleari, Bendetti, Pedrelli, Valzania, Kouamé.
Allenatore: Venturato

BRESCIA (4-3-1-2): Minelli; Untersee, Somma, Calabresi (73' Bubnjic), Coly; Bisoli, Pinzi, Martinelli (84' Modic); Morosini; Torregrossa, Bonazzoli (68' Crociata).
A disposizione: Arcari, Lancini, Fontanesi, Camara, Rosso, Caracciolo.
Allenatore: Brocchi

Arbitro Sig. Rosario ABISSO di Palermo.
Assistenti Sig. Domenico ROCCA di Vibo Valentia e Sig. Luigi LANOTTE di Barletta.
IV ufficiale Sig. Andrea Giuseppe ZANONATO di Vicenza.
Ammoniti: Bisoli (B), Litteri (C), Iori (C), Martinelli (B)
Espulsi: Nessuno





Campionato di Serie B
Stadio “Rigamonti” di Brescia
Martedì 20 Settembre 2016

BRESCIA 2 – CARPI 2

UN GRANDE BRESCIA UN PICCOLO ARBITRO


Dopo la sconfitta di Empoli col Pisa il Brescia era atteso al “Rigamonti” per ripetere la prova di gioco comunque positiva dello scorso fine settimana. E così è ampiamente stato. Nel corso del primo tempo le Rondinelle hanno ben giocato, con classe e generosità, con puntualità e precisione anche se è stato il Carpi ad andare in vantaggio per una nostra sbavatura difensiva. Il Brescia ha reagito benissimo ed ha ribaltato il risultato. Ma non ha saputo capitalizzare il risultato, anzi il Carpi pareggia, all’inizio della ripresa, e subito dopo rimane in dieci. L’arbitro, veramente indecente, ci mette e ci metterà del proprio negando di tutto e di più, compreso un rigore a fine partita, al Brescia e mai estraendo un cartellino sui continui falli del Carpi. Ma tant’è. Dobbiamo fare ampio onore ai “nostri” che, seppure in dieci, hanno bloccato l’offensiva degli avversari ed anzi hanno avuto anche l’occasione di vincere l’incontro. Davvero bravi i nostri cui non si può imputare assolutamente nulla, a nessuno. Ed ora via verso Cittadella, la capolista, con cinque partite vinte su cinque. Se sabato prossimo vedremo un Brescia come quello di stasera Cittadella segnerà la sua prima sconfitta. (p.g.)

Marcatori: 20'Lasagna (C), 27' Morosini (B), 35' Martinelli (B), 50' Struna (C)

BRESCIA (4-3-1-2): Minelli; Unteresee, Somma, Calabresi, Coly ; Ndoj, Pinzi, Martinelli (39' Rosso); Morosini (29's.t.Camara), Torregrossa (9's.t. Bisoli), Caracciolo (Cap.), A disposizione: Arcari, Lancini, Crociata, Bonazzoli, Modic, Fontanesi.
Allenatore: Brocchi.

CARPI (4-4-2): Colombi, Poli, Struna, Blanchard, Gagliolo, Bifulco (8's.t.Pasciuti), Bianco (Cap.), Crimi (8' s.t. Catellani), Di Gaudio, Lollo (39's.t. Sabbione), Lasagna.
A disposzione: Belec, Jawo, , Mbaye, De Marchi.
Allenatore: Castori.

Arbitro Sig. Luigi NASCA di Bari
Assistenti Sig. Giuseppe BORZOMI' di Torino e Sig. Christian ROSSI di La Spezia.
IV ufficiale Sig. Fabio SCHIRRU di Nichelino.

Ammoniti: Crimi (C), Ndoj (B), Martinelli (B), Lollo (C), Sabbione (C)
Espulsi: 51' Ndoj per somma di ammonizioni.

Angoli: 8-5
Recupero: 1'p.t.- 3's.t.









CAMPIONATO SERIE B ConTe.it 2016/17 - 3^ Giornata
Stadio “Rigamonti” di Brescia

BRESCIA-PERUGIA 1-1

Marcatori: 75' Brighi (P), 94' Torregrossa (B).

BRESCIA (4-3-1-2): Minelli; Unteresee, Somma, Lancini E., Coly (1’s.t. Rossi); Bisoli, Pinzi (26’s.t. Crociata), Martinelli; Rosso (32’s.t. Torregrossa), Caracciolo (Cap.), Bonazzoli.
A disposizione: Arcari, Calabresi, Morosini, Camara, Morosini, Fontanesi.
Allenatore: Brocchi.

PERUGIA (4-3-3): Rosati (Cap.), Chiosa, Monaco, Mancini (39’s.t. Belmonte), Imparato, Zeblie, Dezi, Brighi, Bonaiuto, Zapata (17’s.t. Di Nolfo), Bianchi (26’s.t. Di Carmine)
A disposzione: Elezaj, Acampora, Ricci, Volta, Da Silva, Di Chiara, .
Allenatore: Bucchi

Arbitro Sig. Daniele MARTINELLI di Roma 2
Assistenti Sig. Vincenzo SORICARO di Barletta e Sig. Pietro DEI GIUDICI di Latina
IV ufficiale Sig.Simone SOZZA di Seregno

Ammoniti: Pinzi (B), Bisoli (B), Monaco (P), Caracciolo (B)
Espulsi: Imparato (P), Caracciolo (B)

Angoli: 8-7
Recupero: 4’p.t.- 4’s.t.
Note: 5.235 abbonati. 2.283 paganti BROCCHI: "Bravi a crederci fino alla fine"

"ABBIAMO AVUTO IL MERITO DI CREDERCI FINO ALLA FINE E QUESTO CI HA PERMESSO DI CONQUISTARE UN PUNTO IMPORTANTE."
Il riassunto della gara nelle parole di mister Brocchi (nella fotografia)
"Non mi è piaciuto l'atteggiamento dopo il gol subito, l'ho detto anche ai ragazzi. Abbiamo commesso degli errori, ma è sempre importante alzare subito la testa e reagire.
Abbiamo abbassato troppo il nostro baricentro e in questo modo siamo andati in difficoltà. Mi piace che la squadra cerchi sempre di giocare e di tenere in mano il pallino del gioco. In questo modo riusciamo anche a non abbassare la linea difensiva, come è successo oggi in alcuni tratti della gara.
Sono contento per Torregrossa, perchè è un giocatore sul quale faccio affidamento e sono convinto ci possa dare una grossa mano. Oggi il suo gol è stato decisivo."
TORREGROSSA: "SPERIAMO SIA IL PRIMO DI TANTI. CHE EMOZIONE LA PRIMA RETE"
La prima volta non si scorda mai. Prima rete in biancazzurro per Ernesto Torregrossa. E che rete. Il suo tocco in area a pochi secondi dal termine ha permesso alle rondinelle di conquistare un pareggio all'ultimo respiro, grazie anche all'assist di... Minelli.
"Per me è stata una grande emozione. Non abbiamo mai mollato e siamo riusciti a tenere inviolato il nostro stadio. Nell'azione del gol è successo di tutto, l'assist finale è arrivato addirittura da Minelli. L'importante però è che la palla sia entrata.
Sicuramente non siamo stati brillanti come 7 giorni fa contro il Frosinone, però abbiamo il merito di aver messo in campo grande tenacia, coraggio e cuore. E' grazie anche a queste componenti che siamo riusciti a conquistare il pareggio proprio nel finale.
Il Perugia si è rivelata un'ottima squadra, ha giocato un buon calcio e in alcuni momenti ci ha messo in difficoltà. Noi siamo un squadra giovane, con tanti giocatori nuovi e ci vuole tempo per perfezionare al meglio alcuni meccanismi di gioco". (www.bresciacalcio.it)








CAMPIONATO SERIE B ConTe.it 2016/17 – 2^ Giornata - Sabato 3 Settembre Ore 18 - Stadio Rigamonti

BRESCIA 2 – FROSINONE 0

GRANDE PARTITA
GRANDE VITTORIA

BROCCHI: "HO VISTO GRANDE SPIRITO DI SACRIFICIO COME PIACE A ME"

Prima gara al Rigamonti e prima grande vittoria.
Un Brescia che si è rivelato "protagonista, che ha messo in campo grande spirito di sacrificio e che alla fine ha portato a casa una vittoria meritata contro una squadra importante, di grande qualità."
Il riassunto di un pomeriggio perfetto nelle parole di mister Brocchi.
"Siamo stati bravi a chiudere le loro fonti di gioco, abbiamo iniziato fin da subito con uno spirito propositivo ed è quello che voglio dalla mia squadra.
Ogni giocatore deve sacrificarsi per sè e per i compagni, solo con questo atteggiamento possiamo raggiungere il nostro obiettivo e toglierci qualche bella soddisfazione come è stata la vittoria di oggi."

Brescia-Frosinone 2-0

Marcatori: 9’Morosini (B), 18’s.t. Caracciolo And. (B)

BRESCIA (4-3-1-2): Minelli; Unteresee, Somma, Lancini E., Coly; Bisoli, Pinzi, Martinelli (26’ Ndoj); Morosini (8’s.t. Camara), Caracciolo (37’s.t. Torregrossa), Bonazzoli.
A disposizione: Arcari, Crociata, Rossi, Vassallo, Modic, Fontanesi.
Allenatore: Brocchi.

FROSINONE (4-3-3): Bardi, Ciofani, Russo (4’Ariaudo), Pryyma, Mazzotta, Sammarco (1’s.t. Soddimo), Gucher, Frara, Paganini (31’s.t. Csurko), Ciofani, Dionisi.
A disposzione: Zappino, Belvisi, Crivello, Kragl, Volpe, Cocco.
Allenatore: Marino

Arbitro Sig. Aleandro DI PAOLO di Avezzano
Assistenti Sig. Marco CHIOCCHI di Foligno e Sig. Enrico CALIARI di Legnano.
IV ufficiale Sig. Francesco GUCCINI di Albano Laziale.

Ammoniti: Pinzi (B), Coly (B), Ciofani (F)
Espulsi: nessuno

Angoli: 5-7
Recupero: 2’p.t.- 4’s.t. (vedi www.bresciacalcio.it)
























CAMPIONATO DI CALCIO SERIE B 2015/2016
41^ Giornata

Stadio “Rigamonti” di Brescia
Sabato 14 maggio 2016

BRESCIA-BARI 2-3

"BRAVI A REAGIRE NONOSTANTE L'INFERIORITÀ NUMERICA"

Le parole di mister Boscaglia al termine della gara di questo pomeriggio contro il Bari.
"Dispiace per la sconfitta perchè i ragazzi non la meritavano per quanto si è visto in campo. Abbiamo commesso sicuramente degli errori ma che ci possono stare, fanno parte anche questi del percorso di crescita intrapreso da questi ragazzi. La squadra ha mostrato comunque carattere, siamo stati bravi a reagire nonostante l'infreriorita numerica per quasi 60 minuti. Purtroppo anche oggi siamo stati penalizzati da un'esplosione che francamente non capisco e non riesco a giustificare. Senza nulla togliere al Bari che si è dimostrato essere una grande squadra, avrei voluto affrontare la gara in 11 contro 11 e forse sarebbe andata in modo diverso.
In queste ultime gare soprattutto il reparto mediano è stato condizionato dalle diverse assenze dovute ad infortuni e squalifiche, anche se chi ha giocato ha fatto bene.
Oggi ho voluto inserire un terzo centrocampista per non lasciare soli Kupisz e Salifu in mezzo al campo. Ed ecco spiegata la scelta di inserire Said dal primo minuto che ha disputato sicuramente una buona gara".

IL POST-GARA: LE PAROLE DI EMBALO E MOROSINI

Le parole dei protagonisti della sfida contro il Bari: Carlos Embalo e Leonardo Morosini, autori delle due splendide reti grazie alle quali il Brescia ha recuperato il doppio svantaggio iniziale dei pugliesi, prima del rigore finale di Rosina.

Morosini, una gemma, l'ottava in questo campionato, ha permesso alle rondinelle di accorciare le distanze pochi minuti prima dell'intervallo. "Dispiace sicuramente non aver concluso con una vittoria davanti ai nostri tifosi, ma credo che la prestazione sia stata buona da parte della squadra. Abbiamo commesso degli errori ad inizio gara che ci sono costati un doppio svantaggio. Poi per il resto la partita l'ha fatta il Brescia, riuscendo a recuperare lo svantaggio nonostante l'inferiorità numerica. Se devo analizzare questa stagione a livello personale credo di essere cresciuto molto grazie al mister e al suo staff. Devo continuare in questa direzione ascoltando i consigli del mister per crescere ulteriormente anche il prossimo anno."

Embalo, un calcio di punizione perfetto per il momentaneo 2-2. "C'è rammarico perché volevamo chiudere la stagione al Rigamonti con una vittoria e non ci siamo riusciti. Abbiamo iniziato la gara con qualche difficoltà, ma poi ci siamo ripresi e abbiamo disputato una grande partita.
Il mio gol è per tutti i tifosi del Brescia che ci hanno sempre sostenuto per tutto l'arco della stagione. Personalmente a Brescia mi sono trovato davvero molto bene, è stata la mia migliore stagione da quando sono nel mondo dei professionisti e se dovessi restare sarei contento".

Marcatori: 15'p.t. Rosina (BA), 23'p.t. Puscas (BA), 30'p.t. Morosini (BR), 38's.t. Embalo (BR), 48's.t. rig. Rosina (BA)

BRESCIA (4-2-3-1): Minelli, Venuti (37's.t. Geijo), Caracciolo Ant., Lancini E.,Coly, Said (30's.t. Mangraviti), Salifu, Kupisz, Morosini (15's.t. Rosso), Embalo, Caracciolo And. (Cap.)

A disposizione: Arcari; Somma, Abate, Camilleri, Marsura, Castellini..
Allenatore: Boscaglia

BARI (4-3-3): Micai, Donkor (29's.t. Di Noia), Tonucci, Di Cesare, Jakimovski (44's.t. Lazzari), Defendi (Cap.), Donati, Dezi, Rosina, Puscas, De Luca (22's.t. Boateng)
A disposizione: Guarna, Romizi, Gentsoglou, Tutino, Rada, Gemiti.
Allenatore: Camplone

Arbitro Sig. Aleandro DI PAOLO di Avezzano
Assistenti Sig. Pasquale DE MEO di Foggia e Sig. Domenico ROCCA di Vibo Valentia.
IV Ufficiale Sig. Livio MARINELLI di Tivoli.

Ammonti: Donkor (BA), Caracciolo Ant. (BR), De Luca (BA), Said (BR), Jakimovski (BA), Lancini E. (BR), Caracciolo And. (BR) Espulsi: 37'p.t. Kupisz (BR)

Angoli: 6-5
Recupero: 1'p.t.-5's.t.
Note: 5.464 abbonati. 2.712 paganti

MAZZITELLI PREMIATO NELLA TOP 11 DELLA SERIE B

È stato uno dei grandi protagonisti della stagione delle rondinelle ed ora per Luca Mazzitelli è arrivato anche un prestigioso riconoscimento.
Lunedì 16 maggio il centrocampista biancazzurro verrà premiato al "Gran Galà Top 11 Serie B", la prestigiosa kermesse che si terrà a Rimini e che vedrà la premiazione dei miglior talenti del campionato cadetto scelti dagli allenatori delle 22 squadre del nostro campionato.
Congratulazioni Luca! (dal sito www.bresciacalcio.it)









CAMPIONATO di CALCIO - SERIE B
39^ Giornata
Stadio “Rigamonti” di Brescia

BRESCIA-VICENZA 0-1

"FORSE ABBIAMO PAGATO UN PO' LA PRESSIONE"

"Una gara dai due volti. Nel primo tempo avremmo potuto chiudere in vantaggio, abbiamo creato diverse palle-gol pericolose non riuscendo a trovare la via del gol. Nella ripresa invece siamo calati, ci siamo abbassati e i nostri avversari ci hanno messo in difficoltà – questa l'analisi di mister Boscaglia al termine della gara contro il Vicenza -.
Sapevamo di affrontare una squadra tosta, con buone individualità. I ragazzi hanno messo in campo il massimo impegno ma forse abbiamo subìto un po' troppo la pressione e questo ci ha giocato un brutto scherzo.
Ad ogni modo mancano 3 partite ed è nostro dovere dare il 100% in ogni gara, senza fare calcoli nè altri pensieri.
Occorre analizzare tutta la stagione e sono assolutamente contento del percorso che abbiamo fatto e della crescita che hanno avuto questi ragazzi. Il nostro obiettivo era la salvezza e l'abbiamo ottenuta con diverse giornate d'anticipo, disputando un girone di andata strepitoso.
Sicuramente la seconda parte di stagione andava gestita meglio, abbiamo lasciato troppi punti per strada, specialmente in trasferta. Però questa è anche una squadra formata da tanti giovani e può capitare di avere qualche flessione nell'arco di un campionato".

Marcatori: 46's.t. rig. Galano (V)

BRESCIA (4-2-3-1): Minelli, Venuti, Caracciolo Ant.,Calabresi, Castellini, Lancini E. (29's.t. Said), Martinelli, Kupisz, Morosini (22's.t. Geijo), Embalo (42's.t. Abate), Caracciolo And. (Cap.)
A disposizione: Arcari; Coly, Camilleri, Bertoli, Marsura, Rosso.
Allenatore: Boscaglia

VICENZA (4-3-3): Benussi, Sampirisi, Adejo, Brighenti (Cap.), D'Elia, Signori, Moretti, Vita, Galano, Sbrissa (17's.t. Giacomelli), Raicevic
A disposizione: Pelizzoli; El Hasni, Urso, Coulibaly, Ligi, Bianchi, Modic, Dieye
Allenatore: Lerda

Arbitro Sig. Luca PAIRETTO di Nichelino.
Assistenti Sig. Alfonso D'APICE di Parma e Sig. Pietro DEI GIUDICI di Latina.
IV Ufficiale Sig. Francesco GUCCINI di Albano Laziale.

Ammoniti: Caracciolo And.(B), Geijo (B), Signori (V)
Espulsi: 45's.t. Martinelli (B)

Angoli: 7-6
Recupero: 1'p.t.- 2's.t.
Note: 5.464 abbonati. 2.093 paganti (www.bresciacalcio.it)





















CAMPIONATO SERIE B ConTe.it 2015/2016 - 38^ Giornata



PESCARA 2 - BRESCIA 1



UN BRESCIA ALTALENANTE

IL POST-GARA: LE PAROLE DI ANTONIO CARACCIOLO E CASTELLINI

Le parole di Antonio Caracciolo e Paolo Castellini al termine della gara contro il Pescara.

Antonio Caracciolo. "C'è rammarico per questa sconfitta perchè siamo stati condannati da due gol che si potevano evitare. Il Pescara si è dimostrata una squadra forte che ci ha messo in difficoltà in diversi momenti della gara. Il Brescia però ha lottato, senza mai mollare e con un pizzico di fortuna in più potevamo portare a casa un risultato positivo. Il gol di Lapadula? Minelli l'ha chiamata e mi sono fermato, anche perchè altrimenti rischiavamo lo scontro. Nel mezzo si è inserito Lapadula che però ha commesso fallo sul nostro portiere. Dal campo è sembrata evidente l'irregolarità."

Castellini. "Un risultato che sicuramente ci rammarica. Volevamo conquistare i tre punti in trasferta dopo alcuni rilsutati negativi e purtroppo è andata male. Avevamo di fronte una formazione di qualità che soprattutto nel reparto avanzato ha giocatori in grado di fare la differenza e così è stato.
Ad ogni modo abbiamo disputato una buona gara, soffredno in alcuni tratti ma era inevitabile. Ora non bisogna mollare, proveremo a conquistare più punti possibili in queste ultime 4 gare e poi alla fine tireremo le somme."

BOSCAGLIA: "CE LA GIOCHEREMO FINO ALLA FINE"

"E' stata una bella partita, combattuta da entrambe le squadre. Peccato aver perso per un gol che a rivedere le immagini mi sembra nettamente irregolare." Il commento di mister Boscaglia al termine della gara contro il Pescara.
"Non voglio concentrare l'attenzione sull'episodio del gol, ma a mio avviso Lapadula va direttamente su Minelli commettendo un'irregolarità. Ad ogni modo la squadra ha lottato contro una grande squadra. Ci aspettavamo una gara difficile, il Pescara ha una rosa completa, composta da giocatori che possono fare la differenza e anche oggi si è visto.
Continueremo a lottare fino all'ultima giornata, finchè c'è speranza e la matematica non ci condanna proveremo a conquistare un posto nei playoff."

Marcatori: 19'p.t. Dall'Oglio (B), 3's.t. Memushaj (P), 31's.t. Lapadula (P)

PESCARA (4-3-3): Fiorillo, Vitturini, Fornasier, Mandragora, Zampano, Memushaj (Cap.), Verre, Torreira (1's.t. Verde)(29's.t. Cappelluzzo), Pasquato, Lapadula, Caprari (19's.t. Mitrita)
A disposizione: Aldegani, Bruno, Zuparic, Mazzotta, Acosta, Selasi.
Allenatore: Oddo

BRESCIA (4-2-3-1): Minelli, Venuti (33's.t. Morosini), Caracciolo Ant. (Cap.), Calabresi, Castellini, Mazzitelli, Salifu, Kupisz, Dall'Oglio, Marsura (24's.t. Lancini E.), Geijo (31's.t. Caracciolo And.)
A disposizione: Arcari, Abate, Camilleri, Lancini N., Camilli, Rosso.
Allenatore: Boscaglia

Arbitro Sig. Juan Luca SACCHI di Macerata.
Assistenti Sig. Stefano DEL GIOVANE di Albano Laziale e Sig. Tarcisio VILLA di Rimini.
IV Ufficiale Sig. Emanuele MANCINI di Fermo

Ammoniti: Salifu (B), Memushaj (P), Dall'Oglio (B), 49's.t. Mitrita (P)
Espulsi: 36's.t. Verre (P), 46's.t. Mazzitelli per somma di ammonizioni

Angoli: 13-6
Recupero: 1'p.t.- 5's.t. (dal sito:www.bresciacalcio.it)










Campionato di Calcio Serie “B”
Stadio "Rigamonti" di Brescia
Martedì 19 Aprile 2016


BRESCIA 2 - ENTELLA 0



UNA PROVA D'ORGOGLIO

Era una partita rischiosissima, arrivava dopo il ko totale di Cagliari, dopo i mugugni di pubblico e di critica ed era doveroso vincerla. E fortunatamente così è andata aldilà di quel che succederà prossimamente. Un primo tempo così così anche se il gol è arrivato al momento giusto, grazie a Minelli gran portierone che ci ha tenuto in partita. Un secondo tempo con un secondo gol che ci hanno palesemente regalato, ma va bene così. Passiamo dallo sconforto ad una sorta di ripresa di fiducia. Bene, adesso vediamo quel che succede, anche se fuori casa siamo disastrosi, anche se però dobbiamo crederci fino in fondo. Quel che viene è tutto di guadagnato per questa squadra. Tra alti e bassi, più bassi in questa seconda parte del Campionato, però oggi abbiamo vinto contro uno strano avversario, un avversario ostico, anche se mi aspettavo di più da una squadra così. Un Entella che, nel primo tempo, almeno per cinque minuti ha sprecato gol su gol, davvero anche se Minelli ha fatto miracoli. Embalo l’autore del primo gol, Mazzitelli del secondo. Un 2 a 0 ed un Brescia che riavvia la sua corsa verso i play off. Un Brescia che ritorna al successo dopo ben cinque partite. Una classifica che non sorride troppo perché tutte le comprimarie vincono, ma noi non dobbiamo mollare, dobbiamo giocare fino in fondo ed il nostro Brescia, giochi bene, giochi male, ma dimostra di giocare e questo è fondamentale. A cinque giornate dal termine siamo a 54 punti dopo una partita di grande orgoglio, dopo la batosta e ci siamo ripresi bene. In casa abbiamo un rullino interessante, fuori casa siamo disastrosi. Comunque merito a tutto lo staff, vorremmo certo che le cose fossero diverse, ma questi sono i nostri. Sono soddisfatto certo più del risultato che del gioco, però avanti così possibilmente. (p.g.)
BRESCIA-VIRTUS ENTELLA 2-0

Marcatori: 36'p.t. Embalo (B), 40's.t. Mazzitelli (B).

BRESCIA (4-2-3-1): Minelli, Venuti, Calabresi, Lancini, Castellini, Mazzitelli, Martinelli,Kupisz, Geijo (44's.t. Abate), Embalo (36's.t. Marsura), Caracciolo And. (Cap.)(24's.t. Salifu)
A disposizione: Arcari; Coly, Camilleri, Morosini, Dall'Oglio, Rosso.
Allenatore: Boscaglia

VIRTUS ENTELLA (4-3-3): Iacobucci, Iacoponi, Ceccarelli, Pellizzer, Keita, Palermo (30's.t. Di Paola),Troiano (Cap.)(35's.t. Otin), Sestu (20's.t. Staiti), Cutolo, Caputo, Di Carmine A disposizione: Paroni, Volpe, Benedetti, Sini, Belli, Dany Mota
Allenatore: Aglietti

Arbitro Sig. Rosario ABISSO di Palermo.
Assistenti Sig. Damiano DI IORIO di Verbania e Sig. Stefano LIBERTI di Pisa.
IV Ufficiale Sig. Gianni BICHISECCHI di Livorno.

Ammoniti: Keita (E), Troiano (E), Mazzitelli (B), Cutolo (E), Pellizzer (E), Ceccarelli (E)
Espulsi: nessuno.

Angoli: 3-4
Recupero: 0'p.t.-4's.t.





Campionato di Calcio Serie “B”
Sabato 16 Aprile 2016


CAGLIARI 6 – BRESCIA 0



IL BRESCIA NELLA STORIA!

Certo nella negatività della storia. Io non mi ricordo una batosta come questa, non vado a risalire così lontano nel tempo per trovare un disastro così. Mamma mia! Sei gol, tre per tempo, incassati da un Brescia inesistente da ogni punto di vista. Amici miei, il migliore è stato Minelli, davvero, che ne ha incassati appunto sei. Si può perdere ma non in questa dimensione, non in questo modo, senza attenuanti, senza gioco, senza tattica e senza tecnica. Mai visto (e parliamo perlomeno di questo Campionato) un Brescia così orrendo. Parliamoci chiaro: a Cagliari la sconfitta ci stava, ma così, tra sestina pallonara sulla capoccia e non gioco, proprio no. Una squadra irriconoscibile il nostro Brescia, una squadra perfettamente in campo il Cagliari, ansioso di “vendicare” la sconfitta dell’andata, con il coltello fra i denti fino all’ultimo. E vendetta fu, fino all’ultimo. Quel che dispiace, non solo oggi contro il Cagliari, ma ormai sostanzialmente in tutta la seconda parte del Campionato, è che le Rondinelle forse mi avevano illuso, non solo me naturalmente. Una prima parte del Campionato ben tenuta con risultati positivi, i play off lì pronti… e poi. Poi la salvezza ai 50 punti agguantata e… basta. Sembrerebbe, ma non è così, una sorta di rassegnazione, del tipo “…siamo ragazzi, siamo giovani, ci siamo salvati, questo era il nostro obiettivo.. che volete da noi?”. Voglio, e vogliamo, una sola cosa: il gioco. Vogliamo vedere i ragazzi correre, impegnarsi, destreggiarsi, fare il loro mestiere, vogliamo vederli semplicemente GIOCARE. Non come oggi a Cagliare dove ha dominato il non gioco. Come sempre ora guardiamo avanti. Martedì al Rigamonti arriva l’ENTELLA. Che facciamo? Risposta silenziosa ma chiara ed obbligata. (p.g.)
CAMPIONATO SERIE B ConTe.it 2015/2016 - 36^ Giornata

Cagliari-Brescia 6-0

Marcatori: 4'p.t. Capuano (C), 24'p.t. rig.Joao Pedro (C), 34'p.t. Joao Pedro (C), 2's.t. Joao Pedro (C), 17's.t. Giannetti (C), 42's.t. Sau (C).

CAGLIARI (3-4-3): Storari (Cap.), Pisacane, Ceppitelli (15's.t. Salomon), Capuano, Murru, Munari (19's.t. Tello), Fossati, Deiola, Joao Pedro, Giannetti, Farias (1's.t. Sau)
A disposizione: Rafael; Barreca, Cineli, Krajnc, Balzano, Cerri.
Allenatore: Rastelli

BRESCIA (4-2-3-1): Minelli, Camilleri (24'p.t. Marsura), Caracciolo Ant., Lancini, Coly, Mazzitelli, Salifu, Kupisz, Morosini (13's.t. Castellini), Embalo, Caracciolo And. (Cap.)( 11's.t. Abate)
A disposizione: Arcari; Venuti, Martinelli, Dall'Oglio, Rosso, Calabresi
Allenatore: Boscaglia

Arbitro Sig. Gianluca AURELIANO di Bologna
Assistenti Sig. Enrico CALIARI di Legnago e Sig. Oreste MUTO di Torre Annunziata.
IV Ufficiale Sig. Andrea TARDINO di Milano.

Ammoniti: Farias (C), Embalo (B), Joao Pedro (C), Lancini (B)
Espulsi: 12's.t. Caracciolo Ant.(B) per somma di ammonizioni.

Angoli: 6-4
Recupero: 3'p.t.-0's.t.






CAMPIONATO DI CALCIO DI SERIE “B”
LUNEDI 11 APRILE 2016
STADIO “RIGAMONTI” DI BRESCIA

BRESCIA 2 – PERUGIA 2



SCHIODATI DAI 50

Il risultato non fa una piega. Quando si dice “un grande secondo tempo” si dice del Brescia. Certo, dopo la partita di Trapani, è stato il miglior secondo tempo visto qui a Brescia. Però prendiamo troppi gol. Nel primo tempo, qualche scelta cervellotica di troppo da parte del Mister ha probabilmente permesso al Perugia di affondare, poi abbiamo ribaltato la frittata segnando a tempo pressoché scaduto. Sabato a Cagliari bisogna vincere, o perlomeno non perdere. Se continuiamo a perdere in trasferta, come in questo 2016, e a non vincere in casa non andiamo troppo lontano. I play off sono lì appesi ad un filo. Non sappiamo se credere a qualcosa oppure no. È un Campionato già finito, e certo è un Campionato interessante, siamo salvi e questo è un segno positivo, ma ora non ci resta che dire “…siamo andati a Roma senza vedere il Papa?…”. Insomma questi bravi ragazzi ci avevano e ci hanno quasi esaltato, hanno fatto ottime partite, hanno nel frattempo dimostrato comunque di essere inesperti ma i risultati li hanno ottenuti, ma poi… Spesso errori evitabili, spesso una tecnica maldestra, un azzardo tattico… mettiamoci di tutto e di più ed otteniamo il nostro Brescia. Dunque è questa una dolce sera? Sì perché il pareggio rocambolesco è pure meritato, meritata per la verità sarebbe stata anche la vittoria… ma pensiamo all’erroraccio di Caracciolo, solo davanti ai pali avversari calcia da pivello. Ma questo, giovani ragazzi e giocatori d’esperienza è un mix esplosivo. Decisivo quindi da ogni punto di vista il prossimo incontro. Forza Brescia (p.g.)
BRESCIA 2 – PERUGIA 2

Marcatori: 19'p.t. Ardemagni (P), 29'p.t. Ardemagni (P), 36'p.t. Caracciolo And.(B),48's.t. Calabresi (B)

BRESCIA (4-2-3-1):Minelli, Camilleri (9's.t. Marsura), Calabresi, Castellini, Coly, Martinelli (23's.t. Geijo), Mazzitelli, Kupisz, Morosini (23's.t. Bertoli), Embalo, Caracciolo And. (Cap.)
A disposizione: Arcari; Venuti, Lancini E., Abate, Salifu, Rosso
Allenatore: Boscaglia

PERUGIA (4-2-3-1):Rosati, Del Prete (Cap.),Belmonte, Mancini,Spinazzola, Zebli, Milos, Aguirre (33's.t. Rizzo), Della Rocca, Guberti (17's.t. Drolè), Ardemagni
A disposizione: Zima; Monaco, Rizzo, Fabinho, Rossi, Molina, Bianchi
Allenatore: Bisoli

Arbitro Sig. Eugenio ABBATTISTA di Molfetta
Assistenti Sig. Marco CITRO di Battipaglia e Sig. Domenico ROCCA di Vibo Valentia.
IV Ufficiale Sig. Andrea Giuseppe ZANONATO di Vicenza.

Ammoniti: Mazzitelli (B), Zebli (P), Drolè (P), Belmonte (P), Geijo (B)
Espulsi:nessuno.

Angoli: 5-5
Recupero: 0'p.t.- 3's.t.






Campionato di Calcio Serie "B"
Sabato 26 Marzo 2016
Stadio "Rigamonti" di Brescia
BRESCIA 0 – NOVARA 0



IL MIGLIOR PUNTO POSSIBILE

Stavolta il bicchiere è mezzo pieno. Contro il Novara il Brescia ha retto bene. Ottimo punto. Il Novara ha impressionato. Fra le squadre viste al Rigamonti e no, il Novara è stato proprio una signora squadra. Ora il Brescia però sembra avere preso consapevolezza dei propri mezzi e questa è maturità. La classifica? Siamo nel gruppone, tante squadre raggruppate alla finestra dei play off. Siamo a 50 punti e diciamolo, siamo salvi matematicamente e non è poco. Ma quante squadre in 3 / 4 punti ed è proprio per questo che il punto col Novara è da incorniciare. Mancano 9 partite e dobbiamo ora incontrare almeno 7 squadre di pari classifica, sarà quindi un finale molto molto interessante. Ma i nostri ragazzi sembrano ora saper fare calcoli e spesso fare calcoli è saggio. Quando non si riesce a vincere si prende atto che è meglio non perdere e si lavora in campo di conseguenza. Un pareggio, dunque, quello del Brescia che non è da noia ma non è nemmeno da brividi, né da una parte né dall’altra. Bravi ragazzi! (p.g.)

LE FORMAZIONI - LA GARA

BRESCIA (4-2-3-1): Minelli, Venuti, Caracciolo Ant. (Cap.), Lancini E., Coly (10's.t. Castellini), Martinelli, Dall'Oglio (27's.t. Salifu), Kupisz, Morosini (18's.t. Caracciolo And.), Embalo, Geijo
A disposizione: Arcari; Abate, Camilleri, Marsura, Rosso, Calabresi.
Allenatore: Boscaglia

NOVARA (4-3-3): Da Costa, Faraoni, Troest, Mantovani, Dell'Orco, Dickmann (15's.t. Nadarevic) , Viola, Casarini, Faragò (Cap.), Galabinov (40's.t. Evacuo), Corazza
A disposizione: Pacini; Ludi, Vicari, Bolzoni, Garofalo, Adorjan, Lanzafame
Allenatore: Baroni

Arbitro Sig. Juan Luca SACCHI di Macerata
Assistenti Sig. Stefano DEL GIOVANE di Albano Laziale e Sig. Gaetano INTAGLIATA di Siracusa
IV Ufficiale Sig. Davide ANDREINI di Forlì

Ammoniti: Embalo (B), Dall'Oglio (B), Viola (N), Da Costa (N).
Espulsi: nessuno.

Angoli:1-8
Recupero: 2'p.t.- 4's.t.
Note: 5.464 abbonati. 4.183 paganti





CAMPIONATO SERIE B 2015/2016
32^ Giornata
LATINA-BRESCIA 2-2



ERA IMPORTANTE INVERTIRE LA ROTTA IN TRASFERTA

Marcatori: 13'p.t. Dellafiore (L), 28's.t. Kupisz (B), 36's.t. Geijo (B), 42's.t. rig. Olivera (L).

LATINA (4-3-3): Ujkani, Bruscagin, Brosco, Dellafiore, Calderoni, Schiattarella (29's.t. Ammari), Olivera (Cap.), Scaglia, Acosty (7's.t.Mbaye), Boakye (37's.t. Paponi), Dumitru
A disposizione: Leone; Celli, Mariga, Figliomeni, Bandinelli, Milani
Allenatore: Gautieri

BRESCIA (4-2-3-1): Minelli, Venuti, Caracciolo Ant. (Cap.), Calabresi, Coly, Martinelli, Mazzitelli, Kupisz, Morosini (1's.t. Caracciolo And.), Embalo (35's.t. Marsura), Geijo (41's.t. Salifu)
A disposizione: Arcari; Lancini E., Abate, Camilleri, Rosso, Castellini
Allenatore: Boscaglia

Arbitro Sig. Daniele CHIFFI di Padova.
Assistenti Sig. Luca MONDIN di Treviso e Sig. Stefano LIBERTI di Pisa.
IV Ufficiale Sig. Federico DIONISI de L'Aquila.

Ammoniti: Scaglia (L), Kupisz (B), Calabresi (B), Mbaye (L), Ujkani (L), Mazzitelli (B).
Espulsi: nessuno.

Angoli: 3-2
Recupero: 1'p.t.- 4's.t.

BOSCAGLIA: "ERA IMPORTANTE INVERTIRE LA ROTTA IN TRASFERTA"

"I ragazzi hanno disputato una grande gara, soprattutto nel secondo tempo. Siamo stati bravi a tenere in mano sempre il pallino del gioco, il Latina ha giocato principalmente sulle ripartenze. Era importante invertire la rotta in trasferta, venivano da 4 sconfitte lontano dal Rigamonti e oggi abbiamo mancato per un soffio quella che sarebbe stata una grande vittoria."
Il pensiero di mister Boscaglia dopo il pareggio di questo pomeriggio contro il Latina.
"Il Latina si è rivelato una squadra organizzata, composta da tanti elementi di qualità ed esperienza. Peccato aver subito il gol del pareggio a pochi minuti dal termine.
Ora guardiamo avanti con la voglia di continuare a divertire e a divertirci. Sabato affronteremo un'altra grande squadra contro il Novara che si trova come noi nelle parti alte della classifica.
Come sempre scenderemo in campo per dare battaglia e conquistare i tre punti davanti ai nostri tifosi."

IL POST-GARA: LE PAROLE DI GEIJO E KUPISZ
Le parole dei due protagonisti della sfida contro il Latina, autori dei due gol che hanno ribaltato il risultato contro i nerazzurri prima del pareggio finale di Olivera.
Tomasz Kupisz, autore del gol del pareggio (il sesto in questo campionato) e protagonista anche nell'azione del vantaggio di Geijo, con un gran tiro dai 25 metri che ha colpito il palo.
"Mi mancava il gol e sono felice anche per Alex che è tornato a segnare. Dispiace che le nostre reti non siano servite a portare a casa la vittoria. La squadra ha disputato una buona partita, nonostante lo svantaggio iniziale non ci siamo mai disuniti e nella ripresa siamo stati bravi a ribaltare il risultato. Abbiamo raggiunto la quota salvezza ma non vogliamo certo fermarci adesso Continueremo a scendere in campo per vincere come è stato fino adesso. Sabato ci aspetta una grande gara e vogliamo conquistare i tre punti."

Alex Geijo, undicesima rete in campionato che ha permesso alle rondinelle di ribaltare il vantaggio iniziale del Latina con Dellafiore.
"E' sicuramente un ottimo punto, su un campo difficile. Poi se guardiamo l'andamento della gara e pensiamo che a pochi minuti dal termine eravamo in vantaggio, il rammarico è grande.
Il vantaggio del Latina è arrivato nel nostro momento migliore, così come noi siamo passati in vantaggio quando magari non riuscivamo ad esprimerci al meglio. IL calcio è anche questo, ora recuperiamo le energie perchè sabato ci aspetta un'altra grande sfida. E vogliamo regalarci un'altra splendida vittoria davanti al nostro pubblico, come quella di sette giorni fa contro il Crotone." (tratto dal sito www.bresciacalcio.it)









CAMPIONATO SERIE B 2015/2016 - 31^ giornata
BRESCIA-CROTONE 3-0
Venerdì, 11 Marzo 2016



BRAVISSIMI RAGAZZI!

Marcatori: 35'p.t. Mazzitelli (B), 12's.t. Embalo (B), 26's.t. Morosini (B).

BRESCIA (4-2-3-1):Minelli, Venuti, Caracciolo Ant. (Cap.), Calabresi, Coly, Mazzitelli, Martinelli (22's.t. Salifu), Kupisz, Morosini (31's.t. Caracciolo And.), Embalo (37's.t. Rosso), Geijo
A disposizione: Arcari; Lancini E., Abate, Camilleri, Bertoli, Marsura.
Allenatore: Boscaglia

CROTONE (3-4-3): Cordaz, Cremonesi (11's.t. Paro), Claiton (Cap.), Ferrari (27's.t. Garcia Tena), Balasa, Capezzi, Salzano, Martella, Ricci, Palladino (14's.t. Torromino), Di Roberto
A disposizione: Festa; Stoian, De Giorgio, Barberis, Modesto, Sabbione.
Allenatore: Juric

Arbitro Sig. Rosario ABISSO di Palermo. Assistenti Sig. Marco ZAPPATORE di Taranto e Sig. Lorenzo GORI di Arezzo. IV Ufficiale Sig. Antonio RAPUANO di Rimini.

Ammoniti: Di Roberto (C), Martinelli (B), Morosini (B), Cremonesi (C), Salzano (C), Torromino (C), Salifu (B).
Espulsi:10's.t. Capezzi (C) per somma di ammonizioni.

Angoli:2-6
Recupero: 1'p.t.- 3's.t.
Note: 5.464 abbonati. 3.068 paganti

MOROSINI: "GOL E VITTORIA SONO TUTTI PER GINO"

Un altro splendido gol per un'altra grande vittoria, in una serata speciale.
La dedica è tutta per te Pres.
"Sono stati giorni particolari con la scomparsa del nostro ex Presidente Gino Corioni e questo gol, questa vittoria sono tutte dedicate a lui e alla sua famiglia."
Il pensiero di Leo Morosini al termine della gara di questa sera contro il Crotone.
"Contro le prime della classe disputiamo sempre delle grandi prestazioni e anche stasera non siamo stati da meno. Una gara da squadra vera, contro una formazione davvero forte che merita l'attuale posizione di classifica.
Ora credo che la salvezza sia cosa fatta, ma non abbiamo certamente intenzione di fermarci. Giocando così possiamo toglierci ancora grandi soddisfazioni."

BOSCAGLIA: "UNA GRANDE VITTORIA DEDICATA AD UNA PERSONA SPECIALE

"Un successo dedicato a Gino Corioni, una persona speciale che ha fatto tanto per questa squadra e questa città. Abbiamo vissuto tutti questo grande dolore, volevamo dedicargli una vittoria e sono contento che siamo riusciti."
Sono le parole di mister Boscaglia al termine della gara contro il Crotone.
"Siamo stati bravi ad arginare una grande squadra come il Crotone anche perchè stasera i ragazzi hanno dato davvero il massimo. Non abbiamo rischiato praticamente nulla e siamo stati bravi a concretizzare le occasioni da gol create.
Abbiamo raggiunto la quota di 48 punti, credo che l'obiettivo salvezza possa considerarsi ormai acquisito. Ad ogni modo continueremo a scendere in campo per vincere, come è nel nostro DNA, senza mollare di un centimetro.
Ora godiamoci questa vittoria, qualche giorno di riposo e poi penseremo alla prossima sfida di Latina. Il prossimo obiettivo è quello di invertire la rotta lontano dal Rigamonti.

MAZZITELLI: "UNA SERATA PERFETTA"

"Una serata perfetta. Tre punti contro la prima della classe in una serata così speciale. Non potevamo chiedere di meglio." Questa volta è proprio il caso di dirlo. Meglio di così non poteva andare.
Una di quelle serate magiche, stellari, da ricordare.
E lo conferma anche Luca Mazzitelli, autore del primo gol nel 3-0 delle rondinelle contro la capolista Crotone.
"Abbiamo passato una settimana difficile, particolare dopo la scomparsa di Gino Corioni. In molti di noi non l'hanno conosciuto è vero, ma abbiamo imparato a capire quanto ha dato a questa squadra e alla città di Brescia. Siamo felici di poter dedicare a lui questa vittoria.
Ora bisogna trovare continuità nei nostri risultati, soprattutto quando giochiamo in trasferta. Abbiamo già perso troppi punti e dobbiamo tornare al successo anche lontano dal Rigamonti.
Archiviata la salvezza, se vogliamo puntare in alto dobbiamo scendere in campo sempre con questo carattere e questa determinazione. Contro le prime in classifica, vedi Crotone stasera ma anche già all'andata con Cagliari e Pescara abbiamo sempre disputato ottime prestazioni. Occorre ritrovare questa cattiveria anche con tutti gli altri avversari." (dal sito: www.bresciacalcio.it)













CAMPIONATO SERIE B 2015/2016 - 30^ Giornata
Virtus Lanciano-Brescia 1-0



ATTENTO… PICCOLO GRANDE BRESCIA

Marcatori: 30'p.t. Ferrari (L)

VIRTUS LANCIANO (4-3-3): Cragno (1's.t. Casadei), Vastola, Rigione, Amenta, Di Matteo, Rocca, Bacinovic, Vitale, Di Francesco (32's.t. Turchi), Marilungo, Ferrari (40's.t. Di Filippo)
A disposizione: Boldor, Bonazzoli, Padovan, Di Benedetto, Milinkovic, Giandonato
Allenatore: Maragliulo

BRESCIA (4-2-3-1):Minelli,Venuti, Caracciolo Ant. (Cap.), Calabresi, Coly, Martinelli, Mazzitelli (39's.t. Abate), Kupisz (16's.t.Dall'Oglio), Morosini, Embalo (16's.t. Bertoli), Geijo
A disposizione: Arcari, Camilleri, Lancini N., Marsura, Rosso, Mangraviti
Allenatore: Boscaglia

Arbitro Sig. Gianluca AURELIANO di Bologna.
Assistenti Sig. Dario CECCONI di Empoli e Sig. Edoardo RASPOLLINI di Livorno.
IV Ufficiale Sig. Vincenzo RIPA di Nocera Inferiore.

Ammoniti: Vastola (L), Calabresi (B), Di Francesco (L)
Espulsi: nessuno.

Angoli: 7-5
Recupero: 2'p.t.-5's.t.

CARACCIOLO: "GARA DECISA DA UN EPISODIO"

“Una gara decisa da un episodio. Il Lanciano ha trovato il gol in modo fortunoso e poi non abbiamo più rischiato quasi nulla - il commento di Antonio Caracciolo al termine della gara contro la Virtus Lanciano - Dispiace perchè la vittoria ci avrebbe permesso di dare l'affondo decisivo verso la salvezza. Ora faremo di tutto per ritrovare i tre punti già venerdì contro il Crotone.
Lanciano si è rivelato un campo difficile, oggi tra l'altro non era neanche in buone condizioni e abbiamo fatto fatica ad esprimere le nostre qualità tecniche.
Forse le prestazioni migliori le abbiamo avute con le prime della classe è vero, ma ogni partita noi scendiamo in campo per vincere e non sempre riusciamo ad esprimerci al meglio". (www.bresciacalcio.it)

BOSCAGLIA: "IL RISULTATO UNICA NOTA NEGATIVA"

"Il risultato unica nota negativa". Si può sintetizzare così il pensiero di mister Boscaglia al termine della gara contro la Virtus Lanciano.
"Sicuramente dobbiamo migliorare i nostri risultati lontano dal Rigamonti, ma se devo guardare la partita di oggi non ho nulla da recriminare ai ragazzi. Credo che la gara l'abbia fatta il Brescia, abbiamo avuto diverse palle-gol già nel primo tempo e sia Cragno che Casadei quando è subentrato hanno compiuto grandi parate.
Non è facile venire a giocare qui, altre squadre blasonate hanno perso punti in questo stadio. Certo il risultato alla fine è quello che conta e oggi non possiamo di certo sorridere, però la prestazione della squadra mi è piaciuta nonostante la sconfitta.
Ora proveremo a prenderci i tre punti nella sfida di venerdì contro il Crotone che ad oggi è la nuova capolista del campionato. Sarà una sfida affascinante e non vedo l'ora di giocarla". (www.bresciacalcio.it)










Stadio “Rigamonti” di Brescia
Martedi 1 Marzo 2016
Brescia 1 – Avellino 0


VA BENE COSÌ. SEI PUNTI IN DUE PARTITE

Una partita delicata, che arrivava dopo la vittoria con l’ultima della classe. Ce l’abbiamo fatta. Con qualche fatica di troppo, ma ce l’abbiamo fatta. A vincere questa brutta partita. Una partita che è diventata difficile e pericolosa in più occasioni. Un grande Minelli ha salvato la porta e la partita. Ciò che conta sono i tre punti. I tre punti importantissimi. E li abbiamo incamerati. Ed ora guardiamo la classifica. Siamo nei play-off. E ce lo meritiamo. Siamo a 45 punti, e noi diciamo a cinque punti dalla quota salvezza. Sì perché siamo partiti ad inizio Campionato con la mission di salvarci, poi belle vittorie ci han fatto sognare, e poi brutte sconfitte ci ha messo in delusione. Ed ora? Due vittorie di seguito in due partite non belle, seppur a vittorie meritate. Guardiamo avanti. La squadra non è più spumeggiante come prima, è forse diventata più “cinica”, ma forse è meglio così. È segno magari di una maturità che questi nostri ragazzi stanno probabilmente acquisendo in questa fase assai delicata del campionato. Un Campionato sempre lungo e sempre strano, ma che viviamo, anche noi, con passione e con realismo. L’Avellino lo abbiamo battuto. E la classifica è oggettivamente interessante. Giudichiamo questa squadra con i giocatori che ha: non sono dei sacri mostri, sono giocatori che dimostrano voglia di giocare e di vincere. In campo sono umili e lavoratori. Sono contento della squadra, dell’allenatore, della Società, del pubblico. Una partituccia, ma una grande squadra. Non abbiamo concesso quasi niente all’Avellino. Alcune “cose” sono state messe a posto dal punto di vista dell’ordine tecnico. Bravi. Ed ora forza e avanti più o meno così. (p.g.)

CAMPIONATO SERIE B ConTe.it 2015/2016 - 29^ Giornata
BRESCIA-AVELLINO 1-0

Marcatori: 36' p.t. Caracciolo Ant.(B)

BRESCIA (4-2-3-1):Minelli, Venuti, Caracciolo Ant. (Cap.), Calabresi, Coly, Martinelli (41's.t. Dall'Oglio), Mazzitelli, Kupisz, Morosini (34's.t. Salifu), Embalo, Geijo (46's.t. Abate)
A disposizione: Arcari; Lancini E., Camilleri, Bertoli, Marsura, Rosso.
Allenatore: Boscaglia

AVELLINO (4-3-1-2): Frattali, Pucino, Jidayi, Biraschi, Chiosa, Arini (Cap.), Gavazzi (20's.t. Bastien), Sbaffo (12's.t. Insigne), Paghera, Joao Pedro, Tavano (12's.t.Mokulu)
A disposizione: Offredi; Nica, D'Angelo, Visconti, Pisano, Migliorini
Allenatore: Tesser

Arbitro Sig. Renzo CANDUSSIO di Cervignano del Friuli.
Assistenti Sig. Pietro DEI GIUDICI di Latina e Sig. Giuseppe OPROMOLLA di Salerno.
IV Ufficiale Sig. Gianluca AURELIANO di Bologna.

Ammoniti: Mazzitelli (B), Insigne (A), Paghera (A)
Espulsi: nessuno.

Angoli: 3-5
Recupero: 1'p.t.-3's.t.






CAMPIONATO SERIE B 2015/2016
28^ Giornata
Brescia-Como 2-1
Stadio “Rigamonti “ di Brescia


UNA VITTORIA PER RIPARTIRE

Marcatori: 28'p.t. Morosini (B), 16's.t. rig.Ganz (C), 29's.t. Morosini (B)

BRESCIA (4-2-3-1): Minelli, Venuti, Caracciolo Ant., Calabresi, Coly, Martinelli, Mazzitelli (33's.t. Salifu), Kupisz (25's.t. Marsura), Morosini, Embalo, Caracciolo And. (Cap.)(15's.t. Geijo.)
A disposizione: Arcari; Abate, Camilleri, Lancini N., Dall'Oglio, Rosso
Allenatore: Boscaglia

COMO (4-3-1-2): Scuffet, Brillante, Cassetti, Casasola, Marconi (Cap.), Barella, Fietta (33's.t. Kukoc), Cristiani (1's.t. Lanini), Basha, Ganz (25's.t. Gerardi), Pettinari
A disposizione: Crispino, Giosa, Ambrosini, Ghezzal, La Camera, Scapuzzi.
Allenatore: Festa

Arbitro Sig. Leonardo BARACANI di Firenze
Assistenti Sig. Alessandro RAPARELLI di Albano Laziale e Sig. Pasquale CANGIANO di Napoli.
IV Ufficiale Sig. Daniel AMABILE di Vicenza.

Ammoniti: Barella (C), Brillante (C), Coly (B)
Espulsi: 38's.t. Cassetti (C) per somma di ammonizione

Angoli: 9-2
Recupero: 1'p.t.- 5's.t.
Note: 5.464 abbonati. 1.420 pagant

MOROSINI: "UNA VITTORIA PER RIPARTIRE"

Man of the match. Due gol del Moro hanno regalato il successo alle rondinelle nella sfida di questo pomeriggio contro il Como. E con la doppietta di oggi Leo raggiunge quota 6 reti in campionato.
"Una vittoria che ci serve per ripartire dopo un periodo sfortunato. La doppietta di oggi mi rende felice ma sono contento soprattutto perchè ha permesso alla squadra di ottenere 3 punti importanti, in una gara difficile e molto combattuta.
Devo ringraziare i miei compagni che mi hanno permesso di finalizzare due grandi azioni, con gli assist dell'Airone e di Calabresi. Rispetto allo scorso anno c'è sicuramente un clima diverso, avvertiamo grande entusiasmo attorno a noi e anche questo ci permette di scendere in campo con una carica in più.
La dedica? Un po' a tutti quelli che hanno creduto in me anche quando magari le cose non andavano per il verso giusto. Poi anche a nonna Nella che è un vero talismano e anche oggi mi ha portato fortuna”.

BOSCAGLIA: "E' STATO IMPORTANTE RITROVARE LA VITTORIA"

"Una vittoria davvero importante, soprattutto perchè ci permette di ritrovare il sorriso dopo alcuni risultati negativi." La sintesi della gara contro il Como nelle parole di mister Boscaglia che oggi ha tagliato il traguardo delle 100 panchine in serie B.
"Un primo tempo dove abbiamo creato diverse palle gol, riuscendo ad andare in vantaggio meritatamente. Poi nella ripresa ci siamo allungati, abbiamo lasciato troppo spazio ai nostri avversari che hanno giocato a viso aperto e creato qualche difficoltà. Sapevamo che non sarebbe stata una gara facile e ce lo aspettavamo. Peró devo dire che per quanto si è visto in campo la vittoria sia meritata.
Ora recuperiamo le energie perchè martedì ci aspetta un'altra gara tosta, difficile e dobbiamo dare continuità al successo di oggi”. (www.bresciacalcio.it)










CAMPIONATO SERIE B 2015/2016
27^ Giornata
MODENA-BRESCIA 1-0


POKER NERO IN NERA CINQUINA

Quattro sconfitte nelle ultime 5 partite (in mezzo solo il punto rimediato con l’Ascoli): il Brescia perde a Modena per 1-0 (autorete di Calabresi) e continua nella sua discesa pericolosa che lo porta, per la prima volta dopo diverse settimane, fuori dalla zona play-off (ora a 40 punti, biancazzurri fermi a 39). Una partita che i biancazzurri si sono fatti scappare dalle mani, colpiti nel loro momento migliore, e che non sono riusciti a raddrizzare anche per un briciolo di sfortuna, come il palo di Rosso nel finale.

Marcatori: 23's.t. Luppi (M)

MODENA (4-3-3): Manfredini, Gozzi (Cap.), Marzorati, Bertoncini (47'p.t. Calapai)(17's.t. Camara), Rubin, Crecco, Giorico, Belingheri, Nardini, Granoche (41's.t. Osuji), Luppi
Non utilizzati: Provedel, Popescu, Aldrovandi, Zoboli, Besea, Stanco
Allenatore: Crespo

BRESCIA (4-2-3-1): Minelli, Calabresi, Caracciolo Ant. (Cap.), Camilleri (32's.t.Embalo), Coly, Martinelli (37's.t. Caracciolo And,), Mazzitelli, Kupisz, Morosini (32's.t. Salifu), Rosso, Geijo
Non utilizzati: Arcari; Venuti, Abate, Lancini N., Marsura, Dall'Oglio
Allenatore: Boscaglia

Arbitro Sig. Lorenzo ILLUZZI di Molfetta
Assistenti Sig. Giuseppe BORZOMI' di Torino e Sig. Damiano MARGANI di Latina.
IV Ufficiale Sig. Emanuele MANCINI di Fermo.

Ammonti: Morosini (B), Marzorati (M), Caracciolo And. (B)
Espulsi: nessuno.








STADIO “RIGAMONTI” DI BRESCIA
Lunedì 15 Febbraio 2016
BRESCIA 2 – ASCOLI 2


LA DELUSIONE DI UN PUNTICINO

Il Brescia poteva e doveva fare molto molto di più. Non ce l’ha fatta. Ma che Brescia è diventato? Tre sconfitte di seguito ed ora un lumicino, un passetto in avanti dopo aver rischiato il poker di sconfitte. Anche a Mompiano, contro l’Ascoli, andiamo in vantaggio, meritato o meno, non lo so. Ma Caracciolo non sbaglia il suo rigore che risulterà poi in seguito essere di fatto una delle pochissime palle da lui toccate. Poi l’Ascoli pareggia e passa in vantaggio. Ghiochiamo in 11 contro 10 ma forse ai nostri non gliel’ha detto nessuno. Riusciamo a pareggiare.
Questa è un’occasione sprecata. È però grasso che cola visto come si era messa. Un brodino e ringraziamo il cielo, o meglio l’arbitro, che non ha rilevato un netto rigore a favore dei nostri avversari. Alla fine qualche applauso c’è, ma il Brescia si è tardi svegliato. Sì, proprio svegliato, negli ultimi cinque/dieci minuti sbagliando anche clamorosamente la possibilità di ribaltare incredibilmente il risultato. Ma il risultato è comunque giusto così. Nessuno commento particolare pe r una partita che doveva assolutamente essere vinta. Ma così è. Forza Brescia
(p.g.)
CAMPIONATO SERIE B ConTe.it 2015/2016 - 26^ Giornata

BRESCIA-ASCOLI 2-2

Marcatori: 10'p.t. rig. Caracciolo And.(B), 40'p.t. Petagna (A), 28's.t. Petagna (A), 38's.t. Lancini (B)

BRESCIA (4-2-3-1): Minelli, Calabresi, Lancini E., Caracciolo Ant.,Coly, Mazzitelli, Dall'Oglio (34's.t. Abate), Kupisz, Morosini, Embalo (11's.t. Salifu), Caracciolo And. (Cap.)(18's.t. Geijo)
A disposizione: Arcari; Venuti, Camilleri, Marsura, Rosso, Mangraviti.
Allenatore: Boscaglia

ASCOLI (4-5-1): Lanni, Pecorini, Milanovic, Mitrea, Dimarco (44's.t. Canini), Almici, Giorgi (Cap.), Bianchi, Addae, Jankto (22's.t. Perez), Petagna (48's.t. Benedicic)
A disposizione: Svedkauskas; Benedicic, Mangni, Carpani, Cinaglia, Del Fabro, Iotti
Allenatore: Mangia

Arbitro Sig. Valerio MARINI di Roma 1.
Assistenti Sig. Matteo BOTTEGONI di Terni e Sig. Tarcisio VILLA di Rimini.
IV Ufficiale Sig. Luigi ROSSI di Rovigo.

Ammonti: Almici (A), Lancini (B), Bianchi (A), Mazzitelli (B), Addae (A)
Espulsi: 24's.t. Pecorini (A)

Angoli: 3-2
Recupero: 1'p.t. - 5's.t.






ProVercelli 2 - Brescia 1
Sabato 6 Febbraio 2016


LE ALI SPUNTATE

Marcatori: 3'p.t. Mazzitelli (B), 6'p.t. Bani (PV), 19's.t. Mustacchio (PV)

PRO VERCELLI (4-3-3): Pigliacelli, Germano, Bani, Legati, Mammarella, Scavone, Castiglia (12's.t. Emmanuello), Rossi (40's.t. Budel), Mustacchio, Marchi, Malonga (29's.t. Beretta)
A disposizione: Melgrati; Berra, Redolfi, Sprocati, Filippini, Forte
Allenatore: Foscarini

BRESCIA (4-2-3-1): Minelli, Venuti (44's.t. Morosini), Lancini E., Caracciolo Ant., Calabresi, Dall'Oglio (37's.t. Salifu), Mazzitelli, Kupisz (25's.t. Embalo), Geijo, Marsura, Caracciolo And. (Cap.)
A disposizione: Arcari; Abate, Camilleri, Lancini N., Rosso, Mangraviti
Allenatore: Boscaglia

Arbitro Sig. Daniele MINELLI di Varese
Assistenti Sig. Marco CITRO di Battipaglia e Sig. Nicolò CALO' di Molfetta.
IV Ufficiale Sig. Francesco GUCCINI di Albano Laziale.

Ammoniti: Caracciolo Ant. (B), Venuti (B), Mustacchio (PV), Mammarella (PV), Mazzitelli (B)
Espulsi: nessuno.

Angoli: 2-1
Recupero: 2'p.t.-5's.t.

Chiamiamola come vogliamo oppure non chiamiamola nemmeno: ma è crisi. Tre sconfitte di seguito. Non è più un segnale, è la terza scoppola. Cosa è successo? Ai protagonisti le riflessioni, a noi le constatazioni di un’illusione di Campionato che è ancora lì bello bello ed ancora pronto nonostante tutto per poterci dare soddisfazioni. Come spesso (o sempre) le parole di ogni commentatore possono venire smentite. Quindi non voglio aggiungermi ai saggi o presunti tali che dicono che ad Ascoli ritroveremo il Brescia della prima parte della stagione, perché il totocalcio dice sempre 1 o 2 o X. Bella scoperta, direte Voi. No, faccio per dire che bastano tre giornalisti che fanno analisi e previsioni diversificate e/o opposte ed uno di loro avrà certo ragione. E dunque non mi resta che quasi piangere (pallonarmente parlando… poiché le vere negatività sono altre) sul latte versato a Vercelli. Andiamo in vantaggio subito, ci facciamo riprendere subito ma poi sprechiamo, sì perché un golletto potevamo anche inserirlo ancora nel bel primo tempo delle rondinelle. Alla fine è vera sconfitta ed è vera crisi. Le feste natalizie non han fatte per niente bene ai nostri, ma ora ci rifacciamo. O no?
(p.g.)











BRESCIA 1 – LIVORNO 3
Sabato 30 Gennaio 2016


CHE SUCCEDE?

Due sconfitte di seguito. Non era mai successo dall’inizio del Campionato. Sei gol subiti in due giornate. Sembra di essere tornati indietro nel tempo alla difesa extra-bucata. Siamo però ancora tranquillamente in posizione play-off, per cui… Campanello d’allarme? Crisi? No. No. No. Solo due partite storte dopo la pausa natalizia. Effetto dei troppi brindisi. Scherziamo perché il Brescia di quest’anno non può (e non deve) andare in depressione pallonara. Venerdì prossimo a Vercelli la prova della verità. Come sempre la cronaca della partita ormai non ha importanza, se non per il tecnico e per le riflessioni dei giocatori su se stessi. Cosa del resto decisamente seria. La partita contro il Livorno parte alla grande per le rondinelle che strabiliano per la voglia di riscattarsi dalla brutta figura rimediata a Salerno. Però che succede? Alla prima risposta, su errore della nostra difesa, il Livorno va in gol. Il Brescia reagisce, e pareggia. Ma nella seconda parte della partita andiamo “nel pallone” spinti da un arbitro assai mediocre ed il Livorno dilaga, anche con l’uomo in più. E non c’è più scampo. Troppi gli errori dei nostri giovanotti, anche se tante le belle cose fatte. La frittata è servita. Il Brescia perde la testa, non solo la partita. E sia pronto il riscatto. Ne siamo certi (o almeno lo speriamo alla grande). Alla prossima.






SALERNITANA 3 - BRESCIA 0
venerdì 22 Gennaio 2016


UNA SALUTARE BATOSTA?

Le parole di mister Boscaglia (nella foto) al termine della gara contro la Salernitana:

"Avevo detto alla vigilia che sarebbe stata una gara complicata e così è stata. La Salernitana si è rivelata una buona squadra, anche se nel primo tempo la partita è stata equilibrata. Abbiamo commesso un errore sul primo gol, poi abbiamo avuto due grandi occasioni per pareggiare con due grandi parate di Terracciano.
Nella ripresa dopo il gol del 2-0 abbiamo mollato, ci siamo disuniti e abbiamo perso aggressività. Un atteggiamento che non mi è piaciuto e sul quale dobbiamo migliorare. La Salernitana è stata più brava di noi a credere nella vittoria e alla fine ha portato a casa i tre punti.
Dobbiamo fare tesoro di questa sconfitta. Serve la mentalità e lo spirito aggressivo per tutti i 90 minuti, altrimenti non si vincono le partite. Siamo una squadra giovane e possono capitare cali di concentrazione, ma questa sera è mancata la mentalità che abbiamo avuto in questa prima parte di stagione e che ci ha portato in alto".

Marcatori: 23'p.t. aut. Coly (B), 9's.t. Coda (S), 16's.t. Franco (S).

SALERNITANA (4-3-3): Terracciano, Ceccarelli (35's.t. Colombo), Bernardini, Empereur, Franco, Moro, Ronaldo (30's.t. Odjer), Zito, Odjer, Coda, Gabionetta (Cap.) (33's.t. Donnarumma), Oikonomidis
A disposizione: Strakosha; Pestrin, Trevisan, Bagadur, Bovo, Prce.
Allenatore: Torrente

BRESCIA (4-2-3-1): Minelli, Camilleri (29's.t. Abate), Lancini E., Caracciolo Ant., Coly, Martinelli, Mazzitelli, Kupisz, Morosini (21's.t. Marsura), Embalo ( 18's.t. Dall'Oglio), Caracciolo And. (Cap.)
A disposizione: Arcari; Venuti, Camilli, Rosso, Mangraviti, Calabresi
Allenatore: Boscaglia

Arbitro Sig. Riccardo PINZANI di Empoli
Assistenti Sig. Maurizio DE TROIA di Termoli e Sig. Francesco DISALVO di Barletta.
IV Ufficiale Sig. Matteo PROIETTI di Terni.

Ammoniti: Martinelli (B), Caracciolo And. (B), Ceccarelli (S), Oikonomidis (S), Empereur (S), Mazzitelli (B), Colombo (S).
Espulsi: nessuno.

Angoli: 6-1
Recupero: 1'p.t. – 3's.t. (www.bresciacalcio.it)




Stadio “Rigamonti” di Brescia
Domenica 17 Gennaio 2016
BRESCIA 2 – CESENA 1


IL BOTTO DEI DUE CARACCIOLO

Caracciolo Antonio che con un botto di testa rimette in parità il risultato e Caracciolo Andrea che col botto dall’area di rigore “buca” la rete avversaria. Il risultato è ottimo, l’ottavo risultato utile consecutivo che vale il quarto posto in classifica ed ora non ci resta che sognare, sempre con i piedi per terra. Perché sappiamo che il Campionato di Serie B è lungo, perché sappiamo che è strano, perchè sappiamo che il Brescia per tradizione storica è “strano”. Quest’anno calcistico che però un qualcosa che mi rasserena, aldilà- si fa per dire – del risultato. Abbiamo una squadra che si impegna sempre e comunque, abbiamo dei ragazzi che sono giovani sì ma professionisti dell’entusiasmo e della voglia di gioco, che si vinca o che si perda. Sono qualità interessantissima che non ero abituato ad intravedere tutte insieme e sempre, in campo. Ora no tutti giocano, tutti corrono, tutti seguono il mister ed hanno una visione d’insieme particolarmente significativa. Non è e non sarà tutto oro ciò che luccica la “Rigamonti” e fuori, ma è proprio bello da vedere. Un bel Brescia. Contro il Cesena ci ha messo del suo un arbitraggio indegno che ha favorito e sfavorito lo svolgersi regolare della partita finita 1 a 0 per il Cesena il primo tempo, ma con il Cesena in 9. Nel secondo tempo i due Caracciolo… (p.g.)

Marcatori: 23'p.t. Djuric (C), 14's.t. Caracciolo Ant. (B), 41'rig. Caracciolo And. (B).

BRESCIA (4-2-3-1): Minelli, Camilleri (28's.t. Marsura), Caracciolo Ant.,Lancini, Coly, Martinelli, Mazzitelli, Kupisz, Morosini, Embalo (43's.t. Venuti), Caracciolo And. (Cap.)
A disposizione: Arcari, Abate, H'Maidat, Camilli, Dall'Oglio, Calabresi.
Allenatore: Boscaglia

CESENA (4-3-3): Gomis, Perico, Caldara, Lucchini (Cap.), Renzetti, Cascione, Kessie (19's.t. Valzania), Molina, Ciano (24's.t. Mazzotta), Ragusa (35's.t. Magnusson), Djuric
A disposizione: Menegatti, Tabanelli, Dalmonte, Garritano, Kone, Rosseti
Allenatore: Drago

Arbitro Sig. Ivano PEZZUTO di Lecce
Assistenti Sig. Stefano DEL GIOVANE di Albano Laziale e Sig. Emanuele PRENNA di Molfetta.
IV Ufficiale Sig. Livio MARINELLI di Tivoli.

Ammoniti: 33'p.t. Kessie (C), 35'p.t. Lancini(B), 11's.t. Lucchini (C), 21's.t. Ragusa (C), 22's.t. Caldara (C), 44's.t. Caracciolo And. (B), 47's.t. Valzania (C).
Espulsi:44'p.t. Molina (C), 39's.t. Cascione (C).

Angoli: 4-6
Recupero: 0' p.t. – 4's.t.
Note: 5.338 abbonati. 3.594 paganti



BRESCIA 0 – TERNANA 0
Stadio “Rigamonti” di Brescia
Domenica 27 dicembre 2015


SI GIRA MERAVIGLIOSAMENTE A 35

Trentacinque punti, piena zona play off! Chi l’avrebbe mai detto? Chi l’avrebbe mai pensato? Chi l’avrebbe mai sospettato? Chi l’avrebbe mai sognato? Proprio nessuno. Il Brescia è partito per un Campionato di Serie B all’insegna dell’umiltà e della consapevolezza di doversi solo e semplicemente salvare, tenendo ovviamente conto delle complesse situazioni societarie della scorsa stagione. Ed ora invece siamo qui al giro di boa del campionato in posizione di assoluta rilevanza e, quel che più conta, con una squadra organica, combattiva, mai doma, generosa e che sa perfettamente far di gruppo. Anche oggi lo ha dimostrato apertamente. Al 10° del primo tempo Geijo viene ingiustamente espulso e l’arbitro vuol dunque già dare una svolta alla gara. Ciononostante il Brescia resiste, ma non solo, riesce a rintuzzare ogni offensiva della Ternana nel primo tempo e nel secondo tempo onestamente la Ternana scompare. Un pareggio che praticamente va bene ma che sta stretto al Brescia che ha dimostrato carattere e forza, ingegno e saggezza ed ha strappato applausi ai quasi 12 mila del Rigamonti, un record. Ora la pausa delle festività per riprendere alla grande contro il Cesena a metà gennaio. Ci si rivede… ci si rilegge .. e buone feste (p.g.)

"Abbiamo dimostrato carattere da grande squadra. Siamo stati bravi a gestire la partita, nonostante l'inferiorità numerica per quasi 90 minuti”, questo il commento di mister Boscaglia (nella foto) al termine della gara contro la Ternana che ha chiuso, di fatto, il girone di andata, 35 punti, quinto posto in classifica, 31 gol realizzati contro i 28 subiti: i numeri di questa prima parte di stagione.
"Voglio innanzi tutto fare i complimenti alla squadra perché anche oggi hanno disputato una grande partita, dove tutti si sono sacrificati. Siamo al giro di boa e la classifica ci sorride. Ora recuperiamo le energie, poi dal 6 gennaio ci prepareremo al meglio in vista del girone di ritorno. Riguardo alla gara di oggi, c'è un po' di rammarico per quello che poteva essere e non è stato. Siamo rimasti in dieci dopo pochi minuti ed è inutile dire che l'espulsione di Geijo ha condizionato il resto della gara. Abbiamo lottato, senza mollare niente e creando anche qualche occasione pericolosa. Non posso essere contento del tutto perchè come sapete a me piace sempre vincere, però obiettivamente oggi non potevo chiedere di più a questi ragazzi che hanno dato tutto, andando anche al di sopra delle loro possibilità".





BRESCIA 1 - SPEZIA 1
Stadio "Rigamonti" di Brescia
Sabato 19 Dicembre 2015


GRANDE BRESCIA

E bravi davvero i nostri ragazzi. Non era facile fare risultato contro uno Spezia che in Campionato sta guadagnando punti su punti e che era appena reduce dall’avere sconfitto la Roma, sì la Roma in Coppa Italia. Ma i nostri dopo un primo tempo inferiore alle attese hanno infilato una ripresa da veri eroi. La prima parte della partita, infatti, vede il Brescia soccombere, ma nella ripresa il gol di Caracciolo (nella foto) mette il doveroso sigillo della giustizia.
Siamo quinti, siamo nei play off, tutto sembra andare sufficientemente bene. Siamo lontani dalla zona pericolosa della retrocessione, e nella mente veleggia (senza fuoriuscirne) la serie A. È un discorso di sempre, è il grande gioco del calcio, è il sogno d’ogni tifoso. Ma i nostri sanno stare coi piedi per terra anche se il giro sembra giusto. Abbiamo troppe esperienze pallonarmente drammatiche degli anni scorsi. Ora dobbiamo quasi vivere alla giornata, impegnarci sempre bene allo stesso modo quasi indipendentemente dal risultato. Ed è solo così che i risultati arriveranno, come stanno arrivando finora. Non tutto è oro ciò che sta per luccicare, ma certo è che i giocatori sanno ora fare squadra, lottare, occupare spazi liberi, difendersi da critiche ed accuse, senza attaccare e polemizzare più del dovuto. Sono giovani, sono ragazzi, ma quando sono in campo diventano grandi. Per questo ci piacciono. Sono professionisti. Possono anche sbagliare, ma gli applausi sono garantiti, come oggi dalla tribuna, cosa strana… Arriva una settimana al alta tensione: mercoledì si va a Bari contro una squadra leader del Campionato e Domenica rieccoci al Rigamonti, questa volta per una sicura vittoria. Forza Brescia! (p.g.)

"Un primo tempo giocato male, dove abbiamo commesso degli errori ingenui. Avevamo preparato la partita in un certo modo, ma abbiamo iniziato la gara un po' impauriti, dovevamo essere più veloci nella manovra e allungare la loro linea difensiva – queste le parole di mister Boscaglia al termine della gara contro lo Spezia-. Nella ripresa invece non c'è stata partita: abbiamo messo lo Spezia alle corde, creando diverse occasioni da gol e trovando un pareggio decisamente meritato. Un punto importante, contro un avversario forte. Alla fine va bene così. L'espulsione? Ho solo espresso un disappunto su una decisione arbitrale, però preferisco concentrarmi su quanto di buono ha fatto la squadra piuttosto che sull'operato dell'arbitro".




Campionato di Calcio Serie "B"
BRESCIA 1 – LATINA 0
Stadio "Rigamonti" di Brescia
Sabato 31 Ottobre 2015


OTTIMO, RAGAZZI !

Una vittoria, seppure arrivata nel tardo secondo tempo, voluta, meritata e beneaugurante. I nostri ragazz1 hanno ben lottato, giocato, hanno buttato cuore e anima nella partita, hanno anche sbagliato, hanno anche dovuto lottare contro un arbitro così e così, insomma se la sono guadagnata tutta questa vittoria.
Un primo tempo alla carica ed un secondo all’arrembaggio. Così si fa, ragazzi a farvi voler bene da tutti noi, da tutto lo stadio e da tutti quanti i bresciani. Vi si perdona se poi magari davanti al portiere avversario qualcuno di voi proprio il gol non lo fa, vi si perdona se non proprio tutti i passaggi riescono a puntino, vi si perdona se correte così, s evi impegnate così, se dimostrate di essere squadra e di voler bene al Brescia.
Contro il Latina bisognava dare continuità ai recenti risultati positivi e così è stato, anzi meglio di così…. E teniamo anche conto che in una settimana i “nostri” hanno combattuto tre partite e positivo è il conto. Anche il morale ora è alto, come la classifica che sorride.
Bene, finalmente un periodo sereno per questo nostro Brescia fatto da giovani volenterosi e bravi coadiuvati da qualche veterano di ottima esperienza. Insomma oggi una nota completamente positiva, che ci siamo goduti in una giornata autunnale splendida.
Un cenno particolare ad Andrea Caracciolo, che ha celebrato le sue 300 partite segnando uno splendido gol (su indubbio rigore) lasciatogli cortesemente a disposizione.
Sabato prossimo andiamo in trasferta a Novara e vediamo di continuare a sognare. Grazie Brescia. (p.g.)




































BRESCIA 2 - LANCIANO 1
Stadio "Rigamonti" di Brescia
Sabato 24 Ottobre 2015


UNA VITTORIA MERITATISSIMA

Seppur col batticuore, anzi credo proprio che questa settimana i cardiologi bresciani avranno lavori supplementari. Sì perché il nostro meraviglioso Brescia gioca, fa punti, vince ma … che cuore e batticuore. Anche stavolta una partita incredibile, seppur ampiamente piacevole. Le Rondinelle partono alla grande, strappano applausi, tirano in porta, attaccano ma… che succede? Il solito errore difensivo ed il Lanciano è in vantaggio. Ma i “nostri” hanno gambe e testa e non solo agganciano il risultato, ma vanno in vantaggio. Con due rigori, del resto meritatissimi (e segno dunque che calpestano l’area di rigore avversario) portati a compimento da Gijeco (nella foto).Ma ancora dopo… in vantaggio anche numerico ecco che arrivano almeno venti minuti di apprensione, non di paura perché alla fine il Lanciano non ne incute, Ma “chiudere” la partita no? Per dovere di correttezza segnaliamo ben tre “legni” presi da Morosini (due) e Andrea Caracciolo. Finisce benissimo quel che finisce bene ed incameriamo i tre punti ed un, adesso, dignitosissimo posto in classifica. Arriva una settimana impegnativa, ma abbiamo capito che da questo Brescia ci si può aspettare di tutto, anche una sconfitta. Ma il bello di questi ragazzi, quest’anno, è che corrono, si muovono, attaccano e divertono. Il pomeriggio allo Stadio col Brescia adesso è bello. E dunque forza Brescia, martedì con la capolista Crotone in trasferta e sabato ancora al Rigamonti col Latina. (p.g.)

Le parole di mister Boscaglia dopo il successo contro la Virtus Lanciano:
"Un risultato che sicuramente ci soddisfa, anche se poteva essere più ampio. Dopo un primo tempo così così, dove siamo stati un po' troppo pazienti, nella ripresa la squadra si è riscattata e ha creato diverse occasioni da gol, diventando spesso pericolosi nelle ripartenze. Questi tre punti ci servono per raggiungere prima il nostro obiettivo che resta la salvezza. E' bene mantenere i piedi per terra, lo dico spesso ai miei ragazzi, senza fare voli pindarici.
Da domani ci concentriamo sulla gara di martedì contro il Crotone. Una formazione che sta vivendo un momento magico, forse il più importante nella sua storia e andremo come sempre a giocare la nostra partita, consapevoli delle nostre qualità e dei nostri mezzi." (www.bresciacalcio.it)
















BRESCIA 2 – MODENA 2
Stadio “Rigamonti” di Brescia
Sabato 3 Ottobre 2015


UN BUON PUNTO...
UN VERO PECCATO!

Cosa intendo dire? Semplicemente così: il buon punto è interessante per muovere la classifica, per dare continuità positiva ai risultati della squadra, ma un vero peccato perché la vittoria ci poteva essere tranquillamente. Vediamo com’è andata. Il primo tempo è focoso da entrambe le parti, il Brescia corre e strappa applausi, il Modena gli sta alla pari ma non troppo. È il Brescia che domina il primo tempo con le sue giocate ed il vantaggio è ampiamente meritato. Peccato che Morosini sbagli il rigore, forse ne ha risentito nel seguito. Ma il pari è in agguato e difatti, sempre ed eternamente da calcio piazzato e da colpo di testo il pallone entra nella nostra porta. Poi il 2 a 1 ancora su un sacrosanto rigore dato alle rondinelle. Il secondo tempo viene però impostato stranamente da Mister Boscaglia, quasi sulla difensiva ed il Brescia soffre soffre e viene colpito, non è più la stessa grinta in campo. Batti e ribatti, un colpo di qua uno di là , alla fine il pareggio ai punti è certo meritato, ma due altri “rigori” netti non dati da un arbitro palesemente debole ci hanno penalizzato. Certo recriminare fa parte della ruota pallonara ed allora io però non recrimino niente perché non ha senso, non cambia il risultato. Sarebbe stata ottima la vittoria per fare una sorta di salto di qualità, ma tant’è. Ora già guardiamo oltre, alle due consecutive trasferte in terra di Como e di Avellino, squadre alla nostra portata, se guardiamo la classifica, ma sappiamo che il Campionato di Seri B è strano, tanto strano. Il fatto è che dalle due prossime partite (e non solo ovviamente) bisogna mettere fieno in cascina, finche ce n’è poiché le recenti storie del Brescia non ci lasciano proprio tranquilli per quanto riguarda i punti persi… Che ne dite? Forza Brescia! (p.g.)


















ASCOLI 0 – BRESCIA 0
Sabato 26 Settembre 2015


UN BUON PUNTO

(Live Match - http://www.bresciacalcio.it/index.php)

Partita finita

90°+6' Secondo tempo finito

90°+5' Mazzitelli (Brescia Calcio) effettua un tiro in porta che viene parato dal portiere avversario

86° Tiro fuori di Grassi (Ascoli Calcio)

82° Sostituzione nel Brescia Calcio. Entra Marsura esce Geijo

80° Sostituzione nel Ascoli Calcio. Entra Petagna esce Cacia

76° Sostituzione nel Ascoli Calcio. Entra Altobelli esce Giorgi

75° Brescia Calcio guadagna un calcio d'angolo alla sinistra del portiere.

74° Antonini (Ascoli Calcio) viene ammonito

72° L'arbitro giudica irregolare l'intervento di H'maidat (Brescia Calcio) su Perez (Ascoli Calcio)

70° Sostituzione nel Brescia Calcio. Entra H'maidat esce Morosini

69° Sostituzione nel Brescia Calcio. Entra Rosso esce Embalo

69° Coly (Brescia Calcio) finisce in fuorigioco!

67° Tiro fuori di Cacia (Ascoli Calcio)

67° L'arbitro giudica irregolare l'intervento di Venuti (Brescia Calcio) su Perez (Ascoli Calcio)

63° Brescia Calcio guadagna un calcio d'angolo alla sinistra del portiere.

60° Sostituzione nel Ascoli Calcio. Entra Grassi esce Cinaglia

59° Ascoli Calcio guadagna un calcio d'angolo alla destra del portiere.

55° Morosini (Brescia Calcio) finisce in fuorigioco!

53° L'arbitro giudica irregolare l'intervento di Dall'oglio (Brescia Calcio) su Addae (Ascoli Calcio)

48° Tiro fuori di Morosini (Brescia Calcio)

48° Cacia (Ascoli Calcio) finisce in fuorigioco!

Secondo tempo iniziato.

45°+2' Primo tempo finito

40° Mazzitelli (Brescia Calcio) viene ammonito

40° L'arbitro giudica irregolare l'intervento di Mazzitelli (Brescia Calcio) su Perez (Ascoli Calcio)

39° Mazzitelli (Brescia Calcio) finisce in fuorigioco!

38° L'arbitro giudica irregolare l'intervento di Coly (Brescia Calcio) su Almici (Ascoli Calcio)

36° Cinaglia (Ascoli Calcio) viene ammonito

36° L'arbitro giudica irregolare l'intervento di Cinaglia (Ascoli Calcio) su Embalo (Brescia Calcio)

33° Kupisz (Brescia Calcio) effettua un tiro in porta che viene parato dal portiere avversario

32° Brescia Calcio guadagna un calcio d'angolo alla sinistra del portiere.

28° Brescia Calcio guadagna un calcio d'angolo alla destra del portiere.

25° L'arbitro giudica irregolare l'intervento di Coly (Brescia Calcio) su Cinaglia (Ascoli Calcio)

24° Brescia Calcio guadagna un calcio d'angolo alla destra del portiere.

23° L'arbitro giudica irregolare l'intervento di Perez (Ascoli Calcio) su Coly (Brescia Calcio)

21° Dall'oglio (Brescia Calcio) effettua un tiro in porta che viene parato dal portiere avversario

21° L'arbitro giudica irregolare l'intervento di Addae (Ascoli Calcio) su Geijo (Brescia Calcio)

20° Perez (Ascoli Calcio) viene ammonito

20° L'arbitro giudica irregolare l'intervento di Perez (Ascoli Calcio) su Kupisz (Brescia Calcio)

19° Tiro fuori di Morosini (Brescia Calcio)

17° Castellini (Brescia Calcio) viene ammonito

17° L'arbitro giudica irregolare l'intervento di Castellini (Brescia Calcio) su Giorgi (Ascoli Calcio)

13° L'arbitro giudica irregolare l'intervento di Mazzitelli (Brescia Calcio) su Cacia (Ascoli Calcio)

9° Tiro fuori di Mazzitelli (Brescia Calcio)

8° Tiro di Jankto (Ascoli Calcio) che viene ribattuto da un giocatore avversario

5° L'arbitro giudica irregolare l'intervento di Mazzitelli (Brescia Calcio) su Jankto (Ascoli Calcio)

4° L'arbitro giudica irregolare l'intervento di Castellini (Brescia Calcio) su Cacia (Ascoli Calcio)

2° Perez (Ascoli Calcio) finisce in fuorigioco!

Partita iniziata!



BRESCIA 2 - PRO VERCELLI 0
Stadio "Rigamonti" di Brescia
Martedi 22 Settembre 2015


BRAVI RAGAZZI!

Serviva una vittoria e vittoria è stata. Dopo tre partite di Campionato ed un solo punticino raccimolato, era urgente capire da che parte il Brescia stava andando. Ora rispondiamo: dalla parte giusta. Dopo essere stati la peggiora difesa del Campionato, serviva non prendere gol. Ed il Brescia non ne ha presi. Dopo essere stati per troppo tempo (anche lo scorso Campionato ovviamente) in fondo alla classifica serviva togliersi dal bassofondo. E così è stato. Bravi ragazzi, per il gioco e per il risultato, per la passione e per l’impegno. Bravi ragazzi ed ora andiamo alla trasferta dell’indiavolato Ascoli con una giusta dose di serenità. Proprio come si voleva che fosse.
Devo dire però brava anche la Curva Nord (nella foto) che non ha mai smesso un solo secondo di incitare i “nostri”. Bravi ragazzi della Curva Nord!
Le lodi son finite. O quasi. Devo proprio dire che il Mister Boscaglia ha effettivamente in mano la squadra, da come i ragazzi lo ascoltano, lo seguono e hanno svolto la loro funzione ed il loro ruolo in ordine e con ordine. Alla fine delle lodi non posso non ricordare però il limite della difesa e a tratti del centrocampo. Troppe volte gli avversari arrivano nella nostra area di rigore con troppa facilità, troppe volte i quattro difensori fan toccare palle che diventan pericolose a giocatori che sembrano essere da soli in area. Un briciolo di tiratine d’orecchie al portiere Minelli che a volte sembra aver paura ad uscire dai pali, ma è stato, contro la Pro Vercelli, alla fine peccato veniale perché il riscatto e le parate hanno saputo sovrastare le incertezze. Non è che l’attacco, le punte, siano da incorniciare: certi gol bisognerebbe proprio non lasciarseli sfuggire…
Ma tant’è. Quando si vince si vince e si perdona e si dimentica. Questo lo fanno i tifosi ed i cronisti, ma i giocatori no. I giocatori devono sempre saper migliorare e cogliere i lati positivi anche dai loro sbagli. Per proseguire meglio.

La cronaca della partita vede il Brescia andare a segno dopo 60” con Morosini servito deliziosamente da Embalo (nella foto), tenere in pugno la partita senza patemi per tutto il primo tempo. Anche il secondo tempo è di dominio bresciano e dopo il sospiro per il gran gol di Embalo, la reazione della Pro Vercelli mette qualche apprensione di troppo, ma non ha mai dato l’impressione di dominare. Ma si sa che spesso e volentieri le partite, aldilà dei meriti, sono determinate da episodi ed il nostro Brescia qualcosa ne sa.















Calcio Serie B
Livorno 3 – Brescia 1


TRE PARTITE UN PUNTO…

Abbiamo perso con Cesena e Livorno, preso un punticino al Rigamonti con la Salernitana. Che dire? È certo una squadra giovane, inesperta. Il Livorno è squadra da Serie A. Però incassare sette gol in tre partite… Una squadra che lascia questi spazi davanti al portiere fa venire i brividi. Il Brescia ha fatto un buon primo tempo, anzi va in vantaggio a Livorno con un bel gol di Geijo (nella foto), ma nel secondo tempo i labronici si scatenano. Piuttosto immobile in varie occasioni, comprese le occasioni del gol, la difesa del Brescia. Preoccupante l’atteggiamento difensivo del Brescia. Tre gol presi alla fine. Siamo arrivati senza benzina, il Brescia deve scuotersi a cominciare da martedì con la Pro- Vercelli. È però, il Brescia, una squadra cui bisogna dare fiducia. Dobbiamo vincere Martedì. Non possiamo sempre ricevere applausi dai tifosi … ad ogni sconfitta. Attenzione, bisogna cambiar marcia. Abbiamo visto i giocatori anche in miglioramento ed allora, adesso fuori i risultati. (p.g.)


LA CRONACA DELLA PARTITA

• Partita finita
• 90°+3' Secondo tempo finito
• 90° Tiro in porta di Vantaggiato (A.S. Livorno) che colpisce il legno!
• 88° Venuti (Brescia Calcio) viene ammonito
• 87° Lambrughi (A.S. Livorno) viene ammonito
• 85° Sostituzione nel A.S. Livorno. Entra Aramu esce Fedato
• 84° Sostituzione nel Brescia Calcio. Entra Milanesi esce Morosini
• 82° Sostituzione nel A.S. Livorno. Entra Palazzi esce Pasquato
• 77° Sostituzione nel Brescia Calcio. Entra Rosso esce Martinelli
• 77° Sostituzione nel Brescia Calcio. Entra Dall'oglio esce Kupisz
• 75° Sostituzione nel A.S. Livorno. Entra Cazzola esce Schiavone
• 74° Goal di Vantaggiato (A.S. Livorno)!
• 72° Coly (Brescia Calcio) viene ammonito
• 70° Mazzitelli (Brescia Calcio) viene ammonito
• 69° Goal di Calabresi (A.S. Livorno) sugli sviluppi di un calcio d'angolo battuto da Fedato!
• 67° A.S. Livorno guadagna un calcio d'angolo alla destra del portiere.
• 67° L'arbitro giudica irregolare l'intervento di Mazzitelli (Brescia Calcio) su Pasquato (A.S. Livorno)
• 65° Brescia Calcio guadagna un calcio d'angolo alla destra del portiere.
• 64° L'arbitro giudica irregolare l'intervento di Pasquato (A.S. Livorno) su Coly (Brescia Calcio)
• 64° Brescia Calcio guadagna un calcio d'angolo alla sinistra del portiere.
• 63° Brescia Calcio guadagna un calcio d'angolo alla sinistra del portiere.
• 59° Brescia Calcio guadagna un calcio d'angolo alla destra del portiere.
• 55° A.S. Livorno guadagna un calcio d'angolo alla sinistra del portiere.
• 54° Tiro in porta di Vantaggiato (A.S. Livorno) che colpisce il legno!
• 54° Castellini (Brescia Calcio) viene ammonito
• 53° L'arbitro giudica irregolare l'intervento di Fedato (A.S. Livorno) su Venuti (Brescia Calcio)
• 53° Kupisz (Brescia Calcio) effettua un tiro in porta che viene parato dal portiere avversario
• Tiro fuori di Vantaggiato (A.S. Livorno). Tutto solo davanti a Minelli calcia alto sopra la traversa.
• 47° Minelli (Brescia Calcio) viene ammonito

Secondo tempo iniziato.

• 45°+2' Primo tempo finito
• 41° A.S. Livorno guadagna un calcio d'angolo alla destra del portiere.
• 38° Tiro fuori di Mazzitelli (Brescia Calcio)
• 32° Goal di Fedato (A.S. Livorno)!
• 31° A.S. Livorno guadagna un calcio d'angolo alla sinistra del portiere.
• 30° Vajushi (A.S. Livorno) effettua un tiro in porta che viene parato dal portiere avversario
• 26° Brescia Calcio guadagna un calcio d'angolo alla destra del portiere.
• 16° Goal di Geijo (Brescia Calcio) sull'importante assist di Embalo
• 14° Tiro fuori di Morosini (Brescia Calcio)
• 8° L'arbitro giudica irregolare l'intervento di Vajushi (A.S. Livorno) su Embalo (Brescia Calcio)
• 7° Vantaggiato (A.S. Livorno) effettua un tiro in porta che viene parato dal portiere avversario
• 4° L'arbitro giudica irregolare l'intervento di Gasbarro (A.S. Livorno) su Coly (Brescia Calcio)



Campionato di Calcio SERIE B
BRESCIA 2 – SALERNITANA 2
Stadio “Rigamonti” di Brescia
Sabato 12 Settembre 2015


UN BEL GIOCO E UN BEL BRESCIA
UN VERO PECCATO IL PAREGGIO

Dopo il brutto inizio, intendesi la sconfitta – con il Cesena, il Brescia di Mister Boscaglia era atteso al “Rigamonti” per una sorta di riprova delle intenzioni delle Rondinelle in questo nuova stagione di Campionato, dopo l’agognato e appunto verificatosi “ripescaggio” nella Serie minore pallonara.
A partita terminata posso fare almeno due considerazioni.
La prima è che il Brescia giovane (la media dell’età dei giocatori in campo è stata di 23 anni a fronte dei 29 anni della Salernitana) ha giocato benissimo. Sempre sul pallone, sempre agonismo, sempre cuore insomma: quel che ci vuole perché i tifosi abbiano la doverosa fiducia in una squadra quasi completamente rinnovata rispetto alla scorsa stagione. La seconda è che appunto la giovane età di conseguenza abbia sicuramente significato inesperienza. Perché? Vediamo come è andata nell’insieme Brescia Salernitana. Il Brescia fa la partita per tutto il primo tempo, strappa applausi conviti da un gioioso “Rigamonti” però non provoca alcuna apprensione né accenna al alcun serio tiro nella porta avversaria. E quindi ecco che la Salernitana, allo scadere del quarantacinquesimo, alla prima occasione, va in gol con Schiavi e dannatamente – tornano nebbie lontane – su calcio piazzato, nello specifico da calcio d’angolo.
Secondo tempo e il Brescia con uno strepitoso Morosini (nella fotografia) fa l’un due e si porta in vantaggio. È il 17° minuto del secondo tempo e la Salernitana resta in 10 uomini per doppia ammonizione, del resto meritata, di uno dei suoi, Moro. A questo punto si comincia a vedere la vittoria. Ma ecco l’inesperienza, forse, perché la Salernitana con Gabbioneta in contropiede pareggia. Non è possibile! Ma è vero. Poi la cronaca ci segnala un ulteriore grosso rischio subito dalle Rondinelle e, sul fronte opposto, uno sfortunatissimo palo di Dall’Oglio.
D’accordo consoliamoci: abbiamo mosso la classifica, abbiamo visto i “nostri” scalpitare pur commettendo due errori di ingenuità che però sono costati i due gol subiti.
Venerdì prossimo andiamo a Livorno e saranno guai? Le pene pallonare sono già iniziate.

Piero Gasparini




















BRESCIA 3 - AVELLINO 2
Stadio "Rigamonti" di Brescia
Venerdì 22 Maggio 2015


IL BRESCIA IN LEGA PRO ! ORA È DAVVERO FINITA

È finita l'eterna lotta pallonara stagionale, è finito sostanzialmente (tranne ovviamente play off e play out) il Campionato di Serie B ma è soprattutto finito ufficialmente il calvario di questo nostro Brescia. Sappiamo che già la scorsa settimana, dopo la sconfitta con il Bari, eravamo matematicamente il LEGA PRO, ma stasera ci siamo ufficialmente per tutte le statistiche. Quindi non vale proprio nulla scrivere che il Brescia ha battuto l'Avellino con gol di Corvia, Da Silva e Sestu, che il Brescia ha fatto patire ed arrabbiare i suoi tifosi anche stasera... non serve a nulla la vittoria, anzi paradossalmente è una vittoria che fa arrabbiare e non solo gli ultras bresciani. Ha fatto arrabbiare vedere una vittoria quando ormai non serve più, nemmeno a salvare l'onore. Ha fatto arrabbiare il pensare che vittorie potevano e dovevano essere portate a casa in tempi ormai lontani. Ma ormai tutto è andato a rotoli, per il Brescia. E non vale pensare e sperare in “ripescaggi”. Il problema è e sarà che tutti, ma a cominciare dalla Nuova Società e dai giocatori qualunque essi siano nel prossimo futuro, facciano bene la loro parte del gioco: la Società metta i calciatori in condizioni di serenità contrattuali, i giocatori diano tutto per “la maglia” dopodiché il tutto significa semplicemente che si impegnino, che lottino su ogni pallone e che esprimano sempre le loro qualità e doti tecniche.
Le contestazioni non sono mai mancate, nemmeno in questa occasione. Ne diamo documentazione fotografica è personale. I fischi non sono mai mancati, nemmeno stasera quando nonostante i gol gli applausi si sono ovattati in uno stadio non esattamente pieno.
Forza Brescia, e come si usava e si usa dire, Serie A... Serie B... Serie C... noi siamo e saremo qui, io sarò qui e con me voi, pochi o tanti che siate ad avere avuto la bontà e magari la pazienza di leggermi.

Piero Gasparini



CAMPIONATO SERIE B 2014/2015 – 40^ GIORNATA


SI ACCENDE IL LUMICINO…

Marcatori: 22'p.t. Sestu (B), 30'p.t. Di Cesare (B), 27's.t. Rosina (C), 29's.t. Da Silva (B), 34's.t. Benali (B), 46's.t. Castro (C).

BRESCIA (4-3-2-1): Arcari, Zambelli (Cap.), Caracciolo Ant., Di Cesare ( 41's.t. Lancini), Coly, Benali, Budel (Vice Cap.)( 35's.t. Bentivoglio), Quaggiotto, Sestu, Scaglia, Valotti ( 21's.t. Da Silva).
A disposizione: Andrenacci, Gargiulo, Morosini, Bertoli, Strada, Cistana.
Allenatore: Calori.

CATANIA (4-3-3): Gillet, Belmonte ( 17's.t. Martinho), Ceccarelli, Schiavi ( 4's.t. Sauro), Capuano (Cap.), Sciaudone, Rinaudo, Coppola, Rosina, Maniero ( 1's.t. Castro), Calaiò.
A disposizione: Terracciano, Escalante, Barisic, Chrapek, Parisi, Odjer.
Allenatore: Marcolin.

Arbitro Sig. Gianluca MANGANIELLO di Pinerolo.
Assistenti Sig. Daniele CECCARELLI di Terni e Sig. Francesco DISALVO di Barletta.
IV Ufficiale Sig. Marco MAINARDI di Bergamo.

Ammoniti: 38'p.t. Rinaudo (C), 24's.t. Caracciolo Ant. (B), 25's.t. Martinho (C).
Espulsi: nessuno.

Angoli: 12 – 2
Recupero: 0'p.t. - 2's.t.
Note: 3.453 spettatori

LE PAROLE DI CAPITAN ZAMBELLI E MICHELE ARCARI AL TERMINE DELLA GARA CONTRO IL CATANIA

MARCO ZAMBELLI. "La partita di oggi è lo specchio di questa stagione. Passiamo da prestazioni come quella di 7 giorni fa a La Spezia con rabbia e rassegnazione a una grande partita come quella di oggi, dove anche nei singoli abbiamo disputato tutti un'ottima gara. Noi però siamo quelli di oggi, siamo speranzosi e fiduciosi. Sabato c'è un'altra gara importante fuori casa e dobbiamo mettercela tutta per tenere vive le speranze fino alla fine.
E' finito un ciclo? Credo di sì, in questa stagione si è consumato un passaggio importante nella storia del Brescia e a prescindere dalle persone che ci saranno o meno la prossima stagione penso che si chiuda un ciclo importante nella storia di questa società. Noi però non vogliamo assolutamente che questo ciclo si concluda con una retrocessione."

MICHELE ARCARI. "Direi che oggi abbiamo disputato un'ottima prestazione, speriamo di ripeterci anche nelle ultime due gare. La vittoria di oggi ci permette di tenere accessa la speranza, è normale che ci sia grande rammarico per le tante occasione sprecate nel corso di questa stagione. Ora è inutile però piangersi addosso, è stata una stagione caratterizzata da tanti alti e bassi, pensiamo alle prossime due gare e poi i conti li faremo alla fine.
Le critiche? E' normale che quando le cose van male le critiche ricadano soprattutto su noi giocatori più esperti. Oggi però sono contento di aver dato il mio contributo per questa vittoria." (dal sito www.bresciacalcio.com)
(p.g.)
SPEZIA 4 – BRESCIA 1
Sabato 2 Maggio 2015


UNA VERGOGNA SENZA FINE

Il Brescia si merita la retrocessione. L’ennesima dimostrazione che questa è una squadra sbagliata. Un’annata cominciata male e finita peggio. Una partita mai in discussione, se non nel minuto nel quale lo Spezia ha sbagliato il rigore. E così finisce la storia di un Campionato senza capo né coda per la Società, per i giocatori, per i tifosi, per il cuore bresciano. Una partita che ha detto una sola cosa: il Brescia non ha voglia di giocare. È una vergogna! Non c’è temperamento, non c’è mai stato. Giocatori che forse hanno avuto qualche volta la presunzione di valere di più di quel che valgono. Durante l’anno si sono nascosti dietro la scusa della Società. Oggi senza lottare hanno dimostrato di non esserci. Tutto è stata la partita contro lo Spezia tranne che il vedere una squadra che deve salvarsi. Abbiamo sempre lasciato il campo agli avversari. Ora è davvero finita. Se vogliamo dirla tutta è un’infamia.

Ora siamo in LEGA PRO. Penso sia inevitabile. Ma il Brescia è senza cuore. Giocatori indegni, sempre parlando pallonarmente. Quel che ancora una volta non si capisce bene è il fatto dell’eccellente partita contro il Vicenza e della inconsistenza contro lo Spezia. E tanta altre cose non si capiscono, una contraddizione dopo l’altro. E chi più ne ha più ne metta. Ma basta così. Il cuore rimane indissolubilmente col Brescia, ma ormai posso dire: non per “questo” Brescia. Un Brescia che dovrebbe dire in coro: scusateci. Per non parlare di Calori, dell’allenatore. Al peggio non c’è mai fine. Un Brescia che è andato in vacanza per quasi tutta la partita, che ha rischiato il disastro più volte. Stiamo tutti sparando sulla “croce rossa” come si usa dire, ma il Brescia è andato in bambola completa e non esattamente per merito dello Spezia. Un Brescia senza personalità. Una figuraccia vergognosa. Una squadra in balia dell’avversario. Non c’è logica nella squadra. No comment. E basta così davvero! (p.g.)


BRESCIA 3 - VICENZA 0
Martedì 28 Aprile 2015
Stadio “Rigamonti” di Brescia


INCREDIBILE MA VERO

Il Vicenza probabilmente pensava di fare una sorta di passeggiata, vista la classifica del Brescia e vista la impossibilità del Brescia da almeno due mesi di giocar bene e di vincere, fatto ben avvenuto solo a Pescara non a Varese.
Il Brescia probabilmente aveva la mente sgombra dalla minima possibilità di evitare una tragica retrocessione ed allora… ha ben giocato ed ha stravinto e incredibilmente meritatamente e senza mai di fatto soffrire e far soffrire.
Il Vicenza parte a spron battuto e già al primo minuto il nostro Sant’Arcangelo Arcari compie il miracolo. Poi domina e domina ma non mette mai la palla nemmeno nello specchio della rete cosa che invece le Rondinelle ben fanno con il momentaneamente ritrovato Caracciolo (che non esulta dopo il gol in polemica contro chi lo ha criticato) e poi con Benali con due splendide azioni, fra l’altro.
Ma l’incredibile Brescia non si limita a questo: attacca, prende palla, fa azioni, corre, pressa ed anche nel secondo tempo /tranne i guizzi iniziali di Giacomelli) nulla ha di che aver paura e da alla fine la gioia anche del terzo gol ancora con Caracciolo.
Insomma una serata da incorniciare, ma che… come al solito fa arrabbiare. Perché, ci siamo chiesti tutti ad alta voce, almeno una parte di questo Brescia non è apparsa in precedenza. Oggi non saremmo qui a gioire di rabbia. Sì, perché la vittoria è esaltante, ma ci permetterà a poche partite dalla chiusura del Campionato di agganciare almeno la ruota dei play out? È chiara che la riposta non c’è e non ci può essere, solo fra poche settimane saremo o meno a rimpiangere gli errori societari, le nullità del gioco di molti nostri giocatori, i punti via via persi o sprecati. Ma questa sera è stato ed è un altro Brescia, un grande meraviglioso Brescia. Sabato a La Spezia...
(p.g.)












Carpi 3 – Brescia 0
Sabato 18 Aprile 2015


SALUTIAMO LA SERIE B?

Potrebbe essere l’ultimo colpo, un colpo pesantissimo. Sapeva, il nostro caro Brescia, di affrontare la prima in classifica, la più forte, ma una sconfitta così taglia i punti per una ormai improbabile salvezza e soprattutto taglia il morale e non solo alle Rondinelle.
Il primo tempo, pur con Budel ri-acciaccato, Corvia espulso ed i due gol al passivo, lascia viva la fiammella della speranza, perché il Brescia sembra impegnarsi (almeno per la prima mezzora) e nulla di gravemente negativo sembra potersi dire ai singoli giocatori. Sembra… Il problema è che probabilmente più di così ormai non si può fare. Il Brescia più di così, infatti, oggi non poteva fare. La squadra va sostenuta finché c’è il lumicino della speranza, ma ormai la speranza… La squadra però, dopo il terzo gol subito da un Lasagna appena entrato, non sembra più avere la forza di reagire.
La sconfitta deve far riflettere. È fondamentale reagire immediatamente, se vogliamo tenere acceso il lumicino della salvezza. L’aspetto mentale è però forse quello più difficile da realizzare, ora. Se c’è qualcosa da fare ora è il tentare di mettere a posto la testa. Moralmente siamo sotto i tacchi. Bisogna avere fiducia, fiducia, fiducia. Anche nella difficoltà estrema. Imparare dagli altri, dal Carpi ad esempio che sul 3 a 0 ha continuato ad attaccare e non si scompone. Povero Brescia! Tutte le scuse, tutte le motivazioni, tutte le attenuanti, tutto quel che vogliamo, ma oggi abbiamo straperso. Seste e Da Silva sono gli unici che si salvano da una mediocrità assoluta se non da una negatività per tutti i novanta minuti. Finchè c’è vita c’è speranza, lo dice il vecchio proverbio. Ed allora avanti, avanti anche con la fiducia alla nostra squadra. Capiamo tutto, capisco anche tutto quel che è successo quest’anno, ma vale la vecchia regola: finchè sei in campo, corri. Il Brescia spesso dimostra di per sé di non avere carattere: ad esempio basterebbe ricordare che nell’ultima mezzora di gioco il Carpi, pur rallentando, non ha mai mollato un attimo. Il Brescia sì. Ed allora? Neanche ai posteri l’ardua sentenza, perché non è nemmeno ardua la sentenza quando si può vedere che il Brescia si scoraggia ed il Carpi continua ad attaccare fino al novantaduesimo.
La sconfitta del Brescia è meritata ma non è meritata la mancanza di impegno né adesso né nelle partite precedenti e nemmeno nelle prossime sei che ancora rimangono per soffrire o per sognare una sempre più improbabile salvezza dalle Serie minori. (p.g.)

BRESCIA 1 – BOLOGNA 1
Stadio “Rigamonti” di Brescia
Sabato 11 Aprile 2015


NON C’È PIÙ NIENTE DA FARE….

Lo cantava, la canzoncina, il grande cantante dei tempi che furono, Bobby Solo. E noi ora, dopo il pessimo pareggio casalingo con il Bologna, non possiamo che aggiungere scimmiottando alla grande… È STATO BELLO SOGNARE. Sì, è stato proprio bello sognare di avere una squadra, magari una grande squadra come quella vista in campo oggi: determinata, volonterosa, impegnata, all’attacco da ogni punto di vista. Una grande squadra, ma una grande squadra sciupona: abbiamo sprecato almeno quattro palle gol, ma che dico, almeno quattro gol. Non conta nulla ormai la cronaca della partita, una partita che il Brescia doveva assolutamente ed assolutamente poteva vincere. Il Brescia va in vantaggio, poi comincia a sprecare, spreca il vantaggio regalando di fatto il pareggio al Bologna. Poi spreca anche il vantaggio numerico, giocando in 11 contro 10 per almeno 20 minuti e spreca così anche l’ultima occasione per togliersi dall’ultimo posto in classifica. I numero non condannano il nostro povero Brescia, ma come sognare o sperare che nelle prossime ultime sette partite di campionato questa nostra meravigliosa squadra riesca ad inanellare cinque vittorie?
Sarò il primo ad urlare a me stesso che il mio pessimismo non era giustificato… se sarò smentito. E spero proprio ovviamente di essere smentito a cominciare dalla prossima partita a Carpi contro il Carpi capolista. (p.g.)










Brescia 1 – Trapani 1
Domenica 29 Marzo 2015
Stadio “Rigamonti” di Brescia


NON CI RESTA CHE PIANGERE

Dopo la disfatta di Trapani un’altra grossa delusione, difatto una disfatta.
Il pareggio con il Trapani è una disfatta, morale prima che pallonara. Doveva forse essere l’ultima svolta possibile per sperare in una risalita, per sognare una salvezza. Ma così non è stato. Risultato negativo, un brodino che non serve a nulla. Le giornate continuano a diminuire ed il Brescia non riesce a dare nemmeno l’immagine di voler cambiare marcia, di volersi salvare. Non è certo tempo, né c’è la volontà di farlo, di processi, ma qui nessuno si salva, nessuno in senso ironico, nemmeno un giocatore, nemmeno l’allenatore. Discorso societario a parte.
Il Brescia non c’è, non c’è nemmeno quando riesce a segnare il gol con colpo di testa di Sodhina (nella foto), un bel gol del resto- Non c’è perché subito dopo Benali si fa stupidamente espellere ed il Brescia è in dieci e guarda caso il Trapani agguanta subito il pareggio. Poi andiamo in apnea e salviamo questo inutile punticino. Un pareggio che non cambia di fatto la classifica: rimaniamo ultimi a 28 punti, ma ad 8 punti dai play-out. Ma non cambia l’emblema del Brescia. Una squadra addormentata, senza orgoglio e senza alcuna capacità di tenere una situazione e di leggere una partita. Il Trapani di fatto ha pure dominato e sprecato i gol della sua vittoria. Che dire? Non si sa nemmeno che dire, non siamo capaci di vincere le partite da vincere, nemmeno in casa propria, come invece sanno fare o dimostrare di saper fare le altre squadre nella nostra stessa situazione.
I tifosi, gli ultras, sono giustamente inferociti, come noi tutti, meno giustamente è sempre la reazione violenta, ma tant’è. Grande la tensione fuori dallo stadio, ma grande è la nostra rabbia, la mia rabbia per una stagione, per una squadra così orrenda, ma che continuiamo ad amare- Forza Brescia, finchè ci sarà la forza. (p.g.)



BRESCIA 1 - LATINA 2
Stadio "Rigamonti" di Brescia
Sabato 14 Marzo 2015


NO COMMENT
NO COMMENT

CALORI: "SIAMO FRAGILI E IMPAURITI. SERVE CAMBIARE PASSO SUBITO"

"Giochiamo con la paura, non capisco da cosa derivi questo atteggiamento - le parole del post-gara di mister Calori - Siamo fragili, abbiamo subito gol a pochi secondi dall'intervallo e nonostante ciò siamo riusciti a reagire. In certi momenti manca anche la continuità, perchè dopo il gol del pareggio dovevamo proseguire con quel ritmo e quell'intensità e invece abbiamo subito un'altra sconfitta. Giocare in casa dovrebbe essere un valore aggiunto e invece scendiamo in campo imapuriti. Occorre cambiare atteggiamento subito, dare una svolta immediata se si vuole raggiungere la salvezza. Il disappunto dei tifosi? Lo capisco, siamo in un momento di difficoltà e quando i risultati non arrivano è normale essere infastiditi."

SAGRAMOLA: "BISOGNA RITROVARE SERENITÀ. SCENDIAMO IN CAMPO CON LA PAURA"

Le parole del Direttore Generale del Brescia Rinaldo Sagramola al termine della gara contro il Latina:
"Ho visto una squadra impaurita, preoccupata. I ragazzi devono ritrovare serenità, scendiamo in campo con la paura di giocare, sembriamo intimoriti. Non è un problema di modulo o altro, bisogna sbloccarsi dal punto di vista mentale, togliersi di dosso le paure e giocare con la mente libera.
Ho parlato coi giocatori a fine gara, tutti hanno grandi motivazioni per raggiungere la salvezza e in questo momento devono ritrovare la giusta tranquillità, perchè sanno benissimo che stanno rendendo meno di quello che dovrebbero.
E' anche un momento in cui niente gira per il verso giusto, però serve cambiare marcia immediatamente, lavorando e cercando di ottenere più punti possibili da qui alla fine del campionato."


IL POST-GARA: LE PAROLE DI ZAMBELLI E ARCARI

Le parole di capitan Zambelli e di Michele Arcari nel post-gara di Brescia-Latina:

Zambelli. "Le parole servono a poco quando non si riesce a portare a casa i punti. Anche se non è facile non dobbiamo perdere l'entusiasmo, toglierci le paure e rialzare subito la testa. Sarebbe da pazzi non crederci, perchè mancano undici giornate alla fine e ancora tutto è possibile. Abbiamo grandi motivazioni per ottenere la salvezza e dobbiamo raggiungerla ad ogni costo. La classifica in questo momento piange e dobbiamo dare per forza qualcosa in più tutti."

Arcari. "C'è poco da dire. Speravamo che la gara di oggi potesse segnare la svolta e invece siamo qui a commentare un'altra sconfitta. Dopo il pareggio c'era la convinzione che avremmo potuto vincerla e invece abbiamo subito il secondo gol. Ora c'è solo una cosa da fare: continuare a lavorare e cercare di fare più punti possibili in queste 11 gare. Sarebbe una follia non credere più nella salvezza." (dal sito www.bresciacalcio.it)





Pro Vercelli 0 - Brescia 0
Sabato 7 Marzo 2015


SOFFERENZA IN PROLUNGAMENTO

Pareggio senza reti al Piola al termine di una gara combattuta ma con poche occasioni nitide. Tanti tiri, soprattutto delle rondinelle che hanno mostrato di cercare con maggiore insistenza la vittoria. Piemontesi volonterosi ma poco brillanti in fase offensiva: per gli uomini di Scazzola ancora nessun successo nel 2015. Per la squadra bresciana è invece il primo pareggio dopo 10 turni.

90' +5'
Punizione da 25 metri di Caracciolo: direttamente tra le braccia di Russo.
90' +4'
Morosini entra in area e calcia di sinistro ma non angola il tiro: Russo para senza problemi.
90' +3'
Destro dal limite di Emmanuello: palla fuori di poco.
90' +1'
Sinistro debole di Di Cesare: Russo blocca.
90'
Ammonito Scavone per entrata scomposta su Morosini.
90'
5' di recupero.

88'
Punizione dalla destra di Sodinha, Tonucci stacca di testa ma colpisce male: palla sul fondo.
87'
Diagonale in area di Morosini, Russo sfiora e devia in angolo.
86'
Cross di Castiglia e colpo di testa alto di Beretta.
85'

Ammonito Sodinha per sgambetto a Germano. Diffidato, salterà la prossima gara.
83'
Castiglia calcia dal limite dell’area ma Di Cesare devia il tiro sul fondo.
81'

Terzo ed ultimo cambio nel Brescia: esce Sestu, entra Sodinha.
79'
Azione personale di Emmanuello che arriva al limite dell'area ma, accerchiato, finisce col perdere il pallone.
76'
Beretta si incunea in area ma si fa rimpallare il tiro da Di Cesare a tu per tu con Andrenacci. Occasione per i padroni di casa. 75'

Secondo cambio operato da Calori: esce Antonio Caracciolo, acciaccato, entra Tonucci.
72'

Terzo ed ultimo cambio nella Pro: fuori Di Roberto, dentro Beretta.
71'
Cross basso di Sestu, Zambelli tenta il tiro ma centra un difensore e l'azione sfuma.
68'
Destro di Andrea Caracciolo da fuori area: palla fuori di poco. Brescia ancora pericoloso.
67'
Destro a giro dal limite di Benali: Russo blocca il tiro centrale.
65'

Ammonito Luigi Scaglia per intervento scomposto su Di Roberto.
64'
Castiglia lancia Marchi in area ma Andrenacci è in anticipo.
64'

Primo cambio bresciano: esce Da Silva, entra Morosini.
60'

Secondo cambio operato da Scazzola: esce Musacci, entra Emmanuello.
58'
Proteste vercellese per un tocco con il braccio di Di Cesare in area: Sacchi opta, giustamente, per l'involontarietà.
56'
Angolo di Da Silva, mischia sotto la porta di Russo risolta da un colpo di testa di Bentivoglio facile preda del portiere della Pro.
Cambio di pallone voluto dall'arbitro Sacchi: sfera evidentemente poco gonfia.
52'

Primo cambio nella Pro Vercelli: esce Luppi, entra Belloni. Il pubblico di casa non gradisce il cambio e rumoreggia.
49'
Cross di Zambelli, Andrea Caracciolo colpisce di testa e Russo respinge. Germano spazza in angolo per anticipare Da Silva.
46'
Inizia la ripresa, nessuna novità nelle due formazioni.
Pro Vercelli-Brescia 0-0 Fine primo tempo. Primi 45' tutti di marca bresciana: a parte un tiro di Castiglia al 18', le conclusioni sono state tutte delle rondinelle, seppur poco pericolose. In evidenza Da Silva, protagonista delle occasioni migliori avute dal team di Calori.
45'
1' di recupero.
44'
Destro dal limite di Da Silva, forte ma centrale, Russo respinge con i pugni.
42'

Ammonito Benali per entrata da tergo su Musacci.
41'
Punizione dalla lunetta di Luigi Scaglia che centra la barriera.
38'
Girata repentina di Da Silva in area: palla fuori di poco. E' la miglior palla-gol di questo primo tempo.
34'
Conclusione violenta di Bentivoglio dal limite, Russo respinge con i pugni. Da Silva poi ci prova in tuffo sulla palla vagante ma è in fuorigioco. Il colpo di testa era finito comunque a lato.
30'
Rasoterra di Benali da fuori area, Russo para con sicurezza.
29'
Sestu calcia al volo da fuori area: palla nettamente sul fondo.
25'
Tentativo di tiro in area di Da Silva murato dalla difesa vercellese.
20'

Ammonito Sestu per proteste: il giocatore bresciano chiedeva una punizione dal limite dell'area bianconera.
18'
Sinistro dal limite di Castiglia, Andrenacci blocca in tuffo. Primo tiro dei piemontesi.
Primo quarto d'ora molto tranquillo, fin troppo.
Predominio territoriale dei padroni di casa ma le uniche conclusioni sono, per ora, degli ospiti.
9'
Reagisce la Pro con un paio di traversoni, di Luppi e Scaglia, che non giungono però a destinazione.
6'
Rasoterra da fuori area di Bentivolglio: tiro innocuo per Russo.
2'
Cross di Sestu e tiro di controbalzo di Da Silva dal dischetto: facile parata di Russo.
1'
Inizia la partita.
1'

Calcio d’avvio dato dal Brescia. Padroni di casa in consueta divisa bianca, ospiti in azzurro. Formazioni: Scazzola, privo degli squalificati Cosenza e Germano, schiera Milesi in difesa e Musacci a centrocampo, mentre in avanti gioca dal 1’ Luppi; Calori sostituisce tra i pali lo squalificato Arcari con Andreacci, mentre nella difesa a 4 torna titolare Antonio Caracciolo.

Sfida salvezza al Piola tra una Pro a digiuno di vittorie da 8 turni (ultimo successo contro il Trapani il 28 dicembre) e un Brescia che, con Calori, sta ancora cercando la continuità dopo la sconfitta casalinga con il Modena che ha parzialmente vanificato il 2-1 ottenuto a Varese. Precedenti in B a Vercelli in perfetto equilibrio: 2 vittorie a testa e 2 pareggi. In attesa del calcio d'inizio.
(http://www.datasport.it/calcio/2014-2015/serie-b/30-giornata-pro-vercelli-brescia-live-diretta.shtml)



BRESCIA 0 - MODENA 1
Martedì 3 Marzo 2015


NON CI RESTA CHE PIANGERE

Le parole del Direttore Generale del Brescia Rinaldo Sagramola (NELLA FOTOGRAFIA) al termine della gara contro il Modena: "Sicuramente la sconfitta di oggi rappresenta un duro colpo. Il campionato però è ancora lungo e bisogna lottare fino alla fine. Purtroppo l'episodio in occasione del rigore ha condizionato l'andamento della gara. Sono errori che non dovrebbero accadere, ma che possono capitare. L'importante ora è rialzare subito la testa e reagire. Questa squadra ha tutte le possibilità di salvarsi, ma serve una reazione immediata.
Dobbiamo crescere sotto certi aspetti, scendere in campo fin dall'inizio con maggiore grinta e determinazione, anche se alla fine non abbiamo concesso quasi nulla al Modena." E' una sconfitta che brucia - le parole di mister Calori al termine della gara contro il Modena - Dobbiamo sicuramente migliorare nell'approccio alla partita, il primo tempo siamo stati troppo attendisti, poi l'episodio del rigore a pochi secondi dall'intervallo ha spezzato completamente gli equilibri. Nella ripresa, pur in inferiorità numerica abbiamo reagito, non concedendo nulla al Modena e creando alcune occasioni per pareggiare. Dobbiamo ripartire da qui, dala determinazione che abbiamo dimostrato nella ripresa e rialzare subito la testa perchè sabato ci aspetta un'altra sfida difficile e dobbiamo prepararla al meglio" (www-bresciacalcio.it)



Varese 1 - Brescia 2
Sabato 28 Febbraio 2015


BRUTTA LA PARTITA
BELLO IL RISULTATO (PER IL BRESCIA)

VARESE (4-4-2): Perucchini; Fiamozzi, Borghese, Rea, Rossi (1' st Culina); Zecchin, Osuji, Capezzi, Lores Varela (30' pt Cristiano); Neto Pereira (48' pt Miracoli), Forte.
A disposizione: Birighitti, Simic, Jebbour, Corti, Barberis, Capello.
Allenatore: Bettinelli.

BRESCIA (3-4-1-2): Arcari; Antonio Caracciolo, Budel (45' st Tonucci), Di Cesare; Sestu, Quaggiotto, Benali, Zambelli; Scaglia (13' st Da Silva); Corvia (29' st Sodinha), Caracciolo.
A disposizione: Andrenacci, Lancini, Ntow, Gargiulo, Morosini, Valotti.
Allenatore: Calori.

ARBITRO: Roca di Foggia (assistenti: Mondin di Treviso, Oliveri di Palermo).

MARCATORI: 5' Benali; 25' Borghese; 29' st Quaggiotto (nella fotografia)

PRIMO TEMPO

Al "Franco Ossola" complice l'ingresso a un euro per sensibilizzare il tifo biancorosso, buona cornice di pubblico per il derby lombardo che vale oro in chiave salvezza.
I biancorossi schierano Osuji dal primo minuto al posto dell'acciaccato Corti (comunque in pachina) mentre in attacco si rivede il duo Neto-Forte con Lores Varela sulla fascia. Gli ospiti, in attacco invece sfoderano il tris Scaglia, Corvia e Caracciolo. Il primo pallone è sui piedi del Brescia e s'inizia alle ore 15 in punto.
Dopo 51" Scaglia calcia male una punizione dalla tre quarti e Perucchin abbranca in presa.
Al 3' primo corner per il Varese: lo conquista Fiamozzi. Cross di Zecchin e Arcari blocca in presa.
Al 5' Benasli con un tiro da fuori area, a conclusione di una buona azione d'attacco, spedisce la sfera in rete: 0-1.
All'8' ammonito Scaglia per una trattenuta sul lanciato Lores Varela.
Al 9' sulla punizione conseguente al fallo di Scaglia, Borghese stacca, spinto da dietro da Zambelli e inzucca alto sopra la traversa.
Al 14' traversone di Zecchin da destra, per una punizione a favore dei biancorossi: Rea salta ma è in fuorigioco. La palla comunque finisce fuori.
Al 15' Neto s'invola sulla destra e conquista il secondo corner. Traversone del solito Zecchin dopo un batti e ribatti, Rea devia verso la porta da due metri ma Arcari para senza problemi.
Al 16' è ancora Neto a concludere debolmente con un diagonale di sinistro: Arcari blocca a terra.
Al 18' Budel scampa il giallo dopo una clamorosa trattenuta su Neto che stava aprendo il contropiede varesino. Il giallo lo prende invece Faggiotto per un fallaccio su mobilissimo Osuji, unico biancorosso a darsi da fare in quest'avvio di gara. Al 20' ammonito anche Rea per un ingenuo fallo su Caracciolo a centrocampo.
Al 22' Sestu salta per la terza volta di fila Rossi e crossa: doppia occasione per gli avanti beresciani davanti a Perucchini ma la difesa alla fine sbroglia sulla conclusione ravvicinata di Benali.
Al 23' Lores Varela prova la conclusione da fuori ma la conclusione è deviata e Arcari blocca.
Al 24' terzo corner per i biancorossi con Di Cesare che anticipa Fiamozzi.
Al 25' Borghese segna di testa su traversone di Lores Varela che aveva recuperato il cross di Zecchin: 1-1.
Al 26' Neto calcia debolmente dal limite, Arcari para senza fatica.
Al 27' scontro tra Sestu (inspiegabilmente non ammonito) e Lores Varela: il biancorosso resta fuori per le cure del caso. Si scalda Cristiano che entra al 30' perché l'uruguaiano non recupera.
Al 32' velleitario colpo di testa di Caracciolo da centro area, che si spegne sul fondo.
Al 34' azione di Neto sulla destra ma il traversone è fiacco e Arcari blocca.
Al 36' Di Cesare s'unisce alla lista degli impuniti dopo un fallaccio su Cristiano in ripartenza.
Al 40' altro traversone di Sestu e Caracciolo, in fotocopia rispetto all'azione del 32' devia di testa sul fondo.
Al 41' altra trattenuta di Andra Caracciolo su Osuji che tentava la ripartenza: altro fallo per i biancorossi e altro cartellino giallo rimasto nel taschino dell'arbitro.
Al 44' Benali dà un pestone al piede di Neto lanciato in contropiede: neppure fallo eppure ci sterebbe l'essimo cartellino. Fatto sta che Neto deve uscire dal campo. Lo sostituisce Miracoli.
Al 47' Antonio Caracciolo sporca il rinvio a Perucchini: stavolta l'ammonizione è inevitabile.
Dopo 4' di recupero l'arbitro fischia la fine del primo tempo che finisce sull'1-1.
Buon avvio del Brescia che sbaglia l'occasione del raddoppio e si fa raggiungere, quindi, per interrompere le ripartenze dei varesini, ricorre a una serie di falli da ammonizione, non sempre rilevati con puntualità dal direttore di gara.

SECONDO TEMPO

Si ricomincia con la palla sui piedi di biancorossi che hanno già dovuto attingere a due delle tre sostituzioni regolamentari, complice il gioco falloso più che maschio dei bresciani: Sestu, Di Cesare e Andrea Caracciolo sono stati graziati più volte dal direttore di gara ma la sensazione è che con un metro "europeo", il Brescia giocherebbe in inferiorità numerica, rispecchiando in tutto e per tutto le qualità balistiche ma anche quelle randellatorie del suo allenatore Alessandro Calori.
Si ricomincia alle ore 16.05. A sorpresa terzo rischioso cambio per il Varese: esce Marco Rossi, incapace di reggere le folate di Sesti e entra Culina.
Al 2' fallaccio di Antonio Caracciolo su Forte che l'aveva superato: ammonizione.
Al 3' traversone di Zecchin e deviazione di Corvia in corner, il quarto della gara per i biancorossi, sugli esiti del quale libera la difesa bresciana.
Al 4' ancora Forte va via a Budel, questa volta sulla sinistra. Trattenuta smaccata e nuovo giallo per un giocatore del Brescia.
Al 5' batte la puniozione Zecchin: centro teso e Di Cesare devia in corner ma è spinto da Borghese.
Al 6' uno scatenatissimo Luca Forte fa impazzire la difesa bresciana e conquista il quinto corner che però non porta esiti positivi per i biancorossi.
Al 7' Corvia s'inventa una rovesciata dai quindi metri: palla sul fondo.
Al 10' tiro di Antonio Caracciolo da quaranta metri che diventa un assit ma la palla termina sul fondo con Rea che fa buona guardia su Andrea Caracciolo.
Al 12' Cristiano centra dalla sinistra e Forte impatta di testa: Arcari blocca a terra.
Al 13' entra Da Silva per Scaglia.
Al 14' Zecchin, capitano dopo l'uscita di Neto, inzucca su un traversone dalla sinistra di Forte ma la palla va sul fondo. Al 16' dà frutti il pressin altissimo del Varese e Zecchin recupera palla e serve Miracoli che sbuccia la conclusione a rete a pochi metri dalla porta difesa da Arcari.
Al 17' Culina pecca di altruismo e invece di puntare Antonio Caracciolo sbaglia la misura per l'inserimento di Forte.
Al 18' sesto corner per i biancorossi: lo conquista Forte.
Al 19' Andrea Caracciolo salva di testa sulla linea a porteiere battuto l'inzuccata in rete di Borghese.
Al 23' Da Silva dà prova di doti teatrali eccelse, vola per aria e fa ammonire l'incolpevole Borghese.
Al 25' Budel stende Forte lanciato al limite. L'arbitro punta l'indice verso il punto della punizione poi s'accorge che per Budel sarebbe espulsione e s'inventa a un fallo laterale.
Al 27' Zambelli salta netto Fiamozzi poi centra ma Borghese allontana prima che Quaggiotto calci fuori da trenta metri. Al 28' miracolo di Perucchini che devia in corner una conclusione a tu per tu di Corvia.
Al 29' mischia sul traversone e Quaggiotto in posizione sospetta di offside trova la zampata del 2-1.
Il Brescia schiera Sodinha.
Al 30' Miracoli si divora il pareggio complice una deviazione disperata di Di Cesare.
Al 35' tiro da quaranta metri di Fiamozzi con Arcari fuori dei pali: conclusione alle stelle.
Al 42' ammonito anche Forte che perde palla e falcia Benali a centrocampo.
Al 43' contatto Cristiano-Sodinha davanti alla panchinma del Brescia: l'arbitro vede un fallo, Bettinelli protesta e finisce fuori anzitempo.
Al 45' esce Budel, entra Tonucci e i minuti di recupero sono 5.
Al 46' Forte spedisce in rete dopo una mischia in area seguente a una punizione dalla tre quarti ma è in fuorigioco.
Al 49' ultimo assalto; lancio di Fiamozzi, mezza girata al volo di Borghese e palla d'un soffio alta sulla traversa.




BRESCIA 1 –- PERUGIA 2
Stadio “Rigamonti” di Brescia
Sabato 21 Febbraio 2015



BRESCIA SEMPRE PIÙ GIÙ

Brescia sconfitto e sempre più in crisi di risultati. Nemmeno l'effetto Calori ha dato la scossa ad una squadra affossata sul piano del gioco e del punteggio dal Perugia di Camplone. Lombardi sconfitti in casa per 2-1 e sempre più invischiati nella lotta per non retrocedere. Ardemagni e Falcinelli ribaltano il risultato nella ripresa dopo che il Brescia si era portato in vantaggio nel primo tempo con il primo centro stagionale di Tonucci. Amaro l'esordio allo stadio "Rigamonti" per il nuovo proprietario del club bresciano Rinaldo Sagramola. Dopo un avvio di gara favorevole alla squadra ospite, con Arcari (nella fotografia) miracoloso in almeno due circostanze sullo scatenato Ardemagni, il Brescia torva prima un palo clamoroso con Corvia a Koprivec battuto, poi il guizzo vincente con Tonucci al 39' della prima frazione per il gol del momentaneo 1-0. La rete del vantaggio nasce da azione d'angolo, con il centrale di difesa a deviare in maniera vincente la sfera. Il Brescia avrebbe anche la possibilità di raddoppiare al 42' ma Caracciolo sciupa clamorosamente a porta vuota dopo una traversa colta da Sestu. Nella ripresa il volto della sfida cambia radicalmente. Ardemagni al 47' infila Arcari per il gol del pareggio sfruttando una dormita colossale della difesa e un'assistenza perfetta di Rizzo. Il Brescia esce definitivamente di scena frastornato e impaurito lasciando campo e metri al Perugia. Camplone inserisce sul terreno di gioco Falcinelli per uno stanco Ardemagni. E l'attaccante ripaga la fiducia del suo allenatore sfruttando a dovere al 76' un liscio clamoroso di Tonucci per trafiggere nuovamente Arcari e portare a Perugia tre punti pesantissimi. Per il Brescia fischi e notte fonda.

BRESCIA

Il direttore generale del Brescia, Rinaldo Sagramola: "Do per scontato che i ragazzi sono dei ragazzi di grande professionalità, gente che ha un orgoglio, ma le gambe non girano. L'impressione che si ha è che non ci si metta cuore. Voglio credere che esista un disagio. Dobbiamo risalire la china: ci sono 15 giornate da giocare con grande impegno, ma ho grande fiducia in questo progetto. Calori? Se abbiamo cambiato lo abbiamo fatto con la speranza di dare una scossa all'ambiente. Come se ne esce da una situazone così delicata? Il disagio c'è ma non è un albi. Ora serve cuore e coraggio da parte di tutti".

L'attaccante del Brescia, Daniele Corvia: "Episodi fortunati o sfortunati non esistono. Siamo noi a dover migliorare l'approccio alle sfide. Dobbiamo crederci sempre, specie se si prendono dei gol. La situazione è critica. Siamo consapevoli che la strada è davvero dura ma che con l'unità di gruppo possiamo salvarci, all'ultima gara o tra dieci giornate. Forma fisica sotto osservazione? Potrebbe essere, in un anno cambi tre allenatori e tre metodologie di allenamento, ma è anche mentale. Siamo entrati in campo timorosi: siamo un po' bloccati. Crisi di Caracciolo? va aiutato ma è un periodo così. Siamo abituati noi attaccanti a periodi così. Ne uscirà".

PERUGIA

Il tecnico del Perugia, Andrea Camplone: "Sono molto soddisfatto della partita fatta dai miei ragazzi. Oltre a prendere l'intera posta in palio abbiamo espresso un bel gioco e abbiamo interpretato bene la gara. Prima della sfida avevo detto che la serie B è un campionato nel quale serve equilibrio di risultati: due vittorie consecutive sono un bel bottino ma non dobbiamo accontentarci. Con questa mentalità però possiamo andare lontano".

(Fabio Pettenò http://www.calciomercato.com/news/cm-stadio-brescia-perugia-1-2-938781)



LANCIANO 2 – BRESCIA 0
Sabato 14 Febbraio 2015



LA SOCIETÀ ORA (FORSE) C’È
LA SQUADRA NON ANCORA


CM STADIO: Virtus Lanciano-Brescia 2-0
(da CALCIOMERCATO.COM)

La Virtus Lanciano vince 2-0 contro il Brescia, tornando alla vittoria al "Biondi" dopo quasi un mese (17 gennaio Lanciano-Catania 3-0). L’avvio di partita è tutto per i rossoneri: dopo 40 secondi la prima occasione, Aquilanti crossa al centro per Monachello che da due passi di testa manda il pallone alto. Al 16’ c’è un episodio dubbio in area di rigore bresciana, sulla palla filtrante di Di Cecco è Scaglia che tocca il pallone con la mano, il rigore è netto ma l'arbitro Pezzuto non fischia nulla. Vibranti sono le proteste rossonere, arriva l’ammonizione per Thiam. I frentani sono pericolosi al 23’ con Monachello che non riesce a concludere, dopo uno splendido assist di Di Cecco. Nel secondo tempo, il Lanciano trova il vantaggio al 54’ splendido corner di Mammarella, colpo di testa di Troest, ottimo il salvataggio sulla linea di Arcari che non può nulla sul tap in di Monachello che con il piatto insacca l’1-0. Dieci minuti più tardi, i rossoneri raddoppiano al 65’ in contropiede Di Cecco vede il taglio di Thiam, gli fornisce una bella palla filtrante che l’attaccante rossonero tramuta nel raddoppio trafiggendo l’estremo difensore del Brescia in uscita. Dopo il 2-0 le rondinelle provano a reagire e al 75’ colpiscono il palo con un tiro dal limite di Corvia, questa è l’ultima emozione del match. La gara termina dopo 4 minuti di recupero, il Lanciano vince e sale a quota 37 punti in piena zona play-off, il Brescia lontano dal "Rigamonti" non riesce a far punti e resta ferma quintultimo posto in classifica.

VIRTUS LANCIANO
L’allenatore della Virtus Lanciano, Roberto D’Aversa: "Oggi è importante la prestazione che hanno messo in campo i ragazzi. Era importante vincere e lo abbiamo fatto. Nel secondo tempo abbiamo sfruttato le occasioni create e questo ci ha portato alla vittoria. La prestazione da parte dei miei ragazzi c’è sempre stata, anche a Frosinone dove non è arrivato il risultato. Il nostro modulo è il 4-3-3 perché lo conosciamo da anni, sappiamo molto bene come interpretarlo".

BRESCIA

L’allenatore del Brescia, Salvatore Giunta (nella foto): "Non siamo mai stati in partita, non abbiamo reagito nemmeno dopo aver subito gol. È una sconfitta che ci deve far riflettere e ci deve essere da lezione per il prosieguo della stagione. Da ora in poi sarà dura perché siamo sempre nelle zone calde della classifica". (Antonio Di Nunzio – calciomercato.com)



TERNANA 2 – BRESCIA 1
Domenica 8 Febbraio 2015



POVERO CARO BRESCIA

Mi fa quasi compassione questo mio povero Brescia. Non riesce a centrarne due di seguito. Dicasi due partite vittoriose, due comportamenti pallonari dello stesso livello. Non se ne esce più. Per colpe proprie, per meriti altrui. Anche questa domenica oltretutto un’occasione meravigliosa paurosamente persa. In caso di vittoria avremmo scavalcato ben cinque squadra e saremmo arrivati a metà classifica. E ci stavo credendo. Vincevamo con un gol di vantaggio. Ed in 60 secondi ci becchiamo due (sì, proprio 2) gol. Impensabile. Ma è terribilmente vero. Il nostro Brescia non sa vincere, in primo luogo non sa concludere o meglio chiudere una partita che è una, quando è in vantaggio. Non si veda al momento giusto la giusta cattiveria, la giusta determinazione. I giocatori non sono in campo con la “bava” alla bocca. Bisogna capirla che stiamo lottando per salvarci, quest’anno come non mai. Ma il nostro Brescia sembra di no, o perlomeno mai al momento giusto, sia per giocatori che sbagliano, sia per giocatori fuori forma, sia per giocatori che non sembrano attaccati alla maglia del Brescia. Ed allora avanti, anzi indietro. Ci stiamo trascinando, come si trascina, tra uno spiraglio e l’altro, la costituzione della nuova Società per non dare nessuna scusa alla spesso troppo labile psicologia di giocatori che dovrebbero, ma non lo sono, professionisti. Alla prossima… speranza o delusione?



BRESCIA 3 - VIRTUS ENTELLA 0
Stadio "Rigamonti di Brescia"
Sabato 31 Gennaio 2015



RISPOSTA MORALE

Un Brescia a dir poco generoso, preciso (e perché no?) fantastico. Una bella risposta, la migliore possibile, alla crisi societaria, alle lungaggini di una sorta di agonia che ormai da mesi attanaglia il Brescia e la sua tifoseria. Sì perché mi piacerebbe vedere uno stadio strapieno, una marea di gente che dimostra attaccamento alla squadra della sua città. Ma a Brescia questo non può accadere, Brescia paga la crisi di valori della società attuale e paga pure la crisi della Società Brescia Calcio. D’accordo allo stadio non ho mai visto il gran pienone, ma un caloroso “Forza Brescia” non dispiacerebbe a nessuno. È questo lo sfogo durante e dopo aver assistito ad una bella partita, dopo aver visto tutti i giocatori muoversi bene, correre, non mollare mai, sbagliare quel tanto che vien loro poi perdonato, tirare in porta. Insomma se un Brescia così lo avessimo visto quasi sempre, oggi saremmo in alto, non nella bassa classifica con la spada dei punti di penalizzazione che primo o poi arriveranno.
La partita contro l’Entella non ha avuto storia, il Brescia ha attaccato quasi ininterrottamente ed anche se due dei tre gol sono arrivati più o meno per gentile omaggio degli avversari è pur doveroso sottolineare che i nostri erano lì al punto giusto al momento giusto e non hanno sbagliato. Il primo gol di Benali ed una doppietta di Corvia sono a dimostrare un punteggio rotondo e se poi aggiungiamo qualche altra occasione perduta e l’inconsistenza dei tiri in porta avversari il gioco è fatto. Il Brescia è forte ed ha ricominciato a farci sognare ancor prima che sperare, ovviamente nella salvezza. Nelle prossime ore ci faccia sperare, prima che sognare, la costituzione e l’avvio di una nuova Società del nostro Brescia, nostro perché è rimane nel nostro cuore come in quello di tutti i tifosi presenti allo Stadio.



LIVORNO 4 - BRESCIA 2
Sabato 24 Gennaio 2014



CAMPIONATO SERIE B 2014/2015 – 23^ GIORNATA -

Marcatori: 7' p.t. Corvia (B), 15' p.t. Jelenic (L), 29' p.t. Siligardi (L), 10' s.t. Gonnelli (L), 13' s.t. Sestu (B), 44' s.t. Djokovic (L).

LIVORNO (3-4-3): Mazzoni (Vice Cap.), Gonnelli, Emerson (Cap.), Bernardini, Moscati, Appelt Pires, Djokovic, Lambrughi ( 40's.t. Gemiti), Siligardi ( 30's.t. Cutolo), Vantaggiato ( 18's.t. Galabinov), Jelenic A disposizione: Bastianoni, Molinelli, Jefferson, Rafati, Maicon, Stoppimi.
Allenatore: Gelain.

BRESCIA (4-3-1-2): Arcari, Zambelli (Cap.)( 43's.t. Razzitti), Caracciolo Ant., Lancini, Scaglia, Sestu, H'Maidat, Quaggiotto ( 30's.t. Morosini), Bentivoglio, Caracciolo And., Corvia ( 35's.t. Valotti).
A disposizione: Andrenacci, Ragnoli, Bruno, Gargiulo, Coly, Bertoli.
Allenatore: Giunta.

Arbitro: Sig. Fabio MARESCA di Napoli
Assistenti Sig. Ciro CARBONE di Napoli e Sig. Alessandro RAPARELLI di Albano Laziale
IV Ufficiale Sig. Saverio PELAGATTI di Arezzo.

Ammoniti: 24's.t. Emerson (L), 42's.t. Mazzoni (L), 42's.t. Caracciolo And. (B).
Espulsi: nessuno.

Angoli: 2 - 8
Recupero: 0'p.t. - 6's.t.

RISULTATO CHE CI PENALIZZA
BUONA PRESTAZIONE DELLA SQUADRA

Le parole nel post-gara di mister Giunta (nella foto ndr), al debutto sulla panchina delle rondinelle

"Credo che il risultato ci penalizzi eccessivamente per quanto si è visto in campo. La prestazione della squadra è stata buona, soprattutto nella seconda parte di gara. Abbiamo iniziato bene, andando in vantaggio dopo pochi minuti, poi, complice anche qualche nostra disattenzione abbiamo chiuso il primo tempo sotto di 2 a 1. Nella ripresa siamo scesi in campo con maggiore convinzione, abbiamo alzato il baricentro e siamo andati a pressare alto gli avversari, riuscendo anche a creare diverse occasioni da gol.
I ragazzi non hanno mai mollato, anche dopo il doppio svantaggio, siamo riusciti ad accorciare le distanze sul 3- 2 con Sestu, poi il gran gol di Djokovic ha chiuso definitivamente la gara.
Ad ogni modo ho visto lo spirito giusto, dobbiamo migliorare sotto certi aspetti ma l'approccio e il carattere visto quet'oggi rappresentano sicuramente un segnale positivo."

(tratto dal sito ufficiale del Brescia www.bresciacalcio.it)




BRESCIA 3 – FROSINONE 1
Sabato 17 gennaio 2014
Stadio “Rigamonti” di Brescia



LA RISPOSTA MIGLIORE

La risposta migliore c’è stata… dal campo. Meglio di così nessuno si aspettava, e nessuno venga poi a dire che lui l’aveva detto o presagito. I giocatori, tutti ma proprio tutti, hanno fatto ampiamente il loro dovere dimostrando un’intelligenza, un orgoglio, e magari un buon senso a tratti inaspettato. Certo, vien sempre da dire, se così o la metà di così, avessero agito durante la prima parte del Campionato non saremmo in situazione di punti di classifica così avara per le Rondinelle. Mai visto dunque un Brescia così: un Brescia così coriaceo, così sicuro di sé, così all’attacco, così attento. Una squadra d’altro mondo. Ed è forse per questo che il Frosinone ha perso. La seconda in classifica che viene a Brescia a passeggiare… ma il Brescia va subito all’attacco e già al settimo del primo tempo ecco il gol, meritato. Poi tutto un primo tempo nel corso del quale se avesse segnato altri tre gol nessuno avrebbe fiatato. Un primo tempo giocato in inferiorità numerica nel senso che l’arbitro è stato gran parte della partita con i nostri avversari, negandoci serenamente due rigori e regalandoci ammonizioni inaspettate. Ma lasciamo in pace l’arbitro visto che il finale è stato positivo. Il secondo tempo inizia con il Frosinone all’arrembaggio ma è ancora il Brescia a segnare, raddoppiando tra gli scroscianti applausi del Rigamonti. Poi si gioca alla pari: il Frosinone di più all’attacco, il Brescia che ben si difende non rischiando pressochè nulla. Arriva il 35° ed il gol del Frosinone che riapre la partita. Già perché il Brescia non può non prendere almeno un gol: è da 18 partite che la difesa viene bucata! Riappaiono improvvisamente tutti gli spettri e l’ansia aumenta, ma nonostante ancora l’arbitro ed il comportamento spesso antisportivo del Frosinone arriva alla fine degli interminabili 5… 6 … 7 minuti di recupero il terzo gol del Brescia e la gioia torna a palpitare in ognuno di noi.

La risposta migliore dunque, la risposta migliore dei giocatori alla situazione societaria terribile. A giorni, a ore tutto sarà finalmente chiaro. L’angoscia pallonara sarà finita. E come dice uno striscione del Rigamonti “ricominciamo da qualunque Serie purchè finisca questa agonia”. Bravo Brescia, bravi tutti, ma no - caro amico Aldo Rebecchi (nella foto) - all’azionariato popolare. Qui a Brescia chi ha avuto i soldi e chi ha i soldi può e magari deve salvare il Brescia. Noi (i potenziali azionisti popolari) abbiamo altro da sovvenzionare: la nostra quota sociale per arrivare a fine mese ed a fine anno. Forza Brescia, da ogni punto di vista.



Brescia 0 – Avellino 2
Domenica 28 Dicembre 2014


UN BRESCIA SEMPRE PIÙ IN BASSO

C'era da archiviare la cocente disfatta di Trapani e l'Avellino lo fa nel migliore dei modi, piegando il Brescia per 2-0 e confezionando sul campo il più bel regalo per i 46 anni di mister Rastelli, compiuti ieri. Dopo essersi resi pericolosi all'11' con un'incornata di Comi disinnescata dal portiere ospite, i padroni di casa trovano il vantaggio al 38' minuto, quando Castaldo raccoglie un filtrante chirurgico di D'Angelo e mette a segno la sua dodicesima rete stagionale. Il numero 9 biancoverde prova a siglare la doppietta a inizio ripresa, ma deve fare i conti con un Arcari in grande spolvero, che anche dieci minuti più tardi si dimostrerà provvidenziale su un colpo di testa di Chiosa. Al 65' unico brivido della partita per l'Avellino: incursione di Quaggiotto, tentativo in area di Olivera deviato da Gomis e tap-in vincente di Andrea Caracciolo, la cui rete viene però annullata per evidente posizione di fuorigioco. A chiudere la gara ci pensa il neo entrato Arini, che ribatte in rete una respinta di Arcari e sigla il gol del definitivo 2-0.

AVELLINO

L'allenatore dell'Avellino, Massimo Rastelli: "Abbiamo giocato una grande partita, non facile dopo la sconfitta di Trapani e contro un Brescia di evidente qualità. Questa è una vittoria fondamentale che ci consente di chiudere la prima parte della stagione in una posizione importante. I 32 punti di oggi per me valgono molto più dei 37 dell'anno scorso, quando c'erano zero aspettative nei nostri confronti e avevamo una squadra consolidata, impreziosita da ottimi giocatori come Zappacosta, Izzo e Galabinov. Per il resto, sono abbastanza scocciato perché circolano troppe sciocchezze sul mio conto. Ad esempio, che il mio frequente cambio di modulo creerebbe confusione. Io non sono un integralista e preparo la gara a seconda degli elementi che ho a disposizione di volta in volta. Come detto più volte, non conta il modulo ma la prestazione".

BRESCIA

L'allenatore del Brescia, Ivan Javorcic: "Partita equilibrata, almeno nel primo tempo, che l'Avellino è stato bravo a portare dalla propria parte. Il nostro è attualmente un problema di energie. Ci sono mancate velocità e lucidità in certe occasioni. Abbiamo cercato di dare il massimo, consapevoli del fatto che dovremo alzare l'asticella per risultare più competitivi. Credo avremmo dovuto sfruttare meglio i primi trenta minuti di gara, durante i quali l'Avellino ci ha concesso di più. Non ho idea se a gennaio interverremo sul mercato, vista anche la situazione societaria. Spero solo che riusciremo a seguire il bell'esempio del Bari sul campo. Il resto, essendo l'allenatore, non mi compete". (Vincenzo Compierchio - http://www.calciomercato.com)


BRESCIA 2 – BARI 1
Stadio “Rigamonti” di Brescia
Mercoledì 24 Dicembre 2014


UNA SOFFERENZA CHIAMATA BRESCIA

Il finale è da “miracolo” di Natale. Il Brescia porta finalmente a casa tre punti, tre punti che non vedeva a Mompiano da due mesi e in assoluto da quarantacinque giorni. La “cura” del nuovo mister Iavorcic sembra dare frutti: quattro punti in due partite. Un lusso, di questi tempi. Ma che sofferenza! La cronaca della partita casalinga contro il Bari non è di quelle che esaltano: un primo tempo che il Brescia riesce a chiudere in vantaggio, un secondo tempo nel quale inevitabilmente gli ospiti pareggio e gli spettri avanzano. Ma per la prima volta in piena zona recupero è il Brescia ad avere la zampata vincente con un tiro meraviglioso di Sodinha, quel Felipe chiamato a gran voce dal pubblico quale ultima soluzione e speranza per vincere la gara. Ed è, infatti, Sodinha (nella foto) con un tiro puntuale e stratosferico di bellezza ad insaccare per la gioia dell’infreddolito stadio, compreso lo scrivente.
Il Brescia a tratti è sembrato avere la grinta di una squadra, non tanto per il gioco che è latitato, quanto per il carattere e la voglia di esserci o almeno lo si è cominciato ad intuire.
Sarà finita la sofferenza? Certo tutto va visto anche con il definirsi della situazione societaria, perché non si può proprio pretendere tutto da giocatori che han la testa anche doverosamente volto alle preoccupazioni del loro futuro professionale.
Però i giocatori facciano la loro parte, dimostrino non a parole che vogliono correre, giocare, vincere e tutto può ritornare su un binario accettabile. Adesso con tutti i punti di penalizzazione che ci pioveranno sulla testa siamo ultimi in classifica. Sembra una battuta, ma è la dura e pura verità dei punti e dei fatti. Solo continuando a vincere e a far punti (cominciando da Domenica prossima con l’Avellino) possiamo credere in un futuro pallonaro più sereno e in un 2015 meno a rischio sofferenza. Forza Brescia!!! (p.g.)








CM STADIO: CATANIA-BRESCIA 2-2
Sabato 20 Dicembre 2014


BUON PUNTICINO D’OSSIGENO
PER UN BRESCIA IN COMA


Catania e Brescia si dividono la posta in palio allo stadio Angelo Massimino e impattano sul 2-2, conquistando un punto per parte. Il match inizia sotto gli occhi di poche migliaia di spettatori, con Pellegrino che propone il 4-3-3 e Cani, Leto e Calaiò a comporre il trio d'attacco. Javorcic vara invece il 4-3-2-1, proponendo un "albero di Natale" con Andrea Caracciolo unica punta. I rossazzurri partono subito forte e sfiorano il vantaggio già dopo il calcio d'inizio, con Cani che sciupa e pasticcia fallendo un comodo appoggio in rete, dopo la respinta di Arcari su tiro di Leto. Il Catania però non si abbatte e trova l'1-0 al 6' con lo stesso Cani, che segna su colpo di testa sfruttando il perfetto calcio d'angolo di Chrapek. I rossazzurri provano a caricarsi e si buttano in avanti in cerca del raddoppio, tentando di approfittare della scarsa vena degli ospiti. Al 15' però il Brescia trova l'1-1 con Corvia, che conclude un contropiede fulmineo dei suoi e concretizza una triangolazione perfetta delle rondinelle. La parità ristabilita contribuisce ad abbassare il ritmo di entrambe le squadre e la partita si trascina stancamente fino all'intervallo. Al rientro il Catania prova a rimettere la testa avanti, ma il Brescia tiene botta. I padroni di casa insistono e al 59' segnano il 2-1 con Calaiò, che scarica il pallone in rete dopo una spizzata di testa con cui Cani disorienta tutta la difesa avversaria. Gli etnei ci credono e continuano ad attaccare, ma al 72' l'attaccante albanese spreca una ghiotta occasione per chiudere la partita, non trovando l'impatto con quel pallone raccolto da Chrapek, che tira a botta sicura e si vede negare la gioia del goal con il pallone respinto sulla linea. I rossazzurri danno comunque l'idea di poter conquistare la vittoria, ma all'84' arriva il rigore causato da Sauro e realizzato da Caracciolo. Non succede più nulla e le squadre chiudono il match in parità, uscendo dal campo tra i fischi, con il Catania che va a quota 21 e il Brescia che segue i rossazzurri ad una sola lunghezza di distanza.

CATANIA

L'allenatore del Catania, Maurizio Pellegrino: "Meritavamo sicuramente la vittoria, il risultato finale non rispecchia ciò che abbiamo mostrato in campo. Giocare in una situazione ambientale come quella di oggi non era affatto facile e sono convinto che se avessimo goduto del sostegno dei nostri tifosi avremmo vinto. Non riesco davvero a capire per quale motivo mi vengono rivolte critiche ed insulti, dato che ho sempre fatto di tutto per fare il bene del Catania dando sempre il massimo sia da giocatore che da allenatore, dalla serie D alla serie A. È una situazione difficile, ma pur di dare una mano al Catania sono pronto anche a fare il magazziniere. Entrare in campo quando c'è quel silenzio è davvero surreale e giocare senza tifosi è un dramma. Non voglio assolutamente parlare di mercato e non cerco alibi di nessun tipo, dobbiamo solo pensare a fare punti per provare a sbloccare questa situazione".

BRESCIA

L'allenatore del Brescia, Ivan Javorcic (nella foto): "Sono molto contento per la nostra prestazione, che è stata davvero positiva. Venivamo da una settimana molto delicata e sapevamo che quello del Catania è un campo molto difficile. Abbiamo affrontato una grande squadra, ma siamo riusciti a tenerle testa e mi è piaciuto molto vedere la nostra reazione davanti a qualunque situazione creata dal Catania. È stata anche una bella partita tra due formazioni forti, che però in questo momento soffrono un po'. Il nostro obiettivo adesso diventa quello di battere il Bari, cercando di recuperare qualche giocatore per noi importante. In un momento come questo non ci possiamo permettere di fare previsioni o programmi a lungo termine, spingendoci oltre". (Antonio Costa da calciomercato.com)


Brescia 0 – Spezia 1
Sabato 13 Dicembre 2014
Stadio “Rigamonti” di Brescia


PARTIAMO DALLA FINE DELLA PARTITA
PERCHÉ QUESTA È LA FINE DELLA SPERANZA


Torna a vincere la Spezia dopo più di un mese, squadra di Bjielica che sale a quota 29 mantenendosi pienamente in corsa per la promozione diretta. Brescia che crolla ancora una volta in casa e dovrà aspettare la cruciale settimana prossima tra penalizzazioni possibili e le novità che potrebbero esserci sul fronte della proprietà.

49' Fischio Inizio/Fine Finisce qui!
48' Spezia che cerca di mantenere il pallone lontano dalla propria area.
45' Minuti di recupero 4 di recupero.
44' 1^ Ammonizione Ammonizione per CORVIA (7-BRESCIA)
43' Brescia che si riversa in attacco, esponendosi però alle ripartenza dei liguri.
41' Fallo Fallo di Bentivoglio su Canadja.
38' Sostituzione Sostituzione BRESCIA : entra H'MAIDAT (18), esce RAZZITTI (33).
36' Simulazione per Razzitti, Baracani non la beve e ammonisce il giocatore bresciano.
36' 1^ Ammonizione Ammonizione per RAZZITTI (33-BRESCIA)
35' Brescia che prova gli ultimi assalti.
32' Punizione perfetta di Corvia che dai 30 metri colpisce in pieno la traversa a Chichizola battuto.
32' Traversa BRESCIA colpisce la Traversa con CORVIA (7).
31' Fallo Fallo su Corvia. Punizione dai trenta metri per la squadra di casa.
29' Azione pericolosa Catellani tocca per Cisotti che perde il tempo della conclusione e poi sblianciato trova la pronta risposta di Arcari. Corner per lo Spezia.
27' Palla geniale di Sodinha per Corvia che però non trova lo spazio per la conclusione.
25' Razzitti controlla e si accentra per il tiro dalla sinistra, palla fuori.
24' Sostituzione Sostituzione BRESCIA : entra SODINHA (34), esce VALOTTI (28).
23' Sostituzione Sostituzione SPEZIA : entra CISOTTI (14), esce SITUM (18).
22' Azione pericolosa Azione personale di De Col che si beve Coly, contrasto in area con Arcari che con un intervento prodigioso inj uscita nega ancora una volta il raddoppio.
20' Sostituzione Sostituzione SPEZIA : entra SAMMARCO (7), esce BREZOVEC (30).
18' Schiattarella mette dentro, libera Coly.
17' Prova a riaffacciarsi in avanti lo Spezia. Cross di Milos deviato in corner.
15' Fallo Fallo di Razzitti su Situm. Poi Corvia mette in rete ma Baracani ha fermato tutto.
14' Calcio d'angolo Chichizola respinge coi pugni.
14' Altro tiro dalla bandierina per i padroni di casa.
13' Fallo Fallo di Coly su Brezovec.
12' Cross di Valotti con Ceccarelli che mette in corner anticipando Corvia.
11' Azione infinita della squadra di Iaconi che non trova varchi nell'ordinata difesa spezzina.
8' Brescia che dopo l'ingresso di Corvia ha sicuramente acquistato un po' di vivacità in attacco.
6' Tiro di potenza terrificante di Canadja da fuori, Arcari forse sfiora la traiettoria che impatta sulla traversa.
Liguri anche sfortunati. 6' Traversa SPEZIA colpisce la Traversa con CANADIJA (27).
3' Azione pericolosa Cross di Brezovec con Datkovic che stacca a centro area ma non centra di poco la porta. Spezia ancora vicino al raddoppio!
1' Prova ad entrare in area Valotti che a contrasto con Milos si getta a terra, per Baracani non ci sono irregolarità.

1' Sostituzione Sostituzione BRESCIA : entra CORVIA (7), esce MOROSINI (23).
1' Sostituzione Sostituzione SPEZIA : entra SCHIATTARELLA (23), esce BAKIC (29).
1' Fischio Inizio/Fine Si ricomincia!

Pioggia di fischi sul Brescia al Rigamonti con lo Spezia che in vantaggio sta facendo la partita. Squadra di Bjelica che oltre al gol di Situm in avvio ha avuto almeno un paio di occasioni per il raddoppio.

47' Fischio Inizio/Fine Fine primo tempo.
45' Minuti di recupero Due di recupero.
43' Caracciolo stende Catellani, terzo giallo del match.
43' 1^ Ammonizione Ammonizione per CARACCIOLO (3-BRESCIA)
42' Tiro di Valotti, Chichizola controlla il pallone uscire sul fondo.
39' Tiro di Morosini, parato a terra da Chichizola.
38' I ritmi sono molto bassi e la pioggia non aiuta.
37' Fuorigioco di Razzitti.
36' Brescia che continua ad avere il predominio del campo ma senza trovare sbocchi.
3' A terra Situm, gioco fermo.
31' Calcio d'angolo Cross di Brezovec con Arcari che blocca.
31' E' rientrato Coly che zoppica vistosamente.
30' Corner per lo Spezia.
29' Azione pericolosa Palla buona per Catellani che a tu per tu con Arcari non riesce a trovare il gol. Ancora prodigiosa la parata del portiere dei lombardi.
28' Infortunio Il difensore senegalese non sembra in grado di proseguire.
27' Fallo Fallo di De Col su Coly che cade male infortunandosi.
26' Azione pericolosa Passaggio folle di Coly all'indietro, De Col capisce tutto ma trova la grande risposta di Arcari a negare il raddoppio.
25' Brescia che controlla il pallone ma è lo Spezia che oltre al vantaggio ha costruito le occasioni più pericolose.
24' Cross di Valoti con tentativo di rovesciata di Morosini, blocca Chichizola.
21' Azione pericolosa Tiro di Bentivoglio da fuori area, la palla sfila di poco alla destra del palo difeso da Chichizola che sembrava comunque sulla traiettoria.
19' 1^ Ammonizione Ammonizione per BENTIVOGLIO (29-BRESCIA)
17' Cross di Sestu, Chichizola libera coi pugni.
16' Sfonda sulla sinistra Catellani, fermato da Olivera in ripiegamento difensivo.
14' Tiro scoordinato dal centro dell'area di Morosini, nessun pericolo per Chichizola.
13' Giallo pesante per gli spezzini con Bakic che salterà Vicenza-Spezia.
13' 1^ Ammonizione Ammonizione per BAKIC (29-SPEZIA)
12' Calcio d'angolo Nulla di fatto dal tiro dalla bandierina.
11' Azione pericolosa Conclusione potente di Brezovec dai 20 metri, Arcari ci mette i pugni poi Catellani è contratto in corner.
10' Squadra di Iaconi che mantiene il possesso del pallone.
10' Milos prova a spingere sulla sinistra, Valoti lo contrae e glio strappa il pallone facendo ripartire i suoi.
7' Diagonale di Catellani, para in due tempi Arcari.
5' Cross di Sestu dal fondo, Ceccarelli libera l'area.
3' Partenza shock per le rondinelle.
2' Cross di Brezovec dalla destra, Situm si tuffa di testa all'altezza del primo palo e batte Arcari.
2' Goal 0-1SPEZIA in GOL con SITUM (18)
2' Iniziativa di De Col sulla destra, lo chiude in corner Coly.
1' Fischio Inizio/Fine Si comincia!

Pre/Post Live Al Mario Rigamonti di Brescia i padroni di casa attendono lo Spezia. Partita ad alta tensione per entrambe le squadre che devono interrompere i rispettivi digiuni dalla vittoria. Le Rondinelle non vincono in assoluto dal 15 novembre (2-1 a Bologna) e in casa addirittura dal 28 ottobre (2-1 al Crotone). Gli Aquilotti invece non prendono tre punti dal 2-1 casalingo al Crotone (9 novembre) e non vincono lontano da casa dal 2-1 a Pescara (1 novembre).



Cittadella 1 – Brescia 1
Sabato 29 Novembre 2014


DOPPIO SUCIDIO PALLONARO

Il nostro Brescia ha concesso il bis. Se non fosse assurdo ed indecente verrebbe voglia di ironizzare. Ancora in vantaggio con un rigore (è il quarto assegnatoci a favore in due partite) il Brescia si fa raggiungere più o meno subito dal Cittadella, dall’ultima squadra in classifica, ma non è questo il punto, visto che noi siamo di fatto al penultimo posto. Il Brescia ancora una volta (come la scorsa settimana con il Carpi) gioca gran parte della partita in undici contro 9 e non sa fare un tiro in porta che si dica tiro, un’azione che si dica azione. Un Brescia inguardabile, un Brescia orrendo, un Brescia indecente e chi più ne ha più ne metta. È mancato tutto, è mancata la personalità, sono mancati i giocatori sul campo. Non c’è stata reazione alcuna, non c’è grinta, non c’è carattere, sembra quasi che la squadra giochi contro se stessa. ncredibile! Ma perché tutte le altre squadre che incontriamo (vincano, perdono o pareggino) sono diverse da noi: corrono, arretrano, spingono… i giocatori dimostrano di volercela fare. Ed ora basta, basta perché siamo in posizione di classifica penosa. Basta perché ora diventa tutto difficilissimo. Cosa vogliamo più di così, cosa ci vuole per vincere una partita? Le domande si rincorrono, le colpe si accalcano. Iaconi (nella fotografia), il mister, a fine partita si assume ogni responsabilità del non gioco delle Rondinelle. Ma non è solo questo. È fin troppo facile. Il fatto è che l’allenatore continua a dire che la squadra si è impegnata molto. Ma chi l’ha visto? L’impegno! A parte uno o due giocatori che forse si salvano dalla marea nera dell’incapacità abbiamo assistito a novanta minuti di pena. E non è certo la prima volta. E certo valgono i discorsi delle difficoltà societarie che vanno ad influire sui giocatori, ma non può essere questo l’alibi delle belle statuine in campo, che poi neanche belle non sono. È una situazione che vede il Brescia giocare sempre e costantemente sotto tono e sotto ritmo, senza lucidità e senza la capacità di tenere la palla in maniera non leziosa. Mai una profondità, mai una penetrazione… Responsabilità da girare a 360 gradi, va bene! Ma giriamo la ruota della voglia di vincere. Dimostratelo una volta per tutte. Povero Brescia, ma “Forza Brescia”. (p.g.)





BRESCIA 3 - CARPI 3
Stadio “Rigamonti” di Brescia
Sabato 22 Novembre 2014


"SUICIDIO PALLONARO"

Non c’è proprio limite al peggio ed il peggio per noi, anche stavolta, è arrivato. In vantaggio per 3 a 1 ed in 11 contro 9 per quasi tutto il secondo tempo il Brescia negli ultimi 5 minuti di gioco si fa raggiungere dal Carpi. Assurdo! Anzi no. È la dura e cruda realtà di una squadra che si fa amare e ti fa esplodere di rabbia nel corso della stessa partita. Povero Brescia e povero me che continua a credere ed a sperare.
La cronaca della partita diventa ininfluente dopo aver compiuto i 90 minuti. Il Brescia non vuole vincere, non è che non sa vincere.
Mille le attenuanti, seppur non generiche. Sappiamo tutti delle enormi difficoltà societarie che si stanno attorcigliando sempre più soprattutto nel prossimo mese di dicembre. Sappiamo anche che arriva fra poco la mazzata dei quattro punti di penalizzazione. Sappiamo anche che sono all’orizzonte all’inizio del nuovo anno altri possibili, seppur speriamo evitabili, altri 3 o 4 punti di penalizzazione. Per queste ed altre ragioni i giocatori giorni fa si sono stretti attorno a Capitan Zambelli (nella fotografia) ed all’allenatore Iaconi e le buone notizie dicevano di un patto di ferro per fare ogni sforzo, ma a quanto pare non è stato così. Quanto meno lo sforzo della concentrazione e dell’attenzione sono stati assenti e sempre sempre sempre … a fine partita.
Ma questi che professionisti sono! Non se ne può più ed, infatti, la contestazione è doverosamente partita.
Ma a me interessa immaginare che non può essere finita qui, mi piace pensare che il Brescia possa e debba trovare una via dì uscita (in tempo utile!) a questa situazione francamente insostenibile.
E d’altro verso la Società, la “nuova” Società faccia finalmente il suo dovere per non dare e lasciare alibi al comportamento dei giocatori.
Chi non mastica troppo le sorti del Brescia potrebbe trovare queste note troppo severe. Non è sicuramente così. Proprio in vista dei tempi pessimi che si possono addensare era ed è opportuno che il Brescia metta fieno in cascina, non un punticino, che fa solo male alle coronarie. Ma in ogni caso.. Forza Brescia!






Bologna 1 – Brescia 2
Sabato 15 Novembre 2014

INCREDIBILE MA VERO

Ce l’abbiamo fatta. È Stata dura. Negli ultimi minuti. È stata una bella partita, giocata bene, come vorremmo che sempre la nostra squadra giochi. Diciamo un’assurdità. Anche se non avessimo vinto il Brescia mi sarebbe piaciuto. I giocatori hanno ben combattuto di fronte ad un Bologna che, passato in vantaggio nel primo tempo, non ha concesso nulla al nostro Brescia oppure dobbiamo dire che il nostro Brescia non ha dato nulla, perché mai comunque ha tirato in porta. È vero, tanti calcio d’angolo che all’oratorio si dicevano fare un gol ogni dieci. Poi all’improvviso o quasi lo splendida incornata di Caracciolo (nella foto) e il gol di Morosini (nella foto) che emerso dall’anonimato ha dato alle Rondinelle un successo inaspettato seppur desiderato e sperato.
Straordinaria impresa del Brescia, per la settimana che ha passato e per come si era mossa la partita. Il Brescia ha giocato come sempre dovrebbe fare una grande squadra. In barba alla sfortuna che ha colpito i suoi giocatori forse migliori da Budel a Sodinha alo stesso Caracciolo.
La vittoria contro il Bologna deve però avere un seguito. Ribadiamo che il Brescia ha limiti caratteriali, ma stasera ha tirato fuori il carattere ed è così che deve essere anche per il futuro.
Sono contento per la prestazione del Brescia, per la sua grinta, per il risultato. Sono contento perché ha dimenticato la sconcezza della sconfitta contro il Pescara. Ha voluto ed ha cercato questo risultato proprio negli ultimi minuti, in quei minuti che per noi sono sempre stati dannosi. Dobbiamo credere nella squadra, anche nel suo carattere, senza dimenticare anche la fortuna (il palo colpito dal Bologna con Cacia che poteva tutto cambiare). Facciamoci prendere dall’entusiasmo, stiamo vicini alla nostra squadra. Volevamo una risposta dalla squadra e l’abbiamo avuta. Volevamo che fossero prima uomini e poi giocatori, stasera contro il Bologna sono stati uomini giocatori. Forza Brescia.








Brescia 2 - Crotone 1
Martedì 28 Ottobre
Stadio “Rigamonti” di Brescia

OSSIGENO PURO… MA CHE FATICA!

Ce l’abbiamo fatta. Siamo riusciti a battere il Real Madrid, pardon, il Crotone, ultimo in classifica e l’abbiamo lasciato ultimo. Aldilà della brutta ironia, il Brescia in formazione praticamente primaverile porta a casa 3 punti meravigliosi giocando bene una sola mezzora e dopo essere stato in svantaggio per un calcio di rigore praticamente regalato. Non abbiamo giocato bene, anzi nel secondo tempo non abbiamo giocato per niente. Teniamo presente che abbiam fatto un tiro, ho detto un tiro, in porta con Scaglia (nella fotografia) ed abbiam fatto gol. Sull’altro versante il Crotone non ha nemmeno fatto un tiro nella nostra porta.
Ma godiamoci i tre punti e contiamo sette punti nelle ultime tre partite. Il Brescia è guarito? Nemmeno per sogno, ma lasciamo alle spalle qualcosa e qualcuno e ritroviamo un minimo di morale decisamente necessario per sperare di poter uscire dalle pastoie di ogni tipo. In classifica saliamo, infatti, a 14 punti, ben sapendo che tre punti ci verranno prossimamente tolti. Non possiamo dire nulla di particolare ai giocatori in campo, si sono anche impegnati, forse hanno capito che era il momento di reagire decisamente ad un periodo di vana presenza in campo.
“Siamo riusciti a vincere una gara importante in condizioni difficili – dichiara il mister Iaconi a fine partita -. Sembriamo carne da macello con tutti quei cartellini gialli. Abbiamo trovato il pareggio e poi abbiamo meritato la vittoria. Abbiamo avuto qualche problematica ma la vittoria è importante, anche se ci costa molto dal punto di vista degli infortuni. Siamo stati aggressivi, siamo stati coraggiosi. Potevamo fare qualcosa in più sulle palle alte, ma va bene così, andiamo avanti con fiducia. A Trapani ce la giocheremo come sempre”.
Nelle difficoltà ci esaltiamo. Può darsi… Ma non sarebbe sempre obbligatoriamente essere in difficoltà. A Trapani sabato prossimo la partita spartiacque. Seguiteci cari amici valtrumplini ed aspettiamo le vostre riflessioni. Grazie.






LATINA-BRESCIA 1-1
UN BUON PAREGGIO

SABATO 25 OTTOBRE 2014
CAMPIONATO SERIE B 2014/2015 - 10^ GIORNATA

Marcatori: 14' p.t. Viviani (L), 5' s.t. Caracciolo And. (B)

LATINA (3-5-2): Farelli, Brosco, Cottafava (Cap.), Dellafiore, Angelo (35' s.t. Talamo), Crimi, Viviani, Bruno (Vice Cap.), Bruscagin (17' s.t. Mangni), Pettinari, Sforzini (11' s.t. Milani).
A disposizione: Spilabotte, Paolucci, Petagna, Valiani, Almici, Ricciardi
Allenatore: Breda

BRESCIA (3-5-1-1): Minelli, Caracciolo Ant., Budel (Vice Cap.), Di Cesare, Sestu, Benali, H'Maidat (1' s.t. Sodinha), Bentivoglio, Zambelli (Cap.)(15' s.t. Scaglia), Ruben Olivera, Caracciolo And.(9' s.t. Morosini)
A disposizione: Arcari, Lancini, Gargiulo, Quaggiotto, Bertoli, Valotti.
Allenatore: Ivo Iaconi

Arbitro Sig. Rosario ABISSO di Palermo
Assistenti Sig. Stefano ALASSIO di Imperia e Sig. Gaetano INTAGLIATA di Siracusa.
IV ufficiale Sig. Dario MELIDONI di Frattamaggiore.

Ammonti: 13' p.t. Caracciolo Ant. (B), 18' p.t. Caracciolo And. (B), 41' p.t. Bruscagin (L), 45' p.t. Budel (B), 24' s.t. Dellafiore (L), 34' s.t. Bentivoglio (B).
Espulsi: 28' s.t. Olivera (B), 44' s.t. Talamo (L) per somma di ammonizioni.

Angoli: 4-2
Recupero: 1' p.t. - 6' s.t.

IVO IACONI (nella fotografia): "MALE NEL PRIMO TEMPO, POI NELLA RIPRESA AVREMMO ANCHE POTUTO VINCERE"

"Quella di oggi è stata una partita dai due volti: male nel primo tempo, avevamo preparato un altro tipo di partita, eravamo troppo lenti, prevedibili e siamo andati anche in svantaggio. Nella ripresa poi siamo migliorati, abbiamo trovato subito il gol del pari e alla fine in inferiorità numerica avremmo potuto anche vincere. Ad ogni modo il risultato è giusto, ora dobbiamo pensare subito alla gara di martedì contro il Crotone, giochiamo sul nostro campo e dobbiamo per forza di cose portare a casa la vittoria.
Gli infortuni? Purtroppo usciamo dalla partita di oggi con le ossa rotte. Ora valuteremo l'entità degli infortuni di Budel e Caracciolo, ma in una rosa ristretta come la nostra il fatto di perdere due giocatori così importanti aumenta sicuramente le nostre difficoltà."
IL POST-GARA: LE PAROLE DI MINELLI E ANTONIO CARACCIOLO

ANTONIO CARACCIOLO "Abbiamo sicuramente giocato meglio nella ripresa rispetto al primo tempo. Poi l'infortunio di Andrea e l'espulsione di Ruben hanno un po' condizionato l'andamento della gara. Ad ogni modo ci portiamo a casa un buon pareggio e dispiace perchè alla fine avremmo anche potuto vincere con le due occasioni capitate a Sodinha. Dal punto di vista personale sono contento di essere riuscito a ritagliarmi uno spazio da titolare in questa squadra. Son voluto a tutti i costi restare per dare una mano a questo Brescia e fino adesso è andata bene."

STEFANO MINELLI "Credo che il bilancio finale sia amaro per noi perchè quelli di oggi sono due punti persi a mio modo di vedere. In inferiorità numerica abbiamo avuto le occasioni migliori per vincere la partita. Come ha detto più volte anche il mister dobbiamo essere più concreti e bravi nel sfruttare le tante occasioni da gol che creiamo ogni gara. Ciò però non vuol dire che la colpa è degli attaccanti, siamo una squadra e come tale lavoriamo tutti per migliorare i nostri difetti. Il mio infortunio? Sembrava fosse più lieve del previsto e invece son dovuto stare fermo più tempo del previsto. L'ho vissuta tranquillamente, per fortuna in squadra abbiamo Arcari che è sempre una sicurezza”. (dal sito ufficiale del BRESCIA CALCIO: www.bresciacalcio.it)






Brescia 2 – Pro Vercelli 1
Sabato 18 Ottobre
Stadio “Rigamonti” di Brescia

CE L’ABBIAMO FATTA!

A che fare? Ce l’abbiamo finalmente fatta ad espugnare il Rigamonti. Incredibile: è la prima vittoria “in casa” dopo mesi di attesa. Non è che in questa prima parte di Campionato abbiamo vinto molto, anzi… Però sta di fatto che dopo una vittoria sofferta come questa non ci si può attendere altro che qualcosa di meglio. Un’altra vittoria ad esempio. E l’abbandona delle ultime posizioni in classifica. Ed ancora il raggiungimento di una posizione almeno più dignitosa e più consona al Brescia, al nostro caro Brescia.
Il Brescia ha dunque vinto: 2 gol segnati alla Pro Vercelli. Ma il Brescia ha giocato il primo tempo peggiore del Campionato e ciononostante ha preso tre legni in tre minuti di movimento che hanno messo in difficoltà un avversario alquanto basso di livello. Ma noi è meglio che non parliamo perché definire gli altri “di basso livello” quanto sono in vetta alla classifica e noi sul fondo… Nel secondo tempo tutto ancora in pochi minuti. Segna Caracciolo, nemmeno il tempo di sperare ed ecco il pareggio della Pro Vercelli. Poi tornano gli incubi della sconfitta, ma le Rondinelle sanno finalmente reagire e risollevarsi ed ecco il bel gol di Benali (nella foto) e poi, nonostante l’arbitro, la partita finisce finalmente e finalmente finisce in gloria.
Grossi sospiri di sollievi e grosse e grandi promosse non espresse di riscatto. Ce la faremo? Non ci resta che dire e sperare di sì.






Modena 1 – Brescia 1
Sabato 11 Ottobre 2014

PAURA DI VINCERE!

Il Brescia non ha avuto la capacità di chiudere una partita che del resto ha sostanzialmente dominato. È il quarto pareggio per il nostro Brescia che ha giocato bene, ma che non ha avuto la possibilità di portare a casa la vittoria. La squadra messa in campo meglio delle altre volte ha sprecato comunque una doppia occasione: quella di non avere segnato dopo il rigore subito e quella di non aver vinto contro un Modena comunque assai rimaneggiato. Di buono c’è invece che la squadra ha giocato per un’oretta, è sembrata in ripresa rispetto alle insulse partite precedenti e questo può essere di buon auspico per le prossime gare. Buoni ed in rilievo Zambelli, Budel e Caracciolo (nella foto) autore del vantaggio bresciano poi non portato a buon fine. In trasferta non ci sblocchiamo, ma ancora un Brescia dai due volti, con nella ripresa un calo fisico come col Varese, col Perugia ed in altre occasioni. In netto contrasto con un primo tempo anche a tratti pimpante. Il Modena ha poi preso in mano la partita e noi non siamo stati in grado di reagire. Non siamo più stati capaci di reagire: calo fisico, calo di tensione o altro? Ai nostri lettori la sentenza. Il campo e la classifica dicono che il Brescia è in difficoltà. Noi diciamo sempre: Forza Brescia (p.g.)

LA CRONACA A RITROSO

94comment
Modena e Brescia si dividono la posta in palio: 1-1 il risultato finale. Gol in avvio di Andrea Caracciolo, pareggio di Granoche su rigore nella ripresa. Espulso nel finale Marzorati.

94full time
Fine partita: MODENA-BRESCIA 1-1. Apre Andrea Caracciolo, risponde Granoche su rigore.

92comment
Cross morbido di Sodinha, Andrea Caracciolo non ci arriva.

91substitution
Sostituzione MODENA: entra Manfrin esce Luppi.

90comment
L'arbitra assegna tre minuti di recupero.

90comment
Destro da posizione defilata di Calapai, palla sul fondo.

89red card
Espulso MARZORATI per doppia ammonizione.

88comment
Tiro-cross di Scaglia, allontana la minaccia Tonucci.

87comment
Lancio in profondità errato di Bentivoglio, raccoglie la sfera Pinsoglio.

85comment
Calcio da fermo di Schiavone, Granoche segnalato in fuorigioco.

83substitution
Sostituzione MODENA: entra Ferrari esce Rubin.

83comment
Sodinha si accentra e va al tiro, palla che termina larga.

82comment
Fallo in attacco di Granoche, riparte il Brescia.

81substitution
Sostituzione BRESCIA: entra Morosini esce Coly.

79comment
Sinistro violento di Rubin murato da Zambelli.

76comment
Due tempestive chiusure di Tonucci, buono il debutto del difensore.

74comment
Appoggio errato di Benali per Zambelli, palla direttamente sul fondo.

73comment
Cross debole di Calapai, nessun problema per Arcari.

71comment
Nel Modena Nardini largo a destra, per gli ospiti Sodinha alle spalle di Caracciolo.

69comment
Malinteso tra Rubin e Granoche, si spegne l'azione del Modena.

67substitution
Sostituzione BRESCIA: entra Sodinha esce Olivera.

66substitution
Sostituzione MODENA: entra Nardini esce Osuji.

65comment
Guizzo di Luppi: salta tre uomini, poi viene fermato da Di Cesare.

64substitution
Sostituzione BRESCIA: entra Benali esce H'Maidat.

60comment
Sponda di Granoche, Rubin viene fermato in dubbio fuorigioco.

58comment
Granoche trasforma il tiro dal dischetto, Arcari intuisce ma non ci arriva: 1-1.

58goal
GOL! MODENA-BRESCIA 1-1: GRANOCHE (R).

57yellow card
Ammonito H'MAIDAT per gioco scorretto su Rubin.

57comment_important
RIGORE PER IL MODENA: fallo di H'Maidat su Rubin.

54comment
Sta funzionando la soluzione di Iaconi con Olivera alle spalle di Caracciolo.

53comment
Giocata di classe di Olivera per Andrea Caracciolo, il tiro dell'attaccante è respinto con il piede da Pinsoglio.

51comment
Nizzetto scende sulla sinistra, chiusura puntuale di Budel.

49comment
Andrea Caracciolo protegge palla e guadagna un calcio da fermo da posizione laterale.

48comment
Calcio di punizione debole di Budel, parata comoda di Pinsoglio.

46yellow card
Ammonito MARZORATI per gioco scorretto su Olivera.

46second half
Inizio secondo tempo MODENA-BRESCIA, nessun cambio durante l'intervallo.

48half time
Fine primo tempo: MODENA-BRESCIA 0-1. Decide una rete realizzata da Andrea Caracciolo.

45comment
Granoche, applaudito dal pubblico, è rientrato in campo.

43comment
Granoche resta a terra dopo un duro contrasto con Antonio Caracciolo, brutta botta alla testa per l'attaccante.

42comment
Spunto di Luppi sulla sinistra, allontana a fatica la difesa ospite.

41comment
Modena in avanti: fuorigioco di Granoche. Rientra in campo Coly.

39comment
Gioco fermo, problemi per Coly.

38comment
Cross insidioso di Oilvera, Pinsoglio in uscita raccoglie il pallone.

36comment
Penetrazione in area di Zambelli, Pinsoglio devia in angolo con un intervento goffo.

33comment
H'Maidat prima perde palla a metà campo, poi la recupera con un pregevole intervento.

30comment
Il Brescia si distende in avanti, ma il traversone di Bentivoglio verso l'area è troppo alto.

29yellow card
Ammonito OSUJI per gioco scorretto su Budel.

26comment
Conclusione al volo di Bentivoglio, palla alta sopra la traversa.