<div style="background-color: none transparent;"><a href="http://www.agenparl.it" title="Agenparl News Widget">Agenparl News Widget</a></div>
lunedì 18 giugno 2018 | 00:22
 Edizione del 05/03/2012
 
 Prima pagina
 Valtrompia
 IWA 2011
 Attualità
 Carta sprecata
 Inserzioni
 Edizioni precedenti
 Informazioni
 Contattaci
 Home page








DIRETTORE RESPONSABILE
Piero Gasparini
e-mail: direzione


REDAZIONE:
e-mail: redazione
Via San Carlo,5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473


SEGRETERIA:
e-mail: segreteria


GRAFICA:
ACV – AGENZIA GIORNALISTICA E PUBBLICITARIA
e-mail: grafica




PUBBLICITÀ:
La raccolta è affidata alla ACVPG
Via San Carlo, 5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473 –
E-mail: ACVPG





Basta tasse sul lavoro!
Canone ''Speciale'' Rai per i pc e l'I-pad delle aziende? Imprenditori e professionisti si uniscono contro la nuova tassa


  


“Il canone anche per il Pc dell'impresa e persino per i videocitofoni e i sistemi di sorveglianza? Sarebbe davvero troppo per imprese che sono alle prese con la grave crisi di questi anni e cercano il rilancio”. Non usa mezzi termini il presidente dell'Associazione Artigiani di Brescia e provincia, Enrico Mattinzoli nel commentare la vicenda. “Numerose aziende e uffici hanno già ricevuto una lettera ufficiale da parte della Rai in cui si richiede il pagamento del canone TV per la detenzione di “uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione di trasmissioni radiotelevisive al di fuori dell’ambito familiare, compresi computer collegati in rete, indipendentemente dall’uso al quale gli stessi vengono adibiti”.

Questa notizia ha suscitato il comprensibile stupore degli imprenditori, dei commercianti e dei professionisti. La richiesta di denaro (andiamo dai 200 ai 6mila euro per realtà produttiva) si basa su un regio decreto del 1938, che prevede che “chiunque detenga uno o più apparecchi atti od adattabili alla ricezione delle radioaudizioni è obbligato al pagamento dei canone di abbonamento”.
La vicenda, che ha già dato il via anche ad interrogazioni ai Ministeri dello Sviluppo Economico e dell'Economia e finanze da parte di alcuni senatori, sta suscitando la più ampia protesta a livello nazionale.
“Ci uniamo all'attenzione al problema sollevato da Rete Imprese Italia – sottolinea Enrico Mattinzoli – nello stigmatizzare questa vicenda e chiedere l’esclusione da qualsiasi obbligo di corrispondere il canone in relazione al possesso di apparecchi che fungono da strumenti di lavoro per le aziende, quali computer, telefoni cellulari e strumenti similari. Si tratterebbe, se confermata, di una vera e propria imposizione di tributo sul possesso che va a toccare qualsiasi dispositivo atto o adattabile a ricevere il segnale tv, inclusi monitor per il Pc, videofonini, videoregistratori, Ipad, persino sistemi di videosorveglianza. Una tassa, anzi una vera e propria nuova tassa sul lavoro, che colpirebbe 5 milioni di imprese italiane e studi professionali, proprio nel momento in cui ci si appella alla ripresa e alla necessità di informatizzazione, anche per il rapporto tra impresa e pubblica amministrazione. Un onere assolutamente inaspettato e del tutto ingiustificato, soprattutto se ipotizziamo l'assurdità che nell'impresa o nello studio professionale, durante le ore di lavoro e con il ritmo che ben conosciamo, qualcuno si metta a guardare un film o una soap opera. Lo ripeto, tassare strumenti di lavoro come i computer in rete, per i quali già si versa un canone ai gestori di telefonia, è una scelta antieconomica, oltre che, probabilmente, illegittima”.
Alla presa di posizione delle varie categorie imprenditoriali si sono associati anche i veterinari dell'Anmvi, e i medici di base, che si sono rivolti al pool di legali della loro Federazione, la Finmmg, mentre l'Aduc si sta mobilitando.




VALTROMPIASET certificata al Tribunale Ordinario di Brescia n° 41/2006 del 23/11/2006  -  Sito internet realizzato da InternetSol di Comassi Luca