<div style="background-color: none transparent;"><a href="http://www.agenparl.it" title="Agenparl News Widget">Agenparl News Widget</a></div>
lunedì 18 giugno 2018 | 07:25
 Edizione del 02/03/2015
 
 Prima pagina
 Valtrompia
 Associazione Artigiani
 Lucaffè
 Televaltrompiaset: i nostri filmati
 Gocce di storia
 Radio Vera
 Attualità
 Carta sprecata
 Inserzioni
 Edizioni precedenti
 Informazioni
 Contattaci
 Home page








DIRETTORE RESPONSABILE
Piero Gasparini
e-mail: direzione


REDAZIONE:
e-mail: redazione
Via San Carlo,5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473


SEGRETERIA:
e-mail: segreteria


GRAFICA:
ACV – AGENZIA GIORNALISTICA E PUBBLICITARIA
e-mail: grafica




PUBBLICITÀ:
La raccolta è affidata alla ACVPG
Via San Carlo, 5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473 –
E-mail: ACVPG





L’ECONOMIA ITALIANA VERSO UNA TIMIDA RIPRESA

Leggi l'articolo completo in forma testuale ( clicca qui )



L’ECONOMIA ITALIANA VERSO UNA TIMIDA RIPRESA
( VERSIONE TESTUALE )

I dati della produzione industriale, il portafoglio ordini delle imprese, l'aumento dell'export nonché della richiesta di mutui per l'acquisto di immobili e del credito alle imprese giustificano un cauto ottimismo.
Ma se da una parte le imprese in questi lunghi e interminabili anni di crisi, hanno investito in nuovi impianti, aperto nuove strade verso i mercati esteri, innovato processi e prodotti, dall'altra, l'alto tasso di litigiosità e lentezza della politica nostrana rischiano di vanificare gli effetti di una seppur timida ripresa.
Senza adeguate riforme e tempestivi provvedimenti non basteranno gli sforzi e i sacrifici chiesti ad imprese e lavoratori.
E' necessario quindi garantire certezza nei tempi della Giustizia Civile adeguando gli organici dei Tribunali più che le ferie di chi deve giudicare.
Serve più che una riforma, una coraggiosa rivoluzione fiscale che incentivi maggiormente gli investimenti e riduca le aliquote dei redditi più bassi.
Andrebbe poi definitivamente onorato il pagamento dei debiti della Pubblica Amministrazione verso le imprese creditrici, che nel caso qualcuno non lo sapesse e nonostante gli annunci non è ancora stato risolto.
In fine sul tema di “dove trovare le risorse”, basterebbe per cominciare, dal piano Cottarelli chiudendo quelle 1.424 società degli Enti Locali con rendimento negativo rispetto al capitale investito e magari riducendo il numero e i compensi dei consiglieri delle restanti 3.840 società.
Enrico Mattinzoli
Presidente
Associazione Artigiani


VALTROMPIASET certificata al Tribunale Ordinario di Brescia n° 41/2006 del 23/11/2006  -  Sito internet realizzato da InternetSol di Comassi Luca