<div style="background-color: none transparent;"><a href="http://www.agenparl.it" title="Agenparl News Widget">Agenparl News Widget</a></div>
sabato 22 gennaio 2022 | 06:55
 Edizione del 22/06/2015
 
 Prima pagina
 Valtrompia
 Associazione Amici di Padre Remo
 Tavernole
 Seefeld Tirol
 Gocce di storia
 Armando Dolcini
 Associazione Artigiani
 Speciale Vacanze
 Radio Vera
 32° Trofeo Accademia Navale
 Attualità
 Carta sprecata
 Inserzioni
 Edizioni precedenti
 Informazioni
 Contattaci
 Home page








DIRETTORE RESPONSABILE
Piero Gasparini
e-mail: direzione


REDAZIONE:
e-mail: redazione
Via San Carlo,5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473


SEGRETERIA:
e-mail: segreteria


GRAFICA:
ACV – AGENZIA GIORNALISTICA E PUBBLICITARIA
e-mail: grafica




PUBBLICITÀ:
La raccolta è affidata alla ACVPG
Via San Carlo, 5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473 –
E-mail: ACVPG





SOLO IL 12% DELLE IMPRESE ITALIANE HA UN TITOLARE DI ETÀ COMPRESA TRA I 25 E 34 ANNI
Il tasso di abbandono e dispersione scolastica degli studenti italiani tra i 18 e i 24 anni è del 17%, ben superiore alla media europea che si attesta al 12%
Leggi l'articolo completo in forma testuale ( clicca qui )



SOLO IL 12% DELLE IMPRESE ITALIANE HA UN TITOLARE DI ETÀ COMPRESA TRA I 25 E 34 ANNI
( VERSIONE TESTUALE )

Per quanto riguarda il ciclo di studi universitario e post-universitario lo completa solo il 22,4% degli italiani nella fascia di età tra i 30 e i 34 anni, contro il 51% del Lussemburgo, il 40% della Polonia e il 22,8% della Romania con una media europea che si attesta al 37%.
Ultimi quindi nella classifica dei 28 anche nel caso dell'ingresso della Turchia in Europa.
Se rivolgiamo lo sguardo alle imprese, solo il 12% ha titolari in fascia di età tra i 25 e 34 anni.
In buona sostanza abbiamo il primato negativo di laureati e al tempo stesso i nostri giovani non dimostrano grande propensione nel fare impresa.
Vi è quindi un vuoto di istruzione superiore che aggiunto ad un forzato vuoto occupazionale di tipo tradizionale, porta in avanti l'inizio di ogni attività non solo lavorativa.
Irrilevanti in termini numerici, perché un'esigua minoranza, le storie di tanti nostri giovani connazionali occupati e apprezzati per le loro capacità nei centri di ricerca e nelle multinazionali di mezzo mondo.
Nel nostro Paese non vi è certo carenza di intelligenze e creatività dei nostri giovani, ma pare sia venuto meno l'entusiasmo, la voglia e spesso la necessità di rischiare, alle quali aggiungerei quella “fame del dopo guerra” che ha fatto grande l'Italia.
Obbiettivo prioritario quindi è quello di migliorare il grado di istruzione, facilitando con politiche più efficaci l'avvio di nuove imprese da parte dei giovani, ma al tempo stesso educare i nostri ragazzi ad affrontare con coraggio una realtà economico sociale completamente nuova, ma non per questo altrettanto entusiasmante.


VALTROMPIASET certificata al Tribunale Ordinario di Brescia n° 41/2006 del 23/11/2006  -  Sito internet realizzato da InternetSol di Comassi Luca