<div style="background-color: none transparent;"><a href="http://www.agenparl.it" title="Agenparl News Widget">Agenparl News Widget</a></div>
sabato 22 gennaio 2022 | 05:55
 Edizione del 22/06/2015
 
 Prima pagina
 Valtrompia
 Associazione Amici di Padre Remo
 Tavernole
 Seefeld Tirol
 Gocce di storia
 Armando Dolcini
 Associazione Artigiani
 Speciale Vacanze
 Radio Vera
 32° Trofeo Accademia Navale
 Attualità
 Carta sprecata
 Inserzioni
 Edizioni precedenti
 Informazioni
 Contattaci
 Home page








DIRETTORE RESPONSABILE
Piero Gasparini
e-mail: direzione


REDAZIONE:
e-mail: redazione
Via San Carlo,5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473


SEGRETERIA:
e-mail: segreteria


GRAFICA:
ACV – AGENZIA GIORNALISTICA E PUBBLICITARIA
e-mail: grafica




PUBBLICITÀ:
La raccolta è affidata alla ACVPG
Via San Carlo, 5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473 –
E-mail: ACVPG





UNA SENTENZA EMBLEMA DELL’INCERTEZZA ITALIANA
La sentenza della Corte Costituzionale può essere però l'occasione per ridistribuire più equamente le risorse
Leggi l'articolo completo in forma testuale ( clicca qui )



UNA SENTENZA EMBLEMA DELL’INCERTEZZA ITALIANA
( VERSIONE TESTUALE )

La Corte Costituzionale ha bocciato il blocco della rivalutazione delle pensioni voluta dall'ex Ministro Fornero, confermando l'incertezza e la soggettività interpretativa delle norme.
La decisione della Corte è stata presa con il voto prevalente del Presidente, visto che l'esito della votazione dei componenti si è conclusa in parità, sei contrari e sei favorevoli.
Pur con il dovuto rispetto per la Corte Costituzionale, mi pare che non serva avere raffinate nozioni di giurisprudenza per capire che lo stesso argomento, visto da prospettive diverse, (voglio riferirmi esclusivamente a prospettive giuridiche) può cambiare completamente il risultato, e in questo caso la sentenza.
Vista quindi la non prevalenza di una tesi rispetto all'altra, forse il tema si sarebbe potuto affrontare in termini di opportunità circa le disastrose conseguenze per i conti pubblici, che verranno appesantiti, pare, di circa 15 mld.; anche in questo caso il condizionale è d'obbligo visto che lo stesso Presidente dell'Inps Boeri ha dichiarato che è presto per parlare di cifre.
La sentenza però, può essere l'occasione per approfondire la riflessione in atto sull'opportunità di rendere più eque le rendite pensionistiche; in particolare riequilibrando i trattamenti tra coloro che ricevono una pensione calcolata con il metodo contributivo e quelli che, attraverso norme clientelari del passato, incassano senza aver versato, rinviando il conto da pagare alle future generazioni.


VALTROMPIASET certificata al Tribunale Ordinario di Brescia n° 41/2006 del 23/11/2006  -  Sito internet realizzato da InternetSol di Comassi Luca