<div style="background-color: none transparent;"><a href="http://www.agenparl.it" title="Agenparl News Widget">Agenparl News Widget</a></div>
sabato 22 gennaio 2022 | 07:26
 Edizione del 22/04/2016
 
 Prima pagina
 Miss Valtrompia
 Valtrompia
 Armando Dolcini
 Gocce di storia
 Associazione Artigiani
 Rotary Club Valtrompia
 CareDent
 Attualità
 Carta sprecata
 Spettacoli
 Inserzioni
 Edizioni precedenti
 Informazioni
 Contattaci
 Home page








DIRETTORE RESPONSABILE
Piero Gasparini
e-mail: direzione


REDAZIONE:
e-mail: redazione
Via San Carlo,5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473


SEGRETERIA:
e-mail: segreteria


GRAFICA:
ACV – AGENZIA GIORNALISTICA E PUBBLICITARIA
e-mail: grafica




PUBBLICITÀ:
La raccolta è affidata alla ACVPG
Via San Carlo, 5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473 –
E-mail: ACVPG





All’opera in salotto
In Valgobbia da quest'anno attive forme di sottoscrizione in favore del “Progetto Lumezzane” per Giacinto Prandelli
Leggi l'articolo completo in forma testuale ( clicca qui )



All’opera in salotto
( VERSIONE TESTUALE )

Per il sesto anno consecutivo il Teatro Odeon dedica un appuntamento straordinario alla grande musica lirica nel nome di Giacinto Prandelli, il grande tenore lumezzanese nato nel 1914 e scomparso nel 2010.
Prandelli fu apprezzato da Toscanini, cantò al fianco di Callas, Tebaldi e dei più grandi artisti del suo tempo, interprete prediletto da Giordano (che lo scelse per celebrare i cinquant'anni di Fedora) e Cilea. Lavorò con Visconti e Rossellini, Gassman commentò in modo assai lusinghiero le sue qualità di attore esibite nell'oratorio Giovanna d'Arco al rogo di Honegger al fianco di Ingrid Bergman. Il suo repertorio di tenore lirico spaziava da Verdi e Puccini a Mozart (Il ratto dal serraglio con Maria Callas, Don Giovanni diretto da Karajan), fino alla Giovane Scuola e a Britten, di cui interpretò come protagonista la prima italiana di Peter Grimes.
Quest'anno il concerto si terrà domenica 15 maggio alle ore 16 e vedrà la presenza straordinaria del pianista Richard Barker, uno degli accompagnatori e preparatori di cantanti più noti e apprezzati nel mondo: un'occasione particolarmente emozionante perché Barker ebbe occasione di accompagnare proprio Prandelli nell'aria “Pourquoi me réveiller” dal Werther, cavallo di battaglia del nostro tenore.
Questa volta a esibirsi, in un programma di qualità, accattivante anche per i meno esperti, saranno due giovani promesse, il soprano Giuliana Gianfaldoni, ventitreenne e già impegnata al Carlo Felice di Genova e al Regio di Torino, e il tenore Dionigi D'Ostuni, ascoltato in diverse occasioni alla Fenice di Venezia.
Un'altra novità, pensata in collaborazione fra il Comune e la rivista on line “L'ape musicale” e approvata dalla signora Annamaria Prandelli, consiste nell'apertura di una sottoscrizione pubblica per incrementare e potenziare le risorse a disposizione del progetto Lumezzane per Giacinto Prandelli, per il concerto di quest'anno e per una continua crescita anche in futuro.
Due sono le modalità di adesione: il biglietto virtuale (contributo di 10 euro: è un biglietto simbolico, non dà diritto all'accesso in sala) la sottoscrizione libera di qualunque importo (per donazioni superiori a 100 euro sono previsti biglietti omaggio)..

Gli estremi per il versamento sono:
Causale: “Erogazione liberale Biglietto Virtuale Prandelli”/
“Erogazione liberale Lumezzane per Prandelli”
Iban IT80T0350054684000000023076
Istituto BANCO DI BRESCIA S.P.A. (UBI BANCA GROUP)
codice BIC BCABIT21271
intestazione ASSOCIAZIONE CULTURALE AMICI DELL'APE MUSICALE

È, inoltre, possibile offrire e concordare altre forme di sostegno e collaborazione, offrendo
direttamente beni o servizi utili. Per maggiori informazioni è possibile consultare la pagina web: http://www.apemusicale.it/joomla/chi-siamo/associazione
(da cui è anche possibile contribuire con carte di credito o prepagate),
scrivere a redazione.apemusicale@gmail.com o telefonare al 328 6653500.

INTELLIGENZA INTERPRETATIVA

Pochissimi artisti hanno messo in luce pregi di stile e di intelligenza interpretativa quanto il tenore Giacinto Prandelli, il quale è oggi, meritatamente, considerato uno di quei cantanti eletti su cui il teatro possa veramente contare.
Tutti i maggiori teatri del mondo l’hanno visto acclamato interprete: alla Scala, nel giro di molte stagioni, ha eseguito una ventina di opere; al Metropolitan di New York ha cantato per tre stagioni consecutive. Ovunque abbia prestato la propria opera d’interprete, a San Francisco come a Buenos Aires, al Teatro dell’Opera come al San Carlo e alla Fenice, il successo di pubblico e di critica è stato sempre pieno e incontrastato.
Particolarmente lusinghiero quello conseguito recentemente al Verdi di Trieste, ove ha cantato da par suo nella “Fiamma” di Respighi e nei “Maestri Cantori” di Wagner sotto la direzione del Maestro Capuana. L’innata eleganza che distingue la sua figura e l’intelligenza scenica che costituisce una caratteristica saliente della sua personalità, fanno di Giacinto Prandelli un interprete ideale per la Televisione, una cui edizione di “Manon Lescaut”, per la sua interpretazione, è stata giudicata unanimemente esemplare.

(Il Melodramma Italiano, 1975)


VALTROMPIASET certificata al Tribunale Ordinario di Brescia n° 41/2006 del 23/11/2006  -  Sito internet realizzato da InternetSol di Comassi Luca