<div style="background-color: none transparent;"><a href="http://www.agenparl.it" title="Agenparl News Widget">Agenparl News Widget</a></div>
mercoledì 13 novembre 2019 | 08:47
 Edizione del 15/10/2018
 
 Prima pagina
 Valtrompia
 Cooperativa l'aquilone
 Associazione Artigiani
 Armando Dolcini
 MISS & MISTER VALTROMPIA 2018
 IL GIORNALE DI LUMEZZANE
 Rotary Club Valtrompia
 CareDent
 Attualità
 Carta sprecata
 Inserzioni
 Edizioni precedenti
 Informazioni
 Contattaci
 Home page








DIRETTORE RESPONSABILE
Piero Gasparini
e-mail: direzione


REDAZIONE:
e-mail: redazione
Via San Carlo,5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473


SEGRETERIA:
e-mail: segreteria


GRAFICA:
ACV – AGENZIA GIORNALISTICA E PUBBLICITARIA
e-mail: grafica




PUBBLICITÀ:
La raccolta è affidata alla ACVPG
Via San Carlo, 5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473 –
E-mail: ACVPG





L’arte della CAPOEIRA
Definire la CAPOEIRA come “arte marziale” è appena una peculiarità di tale disciplina completa invece di una combinazione di danza, lotta, acrobazie, canti e musica
Leggi l'articolo completo in forma testuale ( clicca qui )



L’arte della CAPOEIRA
( VERSIONE TESTUALE )

La CAPOEIRA è una delle più alte espressioni folcloristiche ed artistiche brasiliane. L'origine africana è ricondotta al periodo della schiavitù, quando etnie diverse furono sradicate dai loro territori per essere trasferite in Brasile ed utilizzate nelle piantagioni, nelle miniere, nelle case dei loro “padroni”.
La CAPOEIRA diviene per gli schiavi uno strumento di lotta e di difesa personale, una vera e propria disciplina difensiva che consente l'opportunità della fuga, la risposta alle violenze subite, la possibilità del raggiungimento dei “QUILOMBOS”, le Repubbliche dove trovavano rifugio gli schiavi fuggitivi e dove si praticava liberamente la CAPOEIRA.
La CAPOEIRA è diffusa in tutto il Brasile e al tramonto sulle spiagge è impossibile non incontrare gruppi di CAPOERISTI intenti a “GIOCCARE UNA RODA” il cerchio all’interno del quale ci si sfida in coppia seguendo il ritmo degli strumenti musicali, in primis il “BERIMBAU” (strumento di corda) che è un strumento che comanda il gioco. Nel BERIMBAU c'è l'anima, lo spirito della Capoeira. Con il BERIMBAU tramite un ritmo specifico si può formare la RODA, interrompere il gioco e concludere.
Inoltre possono essere presenti altri strumenti quali il l'ATABAQUE (un tipo di tamburo), il PANDERO (tamburello a sonagli), l'AGOGO (campane di legno o metallo), il RECO RECO (una sorta di raspa di legno) e dei canti in portoghese che tramandano la storia della CAPOEIRA e quella della schiavitù, la SAUDADE per la propria terra di origine.
Gli stili di lotta sono vari, ma i due più famosi sono lo stile Regionale e l’Angola e sono diversi per la velocità, il ritmo, la tecnica di esecuzione dei movimenti, la musica.
La CAPOEIRA ha influenzato il calcio, il modo dei calciatori brasiliani di muoversi e della "GINGA"il passo base della Capoeira. Oggi, in tutta Italia ci sono gruppi e associazioni impegnate nella diffusione e nell'insegnamento della Capoeira non solo come attività sportiva ma anche come uno straordinario patrimonio culturale: un'arte che tramanda la storia di sofferenza e di riscatto di un paese e custodisce le radici meticce del popolo brasiliano.
La CAPOEIRA connette le persone, crea gruppi, rompe il ghiaccio, supera le differenze. È veramente ARTE ed ESERCIZIO, ma non solo. Praticare CAPOEIRA significa anche apprendere una grande storia, un pezzo di cultura brasiliana e mondiale legata alla deportazione degli schiavi dall'Africa attorno al 1500 d.c. Con la CAPOEIRA è possibile imparare anche una nuova lingua, il PORTOGHESE, e questa è un'ottima esperienza da aggiungere al proprio bagaglio culturale. Vi invito a questa affascinante esperienza!
Sandra Bandeira Nolli

INFORMAZIONI SULLA CAPOEIRA
Oscar Vianelli 3495313754

INFORMAZIONI SUL CORSO DI PORTOGHESE
Sandra Bandeira Nolli


VALTROMPIASET certificata al Tribunale Ordinario di Brescia n° 41/2006 del 23/11/2006  -  Sito internet realizzato da InternetSol di Comassi Luca