<div style="background-color: none transparent;"><a href="http://www.agenparl.it" title="Agenparl News Widget">Agenparl News Widget</a></div>
martedì 14 luglio 2020 | 01:45
 Edizione del 18/02/2020
 
 Prima pagina
 Caccia Tradizioni Territorio
 S.S. Faustino e Giovita
 Armando Dolcini
 Associazione Artigiani
 HIT Show di Vicenza
 Associazione Culturale ''Il Bertoldo''
 A.C.L. Lumezzane
 Attualità
 Carta sprecata
 Edizioni precedenti
 Informazioni
 Contattaci
 Home page








DIRETTORE RESPONSABILE
Piero Gasparini
e-mail: direzione


REDAZIONE:
e-mail: redazione
Via San Carlo,5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473


SEGRETERIA:
e-mail: segreteria


GRAFICA:
ACV – AGENZIA GIORNALISTICA E PUBBLICITARIA
e-mail: grafica




PUBBLICITÀ:
La raccolta è affidata alla ACVPG
Via San Carlo, 5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473 –
E-mail: ACVPG





Il vino è divino!
In uno dei suoi cd più originali, il cantautore Davide Bernasconi, o meglio Davide Van De Sfross rilegge alcuni passaggi della Bibbia in modo ironico e divertente. Parte dalla mela di Adamo ed Eva continua con la storia di Caino e Abele e finisce col Diluvio Universale
Leggi l'articolo completo in forma testuale ( clicca qui )



Il vino è divino!
( VERSIONE TESTUALE )

L’incipit ve lo scrivo in italiano, anche se io preferisco il dialetto comasco, la lingua dei “lagheè”. “Mi son svegliato che c’era il temporale e mi chiamavano tutti in un coro generale. Corri Noè che ti chiama il Principale… oh santo cielo, è il Diluvio Universale! Chissà come mai gli è venuto in mente di farlo, il mondo era sporco (anche allora) e Lui voleva lavarlo…” In effetti si può leggere in un passo della Bibbia la traduzione che segue: “Allora Dio disse a Noè: Mi sono deciso, la fine di tutti i mortali è arrivata, poiché la Terra per causa loro è piena di violenza; ecco io li distruggerò insieme con la Terra. Fatti un’arca di legno resinoso, la spalmerai di bitume dentro e fuori. La farai a ripiani. Detto “Inter nos”, come abbia fatto Noè ha costruire una barca, secondo la Bibbia lunga 156 metri, larga 26, e alta 15, rimane un mistero, a meno che il buon Dio non ci abbia messo del suo. C’erano da caricare un’infinità di coppie di animali, puri e impuri e di varie stazze. I primi ad essere divisi furono l’elefante e la sua compagna, uno in una cella a destra della parte centrale dell’arca e una nella parte sinistra, per equilibrare il tutto. Le giraffe furono messe a prua, all’aperto, nonostante la pioggia battente. Non ci stavano nei vari ripiani della nave. Abituate ad un clima più che caldo, dopo il quindicesimo giorno, afflitte da raffreddori devastanti, saltarono dalla murata direttamente in mare, maledicendo Dio e tutta la sua stirpe. I barriti degli elefanti separati facevano tremare le assi dell’arca che rispondevano con preoccupanti scricchiolii. I leoni e le altre fiere avevano gli occhi iniettati di sangue e una bava alla bocca che non prometteva niente di buono. Con otto esseri umani a bordo, i tacchini, le galline, le anatre, le oche, ebbero una degna sepoltura negli stomaci di Noè, dei suoi figli, delle sue nuore, e di sua moglie. Poi toccò alle civette, le loro strida costringevano perfino i gorilla a toccarsi le parti basse. Le loro carni erano coriacee, ma il lavoro, per salvaguardare il buon umore del serraglio, andava fatto. Il diluvio durò quaranta giorni e quaranta notti, poi la colomba maschio ritornò all’arca con un ramoscello d’ulivo (la colomba femmina era finita arrosto) cercando pietà, e comunicando che la terra emersa era vicina. Giunto sulla cima del monte Ararat, Noè liberò velocemente la nave dagli animali, trasbordò la decina di piante di viti che aveva gelosamente custodito nella cambusa, le trapiantò in un fazzoletto di terreno morbido, e coccolandone i grappoli dorati, ne pregustò la vendemmia con l’acquolina in bocca. Dopo due giorni, armato di un capiente secchio di legno, raccolse una trentina di grappoli. Aveva chiamato invano i figli, affinché gli dessero una mano. Macché, i tre sconsiderati erano presi da strani giochi erotici con le rispettive mogli. Noè, incazzato come un mandrillo circonciso, prese a pugni il contenuto del secchio più e più volte, ma quando si leccò le nocche tutta la sua rabbia svanì. Ma, è divino questo succo! E riempì con lo stesso una grossa ciotola di legno, che aveva pazientemente intagliato durante i lunghi giorni passati sull’arca. La riempì una, due, tre, quattro volte. I figli lo trovarono che ballava completamente nudo, “ciucco” come un asburgico. Il resto è storia, o meglio Bibbia. Tutta questa tiritera è servita esclusivamente a introdurre due poesie dedicate al sangue di Cristo, una del mio compianto amico Mahem Pintossi, pensata e scritta in dialetto bresciano, da lui tradotta in lingua italiana per la comprensione di tutti i nostri conterranei, e una mia. Per stimolare l’umiltà degli scarsi poeti contemporanei, ho deciso di chiudere l’articolo con uno dei componimenti dedicati al vino dell’unico poeta “maudit” che io abbia mai amato: Charles Baudelaire.







LA CURA

Il giorno che suonerà forte l’ora giusta,

per dare una bella pulita alla gola,

non so se ascolterò il signor dottore,

che dice che con la scienza si risolve,

perché le ragnatele che mi pizzicano,

nell’apertura sotto il naso,

sono sature della polvere che intossica,

veleni della bella civiltà.

Ma per sciogliere questa amarezza

che a volte irrita anche i miei pensieri,

dovrò sciacquarmi con un bicchiere

e a far solletico alla mia gola,

dove l’acqua arrugginita non arriva,

voglio che nuoti solo la magia

che canta in fondo a un calice di vino rosso.



IL VINO



Scorreva come un fiume vermiglio,

il fiotto continuo e schiumoso

che usciva dalla bocca del tino,

mentre le mie gambe bambine

pestavano uva come stantuffi,

nel pomeriggio inoltrato

di un settembre incantato

che non tornerà più.

Nonno Antonio,

beveva mosto e futuro,

ridendo tra i baffi e il toscano,

pensando che in me suo nipote

c’era anche qualcosa di suo.

Ci perdemmo di vista per anni,

per molto tempo

io e il vino non ci demmo del tu.

Ma vent’anni più tardi,

mi prese alla spalle,

con garbo e senza alterigia,

sussurrandomi: “ Mi devi qualcosa,

per quei tuoi piedini arroganti.”

Mi arresi al ricatto

alzando entrambe le mani,

in ognuna un bicchiere di rosso,

se mai divenissi poeta, promisi,

scriverò una canzone per te.



L’ANIMA DEL VINO



Una sera, l’anima del vino cantava nelle bottiglie:

“Uomo, lancio a te, o caro diseredato, sotto la mia

prigione di vetro e le mie ceralacche vermiglie,

un canto pieno di luce e di fraternità!”

So quanta pena, quanto sudore e quanto sole ardente

occorrano, sulla collina in fiamme, per generare la mia vita

e per darmi un’anima ;

ma non sarò nè ingrato né malvagio,

giacché provo una gioia immensa

quando cado nella gola

di un uomo sfibrato dalle fatiche,

e il suo caloroso petto è una dolce tomba

dov’io sto meglio che nelle fredde cantine.


VALTROMPIASET certificata al Tribunale Ordinario di Brescia n° 41/2006 del 23/11/2006  -  Sito internet realizzato da InternetSol di Comassi Luca