<div style="background-color: none transparent;"><a href="http://www.agenparl.it" title="Agenparl News Widget">Agenparl News Widget</a></div>
domenica 12 luglio 2020 | 17:38
 Nr.23 del 17/11/2008
 
 Prima pagina
 Valtrompia
 Villa Carcina
 Attualità
 AVAMPOSTO 46
 Viaggi e Turismo
 Sport
 Inserzioni
 Edizioni precedenti
 Informazioni
 Contattaci
 Home page








DIRETTORE RESPONSABILE
Piero Gasparini
e-mail: direzione


REDAZIONE:
e-mail: redazione
Via San Carlo,5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473


SEGRETERIA:
e-mail: segreteria


GRAFICA:
ACV – AGENZIA GIORNALISTICA E PUBBLICITARIA
e-mail: grafica




PUBBLICITÀ:
La raccolta è affidata alla ACVPG
Via San Carlo, 5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473 –
E-mail: ACVPG





I siti bresciani a Paestum
A Paestum la Borsa mediterranea del turismo archeologico. Presente l’Assessorato al Turismo della Provincia di Brescia per promuovere i siti bresciani e le ricorrenze del 2009


   Il depliant – creato ad hoc e distribuito a Paestum – di promozione della scoperta dell’arte rupestre in Valle Camonica


È tornato l’appuntamento con l’importantissima Borsa mediterranea del turismo archeologico, al quale l’Assessorato al Turismo della Provincia di Brescia ha partecipato, attraverso uno stand con personale e materiale promozionale, per il terzo anno consecutivo. Si tratta di una vetrina internazionale, che gode del sostegno del Ministero per i beni e le attività culturali, ed è l’unico appuntamento al mondo che si propone di promuovere siti e destinazioni archeologiche creando integrazione tra diverse culture. A Paestum, quindi, dal 13 al 16 novembre scorsi la provincia di Brescia è stata presente con il materiale promozionale di tutti i parchi e di tutte le riserve delle incisioni rupestri presenti sul territorio bresciano.
“La partecipazione all’evento fieristico è stata un’eccellente occasione per presentare, ad un pubblico internazionale, il prestigioso patrimonio archeologico che la provincia di Brescia vanta, individuandolo come risorsa turistica – ha spiegato l'Assessore al Turismo e alla Cultura della Provincia di Brescia Riccardo Minini – L’appuntamento di quest’anno è stato per noi particolarmente significativo perché ha inaugurato tutta una serie di attività già organizzate e previste per il prossimo anno. Anno in cui ricorre, infatti, il centenario della scoperta dell’arte rupestre in Valle Camonica e i trent’anni dal riconoscimento del Parco delle Incisioni rupestri quale patrimonio dell’Umanità da parte dell’Unesco. Il prossimo anno sarà molto ricco di iniziative culturali e di intrattenimento proprio per ricordare questi due importanti avvenimenti e sarà l’occasione per convogliare ancora più persone a visitare i nostri parchi e a conoscere il patrimonio ospitato dalla nostra terra bresciana”.
Tra le credenziali di primissimo piano vi è, infatti, il primo sito archeologico italiano riconosciuto dall’Unesco, nel 1979, come patrimonio dell’Umanità (sito n. 94 “Arte Rupestre della Valle Camonica”), noto come il più ricco e vario di tutto l’arco alpino europeo. Sono ben 8 i parchi di incisioni rupestri ed archeologia preistorica presenti in Valle Camonica che si integrano perfettamente con la spettacolare documentazione archeologica romana suddivisa nelle aree del Parco del Teatro e Anfiteatro a Cividate Camuno, del Parco Archeologico “Santuario della Minerva” a Breno e nel Museo Archeologico Nazionale della Valle Camonica, sempre a Cividate Camuno, dove spiccano le splendide statue di Minerva e del Principe Eroe.
La provincia di Brescia è ricca di reperti romani, non solo in Valle Camonica. La città di Brescia, con il recente riconoscimento nel progetto Longobardorum da parte dell’Unesco e i preziosi mosaici delle ville romane custodite nel Museo di Santa Giulia. La zona del Lago di Garda, infine, è famosa per la presenza di incantevoli strutture oggi luoghi di richiamo per turisti ed appassionati. Citiamo tra i più suggestivi le Grotte di Catullo a Sirmione, le ville romane a Toscolano Maderno e a Desenzano e le Fornaci Romane a Lonato.


VALTROMPIASET certificata al Tribunale Ordinario di Brescia n° 41/2006 del 23/11/2006  -  Sito internet realizzato da InternetSol di Comassi Luca